La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

-1-. -2- Le materie prime Scienze Il cibo Ed. Musicale Le note musicali Ed. Artistica Piet Mondrian, l’Astrattismo e i colori primari Ed. Fisica Gli attrezzi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "-1-. -2- Le materie prime Scienze Il cibo Ed. Musicale Le note musicali Ed. Artistica Piet Mondrian, l’Astrattismo e i colori primari Ed. Fisica Gli attrezzi."— Transcript della presentazione:

1 -1-

2 -2- Le materie prime Scienze Il cibo Ed. Musicale Le note musicali Ed. Artistica Piet Mondrian, l’Astrattismo e i colori primari Ed. Fisica Gli attrezzi nella ginnastica ritmica Ed. Tecnica Le materie prime Storia Il colonialismo, l’imperialismo e la decolonizzazione Geografia L’Oceania English The USA Italiano Lo sfruttamento minorile Cittadinanza I diritti dei lavoratori Español Situaciòn comunicativa Español Situaciòn comunicativa

3 Scienze: Il cibo 4 Ed. Musicale: Le note musicali 1 7 Ed. Artistica: Piet Mondrian, l’Astrattismo e i colori primari22 Ed. Fisica: Gli attrezzi nella ginnastica ritmica 31 Ed. Tecnica: Le materie prime38 Storia: Il Colonialismo, l’Imperialismo e la decolonizzazione 43 Geografia: L’Oceania 49 English: The USA56 Italiano: Lo sfruttamento minorile 63 Cittadinanza e costituzione: I diritti dei lavoratori69 Español: Situaciòn comunicativa 72 Scienze: Il cibo 4 Ed. Musicale: Le note musicali 1 7 Ed. Artistica: Piet Mondrian, l’Astrattismo e i colori primari22 Ed. Fisica: Gli attrezzi nella ginnastica ritmica 31 Ed. Tecnica: Le materie prime38 Storia: Il Colonialismo, l’Imperialismo e la decolonizzazione 43 Geografia: L’Oceania 49 English: The USA56 Italiano: Lo sfruttamento minorile 63 Cittadinanza e costituzione: I diritti dei lavoratori69 Español: Situaciòn comunicativa

4 La storia del genere umano è una storia di evoluzione, migrazione e cambiamenti della società. A ogni cambiamento di stile di vita si è sempre associato un cambiamento di dieta, ma non sempre un popolo più evoluto si è alimentato in modo migliore. -4-

5 L’uomo delle caverne si cibava solo di ciò che la natura donava; una dieta ricca di fibre e fortemente legata alla stagionalità, quindi. Con la nascita dell’agricoltura e dell’allevamento l’uomo è diventato sedentario e ha creato le prime comunità, ma la sua dieta è peggiorata vistosamente perché si cibava quasi esclusivamente di ciò che coltivava e allevava, con gravi conseguenze nutrizionali. Nell’Antico Egitto, per esempio, i più ricchi potevano permettersi un’alimentazione varia, a differenza dei poveri. Nella civiltà greca, l’allevamento e la caccia erano reputate delle attività “rozze” e questo ostacolava l’integrazione della carne nella dieta. -5-

6 Gli unici che non avevano il problema della carne erano i soldati per i quali assumerla significava apparire forti e possenti. Ma forse l’alimentazione ebbe il suo momento di migliore equilibrio nell’alto Medioevo quando le tradizioni del popolo romano si mescolarono con quelle dei popoli barbarici provenienti dal nord. Le cattive abitudini alimentari di oggi, invece, sono dovute alla nascita delle prime industrie alimentari e dei coloranti, durante la seconda rivoluzione industriale. Oggi proprio queste sostanze, che spesso sono dei semplici additivi chimici, compromettono la qualità dei cibi e, addirittura, possono causare danni al nostro organismo se assunte in quantità eccessive. -6-

7 Negli ultimi anni si fa un gran parlare proprio dei coloranti alimentari: troppo spesso, infatti, ai cibi vengono aggiunte queste sostanze, prive di valore nutritivo, utilizzate solo per impartire particolari caratteristiche cromatiche o esaltare la colorazione originaria conferendo così un aspetto invitante e più appetibile al cibo. L’impiego dei coloranti alimentari, pertanto, mira essenzialmente ad incrementare l’interesse e il gradimento dei consumatori nei confronti dei prodotti a cui vengono aggiunti. Non a caso, il consumatore medio percepisce la qualità di un alimento anche e soprattutto dal suo aspetto; così, l’aranciata è buona solo se arancione, il succo di menta se verde ecc. Dato che l’impiego di coloranti alimentari può far apparire di buona qualità un prodotto di per sé scadente, esistono alcuni alimenti per cui tale pratica è proibita, e altri per cui è possibile soltanto con le dovute limitazioni. -7-

8 Giusto per citare qualche esempio, non è possibile addizionare coloranti alimentari a latte, yogurt, uova, acque minerali … Al contrario, le categorie nelle quali si fa il maggior utilizzo di coloranti alimentari sono quelle delle bevande analcoliche, dei dolciumi e dei prodotti da forno, degli integratori alimentari, delle salse e dei cibi preconfezionati. I coloranti alimentari possono essere molto dannosi per la salute dell’uomo. Essi causano orticaria dovuta a reazioni allergiche verso additivi alimentari e attacchi di asma, nei soggetti predisposti, dovuti alla presenza di coloranti con basi chimiche simili a quelle usate nell’industria tessile. Nei bambini, poi, possono indurre sintomi particolari, come intensa iperattività e dunque anche danni al sistema nervoso. Ma, purtroppo, non sono solo questi i problemi connessi con l’alimentazione: molti riguardano i disturbi comportamentali, oggi in preoccupante crescita soprattutto tra i più giovani. -8-

9 I disturbi del comportamento alimentare colpiscono molte adolescenti. Più rari sono invece i casi di ossessioni alimentari tra i maschi. L'età di insorgenza sta diventando sempre più precoce mentre la sensibilità al problema sta aumentando. Anoressia, bulimia ed obesità sono parole ormai entrate nel linguaggio comune. Questi disturbi alimentari sono accomunati dal pensiero ossessivo del cibo, dalla paura morbosa di essere sovrappeso abbinata ad una percezione deformata del proprio corpo e a una bassa autostima. Essi sono infatti legati alla valutazione sbagliata che la persona fa di se stessa e quando si è fortemente condizionati dall'ideale di magrezza, dal peso e dal controllo della propria forma corporea. In pratica, si sente di valere o non valere come essere umano in relazione all'ago della bilancia che influenza notevolmente il rapporto con il cibo. I disturbi alimentari sono oggi un fattore diffuso che si manifesta con disagi e sofferenze interiori di una generazione resa fragile da una società che tende sempre più a discriminare tra corpi di serie A, B e C. -9-

10 Una ragazza anoressica, per quanto possa essere magra, non riesce a convivere con un corpo che le sembra sempre eccessivamente grasso. Il problema del peso diventa talmente importante da farle saltare i pasti spingendola ad abusare di medicinali come lassativi e diuretici mentre persegue un ideale di magrezza irraggiungibile. L'anoressia di solito inizia con una dieta e cela un profondo disagio che la persona tenta di mettere a tacere attraverso un controllo ossessivo delle calorie e del peso. -10-

11 L'anoressia attacca duramente il corpo nelle sue funzioni vitali fino a causare gravissime conseguenze come insufficienza renale, alterazioni cardiovascolari, perdita dei denti e dei capelli. Se tale condizione persiste a lungo può diventare veramente grave fino a condurre alla morte. Le indagini statistiche ci dicono che nei Paesi industrializzati come l’Italia su 100 ragazze tra i 12 e i 25 anni di età, 8-10 soffrono di disturbi del comportamento alimentare di cui 1-2 nelle forme più gravi. Nel 90% dei casi si tratta di donne. L’anoressia oggi colpisce anche i bambini a partire dagli otto anni di età. Essendo dati recenti non si è ancora certi, ma si registra un forte aumento delle richieste di aiuto proprio in questa fascia e in alcuni casi persino dopo i anni. -11-

12 Questo disturbo alimentare si caratterizza per un'esasperata assunzione di cibo (bulimia = fame da bue). A tali abbuffate si susseguono disperati tentativi di sbarazzarsi degli alimenti ingeriti, solitamente tramite vomito autoindotto o attraverso l'uso massiccio di lassativi o diuretici. Dopo questi attacchi di fame incontrollata insorgono profondi sensi di colpa che fanno sprofondare il soggetto nella depressione. Si tratta purtroppo di una vera e propria dipendenza paragonabile a quella che lega un tossicodipendente alla droga con conseguenze altrettanto devastanti sulla vita, sulla psiche e sulla salute di chi ne soffre. Le statistiche riportano, tra le giovani, una presenza di casi di bulimia doppi rispetto ai casi di anoressia, ma queste cifre sono influenzate dal fatto che per le persone affette da questo particolare problema è più facile chiedere aiuto. -12-

13 L’obesità è una condizione caratterizzata da un eccessivo accumulo di grasso corporeo, che determina gravi danni alla salute. E’ causata, nella maggior parte dei casi, da stili di vita scorretti: da una parte, un’alimentazione scorretta, ipercalorica e dall’altra un ridotto dispendio energetico a causa di inattività fisica. L’obesità è quindi una condizione ampiamente prevenibile. Essa rappresenta uno dei principali problemi di salute pubblica a livello mondiale sia perché la sua incidenza sta aumentando, non solo nei Paesi occidentali, ma anche in quelli a basso-medio reddito, sia perché è un importante fattore di rischio per varie malattie come diabete e tumori. Si stima che il 44% dei casi di diabete di tipo 2, il 23% dei casi di cardiopatia ischemica e fino al 41% di alcuni tumori sono attribuibili all’obesità/sovrappeso. In totale, sovrappeso e obesità rappresentano il quinto più importante fattore di rischio per mortalità globale e i decessi attribuibili all’obesità sono almeno 2,8 milioni all’anno nel mondo. -13-

14 Per evitare questi problemi e altri non ancora molto diffusi è importante seguire una giusta alimentazione sana ed equilibrata come, ad esempio, la dieta mediterranea, che è ispirata ai modelli nutrizionali di tre Paesi europei e di uno africano (Italia, Grecia, Spagna e Marocco). Essa prevede un elevato consumo di pane, frutta, verdura, erbe aromatiche, cereali, olio di oliva, pesce e vino (in quantità moderate). Inoltre, nonostante i popoli che vivono nelle nazioni del Mediterraneo assumano quantità relativamente elevate di grassi, sono quelli che poi sono meno affetti da malattie cardiovascolari e di altro genere in virtù dei benefici dati dall’elevato uso di olio di oliva. -14-

15 Ben diverso è invece il gravissimo problema causato dall’incremento di disturbi di tipo anoressico o bulimico. In questi casi il corpo si ammala come conseguenza di una vera e propria malattia psichica, frutto di profondo disagio, che va riconosciuta e curata al più presto, prima di arrivare a un punto di non ritorno. La famiglia, la scuola, gli affetti sono determinanti nella vita di un adolescente e ciascuno deve poter fare la sua parte per aiutare e sostenere i ragazzi in un momento di così grande fragilità. -15-

16 Legato ai disturbi di anoressia e obesità pochi mesi fa è stato trasmesso su Rai1 un telefilm intitolato “Braccialetti Rossi” che racconta una bellissima storia di amicizia tra sei ragazzi costretti a trascorrere le loro giornate nello stesso ospedale a causa di malattie. Con il passare del tempo imparano a conoscersi meglio fondando un gruppo, appunto, quello dei braccialetti rossi. Tra questi sei ragazzi c’è Cris che soffre proprio di anoressia, dovuta anche alla difficile situazione familiare e al suo bisogno di sentirsi accettata. Costretta a condividere la sua stanza con una nuova arrivata affetta da obesità, dopo un primo periodo di rifiuto dell’amicizia, Cris si rende conto che da quella ragazza avrebbe potuto trarre un aiuto fondamentale per la sua guarigione. Tutto ciò unito alla sua forza di volontà e alla grande amicizia nata con gli altri ragazzi, che riescono finalmente a strapparle un sorriso, riesce a superare il suo problema e tutti e sei trovano la forza per continuare a vivere anche quando si avrebbe solo voglia di piangere e di arrendersi. -16-

17 La musica è un insieme di suoni prodotti dalla vibrazione di un corpo elastico. Oggi la musica è una costante della nostra vita; è l’insieme dei suoni che ci accompagnano nei momenti brutti, nei momenti belli, nelle feste e nelle notti e ha il potere di caricarci, renderci felici o tristi, farci riemergere sensazioni ed emozioni o donarci un istante magico … Per chi la studia e per chi la suona, la musica è qualcosa di naturale, un bisogno primario umano che eleva i significati a qualcosa di superiore alla realtà. La musica è in tutto: è nel canto degli uccelli, nei fruscii primaverili, nel calmo ondeggiare del mare, nelle parole della persona che ami. Tutto ciò che udiamo può diventare musica, di sicuro i suoni e a volte anche i rumori. -17-

18 Guido Monaco, conosciuto anche come Guido d'Arezzo, è stato un monaco e musicologo italiano. Nacque intorno al 991, forse ad Arezzo. Morì intorno al E’ noto anche come l'ideatore della moderna notazione musicale, infatti curò l'insegnamento della musica e notò la difficoltà che i monaci avevano ad apprendere e ricordare i canti della tradizione Gregoriana. Così adottò un metodo nuovo, che lo rese presto famoso. -18-

19 Ad Arezzo scrisse il suo famoso trattato: il Micrologus. È a lui, infatti, che dobbiamo il nome delle note tuttora in uso, ad eccezione del Do che nel Seicento ha sostituito l'originario Ut (tra l'altro ancora presente nel francese). A Guido si deve l'invenzione di un sistema mnemonico (manoguidoniana) per aiutare l'esatta intonazione dei gradi della scala. Per aiutare i cantori, Guido aveva usato le sillabe iniziali dei versi dell'inno a San Giovanni Battista e le aveva adottate per comporre la scala musicale. Egli espose tali innovazioni scrivendo anche dei testi a supporto. Tale sistema è alla base della teoria della solmisazione (la prima forma di solfeggio). Sua, infatti, è l'invenzione delle rispettive posizioni delle note sulle righe e negli spazi. Il rigo musicale usato da Guido aveva solo quattro righe ed era perciò detto tetragramma. Dopo la visita al Papa gli venne affidato il compito come priore presso il monastero di Fonte Avellana (fra le Marche e l’Umbria) tra il 1035 e il Guido portò a compimento il suo Codice Musicale che, ancora oggi, è conservato nella vastissima biblioteca dell'importante monastero appenninico. -19-

20 Ma come mai la musica e i suoni toccano noi umani così particolarmente rispetto al resto che la vita ci offre? Forse perché la musica è una costante in ogni momento della nostra vita? Forse perché il nostro cervello utilizzando una sola sfera sensoriale libera la sua immaginazione ai livelli più estremi? Forse perché una bella musica è un idea creata dall’autore con l’aiuto di qualcosa di superiore? Per noi giovani il concetto di musica è un po’ cambiato rispetto ad altri tempi: essa non è più un’arte, ma un metodo per evadere dal nostro standard di vita. Infatti oggi cerchiamo nella musica un mondo impossibile e irrealizzabile per sottrarci dai dolori, dalle sofferenze, dai problemi, dalle difficoltà e dalle fatiche di ogni giorno. -20-

21 E’ ormai risaputo che noi adolescenti preferiamo scegliere la via più breve e più semplice; così ci rifugiamo nel mondo della musica che ci offre un riparo immaginario e intoccabile; ma non vogliamo viverla fino in fondo: ci piace sapere che è sempre disposta ad accoglierci, lei, come il mondo che tutti desidereremmo soprattutto quando siamo oppressi dai problemi della società contemporanea. Tramite la musica concetti ed emozioni rimangono impressi nel nostro cervello, come fossero una foto e con la musica li riviviamo. Dopotutto è risaputo che l’uomo non comunica solo a parole, ma anche attraverso emozioni, in vari modi, usando ad esempio il linguaggio del corpo, che le esterna. Il limite del linguaggio verbale è quello di poterle descrivere, ma non sempre trasmetterle. -21-

22 Piet Mondrian può essere considerato come uno dei protagonisti di una stagione molto importante per l’arte moderna: l’inizio del XX secolo che vide il sorgere di avanguardie storiche quali il Costruttivismo, il Dadaismo, il Cubismo, tutte tendenze “non figurative”. Esse divennero i presupposti fondamentali per la nascita di una nuova corrente artistica, l’Astrattismo, di cui Mondrian, insieme con Kandinsky, fu l’esponente più importante. L’astrattismo di Mondrian si fonda su un doppio principio quello della dimensione della figura geometrica ortogonale e dell’uso esclusivo dei colori primari, giallo, rosso, blu, bianco e nero. Il primo principio implica una serie di linee orizzontali e verticali, escludendo la diagonale. Solo in questo modo, secondo il pittore, è possibile rappresentare l’assoluta precisione della realtà, il necessario, l’essere. -22-

23 un Piet Mondrian nasce nel 1872 nel villaggio olandese di Amersfoort. Figlio di un rigido calvinista che spinge i figli a trovare un impiego, Piet sceglie di diventare maestro di disegno. A diciassette anni si diploma, ma la passione per il disegno e la pittura è tanta che decide di studiare per l’esame di professore, aiutato dal padre e dallo zio. Studia per mesi prospettiva, anatomia, storia dell’arte, fiori e piante, senza mai fermarsi. -23-

24 Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Amsterdam dal 1892 al Sono anni duri e, per guadagnarsi qualche soldo per vivere, da lezioni di disegno a ricche signore, disegna batteri per i testi di medicina e riproduce copie di quadri famosi. Appena può va in campagna per prendere ispirazione per le sue opere. Trascorre ore a contemplare il paesaggio e gli animali. Per esprimere la bellezza della natura smette ad un certo punto di cercarne i colori naturali e la sua pittura cambia. Conosce la pittura divisionista (basata sulla separazione dei colori in punti o linee colorati) e nel 1911 si trasferisce a Parigi, affascinato dal Cubismo, cui riconoscerà il merito di aver “rotto la forma limitata” e liberato il ritmo prigioniero. -24-

25 Mondrian rimane a Parigi per altri due anni; poi, a causa di una malattia del padre e dell’ormai imminente scoppio del conflitto mondiale, ritorna in patria, dove continua il suo processo di semplificazione iniziato in Francia e dove collaborò con Theo Van Doesburg. Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale lo trattiene in Olanda fino al 1919, poi ritorna in Francia. In Olanda, le sue ricerche in campo pittorico lo avevano indirizzato verso l’Astrattismo; simbolo di questo momento artistico era l’albero che rappresentava il legame tra reale (la terra) e spirituale (lo spazio verso cui tendono i rami). -25-

26 Durante il 1920, Mondrian comincia ad “utilizzare” rigorosamente griglie di righe nere che definiscono piani di colore puro, alla ricerca di un equilibrio asimmetrico- astratto. Poco prima dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, Mondrian lascia Parigi e si reca in Gran Bretagna e, successivamente nel 1940, si trasferisce a New York. Lì, dove vive gli anni più felici e sereni della sua vita, sostituisce la riga nera con fasce composte da piccoli rettangoli di colore blu, rosso e giallo, dando un ritmo dinamico alle sue opere. Il primo febbraio 1944 Mondrian muore di polmonite. -26-

27 -27-

28 Con la serie delle Losanghe, Mondrian sembra suggerire una sorta di compromesso: dipinge solo linee ortogonali, ruotando però la composizione. Così facendo, si viene a creare all’interno della “griglia” una forma geometrica fino a quel momento sconosciuta nelle opere di Mondrian: il triangolo. -28-

29 A partire dal '20-'21, i quadri di Mondrian raggiungono una certa maturità, anche se non quella definitiva. Spesse linee nere, ora, separano i quadrati, che sono più grandi e meno numerosi e che sono lasciati in maggior parte bianchi rispetto ai primi esempi. -29-

30 La “Rosa bianca in un bicchiere” è stata realizzata nel Il fiore cerca nel liquido del bicchiere risorse per non sfiorire troppo presto. Dipinto crudele, rarefatto nel mutismo emozionale. Karoline Knabberchen che questo fiore vide all'Aia nel 1984, lasciò scritto nel suo Diario che, mentre la rosa accetta la decadenza, mai la donna, che nella rosa si riconosce, farà lo stesso. Eppure il liquido è lo stesso per la rosa e per l'io della donna: lacrime! (Claudio Di Scalzo) -30-

31 La ginnastica ritmica si sviluppò nel XIX secolo dagli stili ginnici tedesco e svedese. Il primo campionato del mondo ebbe luogo nel 1963 a Budapest, Ungheria, limitatamente alle prove individuali; le prove di squadra vennero aggiunte nel 1967 in occasione del campionato di Copenaghen in Danimarca. La ginnastica ritmica entrò nel programma dei Giochi Olimpici estivi nel 1984 (Olimpiadi di Los Angeles). Anche in questo caso si trattò inizialmente solo di prove individuali; la gara di squadra venne inserita solo nel 1996 (Olimpiadi di Atlanta, USA). -31-

32 La ginnastica ritmica è una disciplina della ginnastica e uno sport olimpico femminile, di squadra e individuale, nella quale le atlete eseguono il loro esercizio con un accompagnamento musicale, parte integrante dell’ esecuzione stessa. Sono ammesse solo musiche strumentali o nelle quali la voce non ha un ruolo solista o non è pronunciato un testo e, per un solo esercizio, è ammessa una musica cantata. Nelle gare a livello non agonistico l'esercizio individuale può essere svolto senza musica, mentre negli esercizi collettivi la musica diventa obbligatoria anche nelle gare di livello inferiore a quello agonistico. Le ginnaste individuali devono sostenere quattro rotazioni (ossia eseguire quattro esercizi) con cerchio, palla, clavette, nastro e fune. Per le squadre invece gli esercizi sono due, più lunghi, fino a 2.30 minuti; nella prima delle due prove le ginnaste hanno tutte lo stesso attrezzo, mentre nella seconda vengono usati due tipi di attrezzi. Come per le individualiste, anche per le squadre le rotazioni degli attrezzi sono stabilite dalla FIG (Federazione Internazionale Ginnastica). -32-

33 La competizione avviene per valutazione: una giuria assegna un punteggio a ciascuna esecuzione e viene quindi stilata la classifica finale. Il punteggio massimo equivale a 20,000 (Codice dei Punteggi ). Viene considerata penalizzante anche l'errata successione delle difficoltà, cioè la loro esecuzione in un ordine diverso da quello dichiarato o se la stessa difficoltà viene ripetuta due volte. -33-

34 Gli attrezzi utilizzati sono cinque: nastro, clavette, cerchio, palla, fune. Di raso o materiale simile, ha un peso di 35 grammi minimo. Largo da 4 a 6 cm è invece lungo 6 m, con l’estremità piegata e foderata ( 1 mm massimo) fissata alla bacchetta di cm e composta di fibra di vetro o materiale sintetico (forma cilindrica o conica e diametro di 1 cm.). E’ fissata al nastro con un anello mobile o una parte articolata (lunghezza 7 cm. massimo.) Di legno, di plastica o di gomma (solo ultimamente sono state approvate) hanno la forma di bottiglia (corpo, collo e testa). Devono avere un peso minimo di 150 grammi e una lunghezza variabile tra 40 e 50 cm. Il colore è a scelta. Di legno o di plastica, ha un peso minimo di 300 grammi e un diametro interno da 80 a 90 cm. -34-

35 Può essere di caucciù o di plastica morbida antistatica con un peso minimo di 400 grammi. Il diametro varia da 18 a 20 centimetri, il colore può essere a scelta. Può essere di canapa o materiale sintetico, senza impugnature (ciascuna delle due estremità può essere però annodata). La lunghezza dipende dall’altezza della ginnasta (i piedi appoggiati sulla corda tesa, al centro, tenuta con le mani e le braccia flesse: le estremità devono arrivare sotto le ascelle). La fune ha un diametro uniforme o rinforzato al centro. Il colore è a scelta. -35-

36 Nelle competizioni minori, in genere organizzate da enti di promozione sportiva, e nelle competizioni FGI (Federazione Ginnastica d’Italia) categoria allieve (fino ai 12 anni), è prevista la competizione a corpo libero, cioè senza attrezzi, per mettere in risalto l'acquisizione corretta delle difficoltà. Un esercizio a corpo libero è tuttavia previsto anche in ciascuna gara del campionato federale di serie A, affidato a ginnaste di categoria Allieve o Juniores. -36-

37 Attualmente, la ginnastica ritmica è uno sport esclusivamente femminile, esiste tuttavia un movimento per la creazione ufficiale di una ginnastica ritmica maschile, che è già popolare in Giappone e si sta affermando in Spagna, dove è stata decisa l'organizzazione del primo campionato maschile riconosciuto dalla federazione locale. Non essendo ancora riconosciuta dalla Federazione Internazionale di Ginnastica, utilizza lo stesso codice e le stesse regole della ginnastica ritmica femminile. A differenza della ginnastica artistica, nella quale i programmi maschile e femminile sono nettamente differenziati, la ritmica maschile ha caratteristiche simili a quelle della femminile; tuttavia essa si trova ancora in una fase di evoluzione. -37-

38 Sono considerate materie prime tutti quei materiali che sono alla base della fabbricazione e produzione di altri beni tramite lavorazioni e processi industriali che permettono di ottenere il prodotto finale. La materia seconda deriva dal materiale recuperato dopo il suo precedente utilizzo ed essendo riutilizzabile permette di risparmiare materia prima. Le materie seconde -38-

39 Nel settore della ristorazione, in particolare in cucina, le materie prime svolgono una parte fondamentale per il buon risultato del prodotto finale. Se usiamo materie prime di qualità, il piatto che andremo a fare risulterà sicuramente più buono rispetto ad un piatto fatto nello stesso modo, ma con materie prime "scadenti". Materie prime in cucina sono principalmente i cereali, la frutta, la verdura, la carne e il pesce. -39-

40 Dal punto di vista economico le materie prime sono un input del processo produttivo. Il petrolio grezzo, per esempio, viene estratto allo stato naturale e successivamente viene processato in diverse fasi di lavorazione fino ad ottenere il prodotto finale, ad esempio la benzina. La lavorazione del petrolio grezzo fino all’ottenimento del prodotto desiderato. -40-

41 Attualmente esistono diversi mercati spesso specializzati in uno o più gruppi di materie prime. Tali mercati sono spesso collocati in prossimità di grandi zone di produzione o di raccolta. Sempre meno, però, le materie prime sono portate sui mercati ed anche gli operatori economici interessati sono sempre meno fisicamente presenti sulle piazze di contrattazione. Le trattative, i contratti, le vendite e gli acquisti sono ormai fatti principalmente attraverso mezzi telefonici, telegrafici o informatici. I prezzi sono rilevati e presentati con elevata precisione e rapidità e diffusi attraverso diversi canali specializzati. La qualità e la classificazione delle materie prime non si basano più su verifiche dirette e personali degli acquirenti, ma sono basate su classificazioni convenzionalmente accettate e condivise su standard internazionali ormai consolidati. In tal modo è tutto più veloce, sicuro e i prezzi più rispondenti all'effettivo andamento del mercato. Non per questo non sono possibili speculazioni, tentativi di condizionamento dei prezzi e del mercato. Per impedire che ciò si traduca in turbative dei mercati e in perdita di fiducia degli operatori, si prevedono dei comitati di sorveglianza che cercano di prevenire, impedire e correggere i possibili abusi. -41-

42 Australia, Brasile, Canada, Russia e Sudafrica. Sono questi i 5 paesi nei quali si concentra fra il 25 e il 90% delle materie prime fondamentali come platino, nichel, rame, ferro, uranio, oro, petrolio e risorse agricole. Le cinque potenze rappresentano il 29% delle terre emerse e riforniscono ormai tutto il mondo con le materie prime presenti sul proprio territorio e nel proprio sottosuolo. I cinque Paesi produttori di materie prime -42-

43 Tra Settecento e Ottocento vi furono numerose esplorazioni dell’interno del continente africano, per sete di conoscenza scientifica e spirito di avventura, ma soprattutto per scoprire risorse fino ad allora sconosciute. Così lo scozzese James Bruce compì un viaggio in Etiopia (1770), l’inglese Clapperton raggiunse il Ciad (1823) ecc. Più tardi però le esplorazioni geografiche iniziarono a non avere più più carattere prevalentemente scientifico, ma furono volte ad aprire la strada alla conquista e allo sfruttamento del territorio. Dopo il 1880, infatti, tutti i Paesi europei piantarono le loro bandiere tra l’Africa, l’Asia e l’Oceania, dando vita ad un nuovo colonialismo dove interveniva lo stato a conquistare militarmente la colonia e, successivamente, gli industriali e i commercianti sfruttavano le materie prime della colonia e vi vendevano i loro prodotti. Hugh Clapperton -43-

44 Le cause fondamentali dello sviluppo coloniale europeo nel XX secolo furono tre: a)Lo spirito imperialista. Gli stati europei, infatti, animati da un forte spirito di conquista, non potendo allargare i propri territori nel vecchio continente si espansero in Africa e in Asia. b)Lo sviluppo economico europeo. Le industrie, infatti, avevano bisogno di materie prime (carbone, petrolio, cotone, ecc.) che sia nel continente asiatico che in quello africano erano molto abbondanti. Inoltre le industrie man mano sfornavano sempre più prodotti che non riuscivano ad essere assorbiti dai mercati interni o per eccessiva povertà o per crisi di sovrapproduzione. Le colonie quindi servivano anche per vendere i prodotti. c)Il forte aumento della popolazione. La popolazione europea dopo la metà del ‘800 era aumentata moltissimo. Era quindi sempre più difficile per coloro che costituivano la manodopera trovare possibilità di lavoro e materie prime sufficienti, tanto che molti emigrarono nelle colonie per avviare lì una nuova attività. I Paesi colonizzati -44-

45 Nella maggior parte dei casi il Colonialismo fu esasperato ed aggressivo perché dominato solo dalla sete di ricchezza e di potere dei coloni. Si verificò infatti una spartizione del mondo, spesso con conflitti armati, tra i grandi e potenti stati europei. Alcune nazioni, su tutte l’Inghilterra, imposero agli abitanti delle loro colonie (gli indigeni) anche la propria cultura e il proprio modo di vita. La conquista del continente asiatico fu possibile grazie alla costruzione del canale di Suez che permise alle navi europee di accorciare le rotte evitando la circumna- vigazione dell’Africa. Così il Mediterraneo che aveva perso la sua importanza commerciale, in questi anni si ripopolò di navi e riconquistò la sua antica posizione di centro del commercio mondiale. Fu allora che i grandi esploratori cominciarono a penetrare nelle regioni interne dell’Africa con gli eserciti coloniali che prendevano possesso, in nome dei rispettivi stati, di alcune terre del continente africano. -45-

46 I francesi, insediandosi in Africa, conquistarono l’Algeria, estendendo i propri territori nella parte occidentale ed equatoriale del continente. L’Inghilterra che aveva tolto l’Egitto alla Turchia per il controllo del canale di Suez, entrò in possesso di un sistema coloniale che dal Cairo arrivava fino a Città del Capo togliendo alle popolazioni locali le terre ricche di giacimenti minerari. Alla spartizione dell’Africa fecero parte anche il Belgio (Congo), l’Italia (Eritrea e Somalia), la Germania (Africa sud-occidentale) e l’Olanda (Indonesia). In Asia l’espansionismo coloniale europeo si imbatté in imperi come quello cinese e giapponese, che si erano rigidamente chiusi nel loro isolamento, rispetto all’Occidente europeo. L’Inghilterra fu la prima a forzare il blocco dei porti cinesi. In seguito anche Russia, U.S.A. e Germania cominciarono a conquistare territori e mercati orientali. -46-

47 Lo sviluppo industriale ed economico, le migliori comunicazioni, le nuove forme di organizzazioni commerciali dei paesi Paesi colonizzatori avevano portato allo sfruttamento delle risorse delle colonie. Questo fatto a volte suscitò vari conflitti tra la mentalità e la cultura occidentale e quelle delle popolazioni locali. Ciò avvenne soprattutto in Africa dove le tradizioni tribali erano più forti e radicate, e dove la cultura individualistica europea provocava maggiori e più acute fratture. L’espansionismo coloniale ebbe notevoli ripercussioni anche sul sistema politico europeo poiché il rapporto di forze fra le varie nazioni venne lacerato completamente. Il colonialismo toccò inoltre un altro importante continente: L’Oceania Lo sviluppo industriale ed economico, le migliori comunicazioni, le nuove forme di organizzazioni commerciali dei paesi Paesi colonizzatori avevano portato allo sfruttamento delle risorse delle colonie. -47-

48 Una seconda fase del colonialismo è quella iniziata nel 19° secolo, di cui furono protagoniste soprattutto Gran Bretagna e Francia, seguite da Belgio, Germania e Italia. La trasformazione fu, in primo luogo, di carattere amministrativo: la direzione politica delle colonie venne sottratta alle compagnie private e passò direttamente al governo. Nella seconda metà dell'Ottocento, con il sostegno dei grandi gruppi economici nazionali, molti Stati europei cercarono prestigio e nuovi e più ampi sbocchi per merci e capitali: la soluzione consistette nell'espansione coloniale. Iniziò quindi una febbrile corsa agli armamenti, a cui si accompagnò naturalmente, una politica estera più aggressiva. Per descrivere questo clima complessivo si parlò di imperialismo -48- Solo dopo la Seconda guerra mondiale prese avvio il cosiddetto processo di decolonizzazione: finì così la lunga storia del colonialismo, con la liberazione dei paesi sottomessi al controllo delle potenze europee e la conseguente nascita di molti nuovi Stati nazionali. Non scomparvero tuttavia ingerenze di vario genere (soprattutto di carattere economico) da parte dei paesi ex coloniali nei confronti di quelli del Terzo e Quarto Mondo. Queste nuove forme di condizionamento vanno sotto il nome di neocolonialismo.

49 L’Oceania è il continente più lontano dall’Europa e comprende l’Australia con la Tasmania, la Nuova Zelanda, la Nuova Guinea ed un grandissimo numero di isole ed arcipelaghi minori sparsi nell’Oceano Pacifico e raggruppati convenzionalmente in Melanesia, Micronesia e Polinesia. -49-

50

51 Gli aspetti salienti dell’Oceania sono rappresentati dall’insularità, benché l’86% della sua area emersa sia costituita dall’Australia e dai contrasti geologici e morfologici dei territori che la compongono. Dalle vaste ed antiche superfici tabulari dell’Australia si passa alle forme aspre della Nuova Guinea e della Nuova Zelanda. Grande importanza presenta la distribuzione delle terre emerse rispetto all’Oceano. I contrasti termici maggiori si hanno infatti nelle regioni dell’interno australiano, caratterizzate da un clima continentale con forti escursioni termiche durante l’anno e scarse precipitazioni. La maggior parte delle isole è invece caratterizzata da un clima uniforme con temperature mitigate dai venti e da abbondanti precipitazioni. La Nuova Zelanda e le coste dell’ Australia sud orientale hanno invece un clima temperato. -51-

52 In Oceania sono presenti diversi tipi di flora, dalle foreste tropicali, alle savane erborate caratterizzate da eucalipti e pini alle aree steppiche a cespugli. Le foreste ricoprono buona parte della Nuova Zelanda. L’Oceania, che fa parte dal punto di vista zoo-geografico della regione Australiana, presenta una fauna assai simile a quella dell’Australia. L’Oceania è la parte del mondo meno popolata con una densità di 3ab/Km 2. La popolazione tuttavia è distribuita in maniera irregolare, passando da oltre 100ab/Km 2 in certe isole e sulle coste dell’Australia a vaste aree spopolate dell’interno del continente Australiano e della Nuova Zelanda. La popolazione è formata da elementi assai eterogenei; in maggioranza è costituita da bianchi in continuo aumento dovuto alla forte immigrazione diretta principalmente verso l’Australia e la Nuova Zelanda mentre gli indigeni sono in numero maggiore nelle isole. -52-

53 Le città e gli agglomerati urbani più popolosi si trovano in Australia; si tratta di centri spesso del tutto simili alle metropoli occidentali, come nel caso di Sydney e Melbourne, le più importanti città australiane. Vi sono città medie e medio-grandi anche in Nuova Zelanda: l’agglomerato urbano di Auckland, nell’isola del Nord, supera il milione di abitanti; nell’isola del Sud l’agglomerato più popoloso è quello di Christchurch. -53-

54 L'Australia gode di un sistema economico ben sviluppato in tutti i campi, che l'ha portata in breve tempo ad essere conosciuta ed importante in tutto il mondo. Il settore primario comprende solo il 5% degli occupati; l'agricoltura, infatti, è molto svantaggiata dal clima arido del territorio permettendo lo sfruttamento solo del 6% di esso. Nel bacino del Murray (area agricola principale) produce cereali come grano e orzo, mentre a Nord nel Queensland si coltivano cotone e canna da zucchero. Nelle regioni sud-orientali è molto diffusa la coltura della vite. Per quanto riguarda il settore primario, più che l'agricoltura è di fondamentale importanza l'allevamento che sfrutta le estese zone pianeggianti adibendole al pascolo. Quello ovino è il più produttivo e caratteristico, che porta l'Australia ad essere il primo produttore al mondo di lana. Il settore secondario occupa il 21% delle persone. Le attività industriali sono in continuo sviluppo specialmente in Australia, con importanti impianti siderurgici, metallurgici, meccanici, tessili e chimici. Le risorse minerarie ed energetiche, come piombo, zinco, ferro, rame, stagno, oro, uranio, carbone e petrolio, hanno incrementato lo sviluppo dell'industria. -54-

55 L'esportazione si basa principalmente su prodotti agricoli, zootecnici e minerari. I maggiori partner commerciali australiani sono il Giappone, gli Stati Uniti, l'Unione Europea e la Cina. Molto sviluppate sono le attività legate ai servizi finanziari. -55-

56 The United States of America are a big country located in the middle and South part of the North American continent. It extends from Pacific Ocean in the west to Atlantic Ocean in the east. This country consists of 50 states and includes Alaska in the North of Canada and Hawaii far out in the Pacific Ocean. There are different kinds of lands and weather. For example there are the frozen lands of Alaska opposite to the sunny and warm beaches of Florida. Furthermore you can find the high Rocky Mountains in the east and very large prairies in the middle west. With this variety of lands, there are many natural spectacular things, like Grand Canyon, Mississippi river and Niagara falls. Originally the USA were 13 colonies controlled by British government founded by the English Pilgrim Fathers on the east coast. They fought for the Independence that received only in So the USA were born. After this the American government bought the Louisiana and the American pioneers reached the west coast joining the French territories. Later the French gave to Americans a gift, The Statue of Liberty that today symbolizes the fact that the majority part of the people in the USA come from other countries. There are Italians, Chinese, French, British and today almost every American is a descendant of an immigrant. This mix of cultures is known as “Melting pot”. -56-

57

58 Melting Pot is a place where people of different cultures mix. European settlement began in 1626, with the arrive of Dutch merchants that bought the island of Man- ha-ten from the natives. They called it New Amsterdam. In 1664 the English conquered the city and renamed it New York in honour of the Duke of York. Since then the arrival of thousands of immigrants, mainly from Europe, transformed the city. Germans, Italians, Irish, Jews, Poles and Russians changed the city forever. In New York there are many quarters characterized by the ethnic cultures of the people who first lived there. So we find Chinatown, Harlem, Little Italy and so on. On September 11 TH 2001 New York was shocked by a terroristic attack: the World Trade Centre was destructed by airplanes impact and nearly 3000 people died. -58-

59 Located at the entrance of New York Harbour, Lady Liberty welcomes visitors, immigrants, and Americans since when French donated it to the United States to commemorate their friendship during the American War of Independence. The Statue of Liberty was the first thing that immigrants sighted when they approached New York so it has became the symbol of immigration to the USA. -59-

60 Today the USA flag consists of 13 strips that represent the original thirteen colonies and 50 stars that represent the today’s 50 states. It has got three colours: red, blue and white. They are the same colours of the English flag (the Union Jack) to remember the origins. The Union Jack symbolizes the administrative union of the countries of the United Kingdom. It is made up of the individual Flags of three of the Kingdom's countries all united under one Sovereign. -60-

61 The National flag of England is represented by the cross of St. George The National flag of Scotland is represented by the cross of St. Andrew The National flag of Ireland is represented by the cross of St. Patrick. -61-

62 -62- Ireland (St. Patrick) England (St. George) Scotland (St. Andrew)

63 “Tutti amano i buoni, ma li sfruttano. Tutti detestano i cattivi, ma li temono e li ubbidiscono.” (Vittorio Buttafava, La vita è bella nonostante, 1975) -63-

64 I momenti di svago, il gioco, sono una necessità per gli esseri umani, ma in particolare per i bambini di tutto il mondo. Purtroppo però, le cronache televisive, dei quotidiani o delle riviste, spesso ci informano di ragazzi della nostra età che vivono in condizioni di povertà, di sfruttamento, se non ancora peggio, in situazioni di guerra. Da una recente inchiesta dell’ Istat (Istituto ufficiale italiano di indagini statistiche), risulta che sono oltre mezzo milione i ragazzi di età inferiore ai quindici anni che lavorano, di nascosto e a pochi euro all’ora, anche in un Paese considerato “sviluppato” come l’Italia. Lavorano in campagna, nei negozi, nei bar e nei ristoranti, in laboratori o piccole officine. La conseguenza più grave di tutto ciò è che a tutti questi ragazzi vengono negati i diritti a vivere serenamente la propria infanzia e la propria adolescenza, in particolare il diritto di gioco, allo studio, a non essere sfruttati dagli adulti. Naturalmente nei Paesi poveri e sottosviluppati (in particolare quelli nel Sud del Mondo), questa situazione è molto più grave e lo sfruttamento è ancora più intenso. Secondo i dati UNICEF, all’inizio del terzo millennio, caratterizzato da tecnologie sempre più raffinate, l’impiego di bambini lavoratori è ancora un triste dato di fatto e raggiunge l’impressionante cifra di 218 milioni di piccoli schiavi, che ci inducono a fermarci e a riflettere. -64-

65 In relazione allo sfruttamento minorile vi è una famosa novella di Giovanni Verga intitolata “Rosso Malpelo”. Giovanni Verga nacque in Sicilia nel 1840 da una famiglia ricca. Abbandonò molto presto gli studi di giurisprudenza per dedicarsi ad una vita letteraria. Siccome abitava nel Meridione conosceva la miseria e nelle sue opere, infatti, adottò la tecnica dell’impersonalità dove preferiva non commentare la realtà poiché pensava che essa parlasse da sola. Sottolineò però la legge del più forte affermando che il debole è sempre destinato a soccombere e che non c’è modo per aggirare questa regola. Ciò fa assumere alle sue opere un tono pessimista. -65-

66 Una delle opere più famose e che forse rispecchia maggiormente l’argomento è la novella Rosso Malpelo. Essa narra la storia di un ragazzino adolescente conosciuto da tutti con questo nome per i suoi capelli rossi che in quel periodo significavano cattiveria e inganno. Proprio per questo motivo non era visto bene da tutti. Inoltre questo ragazzino era costretto a lavorare in una cava, come suo padre. Inizialmente è stato proprio il genitore ad insegnargli come si lavorava e soprattutto come doveva fare per non farsi male. Tutto questo avveniva sotto gli occhi attenti del padrone che, con la sua pipa in bocca, non faceva altro che dettare legge. Tutto andò avanti per un periodo più o meno lungo di tempo fin quando l’adolescente venne a sapere della morte del padre causata da una massa di terra cadutagli addosso durante un lavoro notturno. Il ragazzo prima di allora non era mai stato ribelle e cattivo come si diceva, anzi accettava di essere punito anche se innocente. Quell’episodio però ha fatto salire in lui tutto l’istinto ribelle e cattivo che fino ad allora aveva tenuto nascosto. -66-

67 Dopo un periodo di tristezza e solitudine conobbe un ragazzo della sua stessa età chiamato Ranocchio per la sua difficoltà nel camminare a seguito di un incidente. Ben presto questa conoscenza diventerà una grande ed intensa amicizia in cui il protagonista riuscirà a riscoprire se stesso grazie alla profonda vicinanza del ragazzo. Gli dimostrava affetto, a volte a modo suo, ma se la sua vita andava avanti era per merito di Ranocchio. Non mancavano gli episodi in cui Rosso Malpelo picchiava l’amico, alcune volte anche a sangue. Poi un giorno mentre lavorava nella cava riconobbe gli indumenti del padre. Ben presto fu rinvenuto anche il corpo, ma la cosa fu tenuta nascosta al ragazzo. La madre, che come tutti gli altri pensava che suo figlio fosse un delinquente, non fece mai nulla per lui se non picchiarlo con l’aiuto della sorella fino a quando decise di adattare gli indumenti del padre al ragazzo e dare lui gli stessi utensili che non avrebbe mai venduto. Con il passare del tempo Ranocchio si ammalò e la sua situazione divenne così grave da lasciare solo il ragazzo per l’ennesima volta. -67-

68 La sua vita continuò e il protagonista decise di giocarla sul coraggio. Così fu scelto per perlustrare una via sotterranea dove scomparirà per sempre. Una storia triste, dove oltre alla rabbia traspare la cattiveria dell’essere umano. Racconto denso dove è proprio il protagonista a spiegare al lettore i meccanismi sociali e psicologici che danno vita a comportamenti violenti e da cui traspaiono, inoltre, le caratteristiche fondamentali della maledizione umana e di “tradizioni” che si tramandano di padre in figlio. Diciamo quindi basta allo sfruttamento minorile perché un’istruzione oggi da un futuro un domani. -68-

69 Nella Costituzione dall’articolo 35 al 40 vi sono riportate varie norme per la tutela dei lavoratori. Viene riconosciuto il diritto alla fatica e alla responsabilità del lavoratore, al lavoro all’ estero, ad una retribuzione proporzionata all’abilità e anche idonea a consentire a lui e alla sua famiglia un’esistenza “libera e dignitosa”. Si tutela anche la durata massima della giornata lavorativa e il diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite. Gli articoli successivi si riferiscono al lavoro delle donne e dei minori (che abbiano compiuto 15 anni) e riconosce parità di lavoro e di retribuzione per uomini e donne. Vengono inoltre riconosciute le norme per la previdenza e assistenza e per le assicurazioni obbligatorie e affermato il diritto alla libertà di organizzazione dell’attività sindacale e il diritto di sciopero. -69-

70 Oltre alla Costituzione, in forma integrativa, è stato emanato con la legge 300 lo Statuto dei Lavoratori, entrato in vigore il 20 Marzo Lo Statuto dei Lavoratori ha lo scopo di tutelare i diritti fondamentali dei lavoratori dipendenti e delle rappresentanze sindacali di fabbrica garantendo un corretto rapporto tra questi e la direzione aziendale, oltre a sancire la libertà di opinione del lavoratore. Il testo dello Statuto dei Lavoratori contiene norme specifiche. “Il Quarto Stato” simbolo della protesta sociale e dell’affermazione della classe del proletariato che diventa consapevole dei propri diritti nei confronti della società industriale. -70-

71 -71- Il governo ha poi costituito degli organi di tutela del lavoro quali:  il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che controlla e interviene come mediatore nelle controversie tra datori e lavoratori;  l’Ispettorato del Lavoro che è l’organo di vigilanza per il rispetto della norme sul lavoro;  l’Ufficio del Lavoro, Agenzie per il lavoro e Centri per l'impiego istituiti per il collocamento dei lavoratori e l’assistenza agli emigrati;  l’Organizzazione Internazionale del Lavoro che opera in ambito internazionale.

72 P P Mi deporte y actividades de ocio preferidas Yo practico gimnasia ritmica un deporte que puede ser individual y de equipo. He conocido este deporte cuando tenìa cuatro años y inmediatamente me enamorè de la gimnasia. Desde aquel dia yo nunca he dejado practicarlo. Ha entrado en mi corazòn. Creo que esto es uno de los pocos deportes donde se puede expresar el caracter y los sentimentos. Es un deporte de elegancia y expresiòn. Y cuando voy al gimnasio para entrenarme mis malos pensamientos desaparecen y en aquellas très horas mi sonrisa se levanta y entre risas y dolor aquella relacion se fortalece. Yo me entreno cuatro veces a la semana: los lunès y los martès por tres horas y los miercoles y los viernès por dos horas. Nos entrenamos en gimnasios diferentès porque la unica sede està en Aprilia y solo a veces vamos allì. Hay cinco aparatos principales que son la cuerda, aro, mazas, pelota y la cinta. Mis preferidos son la cuerda y el aro. Muchas veces es dificìl aceptar de no obtener resultados despuès de horas y horas de duro trabajo pero solo son unos ratos porquè enseguida todas las compañeras me ofrecen su cariño y toda la còlera desaparece. Esto es lo que me encanta más. Mi deporte y actividades de ocio preferidas Yo practico gimnasia ritmica un deporte que puede ser individual y de equipo. He conocido este deporte cuando tenìa cuatro años y inmediatamente me enamorè de la gimnasia. Desde aquel dia yo nunca he dejado practicarlo. Ha entrado en mi corazòn. Creo que esto es uno de los pocos deportes donde se puede expresar el caracter y los sentimentos. Es un deporte de elegancia y expresiòn. Y cuando voy al gimnasio para entrenarme mis malos pensamientos desaparecen y en aquellas très horas mi sonrisa se levanta y entre risas y dolor aquella relacion se fortalece. Yo me entreno cuatro veces a la semana: los lunès y los martès por tres horas y los miercoles y los viernès por dos horas. Nos entrenamos en gimnasios diferentès porque la unica sede està en Aprilia y solo a veces vamos allì. Hay cinco aparatos principales que son la cuerda, aro, mazas, pelota y la cinta. Mis preferidos son la cuerda y el aro. Muchas veces es dificìl aceptar de no obtener resultados despuès de horas y horas de duro trabajo pero solo son unos ratos porquè enseguida todas las compañeras me ofrecen su cariño y toda la còlera desaparece. Esto es lo que me encanta más. -72-

73 Ningun obstàculo pondrà pararte hasta la voluntà de volar serà mas fuerte de el miedo de cader. Porquè el esfuerzo de meses se reconoce en un minuto y medio. Es mejor decir un "lo intenté" que preguntarse que hubiera pasado. -73-

74 Mi futuro Tambièn este año ha terminado y yo ya he elegido la escuela donde irè. Como vuela el tiempo... Parece ayer que yo y mis compañeros nos sentabamos sobre aquellas sillas y mirabamos la clase asustadas...y ya tenemos que tomar caminos diferentes... Cada uno ha elegido la escuela superior y yo he decidido de intrapender una escuela que podrìa darme la posibilidad de estudiar por la mayoria las asignaturas cientificas porquè me encantan mucho. Me gustaria mucho ser un mèdico y ayudar moralmente las personas que estàn en malas situaciones fisicas porque creo que tambièn el ultimo minuto de la vida debe ser vivido sonriendo. Cuando era mas pequeña no me gustaba este trabajo porque pensaba que era muy dificìl pero con el pasar del tiempo mis gustos han cambiado... Me gustarìa tambièn no trabajar en Italia sino en otro paìs como en America por ejemplo o en Inglaterra. Pero yo no sé con seguridad lo que harè en mi futuro. Creo que algunos de los proyectos que ahora estàn en mi mente son solo sueños y espero que lo que digo un dia se podrà realizar. Ahora pienso en disfrutar estos años de escuela que para mi son los mejores, pienso en el presente. Mi futuro Tambièn este año ha terminado y yo ya he elegido la escuela donde irè. Como vuela el tiempo... Parece ayer que yo y mis compañeros nos sentabamos sobre aquellas sillas y mirabamos la clase asustadas...y ya tenemos que tomar caminos diferentes... Cada uno ha elegido la escuela superior y yo he decidido de intrapender una escuela que podrìa darme la posibilidad de estudiar por la mayoria las asignaturas cientificas porquè me encantan mucho. Me gustaria mucho ser un mèdico y ayudar moralmente las personas que estàn en malas situaciones fisicas porque creo que tambièn el ultimo minuto de la vida debe ser vivido sonriendo. Cuando era mas pequeña no me gustaba este trabajo porque pensaba que era muy dificìl pero con el pasar del tiempo mis gustos han cambiado... Me gustarìa tambièn no trabajar en Italia sino en otro paìs como en America por ejemplo o en Inglaterra. Pero yo no sé con seguridad lo que harè en mi futuro. Creo que algunos de los proyectos que ahora estàn en mi mente son solo sueños y espero que lo que digo un dia se podrà realizar. Ahora pienso en disfrutar estos años de escuela que para mi son los mejores, pienso en el presente. -74-


Scaricare ppt "-1-. -2- Le materie prime Scienze Il cibo Ed. Musicale Le note musicali Ed. Artistica Piet Mondrian, l’Astrattismo e i colori primari Ed. Fisica Gli attrezzi."

Presentazioni simili


Annunci Google