La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CONTESTO COMPITO ALTRI SE STESSOTEORICHE PRATICHE COGNITIVE PRATICHE CONOSCENZE ABILITÀ DISPOSIZIONI AD AGIRE COMPETENZA UNA DEFINIZIONE DI COMPETENZA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CONTESTO COMPITO ALTRI SE STESSOTEORICHE PRATICHE COGNITIVE PRATICHE CONOSCENZE ABILITÀ DISPOSIZIONI AD AGIRE COMPETENZA UNA DEFINIZIONE DI COMPETENZA."— Transcript della presentazione:

1 CONTESTO COMPITO ALTRI SE STESSOTEORICHE PRATICHE COGNITIVE PRATICHE CONOSCENZE ABILITÀ DISPOSIZIONI AD AGIRE COMPETENZA UNA DEFINIZIONE DI COMPETENZA «Capacità di far fronte ad un compito, o un insieme di compiti, riuscendo a mettere in moto ed a orchestrare le proprie risorse interne, cognitive, affettive e volitive, e a utilizzare quelle esterne disponibili in modo coerente e fecondo». [Pellerey, 2004]

2 DAL SAPER FARE AL SAPER AGIRE UNA DEFINIZIONE DI COMPETENZA STRATEGIA DAZIONE INTEGRAZIONE DEL SÉ SENSIBILITÀ AL CONTESTO

3 IL VALORE AGGIUNTO DELLA COMPETENZA CONOSCENZE/ABILITÀ COMPETENZE VISIONE STATICA (mondo dellavere) APPROCCIO ANALITICO (scomposizione) SAPERE ASTRATTO (conoscere inerte) VISIONE DINAMICA (mondo dellessere) APPROCCIO OLISTICO (integrazione) SAPERE SITUATO (conoscere per agire)

4 SAPERE SCOLASTICO vs SAPERE REALE la scuola richiede prestazioni individuali, mentre il lavoro mentale allesterno è spesso condiviso socialmente; la scuola richiede un pensiero privo di supporti, mentre fuori ci si avvale di strumenti cognitivi o artefatti; la scuola coltiva il pensiero simbolico, nel senso che lavora su simboli, mentre fuori dalla scuola la mente è sempre direttamente alle prese con oggetti e situazioni; a scuola si insegnano capacità e conoscenze generali, mentre nelle attività esterne dominano competenze specifiche, legate alla situazione. L.B. Resnick, Imparare dentro e fuori la scuola, in C. Pontecorvo-A.M. Ajello-C. Zucchermaglio (a cura di), I contesti sociali dellapprendimento, Milano, LED, DISCONTINUITÀ TRA SAPERE SCOLASTICO E SAPERE REALE

5 SAPERE SCOLASTICOSAPERE REALE astratto sistematico logico generale individuale rigido analitico concreto intuitivo pratico particolare sociale flessibile globale

6 DISCONTINUITÀ TRA SAPERE SCOLASTICO E SAPERE REALE SAPERE SCOLASTICO SAPERE REALE organizzato attorno allorario guidato dal libro di testo centrato sullinsegnamento di elementi separati organizzato intorno ai contenuti rigido e uniforme studente come riproduttore di conoscenza linsegnante come unico giudice fondato sul lavoro individuale organizzato attorno ai risultati attesi sostenuto da una varietà di strumenti centrato sulluso del sapere nei contesti di vita organizzato intorno ai problemi flessibile e personalizzato studente come produttore di conoscenza aperto a molte forme di valutazione fondato sul lavoro collaborativo

7 SFIDE PER LINSEGNAMENTO Considerare i saperi come risorse da mobilitare. Lavorare per situazioni-problema. Condividere progetti formativi con i propri allievi. Adottare una pianificazione flessibile. Praticare una valutazione per lapprendimento. Andare verso una minore chiusura disciplinare. Convincere gli allievi a cambiare mestiere… Se si cambiano solo i programmi che figurano nei documenti, senza scalfire quelli che sono nelle teste, lapproccio per competenze non ha nessun futuro. (P. Perrenoud, Costruire competenze a partire dalla scuola, Roma, Anicia, 2003)

8 SFIDE PER LA VALUTAZIONE Puntare a compiti valutativi più autentici. Responsabilizzare lo studente nella valutazione. Integrare valutazione del prodotto e del processo. Oltrepassare la valutazione disciplinare. Riconoscere la valenza metacognitiva del valutare.


Scaricare ppt "CONTESTO COMPITO ALTRI SE STESSOTEORICHE PRATICHE COGNITIVE PRATICHE CONOSCENZE ABILITÀ DISPOSIZIONI AD AGIRE COMPETENZA UNA DEFINIZIONE DI COMPETENZA."

Presentazioni simili


Annunci Google