La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Quadro normativo e culturale della Riforma del Secondo Ciclo e Nuovo Obbligo di Istruzione Relatrice: Dott.ssa Anna Maria Sermenghi Dirigente Scolastico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Quadro normativo e culturale della Riforma del Secondo Ciclo e Nuovo Obbligo di Istruzione Relatrice: Dott.ssa Anna Maria Sermenghi Dirigente Scolastico."— Transcript della presentazione:

1 Quadro normativo e culturale della Riforma del Secondo Ciclo e Nuovo Obbligo di Istruzione Relatrice: Dott.ssa Anna Maria Sermenghi Dirigente Scolastico Liceo Classico “Empedocle” Agrigento Corso di formazione I.I.S.S. “Madre Teresa di Calcutta” Casteltermini – 6 Marzo

2 Quale Riforma? LEGGE N.53 DEL 28 MARZO 2003 Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale Entro 24 mesi dalla sua pubblicazione sulla gazzetta ufficiale il Governo dovrà adottare i Decreti attuativi Contesto Europeo Riforma del titolo V della Costituzione Autonomia della Istituzioni scolastiche Valorizzazione della persona umana Cooperazione scuola-famiglia 2

3 Quale Riforma? Articolazione primo ciclo LEGGE N.53 DEL 28 MARZO 2003 Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale DECRETO LEGISLATIVO N.59 DEL 19 FEBBRAIO 2004 DECRETO ATTUATIVO PER IL PRIMO CICLO Definizione delle norme generali relative alla scuola dell’infanzia e al primo ciclo dell’istruzione, a norma dell’art.1 della legge 28 marzo 2003 n.53 CIRCOLARE MINISTERIALE N.29 DEL 5 MARZO 2004 Indicazioni e istruzioni sull’applicazione del D.L.vo 19 febbraio 2004 n. 59 ALLEGATI TECNICI ALLEGATO AIndicazioni Nazionali per i Piani Personalizzati delle attività educative nelle scuole dell’infanzia ALLEGATO BIndicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria ALLEGATO CIndicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Secondaria di I° Grado ALLEGATO DProfilo Educativo, Culturale e Professionale dello Studente alla fine del I° Ciclo di Istruzione (6-14 anni) 3

4 Quale Riforma? Articolazione primo ciclo LE NUOVE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO DECRETO MINISTERIALE 31 LUGLIO 2007 Disciplina la graduale attuazione delle Indicazioni Nazionali per il Curricolo definite in via sperimentale DIRETTIVA MINISTERIALE N.68 DEL 03 AGOSTO 2007 Prevede misure di accompagnamento e di sostegno formativo alle scuole nella fase di prima attuazione delle Indicazioni Nazionali per il Curricolo Le nuove indicazioni nazionali per il curricolo rispondono all’esigenza di creare un raccordo di principi e contenuti tra il primo ciclo di istruzione e il biennio successivo nella prospettiva del nuovo obbligo di istruzione. 4

5 Quale Riforma? Articolazione secondo ciclo LEGGE N.53 DEL 28 MARZO 2003 Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale DECRETO LEGISLATIVO N. 76 DEL 15 APRILE 2005 Definizione delle norme generali sul diritto-dovere all’istruzione e alla formazione, a norma dell’art. 2, comma 1, lettera c, della legge 28 marzo 2003 n. 53 DECRETO LEGISLATIVO N. 77 DEL 15 APRILE 2005 Definizione delle norme generali relative all’alternanza scuola-lavoro, a norma dell’art. 4 della legge 28 marzo 2003 n. 53 5

6 Quale Riforma? Articolazione secondo ciclo DECRETO LEGISLATIVO N. 226 DEL 17 OTTOBRE 2005 Decreto attuativo per il SECONDO CICLO Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni relativi al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione, a norma dell’art. 2 della Legge 28 marzo 2003 n. 53 ALLEGATI P.E.C.U.P.Secondo Ciclo P.E.C.U.P.Sistema dei Licei INDICAZIONI NAZIONALI PER I PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI ORARI DI INSEGNAMENTO L.E.P. O.S.A. DECRETO MINISTERIALE 28 DICEMBRE 2005 Tabella di confluenza dei percorsi di istruzione previsti dall’ordinamento previdente nei percorsi liceali DECRETO MINISTERIALE 28 DICEMBRE 2005 Incremento fino al 20% della quota dei piani di studio 6

7 Quale Riforma? Innalzamento dell’obbligo IL NUOVO OBBLIGO DI ISTRUZIONE DECRETO MINISTERIALE N. 139 DEL 22 AGOSTO 2007 Regolamento recante norme in materia di adempimento dell’obbligo di istruzione, ai sensi dell’articolo 1, comma 622, della legge 27 dicembre 2006 n. 296 Documento Tecnico Assi Culturali Competenze Chiave Di Cittadinanza LINEE GUIDA 27 DICEMBRE 2007 Il contesto di riferimento Aspetti generali Orientamento e recupero Formazione Valutazione e certificazione Sostegno e osservazione del processo Finanziamenti

8 Quale Riforma? Articolazione secondo ciclo LEGGE N. 40 DEL 2 APRILE 2007 > Art. 13 Commi: 1, 1-bis, 1-iter, 1-quater, 1-quinquies, 1-sexies, 2 “Disposizioni urgenti in materia di istruzione tecnico-professionale e di valorizzazione dell’autonomia scolastica” Soppressione del liceo economico e tecnologico. Gli Istituti Tecnici e gli Istituti Professionali sono riordinati e potenziati come Istituti Tecnici e Professionali appartenenti al sistema dell’istruzione secondaria superiore, finalizzati istituzionalmente al conseguimento del diploma. E’ prevista l’adozione di regolamenti per ridurre il numero degli attuali indirizzi, ammodernarli in ampi settori tecnico-professionali, articolati in un’area comune e in un’area d’indirizzo, riorganizzarne il monte-ore annuale e potenziarne le attività laboratoriali e di stage 8

9 Quale Riforma? Articolazione primo e secondo ciclo DECRETO – LEGGE n. 112 DEL 25 GIUGNO 2008 Convertito nella LEGGE N. 133 DEL 6 AGOSTO 2008 “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria” ART. 64 SCHEMA DI PIANO PROGRAMMATICO DI INTERVENTI SULLA SCUOLA Revisione degli ordinamenti scolastici Riorganizzazione della rete scolastica Razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane delle scuole 9

10 Quale Riforma? Articolazione secondo ciclo D.P.R. n° 89 del 15/03/2010 Regolamento recante “Revisione dell’assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei ai sensi dell’art. 64, comma 4 del decreto legge 25 giugno 2008, n° 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n°133”. Regolamento… Istituti Tecnici… D.P.R. n° 88 del 15/03/2010 Regolamento… Istituti Professionali… D.P.R. n° 87 del 15/03/2010 Indicazioni Nazionali per il Sistema dei Licei Linee Guida per gli Istituti Tecnici Linee Guida per gli Istituti Professionali 10

11 ESAME DI STATO 2 LAUREA SPECIALISTICA 2 LAUREA FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE UNIVERSITA’ Scuola Primaria Scuola Secondaria Di 1 Grado PRIMO CICLO Scuola dell’infanzia ETA’ 18,5 13,5 5,5 Ipotesi inizio a 2,5 anni 2,5 ETA Ipotesi inizio a 3 anni Sistema dei liceiIstruzione Tecnica Istruzione professionale Formazione Professionale QUALIFICA Regioni Diploma Liceo Artistico Liceo Classico Liceo Linguistico Liceo Musicale e Coreutico Liceo Scientifico Liceo delle Scienze umane 6 Licei2 settori Economico Tecnologico 2 INDIRIZZI 9 INDIRIZZI 1)Amministrazione Finanza e marketing 2)Turismo Meccanica,Meccatronica ed Energia Trasporti e logistica Elettronica ed Elettrotecnica Informatica e Telecomunicazioni Grafica e Comunicazione Chimici, Materiali e Biotecnologie Sistema Moda Agraria e Agroindustria Costruzioni, Ambiente e territorio 2 LAUREA SPECIALISTICA 2 LAUREA ESAME DI STATO 2 settori Settore dei servizi 5 INDIRIZZI Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale Servizi per la manutenzione e l’assistenza tecnica Servizi socio-saitari Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera Servizi commerciali Settore Industria e artigianato 1 INDIRIZZO Produzioni artigianali e industriali Diploma Secondo ciclo 11

12 12

13 13

14 14

15 15 LA SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA Il Consiglio Europeo, riunitosi a Lisbona nel marzo 2000, ha conferito all’Unione un nuovo ambizioso obiettivo: diventare entro il 2010 “l’economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo”. Infatti la conoscenza - oltre a fondare la libertà della persona, la relazione con l’altro e con il mondo, la costruzione della società - è una risorsa importante per lo sviluppo dell’economia e della società. Se la conoscenza ha sempre influito nell’evoluzione dei sistemi produttivi, a partire dalla rivoluzione industriale è diventata forza produttiva fondamentale. All’inizio degli anni Novanta si è cominciato a parlare di “crescita basata sulla conoscenza” e di “economia della conoscenza”,

16 L’evoluzione del mercato del lavoro nella “società della conoscenza” sta pertanto cambiando radicalmente i modelli culturali e organizzativi dell’accesso al lavoro e delle professioni. Se tutti I lavori sono “cognitivi”, se la conoscenza è il fattore decisivo nella produzione e nell’economia, l’istruzione e quindi la scuola, rispetto al passato, assumono sempre più rilevanza sul piano economico e sociale. Società della conoscenza, infatti, significa società dell’apprendimento; per questo nel nesso tra formazione e professionalità si gioca buona parte del futuro economico e civile del nostro paese 16

17 17 IL PARADIGMA DELLA COMPLESSITÀ La scienza moderna è nata nel XVII secolo da una scelta drastica: quella di rinunciare a studiare la natura come un tutto organico per concentrarsi su fenomeni semplici e quantificabili, isolandoli da tutto il resto La revisione critica dell’approccio riduzionista si è sviluppata in questi ultimi decenni con riflessioni provenienti dalla teoria della complessità assunta come paradigma. Il concetto teorico che le compete non è più il riduzionismo ma l’“emergenza”.

18 Nuovi paradigmi scientifici stanno alla base della teoria della complessità: Il principio di indeterminazione-impossibilità di conoscere il presente in tutti i suoi dettagli La teoria del caos – imprevedibilità dell’effetto rispetto alla causa il principio della causalità circolare considera le diverse cause e i diversi effetti come aspetti interconnessi della realtà,che formano l’intreccio complesso della vita 18

19 La sfida che la complessità prospetta alla scienza è soprattutto quella di esplorare e sviluppare il territorio dell’interdisciplinarità, della multidimensionalità del reale, della complementarietà dei saperi. Nel nuovo paradigma della complessità, le diverse discipline si presentano come un sistema a rete, con correlazione e nodi multipli. 19

20 Anche le più recenti ricerche sulle modalità di funzionamento dei nostri processi cerebrali sottolineano con chiarezza l’improponibilità dello schema classico conoscenza-azione (ovvero prima conoscenza e poi azione) nella logica causa- effetto, e individuano la natura costruttivistica e sociale del conoscere. La percezione umana appare immersa nella dinamica dell’azione, per cui esiste un nesso assai stretto tra percezione, azione e progetto. 20

21 21 PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA E DELLA TECNICA L’insieme di queste acquisizioni sono interpretabili come critica radicale ad una concezione del sapere che esalta solo gli indirizzi di studio a carattere teorico e a quei sistemi scolastici che attribuiscono assoluta prevalenza al pensiero sull’azione, alla teoria sulla prassi, all’approccio deduttivo su quello induttivo, al sapere sul saper fare, alle attività intellettuli su quelle pratiche

22 22 Il modello curricolare della scuola secondaria italiana è costruito su una gerarchia dei saperi che prevede implicitamente la superiorità delle discipline umanistiche su quelle scientifiche, Questa concezione ha egemonizzato per quasi un secolo il sistema scolastico del nostro paese e di conseguenza ha accentuato la dicotomia tra cultura umanistica e cultura scientifica, tra formazione e lavoro, relegando ad un ruolo subalterno gli istituti tecnici e professionali

23 23 L’insegnamento della scienza e della tecnica alle giovani generazioni si pone, perciò, entro un orizzonte generale in cui la cultura va vista come un tutto unitario, dove pensiero ed azione sono strettamente intrecciati così da formare personalità complete in grado di sviluppare le proprie prerogative umane nel cogliere le sfide presenti nella realtà e nel dare ad esse risposte utili ma anche dotate di senso, nella consapevolezza, del resto, che sviluppo o declino economico sono anche sempre frutto di sviluppo o declino etico, sociale e culturale.

24 24 Dalle coscienze più lucide del nostro tempo, come Edgar Morin, viene l’invito a superare quella frammentazione e separazione dei saperi che provoca la loro sterilità. E’ dalla connessione tra scienza e umanesimo che si può realizzare sia lo sviluppo di straordinarie scoperte e geniali teorie, sia la riflessione sui grandi interrogativi umani.

25 25 L’EQUIVALENZA DEI PERCORSI DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Un sostegno alla equivalenza dei saperi e delle attitudini individuali viene anche dal superamento della concezione monolitica dell’intelligenza, che ovviamente finiva per valorizzare solo le intelligenze più capaci di astrazione e di concettualizzazione

26 26 L’acquisizione dell’idea di molteplicità e non gerarchizzazione delle intelligenze ha contribuito a superare la subordinazione di una forma di intelligenza rispetto alle altre. L’equivalenza formativa degli ordini di scuola superiore ha trovato una prima applicazione nel Nuovo Obbligo di Istruzione, in cui i saperi e le competenze, riferiti ai quattro assi culturali dei linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico e storico-sociale del primo biennio, “assicurano l’equivalenza formativa di tutti I percorsi che non significa uniformità; proprio la molteplicità delle intelligenze e degli stili cognitivi, insieme alle richieste articolate della realtà produttiva, impone la differenziazione degli indirizzi di studio

27 Quale prospettiva culturale si delinea coniugando l’impianto di riforma del 1° e del 2° ciclo con l’elevamento dell’Obbligo di Istruzione? 27

28 SCUOLA DELL’INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Indicazioni Nazionali per il Primo Ciclo Cultura, Scuola, Persona Nuova cittadinanza e nuovo umanesimo L’organizzazione del Curricolo: Campi di esperienza Discipline e aree disciplinari Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE (Prove Invalsi) PRIMO CICLO 28

29 1°BIENNIO Assi culturali: Saperi e competenze VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NUCLEI2°BIENNIO DISCIPLINARI QUINTO ANNO Discipline: Linee Generali e Competenze attese Obiettivi specifici di apprendimento VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Regolamento obbligo di istruzione Indicazioni Nazionali per i LICEI Linee Guida per gli Istituti Tecnici e Professionali SECONDO CICLO 29

30 In tale prospettiva di continuità le Indicazioni Nazionali per i Licei si correlano al Nuovo Obbligo di Istruzione e al PECUP delineato nell’Allegato A del Regolamento sul Riordino dei LiceiPECUP Chiama in causa il concorso e la piena valorizzazione di tutti gli aspetti del lavoro scolastico RISULTATI DI APPRENDIMENTO (Comuni all’ istruzione liceale e peculiari a ciascun percorso) Area metodologica Area logico-argomentativa Area linguistica e comunicativa Area storico-umanistica Area scientifica, matematica e tecnologica RISULTATI TRASVERSALI cui concorrono le diverse discipline 30

31 i percorsi di istruzione nei bienni obbligatori, unitari, articolati, orientativi sono finalizzati a * assolvimento dell’obbligo decennale è il primo livello di uscita dall’istruzione degli 8 individuati dall’UE * accesso ai trienni statali * accesso alla formazione professionale regionale * accesso all’apprendistato o al lavoro con supporti di formazione Il QEQ 31

32 sviluppo del curricolo 1 Infanzia 2 infanzia 3 infanzia traguardi per lo sviluppo delle competenze 1 cl. prim. 2 cl. prim. 3 cl. prim. obiettivi di apprendimento 4 cl. prim. 5 cl. prim. obiettivi di apprendimento traguardi per lo sviluppo delle competenze 1 cl. media 2 cl. media 3 cl. media obiettivi di apprendimento traguardi per lo sviluppo delle competenze 1 cl. biennio 2 cl. biennio certificazione delle competenze culturali e di cittadinanza 32

33 La centralità delle competenze e le scelte per il biennio italiano: - i quattro assi culturali - le otto competenze chiave 5. 33

34 Le competenze secondo il Quadro Europeo delle Qualifiche Raccomandazione del Parlamento e del Consiglio europeo del 5 settembre 2006 “La COMPETENZA è la capacità dimostrata di utilizzare le conoscenze, le abilità e le attitudini personali, sociali e/o metodologiche in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale. Nel QEQ le COMPETENZE sono descritte in termini di responsabilità e autonomia” 34

35 Gli insegnamenti dei bienni, aggregabili attorno a quattro assi culturali strategici, dei linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale, costituiscono la base contenutistica pluridisciplinare e metodologica per lo sviluppo di competenze culturali e trasversali (diagnosticare, affrontare, relazionarsi) Queste costituiscono la trama su cui si individuano e si definiscono quelle competenze chiave per la cittadinanza attiva, richiamate dalla Raccomandazione europea, che devono essere raggiunte al termine dell’obbligo di istruzione 35

36 36 Le competenze di cittadinanza afferiscono ai quattro assi culturali, hanno la loro matrice nelle conoscenze disciplinari e ne esaltano le interazioni pluridisciplinari Tali competenze investono anche le aree della identità personale e della responsabilità sociale del soggetto in apprendimento e vanno oltre gli obiettivi posti dagli insegnamenti puramente disciplinari

37 37 Nei bienni unitari, articolati e orientativi, i percorsi disciplinari, riconducibili a quattro assi culturali, sono implementati di un valore aggiunto finalizzato a fare acquisire all’alunno le competenze chiave di cittadinanza Disc. ADisc. BDisc. CDisc. D ecc. competenze chiave per la cittadinanza attiva quattro assi culturali dei linguaggi matematico scientifico-tecnologico storico-sociale

38 38 Raccordi di massima con le 8 competenze chiave europee Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 Assi del biennio italiano dei linguaggi matematico scientifico-tecnologico storico-sociale Competenze chiave UE Comunicazione nella madre lingua Comunicazione nelle lingue straniere Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologie Competenza digitale Imparare ad imparare Competenze interpersonali, interculturali e sociali e competenza civica Imprenditorialità Espressione culturale operare essere per interagire conoscere conoscere

39 39 Per ciascun asse sono individuate le conoscenze le abilità/capacità le competenze

40 40 La scelta italiana – competenze dell’asse linguistico * padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l’interazione comunicativa verbale in vari contesti * leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo * produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi * utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi * utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario * utilizzare e produrre testi multimediali

41 41 La scelta italiana – competenze dell’asse matematico * utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica * confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni * individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi * analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l’ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico

42 42 La scelta italiana – competenze dell’asse scientifico-tecnologico * osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e di complessità * analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall’esperienza * essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate

43 43 La scelta italiana – competenze dell’asse storico-sociale * comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche geografiche e culturali * collocare l’esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona, della collettività e dell’ambiente * riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socioeconomico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio

44 44 Ciascuna materia conserva i suoi contenuti e obiettivi specifici, ma ogni docente è tenuto ad adoperarsi a livello collegiale perché gli alunni conseguano anche le competenze relative *alla realizzazione e allo sviluppo personali, * alla cittadinanza attiva, * all’inclusione sociale e all’occupabilità A tal fine è determinante una costante azione collettiva e proattiva del consiglio di classe, tenuto a * valutare gli apprendimenti disciplinari e a * certificare le competenze chiave

45 45 La scelta italiana – ambiti e definizioni delle competenze chiave di cittadinanza Costruzione del sé Imparare ad imparare Progettare Relazioni con gli altri Comunicare comprendere rappresentare Collaborare e partecipare Agire in modo autonomo e responsabile Rapporto con la realtà Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l’informazione

46 46 Costruzione del sé 1. Imparare ad imparare: ogni giovane deve acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. (Oggi molti di loro si disperdono perché non riescono ad acquisirlo) 2. Progettare: ogni giovane deve essere capace di utilizzare le conoscenze apprese per darsi obiettivi significativi e realistici. Questo richiede la capacità di individuare priorità, valutare i vincoli e le possibilità esistenti, definire strategie di azione, fare progetti e verificarne i risultati. (Oggi molti di loro vivono senza la consapevolezza della realtà e delle loro potenzialità)

47 47 Relazioni con gli altri 3. Comunicare: ogni giovane deve poter comprendere messaggi di genere e complessità diversi nella varie forme comunicative e deve poter comunicare in modo efficace utilizzando i diversi linguaggi. (Oggi i giovani hanno molte difficoltà a leggere, comprendere e a scrivere anche testi semplici in lingua italiana) 4. Collaborare e partecipare: ogni giovane deve saper interagire con gli altri comprendendone i diversi punti di vista. (Oggi i giovani assumono troppo spesso atteggiamenti conflittuali e individualistici, perché non riconoscono il valore della diversità e dell’operare insieme agli altri) 5. Agire in modo autonomo e responsabile: ogni giovane deve saper riconoscere il valore delle regole e della responsabilità personale. (Oggi spesso i giovani agiscono in gruppo per non rispettare le regole e per non assumersi responsabilità)

48 48 Rapporto con la realtà 6. Risolvere problemi: ogni giovane deve saper affrontare situazioni problematiche e saper contribuire a risolverle. (Oggi i giovani tendono, spesso, ad accantonare e a rinviare i problemi per la situazione di malessere esistenziale che vivono nell’incertezza del futuro) 7. Individuare collegamenti e relazioni: ogni giovane deve possedere strumenti che gli permettano di affrontare la complessità del vivere nella società globale del nostro tempo. (Oggi molti giovani non possiedono questi strumenti) 8. Acquisire ed interpretare l’informazione: ogni giovane deve poter acquisire ed interpretare criticamente l'informazione ricevuta valutandone l’attendibilità e l’utilità, distinguendo fatti e opinioni. (Oggi molti giovani sono destinatari passivi di una massa enorme di messaggi perché sono sprovvisti di strumenti per valutarli)

49 49 atteggiamenti e comportamenti evocati dalla scelta effettuata * pensiero critico * inventiva e creatività * spirito di iniziativa * capacità di scegliere e decidere * capacità di progettare, programmare, pianificare * capacità di risolvere situazioni problematiche * capacità di gestire le emozioni e le relazioni interpersonali * capacità di valutazione del rischio * capacità di gestire situazioni conflittuali

50 50 lo studente la studentessa costruisce interattivamente nel curricolo di istruzione obbligatoria dai 6 ai 16 anni di età ► la propria identità personale (iI Sé in quanto capacità di autonomia e responsabilità) ► le conoscenze e le competenze trasversali e culturali necessarie al futuro esercizio di una professione (il Sé in rapporto con la realtà fisica e sociale) ► la propria responsabilità sociale (il Sé nei rapporti con gli Altri a livello interpersonale e politico-sociale) nell’esercizio delle competenze chiave di cittadinanza attiva

51 51 IL SE’ L’IDENTITA’ PERSONALE autonomia responsabilità I RAPPORTI CON IL REALE le cose i fenomeni gli eventi LE RELAZIONI CON GLI ALTRI partecipazione collaborazione i tre vettori dello sviluppo tridimensionale delle competenze chiave di cittadinanza


Scaricare ppt "Quadro normativo e culturale della Riforma del Secondo Ciclo e Nuovo Obbligo di Istruzione Relatrice: Dott.ssa Anna Maria Sermenghi Dirigente Scolastico."

Presentazioni simili


Annunci Google