La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SOS Il Telefono Azzurro Onlus Prof. Ernesto Caffo Ordinario di Neuropsichiatria infantile, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia SOS il Telefono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SOS Il Telefono Azzurro Onlus Prof. Ernesto Caffo Ordinario di Neuropsichiatria infantile, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia SOS il Telefono."— Transcript della presentazione:

1 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Prof. Ernesto Caffo Ordinario di Neuropsichiatria infantile, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia SOS il Telefono Azzurro ONLUS Roma, 18 ottobre 2010 LA SCOMPARSA DEI MINORI NELL’ESPERIENZA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

2 SOS Il Telefono Azzurro Onlus La situazione italiana Secondo i dati della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, nel 2009 sono stati i minori per i quali sono state attivate nuove segnalazioni di ricerca sul territorio nazionale o che risultano ancora inseriti nell’archivio delle ricerche. Fonte: dati della Direzione Centrale Polizia Criminale – Sistema Informativo Interforze – CED. Elaborazione effettuata dalla DCA – SCO in data 22 marzo 2010 Dal 2007 al 2009 si è verificato un costante incremento, dovuto a nuove segnalazioni, ma anche al persistere di casi irrisolti.

3 SOS Il Telefono Azzurro Onlus La situazione italiana - 2 La fascia più consistente di minori da rintracciare è quella di età compresa tra i 15 e i 18 anni, per lo più ragazzi che si allontanano volontariamente dal domicilio o dalla comunità Il numero di minori stranieri scomparsi è significativamente più elevato rispetto agli italiani.

4 SOS Il Telefono Azzurro Onlus NCMEC-USA: nel nuovi casi ovvero 34 nuovi casi al giorno CHILD FOCUS BE: nel di fuga, 467 sottr.familiare, 39 da parte di terzi, 279 di minori non accompagnati MISSING PEOPLE UK: nel MISSING PEOPLE UK: nel situazioni di fuga, 394 minori persi, feriti o scomparsi in altri modi. : nel Foundation pour l’Enfance : nel fughe, 272 sottrazioni da parte dei genitori e 7 da parte di terzi. FOCUS ROMANIA: nel FOCUS ROMANIA: nel casi di fuga, 26 casi di minori persi, feriti o scomparsi in altri modi, 18 sottrazioni da parte di genitori e 1 da parte di terzi. SMILE OF CHILDREN GRECIA: nel SMILE OF CHILDREN GRECIA: nel casi di minori persi, feriti o scomparsi in altri modi, 63 fughe, 53 sottrazioni da parte dei genitori e 4 minori stranieri non accompagnati. I nuovi casi gestiti nel 2009 dal in 7 paesi europei (Italia, Belgio, UK, Romania, Ungheria, Francia e Grecia) sono 8602 ovvero 23 nuovi casi al giorno. La situazione europea

5 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Chi è il bambino “scomparso”? Missing Children Europe ha evidenziato la necessità di utilizzare sistemi di classificazione del fenomeno condivisi. Rientrano oggi nella definizione di bambini scomparsi le seguenti categorie: Runaways, minori scappati dall’abitazione familiare o dalla comunità/istituto; Sottrazione da parte di una terza persona; National or international parental abdution - sottrazione nazionale o internazionale attuata da un genitore o da un familiare; Minori stranieri non accompagnati scomparsi; Minori smarriti, feriti e comunque scomparsi senza motivazione apparente.

6 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Come si è evoluto il fenomeno dei bambini scomparsi fino ad oggi? La grande libertà che i cittadini europei hanno di muoversi all’interno dell’“area Schengen” crea nuovi pericoli di aumento dei numeri di casi transfrontalieri di scomparsa dei minori. L’aumento di matrimoni tra cittadini di diversi stati membri può anche aumentare maggiormente il pericolo di sottrazione di minori da parte di uno dei genitori. Infine il fenomeno di minori non accompagnati scomparsi è continuamente in aumento negli ultimi anni, anche se ancora non rappresenta una priorità nell’agenda politica degli Stati membri dell’Unione europea

7 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Linea diretta per i bambini scomparsi è stata istituita dalla Commissione Europea che esorta i Paesi membri a introdurlo e renderlo operativo. Il è coordinato da Missing Children Europe, la Federazione Europea per i Bambini Scomparsi e Sfruttati Sessualmente che rappresenta 24 organizzazioni non governative attive in 16 Paesi dell’Unione Europea e la Svizzera. Il Servizio è attualmente attivo in 13 Paesi (UK e Spagna implementati a settembre 2010). Il 25 maggio 2009 Telefono Azzurro ha firmato con il Ministero dell’Interno il protocollo di intesa per la gestione del servizio. L’intervento in emergenza: il

8 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Dal 25 maggio 2009 al 10 Ottobre 2010 la Linea ha accolto circa telefonate, tra le quali sono state identificate 195 segnalazioni relative a casi scomparsa e 55 aggiornamenti dei casi accolti. Il maggior numero di segnalazioni riguarda casi di sottrazione internazionale (42% del totale). Nel periodo considerato, le chiamate relative a situazioni di avvistamento sono state 16% Nel periodo considerato, le chiamate relative a situazioni di fuga da casa/istituto sono state l’11%

9 SOS Il Telefono Azzurro Onlus e casi cross border La gestione dei casi di scomparsa richiede sempre più la collaborazione tra nazionali. Dal 25 maggio 2009: esteroFrequenza Child Focus (Romania)9 Linka detskej istoty (Slovacchia)2 Itaka (Polonia)4 Kèk Vonal (Ungheria):2 Child Focus (Belgio)1 Hamogelo (Grecia) 1 Tot19

10 SOS Il Telefono Azzurro Onlus La sfida dei casi transfrontalieri Dagli ultimi incontri internazionali è emersa la necessità di lavorare su procedure operative di cross cooperation sempre più delineate e comuni nel rispetto delle normative vigenti in materia di ciascun Paese. Telefono Azzurro, oltre che gestire il servizio , è partner di diversi progetti internazionali sul tema della scomparsa:  Partner del Programma europeo Daphne (Progetto ECAAS- European Child Alert Automated System)  Partner del progetto ICAAS (Italian Child Abduction Alert System)  Progetto “The European network: towards a high quality and effective cross border co- operation”

11 SOS Il Telefono Azzurro Onlus ICMEC: la cornice di riferimento internazionale L’International Centre of Missing & Exploited Children (ICMEC) - di cui Telefono Azzurro è componente del Board of Directors - è il movimento internazionale che guida la lotta alla scomparsa e allo sfruttamento sessuale di minorenni. Tra gli altri, i suoi obiettivi sono: Definire risorse destinate a trovare un bambino scomparso e a prevenire le situazioni di abuso e disagio; Promuovere la creazione di centri operativi a livello nazionale secondo il modello della partnership pubblico-privato; Organizzare percorsi formativi rivolti a Forze dell’Ordine, operatori del sistema giuridico, NGO, etc.; Svolgere funzione di advocacy e proporre modifiche normative, accordi e convenzioni a livello internazionale; Guidare una coalizione finanziaria per contrastare la pedopornografia in Internet; Organizzare conferenze di esperti per accrescere la consapevolezza del fenomeno e incoraggiare la collaborazione tra paesi.

12 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Quale può essere il ruolo delle nuove tecnologie nel contrasto al fenomeno? Le nuove tecnologie rappresentano un importante potenziale per combattere il fenomeno dei bambini scomparsi e sfruttati sessualmente. In modo particolare i mezzi di comunicazione come gli sms, le chat e i social network possono essere utilizzati per comunicare con i bambini scappati di casa in un modo meno invadente e, in determinate e specifiche circostanze, essere utilizzati per una più estesa e rapida divulgazione di informazioni su un bambino scomparso.

13 SOS Il Telefono Azzurro Onlus La rete come risorsa e come rischio Bambini scomparsi: forse è Estelle Mouzin la bambina la cui foto è stata ritrovata su un sito pedopornografico. Secondo un’indagine di Telefono Azzurro* pubblicata nel 2009: al 40% degli adolescenti è stato chiesto un incontro da parte di uno sconosciuto il 6% dei bambini e il 30% degli adolescenti hanno comunicato con una persona che fingeva di essere un’altra. 10° Rapporto nazionale sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza – Telefono Azzurro e Eurispes 2009

14 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Quale responsabilità dei media? Nei casi di scomparsa il bambino può essere: - Fruitore del servizio giornalistico - Soggetto coinvolto in fatti di cronaca e, dunque, “fonte” di cronaca LE SFIDE. Il problema non era e non è se informare o non informare. Il problema esiste su COME informare, nei casi di scomparsa e abuso, quando si tratta di minorenni.

15 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Una nuova lettura per il fenomeno dei bambini scomparsi? Da anni assistiamo ad una lettura criminologica del fenomeno della scomparsa: ci si interroga sulla rapidità con cui vengono esposte le foto segnaletiche, sulla tempestività delle ricerche sul territorio, sul coordinamento tra le forze dell’ordine, sulla severità delle condanne da infliggere agli autori di simili violenze. In realtà le situazioni di scomparsa, così come quelle di violenza in famiglia non possono essere gestite solo con interventi a posteriori: è necessario, invece, focalizzare l’attenzione sulla prevenzione dei fenomeni della scomparsa e dell’abuso, coinvolgendo i ragazzi stessi, le famiglie, le agenzie educative e l’intera società.

16 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Il ruolo centrale della prevenzione La prevenzione fa meno scalpore della cronaca nera ma rimane il più efficace strumento di contrasto della scomparsa di bambini e adolescenti. Dare ai ragazzi la possibilità di chiedere aiuto anche senza la mediazione degli adulti e per problematiche che possono nascere all'interno del contesto familiare è dunque fondamentale.

17 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Il caso delle fughe: la necessità di prevenire raccogliendo tempestivamente i segnali del disagio La fuga da casa o dalla comunità rappresentano la manifestazione di diverse forme di disagio: Fuggire da casa può essere sintomo ed espressione di un disagio di natura psichica o relazionale, con vari livelli di gravità: difficoltà relazionali intrafamiliari, abusi psicologici, abusi fisici e/o abusi sessuali. In tal caso, fuggire da casa significa per un bambino/adolescente reagire ad una situazione insostenibile. In altri casi, all’origine dell’allontanamento volontario di un adolescente, ci sono un eccessivo controllo esercitato dai genitori/tutori e le loro aspettative elevate, unitamente ad uno stile educativo autoritario.

18 SOS Il Telefono Azzurro Onlus e 114: le altre linee di Telefono Azzurro Telefono Azzurro gestisce casi di scomparsa di minorenni anche attraverso le sue linee di ascolto (19696 per i bambini e gli adolescenti e per genitori, insegnanti e altri adulti che intendano segnalare situazioni di disagio riferibili a soggetti in età evolutiva) e attraverso il 114 Emergenza infanzia. Nel 63% dei casi la casistica ha riguardato FUGHE DA CASA O DA COMUNITA’ Tipologia 114 Linee di Ascolto Totale Fuga da casa/istituto Bambino che si è perso Scomparsa Sottrazione nazionale Sottrazione internazionale Totale Anno 2008 – 2010 (al 30 giugno)

19 SOS Il Telefono Azzurro Onlus CHILD FOCUS BE: nel di fuga MISSING PEOPLE UK: nel MISSING PEOPLE UK: nel situazioni di fuga. : nel Foundation pour l’Enfance : nel fughe FOCUS ROMANIA: nel FOCUS ROMANIA: nel casi di fuga SMILE OF CHILDREN GRECIA: nel SMILE OF CHILDREN GRECIA: nel fughe I casi di fuga a livello europeo

20 SOS Il Telefono Azzurro Onlus La raccolta dei primi segnali di disagio Lavorare per la prevenzione, raccogliendo segnalazioni anche in forma anonima, come da sempre fa Telefono Azzurro attraverso le linee d’ascolto e , il 114 Emergenza Infanzia e il , linea europea per i minori scomparsi, è la sola strada per evitare il ripetersi di vicende drammatiche di scomparsa e abuso come quella di Sara.

21 SOS Il Telefono Azzurro Onlus L’ascolto nei casi di fuga da casa: una presa in carico globale del disagio Lo scorso luglio è arrivata al Servizio la chiamata di un’educatrice di una casa famiglia del centro Italia che si è fatta portavoce delle preoccupazioni di una piccola ospite di 14 anni di nazionalità romena. Dalla chiamata è emerso che la ragazza era stata collocata in comunità con provvedimento d’urgenza poiché minore non accompgnata, fuggita dal proprio Paese di origine per una situazione familiare di grave disagio: la madre abusa di alcool mentre il padrè è gravemente malato. La minorenne è preoccupata perché all’interno del nucleo familiare sono rimasti a vivere tre fratellini rispettivamente di anni 13, 6 e 4. Il italiano attiva il romeno il quale non solo informa le Autorità Romene sul ritrovamento della minore in Italia, ma verifica lo stato di grave disagio in cui versano gli altri minori tanto da attivare il Child Protection Service che nei giorni successivi interviene a protezione dei bambini.

22 SOS Il Telefono Azzurro Onlus L’ascolto nei casi di sottrazione da parte di un genitore Sul fronte della sottrazione da parte di un genitore, nazionale e internazionale, è necessario promuovere una precoce identificazione dei genitori a rischio di violazione delle disposizioni di affidamento/visita e di sottrazione. La determinazione di “profili di rischio” potrà avvenire anche confrontando le famiglie nelle quali si verifica una sottrazione con quelle caratterizzate da conflittualità in caso di separazione (ma non da sottrazione).

23 SOS Il Telefono Azzurro Onlus L’ascolto nei casi di sottrazione da parte di un genitore - 2 Fino ad oggi sono stati identificati quali possibili profili di rischio (Rohrbaugh, 2007; US Department of Justice, 2001): 1. un genitore ha già minacciato di sottrarre il bambino; 2. un genitore ritiene che il bambino sia vittima di abusi e non ritiene di essere sufficientemente considerato dalle autorità competenti 3. Un genitore presenta disturbi mentali che lo portano a convincersi che l’ex coniuge costituisca un danno per sé e per il bambino 4. Un genitore presenta disturbi sul versante della sociopatia e dell’antisocialità 5. Si interrompe un matrimonio misto tra genitori di diversa nazionalità/cultura 6. Un genitore non riesce ad interagire con il sistema della giustizia per la separazione/l’affidamento dei figli e trova il proprio supporto familiare/sociale in un’altra comunità

24 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Oltre alla prevenzione: la necessità di fornire un supporto terapeutico ai bambini scomparsi e ai familiari Molte situazioni di scomparsa si configurano come veri e propri traumi per il bambino. Lo sradicamento dal suo ambiente di vita, la violenza che spesso accompagna il rapimento, possono incidere profondamente sul suo sviluppo. Similmente i genitori che vivono la scomparsa di un bambino sono esposti ad un trauma. Telefono Azzurro offre consulenza e supporto ai bambini che fuggono da casa e alle loro famiglie

25 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Il Centro per i Bambini Scomparsi Telefono Azzurro, in linea con la sua mission e con il suo patrimonio di competenze acquisite in oltre 23 anni di lavoro, basandosi su analoghe esperienze internazionali, sta curando l’attivazione del primo Centro Nazionale per i Bambini Scomparsi, che includerà al suo interno il servizio Il Centro si articolerà nelle diverse aree di competenza professionale che consentano un intervento articolato, complesso e comprendente i diversi aspetti interessati dalla tematica dei minori scomparsi.

26 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Il Centro per i bambini scomparsi In particolare gli obiettivi che il Centro Nazionale si prefigge di realizzare sono: intervenire nelle situazioni di trauma conseguenti alla scomparsa di un bambino; sensibilizzare l’opinione pubblica nonché i mezzi di informazione per quanto riguarda il fenomeno dei bambini scomparsi; lottare contro il fenomeno attraverso programmi di prevenzione rivolti a bambini e genitori, nonché a tutti i soggetti della rete, creando una “ cultura sulla sicurezza” per far sentire ciascun membro della comunità parte attiva nella prevenzione della scomparsa dei bambini; organizzare seminari di formazione sulla gestione dei casi di bambini scomparsi per gli organismi nazionali ed internazionali; elaborare e fornire materiali scientifici sulla tematica dei minori scomparsi.

27 SOS Il Telefono Azzurro Onlus Cultura della prevenzione e supporto alle famiglie E’ necessario lavorare con i ragazzi, gli educatori e le famiglie per promuovere quella cultura della prevenzione che rappresenta la sola strada possibile per garantire la tutela del benessere e della crescita di bambini e adolescenti vittime di abusi e altre situazioni di disagio che possono sfociare in una fuga, o coinvolti in situazioni di conflittualità familiare che sono fattore di rischio per la sottrazione da parte di familiari. In quest’ottica Telefono Azzurro sta lavorando anche a livello internazionale, contribuendo alla creazione di un modello di intervento condiviso sul fronte della prevenzione del fenomeno della scomparsa e del supporto alle famiglie.

28 SOS Il Telefono Azzurro Onlus


Scaricare ppt "SOS Il Telefono Azzurro Onlus Prof. Ernesto Caffo Ordinario di Neuropsichiatria infantile, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia SOS il Telefono."

Presentazioni simili


Annunci Google