La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Learning Programme – Jean Monnet Programme, Key Activity 1 Information and Research Activities for “Learning EU at School” Democracy, Citizenship and World.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Learning Programme – Jean Monnet Programme, Key Activity 1 Information and Research Activities for “Learning EU at School” Democracy, Citizenship and World."— Transcript della presentazione:

1 Learning Programme – Jean Monnet Programme, Key Activity 1 Information and Research Activities for “Learning EU at School” Democracy, Citizenship and World Economy

2 La grande crisi economica. Il futuro dell’Italia e dell’Europa

3 3 L’Economia E’ la scienza che studia la scelta tra alternative quando la dotazione di risorse è scarsa. E’ la scienza che studia la scelta tra alternative quando la dotazione di risorse è scarsa. MERCATO: punto nel tempo e nello spazio in cui si incontrano domanda e offerta (es. Borsa valori). MERCATO: punto nel tempo e nello spazio in cui si incontrano domanda e offerta (es. Borsa valori). Il SISTEMA ECONOMICO non funziona mai in modo ottimale (A. Smith parlava di mano invisibile (teorie liberiste) Kant sosteneva che la società non è un sistema perfetto, né lo sono gli esseri umani). Il SISTEMA ECONOMICO non funziona mai in modo ottimale (A. Smith parlava di mano invisibile (teorie liberiste) Kant sosteneva che la società non è un sistema perfetto, né lo sono gli esseri umani). Poche Caertezze (relative) nel lungo periodo: sappiamo che un buon ritmo di investimenti crea capacità produttiva e favorisce il progresso tecnico. Poche Caertezze (relative) nel lungo periodo: sappiamo che un buon ritmo di investimenti crea capacità produttiva e favorisce il progresso tecnico

4 4 DEFICIT GEMELLI Deficit di bilancio è la differenza tra entrate e uscite dello stato. Il Deficit è finanziato dall’emissione di obbligazioni governative Il Deficit è finanziato dall’emissione di obbligazioni governative la somma totale del deficit forma il debito pubblico. la somma totale del deficit forma il debito pubblico. A volte gli stati prendono a prestito denaro per conto di terze istituzioni che non risultano nel calcolo del debito pubblico DEFICIT COMMERCIALE E’ il disavanzo delle partire correnti. Misura la differenza tra esportazioni di beni e importazione di beni dall’estero. Ciò produce un ulteriore indebitamento (internazionale) Fattore che influenza il valore di cambio valutario

5 5 Nell’esperienza economica si è visto che: Il deficit diventa un grave problema se: è inferiore all’incremento del deficit La crescita economica è inferiore all’incremento del deficit Se al deficit … si aggiunge un elevato deficit della bilancia commerciale. Se la proiezione delle spese future dello stato fanno ritenere un ulteriore aumento del deficit (aumento costi sanitari, aumento coti pensionistici: 2018 Baby Boomer) Di fronte a fattori esterni e/o internazionali

6 6 Origini crisi finanziaria 12 novembre 1999: il Presidente Clinton ratifica il Gramm-Leach-Bliley Act. Minori controlli e i vincoli sul sistema finanziario USA (banche commerciali diventano banche d’investimento). Enorme, disordinato sviluppo mercati finanziari Enorme, disordinato sviluppo mercati finanziari In realtà, la fase della deregolamentazione e del liberismo inizia già a cavallo del 1980 (presidenza Reagan e il governo Thatcher) quando prende avvio la “superbolla” della finanziarizzazione Amministrazione Reegan Amministrazione Reegan Disavanzo pubblico passa da 50/60 a oltre 200 miliardi di dollari nel 2003 Disavanzo Commerciale: dal pareggio ad oltre 100 miliardi di dollari nel 1985 ERRATO far partire la crisi dal fallimento della Lehaman Brothers (15 settembre 2008) semmai ne è il risultato

7 7 La Crisi finanziaria La crisi ha origine negli USA e si è diffusa molto rapidamente nel resto del mondo. La crisi ha origine negli USA e si è diffusa molto rapidamente nel resto del mondo. ninja : no income, no job, no assets / nessun reddito, nessun lavoro, nessun patrimonio). ninja : no income, no job, no assets / nessun reddito, nessun lavoro, nessun patrimonio). Interessi più alti a fronte rischio insolvenza e ricorso al sequestro del bene. Perché? Interessi più alti a fronte rischio insolvenza e ricorso al sequestro del bene. La crisi ha travolto l’Inghilterra (sistema finanziario simile a quello USA), ma anche i paesi euro: Grecia, Portogallo, Irlanda, il Belgio e il resto del mondo. La crisi ha travolto l’Inghilterra (sistema finanziario simile a quello USA), ma anche i paesi euro: Grecia, Portogallo, Irlanda, il Belgio e il resto del mondo. Anche l’Italia è stata colpita, nonostante sia stata più cauta rispetto agli USA (es. mutui sulle case) Anche l’Italia è stata colpita, nonostante sia stata più cauta rispetto agli USA (es. mutui sulle case)

8 8 Inizio crisi finanziaria Giugno 2007: la Borsa di Wall Street subisce i primi scossoni di una lunga serie Fallimento di Lehman Brothers (storica Banca d’affari americana) 613 miliardi di debiti Decisione grave: prosciugamento mercato interbancario; diffusione di panico tra operatori finanziari che arriva anche in Europa

9 9 Crisi finanziaria 7 settembre 2007: nazionalizzazione di Fannie Mae e Freddie Mac (di due colossi finanziari che garantiscono la metà dei mutui USA) 7 settembre 2007: nazionalizzazione di Fannie Mae e Freddie Mac (di due colossi finanziari che garantiscono la metà dei mutui USA) Prestito di 85 miliari della Fed al colosso IG Prestito di 85 miliari della Fed al colosso IG Meriil Lynch sull’orlo del tracollo è aquistata da Banc of American Meriil Lynch sull’orlo del tracollo è aquistata da Banc of American Morgan Stanley e e Goldman Sachs si sottopongono al controllo della vigilanza FED Morgan Stanley e e Goldman Sachs si sottopongono al controllo della vigilanza FED Il Governo USA stanzia un piano di 700 miliardi di dollari (il 5% del Pil USA)

10 10 IMPORTANTE è l’intrecciarsi degli eventi Tra settembre 2007 e febbraio 2009: la Borsa crolla, perdendo oltre il 50% del suo valore (il 15/20% del PIL mondiale) Tra settembre 2007 e febbraio 2009: la Borsa crolla, perdendo oltre il 50% del suo valore (il 15/20% del PIL mondiale) Nei trimestri centrali del 2009: timida ripresa delle quotazioni di Borsa senza reale ripresa dell’economia reale (occupazione diminuisce) Nei trimestri centrali del 2009: timida ripresa delle quotazioni di Borsa senza reale ripresa dell’economia reale (occupazione diminuisce) Segue una caduta generale: forti perdite dei detentori di azioni; rallentamento della produzione; crescita della disoccupazione e del malessere sociale. Segue una caduta generale: forti perdite dei detentori di azioni; rallentamento della produzione; crescita della disoccupazione e del malessere sociale

11 11 In Europa I Paesi bassi decidono di salvare il Gruppo Fortis I Paesi bassi decidono di salvare il Gruppo Fortis R.U. nazionalizza Bradford & Bingley R.U. nazionalizza Bradford & Bingley Interventi in Francia e Germania Interventi in Francia e Germania

12 12 In Europa e in Italia Diminuzione della crescita Diminuzione della crescita Aumento del disavanzo di bilancio e del debito pubblico Aumento del disavanzo di bilancio e del debito pubblico Stagnazione Stagnazione Recessione economica (perdite fino al 5% annuo) Recessione economica (perdite fino al 5% annuo) Aumento della disoccupazione Aumento della disoccupazione Malessere sociale Malessere sociale

13 13 Sistema Bancario Italiano Banche orientate su settori tradizionali Banche orientate su settori tradizionali Consolidamento in Europa dell’Est Consolidamento in Europa dell’Est Scarsissima presenza di Mutui subprime Scarsissima presenza di Mutui subprime Clientela per il 50 % locale contro un 36% zona euro Clientela per il 50 % locale contro un 36% zona euro Rischi connessi alla cartolarizzazione e acquisto titoli dal mercato finanziario (alcuni titoli c.c. tossici) Rischi connessi alla cartolarizzazione e acquisto titoli dal mercato finanziario (alcuni titoli c.c. tossici)

14 14 Studio della “ricchezza delle nazioni” Spiega i motivi per cui alcuni paesi sono più ricchi di altri: Spiega i motivi per cui alcuni paesi sono più ricchi di altri: - vicende tecnologiche, culturali, politiche, istituzionali che ne hanno segnato (o che ne segnano) il percorso; hanno segnato (o che ne segnano) il percorso; - Mutamenti nel costume, ad es. negli USA, con la guerra mondiale: massiccio ingresso delle donne nel mondo del lavoro; - Problema ecologico: una crescita più rapida fornisce più risorse per affrontarlo

15 15 Alla radici della crisi: Finanza Deregolamentazione dei mercati finanziari (Clinton 1999) Deregolamentazione dei mercati finanziari (Clinton 1999) La finanza settore separato dall’economia reale cioè valore aziendale La finanza settore separato dall’economia reale cioè valore aziendale Prestiti senza garanzie (Ninja) no income, no job, no assets / nessun reddito, nessun lavoro, nessun patrimonio). Prestiti senza garanzie (Ninja) no income, no job, no assets / nessun reddito, nessun lavoro, nessun patrimonio). Speculazioni (bolle, es. mercato immobiliare spagnolo) Speculazioni (bolle, es. mercato immobiliare spagnolo) Esplosione delle banche d’investimento (come speculatori finanziari e non come broker senza interesse a lavorare per il medio lungo periodo) e diminuzione delle banche commerciali. Esplosione delle banche d’investimento (come speculatori finanziari e non come broker senza interesse a lavorare per il medio lungo periodo) e diminuzione delle banche commerciali. Titoli tossici, derivati, non ancorati valore reale dell’economia. Titoli tossici, derivati, non ancorati valore reale dell’economia. Concentrazione di enormi ricchezze nelle mani di pochi soggetti (90 a livello mondiali) = Oligarchia finanziaria (1913 Luis Brandeis giudice Corte Suprema USA. B. d’Investimento, hege founfd, agenzie rating)) Concentrazione di enormi ricchezze nelle mani di pochi soggetti (90 a livello mondiali) = Oligarchia finanziaria (1913 Luis Brandeis giudice Corte Suprema USA. B. d’Investimento, hege founfd, agenzie rating)) Logiche aziendali e manageriali (banche e imprese) proiettate nel breve periodo (divisione utili, bonus dei manager, stock option) e non al medio lungo periodo. Logiche aziendali e manageriali (banche e imprese) proiettate nel breve periodo (divisione utili, bonus dei manager, stock option) e non al medio lungo periodo. Logiche finanziarie nelle aziende a discapito del “prodotto”. Logiche finanziarie nelle aziende a discapito del “prodotto”

16 16 Alle radici della crisi: WTO Sottovalutate le conseguenze ingresso CINA, INDIA e Paesi asiatici nell’OMC - WTO. Sottovalutate le conseguenze ingresso CINA, INDIA e Paesi asiatici nell’OMC - WTO. Assenza sistema previdenziale, no norme ambientali, no normative tutela del lavoro, bassissimi costi trasporto. Possibile competere? Assenza sistema previdenziale, no norme ambientali, no normative tutela del lavoro, bassissimi costi trasporto. Possibile competere? Perdita dimensione industriale (ecc. Ger. Giap.) Perdita dimensione industriale (ecc. Ger. Giap.) Sistema di cambi: moneta cinese convertibile solo attraverso Banca centrale Sistema di cambi: moneta cinese convertibile solo attraverso Banca centrale Rapporto CIA prevedeva livelli 2008 nel 2025 Rapporto CIA prevedeva livelli 2008 nel 2025 E’ possibile tornare indietro …??? E’ possibile tornare indietro …???

17 17 Alle radici della crisi: WTO Delocalizzazione Bassi salari e costi del lavoro; Debolissima pressione fiscale, assenza di sistemi previdenziali e sanitari, assenza di normative di tutele ambientale, prezzi bassi nei trasporti; cambi monetari particolari prezzi bassi nei trasporti; cambi monetari particolari (moneta cinese convertibile solo attraverso la sua banca Centrale che applica i criteri più convenienti…) Errate previsioni di crescita Per CIA la Cina avrebbe raggiunto livelli del 2008 nel

18 18 Alle radici: WTO Deindustrializzazione Da società industriale a società di servizi Negli ultimi anni l’India è divenuta il Call Center Negli ultimi anni l’India è divenuta il Call Center del Mondo. Si ipotizza già di far effettuare le diagnosi on line a medici indiani, le compagnie aeree indiane si stanno affermando (Air India, Air Deccan), impianti tecnologici impiantati in India, primato in campo matematico, informatico ecc.) del Mondo. Si ipotizza già di far effettuare le diagnosi on line a medici indiani, le compagnie aeree indiane si stanno affermando (Air India, Air Deccan), impianti tecnologici impiantati in India, primato in campo matematico, informatico ecc.)

19 19 Alle radici della crisi: l’Euro Tasso di cambio inaccettabile Tasso di cambio inaccettabile Forse fu un errore una moneta comune a stati con economie così lontane e diverse tra loro (turbolenze inevitabili nel medio periodo). Forse fu un errore una moneta comune a stati con economie così lontane e diverse tra loro (turbolenze inevitabili nel medio periodo). Coincide con l’esplosione della finanziarizzazione dell’economia occidentale. I mercati sembravano in espansione infinita. Coincide con l’esplosione della finanziarizzazione dell’economia occidentale. I mercati sembravano in espansione infinita. C’è da domandarsi cosa sarebbe stato l’essere fuori dall’euro. C’è da domandarsi cosa sarebbe stato l’essere fuori dall’euro

20 20 Alle radici della crisi: Debito Pubblico 121% sul PIL (aggreagato PIL + risparmi buono) 121% sul PIL (aggreagato PIL + risparmi buono) Interessi prima dell’Euro: Interessi prima dell’Euro: Grecia 18% Italia 12% Germania 4% Germania 4% Dopo L’Euro 4% (e ancor meno negli anni..) Dopo L’Euro 4% (e ancor meno negli anni..) Default evitato, mancata l’opportuntà di riduzione la spesa pubblica e riformare il Paese. Default evitato, mancata l’opportuntà di riduzione la spesa pubblica e riformare il Paese

21 21 Scarsa crescita in Italia Alto Debito pubblico = interessi = capacità d’indebitamento Alto Debito pubblico = interessi = capacità d’indebitamento Scarsa capacità di attrarre investimenti stranieri (Giustizia, P.A.; Corruzione, costi energetici elevati, rigidità mercato lavoro, trasporti = sistema Paese ecc.) Scarsa capacità di attrarre investimenti stranieri (Giustizia, P.A.; Corruzione, costi energetici elevati, rigidità mercato lavoro, trasporti = sistema Paese ecc.) Forte presenza di malavita organizzata Forte presenza di malavita organizzata Scarsi Investimenti in R e S T Scarsi Investimenti in R e S T Costo energia e dipendenza totale di energia dall’estero Costo energia e dipendenza totale di energia dall’estero Poca innovazione e presenza di poche industrie multinazionali, nanismo imprenditoriale. Poca innovazione e presenza di poche industrie multinazionali, nanismo imprenditoriale. INCAPACITA’ D’ INTERPRETARE IL CAMBIAMENTO INCAPACITA’ D’ INTERPRETARE IL CAMBIAMENTO 55% del PIL è spesa PUBBLICA 55% del PIL è spesa PUBBLICA Palazzo Chigi 4600 dipendenti (Downing Street 70/200) Palazzo Chigi 4600 dipendenti (Downing Street 70/200) Troppi livelli di governo (sapparati, burocrazia, lentezza, costi ecc.) Troppi livelli di governo (sapparati, burocrazia, lentezza, costi ecc.)

22 22 Scarsa Crescita/ deficit bilancia commerciale oltre 4% del PIL (di 60 Miliardi di Euro) Corrisponde alla bolletta energetica che paghiamo all’estero (Unico grande Paese senza produzione di energia nucleare). Delocalizzazione = deindustrializzazione della produzione (Corea del Sud, Singapore,Vietnam, Taiwan, Cina, India, Indonesia, Vietnam, Egitto, Indonesia, Argentina)

23 23 Alle radici della crisi: l’Euro I trattati non prevedono l’espulsione I trattati non prevedono l’espulsione Si può fuoriuscire: ipotesi Grecia e ipotesi Germania ( % PIL), spostamento captali, insolvenza, rivalutazione monetaria, forte contrazione dell’export. Si può fuoriuscire: ipotesi Grecia e ipotesi Germania ( % PIL), spostamento captali, insolvenza, rivalutazione monetaria, forte contrazione dell’export. Fine dell’Euro fine dell’Europa!? Poi? Fine dell’Euro fine dell’Europa!? Poi?

24 24 Alle radici della crisi: Politica e società Italia Italia Incapacità di rinnovarsi Incapacità di rinnovarsi Incapacità di comprendere il cambiamento e riformare il Paese Incapacità di comprendere il cambiamento e riformare il Paese Spesa pubblica eccessiva (55% del PIL) Spesa pubblica eccessiva (55% del PIL) Scarso peso in Europa Scarso peso in Europa Belligeranza, ingovernabilità, poco senso dello Stato Belligeranza, ingovernabilità, poco senso dello Stato

25 25 CRESCITA e DECRESCITA L’idea che la crescita segua un sentiero di equilibrio di lungo periodo è SBAGLIATA se non tiene conto di tutti i fattori esaminati e di …… ulteriori L’idea che la crescita segua un sentiero di equilibrio di lungo periodo è SBAGLIATA se non tiene conto di tutti i fattori esaminati e di …… ulteriori

26 26 Punti di forza Straordinario tessuto di PMI in gran parte del Straordinario tessuto di PMI in gran parte del Paese Paese Seconda industria manifatturiera in Europa dopo la Germania Seconda industria manifatturiera in Europa dopo la Germania Notevole capacità turistica e margini di ulteriore crescita Notevole capacità turistica e margini di ulteriore crescita Presenza di beni storici e culturali ( % del totale secondo l’Unesco) Presenza di beni storici e culturali ( % del totale secondo l’Unesco) Patrimonio naturale enorme e diversificato Patrimonio naturale enorme e diversificato Enograstronomia (prodotti tipici – turismo e export) Enograstronomia (prodotti tipici – turismo e export) Moda e design Moda e design

27 27 EUROPA 2020 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva

28 28 3 marzo marzo 2010 La Commissione ha presentato una nuova strategia politica, «Europa 2020», a sostegno dell'occupazione, della produttività e della coesione sociale in Europa. trasformazione, soprattutto a causa della globalizzazione, del cambiamento climatico e dell'invecchiamento della popolazione. Inoltre, la crisi finanziaria del 2008 ha rimesso in discussione i progressi sociali ed economici compiuti dai paesi dell'Ue. La ripresa economica avviata nel 2010 deve quindi accompagnarsi ad una serie di riforme per assicurare lo sviluppo sostenibile dell'UE nel prossimo decennio

29 29 Atto Comunicazione della Commissione, del 3 marzo 2010, intitolata «Europa 2020: Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva» [COM(2010) 2020 def. COM(2010) 2020COM(2010)

30 30 L’obiettivo è una Crescita intelligente, attraverso lo sviluppo delle conoscenze e dell'innovazione; intelligente, attraverso lo sviluppo delle conoscenze e dell'innovazione; sostenibile, basata su un'economia più verde, più efficiente nella gestione delle risorse e più competitiva; sostenibile, basata su un'economia più verde, più efficiente nella gestione delle risorse e più competitiva; inclusiva, volta a promuovere l'occupazione, la coesione sociale e territoriale. inclusiva, volta a promuovere l'occupazione, la coesione sociale e territoriale

31 31 obiettivi da raggiungere entro il 2020: portare al 75% il tasso di occupazione delle persone di età compresa tra 20 e 64 anni; portare al 75% il tasso di occupazione delle persone di età compresa tra 20 e 64 anni; investire il 3% del prodotto interno lordo (PIL) in ricerca e sviluppo; investire il 3% del prodotto interno lordo (PIL) in ricerca e sviluppo; ridurre le emissioni di carbonio al 20% (e al 30% se le condizioni lo permettono), aumentare del 20% la quota di energie rinnovabili e aumentare l'efficienza energetica del 20%; ridurre le emissioni di carbonio al 20% (e al 30% se le condizioni lo permettono), aumentare del 20% la quota di energie rinnovabili e aumentare l'efficienza energetica del 20%; ridurre il tasso di abbandono scolastico a meno del 10% e portare al 40% il tasso dei giovani laureati; ridurre il tasso di abbandono scolastico a meno del 10% e portare al 40% il tasso dei giovani laureati; ridurre di 20 milioni il numero delle persone a rischio di povertà. ridurre di 20 milioni il numero delle persone a rischio di povertà

32 32 O biettivi connessi tra di loro e fondamentali per il successodella Strategia. Per garantire che ciascuno Stato membro adatti la strategia Europa 2020 alla sua situazione specifica, la Commissione propone che gli obiettivi dell'UE siano tradotti in obiettivi e percorsi nazionali

33 33 sette iniziative faro per catalizzare i progressi relativi a ciascun tema prioritario:

34 34 1.l'Unione dell'innovazione, che sosterrà la produzione di prodotti e servizi innovativi, in particolare quelli connessi ai cambiamenti climatici, all'efficienza energetica, alla salute e all'invecchiamento della popolazione;

35 35 2. l'iniziativa Youth on the move, per migliorare soprattutto l'efficienza dei sistemi d'istruzione, l'apprendimento non formale e informale, la mobilità degli studenti e dei ricercatori, ma anche l'ingresso dei giovani nel mercato del lavoro;

36 36 3. l'agenda europea del digitale, per favorire la creazione di un mercato unico del digitale, caratterizzato da un elevato livello di sicurezza e da un quadro giuridico chiaro. Inoltre Internet ad alta e altissima velocità deve essere accessibile a tutta la popolazione;

37 37 4. l'iniziativa per un'Europa efficiente sotto il profilo delle risorse, per sostenere la gestione sostenibile delle risorse e ridurre le emissioni di carbonio, sostenendo la competitività dell'economia europea e la sua sicurezza energetica;

38 38 5. l'iniziativa per una politica industriale per l'era della globalizzazione, per aiutare le imprese del settore a superare la crisi economica, a inserirsi nel commercio mondiale e ad adottare metodi di produzione più rispettosi dell'ambiente;

39 39 6. un'agenda per nuove competenze e nuovi posti di lavoro, che dovrebbe permettere di migliorare l'occupazione e la sostenibilità dei sistemi sociali. L'obiettivo è soprattutto quello di incoraggiare strategie di flessicurezza, la formazione di lavoratori e studenti, ma anche la parità tra donne e uomini e l'occupazione dei lavoratori più anziani; flessicurezza

40 40 7. la Piattaforma europea contro la povertà, per rafforzare la cooperazione tra i Paesi dell'UE e fare seguito al metodo di coordinamento aperto in materia di esclusione e di protezione sociale. L'obiettivo della piattaforma deve essere la coesione economica, sociale e territoriale dell'Unione europea e l'inclusione sociale delle persone che vivono in povertà. metodo di coordinamento apertometodo di coordinamento aperto

41 41 Queste sette iniziative faro vedranno impegnati sia l'UE che gli Stati membri. Gli strumenti dell'UE, in particolare il mercato unico, gli strumenti finanziari e gli strumenti della politica esterna, saranno mobilitati integralmente per eliminare le strozzature e conseguire gli obiettivi di Europa Come priorità immediata, la Commissione individua le misure da adottare per definire una strategia di uscita credibile, portare avanti la riforma del sistema finanziario, garantire il risanamento del bilancio ai fini di una crescita a lungo termine e intensificare il coordinamento con l'Unione economica e monetaria

42 42 Attuazione della strategia La strategia si esplica attraverso 10 orientamenti integrati «Europa 2020», adottati dal Consiglio europeo nel giugno Essi andranno a sostituire i 24 orientamenti esistenti in materia di occupazione e gli indirizzi di massima per le politiche economiche. La strategia si esplica attraverso 10 orientamenti integrati «Europa 2020», adottati dal Consiglio europeo nel giugno Essi andranno a sostituire i 24 orientamenti esistenti in materia di occupazione e gli indirizzi di massima per le politiche economiche. Il Consiglio potrà inoltre rivolgere raccomandazioni politiche ai paesi dell'UE, in materia di questioni economiche e finanziarie, oltre che in tutte le aree tematiche affrontate dalla strategia. Il Consiglio potrà inoltre rivolgere raccomandazioni politiche ai paesi dell'UE, in materia di questioni economiche e finanziarie, oltre che in tutte le aree tematiche affrontate dalla strategia. Una parte importante della strategia deve essere attuata dalle autorità nazionali, regionali e locali dei paesi dell'UE, coinvolgendo i parlamenti nazionali, le parti sociali e la società civile. Campagne di sensibilizzazione devono essere condotte tra i cittadini europei. Una parte importante della strategia deve essere attuata dalle autorità nazionali, regionali e locali dei paesi dell'UE, coinvolgendo i parlamenti nazionali, le parti sociali e la società civile. Campagne di sensibilizzazione devono essere condotte tra i cittadini europei. La Commissione è responsabile per la valutazione dei progressi. Essa presenta delle relazioni annuali anche in merito alla realizzazione dei programmi di stabilità e di convergenza. La Commissione è responsabile per la valutazione dei progressi. Essa presenta delle relazioni annuali anche in merito alla realizzazione dei programmi di stabilità e di convergenza


Scaricare ppt "Learning Programme – Jean Monnet Programme, Key Activity 1 Information and Research Activities for “Learning EU at School” Democracy, Citizenship and World."

Presentazioni simili


Annunci Google