La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

METEOROLOGIA GENERALE FRONTI E CICLOGENESI A cura del Prof. G. Colella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "METEOROLOGIA GENERALE FRONTI E CICLOGENESI A cura del Prof. G. Colella."— Transcript della presentazione:

1

2 METEOROLOGIA GENERALE FRONTI E CICLOGENESI A cura del Prof. G. Colella

3 Argomenti Fronti: definizione e struttura Fronte Freddo, Caldo e Occluso: loro caratteristiche Formazione e sviluppo di un ciclone extratropicale (ciclogenesi)

4 FRONTE: definizione La linea di intersezione di una superficie frontale con la superficie terrestre, o con un opportuno piano orizzontale, viene detta FRONTE SUPERFICIE FRONTALE: Zona di transizione tra due masse d’aria principali

5 FRONTE: classificazione I fronti possono essere classificati dal punto di vista: Del movimento Della posizione geografica Termodinamico

6 FRONTE: classificazione

7 Fronte MOBILE  Taglia le isobare  Ha una velocità di spostamento  Posizionato nell’asse della saccatura  Fronte FREDDO, CALDO, OCCLUSO

8 FRONTE: classificazione Fronte STAZIONARIO  Parallelo alle isobare  Le masse d’aria scorrono parallelamente tra di loro FRONTE STAZIONARIO

9 FRONTE: classificazione  STAZIONARIO  Parallelo alle isobare  Le masse d’aria scorrono parallelamente tra di loro  MOBILE  Taglia le isobare  Velocità di spostamento  Posizionato nell’asse della saccatura  Fronte FREDDO, CALDO, OCCLUSO

10 FRONTE:rappresentazione

11  Aria calda invade zona occupata da aria fredda  Aria calda e umida dietro al fronte  Rappresentato con una linea rossa con semicerchi diretti nella direzione di spostamento del fronte FRONTE: Caldo

12 STRUTTURA TRIDIMENSIONALE ARIA FREDDA ARIA CALDA

13 FRONTE: Caldo  Aria calda più veloce meno densa di aria fredda sale sull’aria fredda superficie frontale inclinata di pochi gradi  Aria calda si raffredda diventa satura si formano le nubi precipitazioni

14 FRONTE Caldo sistema nuvoloso NUBI ALTE C H NUBI MEDIE C M NUBI BASSE C L CirriAltocumuliStrati CirrostratiAltostratiCumulonembi Affogati CB EMBD Nembostrati Nubi STRATIFORME con prevalente sviluppo orizzontale

15 FRONTE: Caldo VentoRotazione da SSE a SSW TemperaturaGraduale aumento PressioneDiminuzione prima del fronte e poi rimane costante Umidità relativa Prima in lento aumento, con l’arrivo delle precipitazioni aumento rapido visibilitàIn peggioramento, pessima davanti al fronte ( nebbie frontali) VARIAZIONI AL SUO PASSAGGIO

16 FRONTE: Caldo  PRECIPITAZIONI  Assenti con Ci e Cs  Inizio con Altostrati (As) più significative con Nembostrati (Ns)  Intensità debole  Durata lunga  pioggia debole o moderata, pioviggine, neve

17  Aria fredda invade zona occupata da aria calda  Aria più fredda e secca dietro al fronte  Rappresentato con una linea blu con triangolini diretti nella direzione di spostamento del fronte FRONTE: Freddo

18

19  Aria fredda avanza e si incunea sotto l’aria calda  Aria calda sollevata violentemente da luogo a sviluppo di nubi cumuliformi cumuli e cumulonembi  Le nubi sono disposte lungo la linea frontale

20 FRONTE: Freddo Vento Rotazione da SW a NW fino a NE Forte intensità con raffiche e turbolenza TemperaturaDiminuzione rapida PressioneDiminuisce davanti al fronte. Aumento rapido dopo il fronte Umidità relativaDiminuzione Visibilità Generalmente buona ma diventa scarsa nelle precipitazioni VARIAZIONI AL SUO PASSAGGIO

21 FRONTE: Freddo  PRECIPITAZIONI  Carattere di Rovescio  Pioggia o neve  Temporali  Intensità forte  Durata breve

22 FRONTE: Occluso Fronte Freddo più veloce di Fronte Caldo FF raggiunge FC Si forma Fronte Occluso L’Occlusione può essere a carattere calda o occlusione fredda

23 FRONTE: Occluso Caldo Aria fredda che segue il fronte meno fredda di quella che precede il fronte.  L’Aria calda intermedia è completamente sollevata.  Il Vapore condensa e rilascia calore latente (graduale diminuzione energia disponibile per il ciclone).  Terminano gradualmente i processi di sollevamento dell’aria umida ed il ciclone inizia a morire.

24 FRONTE: Occluso Freddo Aria fredda che segue il fronte più fredda di quella che precede il fronte  L’Aria calda intermedia è completamente sollevata.  Il vapore condensa e rilascia calore latente (graduale diminuzione energia disponibile per il ciclone).  Terminano gradualmente i processi di sollevamento dell’aria umida e il ciclone inizia a morire.

25 FRONTE: Polare Posizionato a circa 60° di latitudine Convergenza venti  Polari  Occidentali Fascia di bassa pressione

26 CICLOGENESI (ciclone extratropicale) L’idea fondamentale espressa da Bierkness e Richardson nel 1922 è: “Se lo stato iniziale dell’atmosfera è completamente descritto, allora è possibile conoscere la sua evoluzione futura attraverso le leggi della termodinamica e della fluidodinamica”

27 CICLOGENESI (ciclone extratropicale) Secondo la teoria norvegese il ciclone extratropicale si sviluppa seguendo varie fasi: Fase 1: Sul fronte polare una massa d’aria fredda e una calda incontrandosi danno luogo ad un fronte stazionario. Fase 2: Il fronte si incurva dando luogo ad un’onda “instabile” e alla formazione dei fronti freddo e caldo. Fase 3: Il fronte freddo raggiunge il fronte caldo dando luogo ad un’occlusione. Fase 4: L’occlusione evolve fino ad avere le masse d’aria disposte l’una al di sopra dell’altra in funzione della densità. Quindi il ciclone si dissolve.

28 CICLOGENESI (ciclone extratropicale)  Fronte stazionario Ondulazione F.P Formazione fronti Fronte occluso e progressivo fine del processo

29 CICLOGENESI Fronte stazionario  Ondulazione F.P Formazione fronti Fronte occluso e progressivo fine del processo

30 CICLOGENESI Fronte stazionario Ondulazione F.P  Formazione fronti Fronte occluso e progressivo fine del processo

31 CICLOGENESI Fronte stazionario Ondulazione F.P. Formazione fronti  Fronte occluso e progressivo fine del processo

32  1000 km LCFLCT QUADRO RIEPILOGATIVO F.C: Aria Stabile Grafica E. Commodari

33  1000 km LLC LCF LCT QUADRO RIEPILOGATIVO F.C. Aria Instabile Grafica E. Commodari

34 QUADRO RIEPILOGATIVO Grafica E. Commodari

35 Diminuzione della pressione, Aumento della temperatura, Ci in cielo, seguiti da Cs, As e Ns con conseguente pioggia a carattere continuo e intenso Temporali anche violenti seguiti da un rapido miglioramento del tempo, aumento della pressione, aria fredda Sprazzi di cielo sereno con presenza di cumuli isolati, leggera variazione della pressione di U e V QUADRO RIEPILOGATIVO Grafica E. Commodari

36 FRONTE: METEOSAT L’immagine del satellite METEOSAT mostra una perturbazione con il ramo occluso a nord dell’Inghilterra, il fronte freddo ad ovest e il fronte caldo ad est dell’Inghilterra.

37 CARTA DELLE TENDENZE La carta evidenzia una vasta area caratterizzata da diminuzione di pressione (linee tratteggiate) che si estende dal nord della Spagna fino all’Inghilterra. Nella stessa zona è presente la perturbazione evidenziata dal Meteosat

38 FRONTE: confronto carta tendenze Meteosat

39 CARTA PREVISTA AL SUOLO La perturbazione che copre l’Inghilterra e gran parte dell’Europa è rappresentata col suo ramo occluso, freddo e caldo

40 FRONTE: C onfronto carta di previsione al suolo e Meteosat

41 La perturbazione tende ad occludersi. Le Alpi contribuisco a riparare l’Italia dagli effetti della perturbazione, come mostrato in dettaglio nella successiva diapositiva. FRONTE: ed orografia

42 L’”effetto barriera” delle Alpi blocca la vasta zona nuvolosa a Nord riparando l’Italia.


Scaricare ppt "METEOROLOGIA GENERALE FRONTI E CICLOGENESI A cura del Prof. G. Colella."

Presentazioni simili


Annunci Google