La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO MISURA 3.1 DELLA REGIONE DELL’UMBRIA Data scadenza 30/09/2004 Pubblicato il 12/05/2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO MISURA 3.1 DELLA REGIONE DELL’UMBRIA Data scadenza 30/09/2004 Pubblicato il 12/05/2004."— Transcript della presentazione:

1 1 BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO MISURA 3.1 DELLA REGIONE DELL’UMBRIA Data scadenza 30/09/2004 Pubblicato il 12/05/2004

2 2 “Sostegno alle imprese per la tutela e la riqualificazione ambientale, uso razionale dell’energia e diffusione delle fonti rinnovabili”

3 3 Quali sono le finalità del bando? Con tale bando sono concessi contributi agli investimenti delle imprese industriali, artigiane, commerciali e turistiche finalizzati a: ridurre l’inquinamento atmosferico, idrico e acustico; promuovere la qualità dell’ambiente attraverso interventi per la prevenzione e la sicurezza; ridurre la quantità e la pericolosità dei rifiuti ed incentivare il recupero dei materiali; promuovere l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili e la cogenerazione.

4 4 Chi sono i beneficiari? Piccole, Medie e Grandi Imprese, singole o associate, individuate secondo il censimento ISTAT 1991 nelle classi “C” –Estrazioni di minerali; “D” – Attività manifatturiere; “F” – Costruzioni; “G” – Commercio all’ingrosso e al dettaglio; “H” Alberghi e ristoranti, le cui sedi o unità produttive interessate dall’intervento siano ubicate nelle aree Obiettivo 2 e nelle aree Phasing Out della Regione dell’Umbria.

5 5 SEZIONE A) AMBIENTE RISPARMIO ENERGETICO Sono ammissibili a contributo gli investimenti sostenuti: dalle imprese per ottenere livelli di tutela ambientale più elevati di quelli richiesti dalle norme comunitarie in vigore; dalle imprese, per finalità ambientali in assenza di norme comunitarie obbligatorie; dalle imprese per conformarsi a disposizioni nazionali più rigorose rispetto alle norme comunitarie vigenti; dalle PMI per l’adeguamento a normative ambientali comunitarie obbligatorie entro tre anni dalla loro entrata in vigore.

6 6 Tipologie di interventi ammissibili –RIDUZIONE e/o TRATTAMENTO EMISSIONI IN ATMOSFERA –RIDUZIONE e/o TRATTAMENTO ACQUE REFLUE ( prelievo di acqua e inquinamento della stessa ) –RIDUZIONE e/o TRATTAMENTO RIFIUTI – RIMOZIONE AMIANTO –( riduzioni degli scarti di processo ) –RIDUZIONE EMISSIONI SONORE –RIDUZIONI CONSUMI ENERGETICI

7 7 SEZIONE B) AUTOPRODUZIONE DI ENERGIA E FONTI RINNOVABILI Gli investimenti ammissibili a contributo sono quelli finalizzati alla produzione di energia destinata esclusivamente all’autoconsumo e si riferiscono alle seguenti tipologie : –realizzazione impianti per lo sfruttamento dei reflui energetici e dell’energia solare –realizzazione impianti per l’utilizzo delle biomasse legnose non trattate, di origine agricola e forestale a fini termici –realizzazione impianti fino a 3 mwe di potenza, per la produzione combinata di energia elettrica e termica alimentati a gas.

8 8 MISURE DELLE AGEVOLAZIONI Le percentuali di contributo concesso variano dal 15% al 60% a secondo dell’investimento necessario per la realizzazione della riqualificazione ambientale. L’ammontare minimo degli investimenti ammissibili (a contributo) proposti per ogni singola iniziativa non può essere inferiore a €. Il contributo pubblico non potrà superare l’importo di € per ciascuna iniziativa proposta e i costi imputabili all’iniziativa devono essere finalizzati al raggiungimento degli obiettivi di cui al presente bando.

9 9 Quali sono le spese ammissibili a contributo? Realizzazione di impianti Acquisto di macchinari ed attrezzature finalizzati all’adozione di tecnologie pulite, ovvero a basso impatto ambientale, destinate a ridurre o ad eliminare l’inquinamento e le nocività ambientali, l’uso razionale dell’energia e l’utilizzo delle fonti rinnovabili.

10 10 DOTAZIONE FINANZIARIA E SUDDIVISIONE DELLE RISORSE La disponibilità di fondi per l’erogazione dei contributi di cui al presente bando, scheda di Misura 3.1 del DOCUP Obiettivo ammonta complessivamente ad € di cui: - € per le aree phasing out relativamente alle annualità € per le aree Obiettivo 2 relativamente alle annualità Nel caso in cui le richieste pervenute siano largamente esuberanti rispetto alla dotazione finanziaria, la Regione potrà utilizzare le risorse previste per le annualità successive.

11 11 DOTAZIONE FINANZIARIA E SUDDIVISIONE DELLE RISORSE Alle P.M.I verrà riservata una dotazione di risorse pari al 70% del totale disponibile. Agli interventi di cui alla Sezione A) Ambiente e risparmio energetico, verrà assegnata una dotazione di risorse pari al 60% del totale disponibile.

12 12 CRITERI PER LA VALUTAZIONE Le graduatorie verranno redatte tenendo conto di: validità tecnica del progetto presentato caratteristiche imprenditoriali del richiedente efficacia dell’intervento nel conseguire gli obiettivi operativi della Misura

13 13 A chi spetta la priorità al contributo? Alle imprese che: al momento della presentazione della domanda dimostrino di avere avviato programmi di certificazione ambientale (EMAS, ISO 14000); siano localizzate in aree soggette a rischi di inquinamento ambientale individuate da provvedimenti esecutivi; siano localizzate in area PIAT/PIT.

14 14 OBBLIGHI PER I BENEFICIARI I beneficiari, qualora intendano rinunciare al contributo, devono darne immediata comunicazione alla Regione mediante lettera raccomandata. Eventuali varianti al programma di investimento, devono essere sottoposte all’approvazione della Regione e in ogni caso la variante non potrà comportare un aumento del contributo assegnato né comportare una diminuzione dell’indice di merito dell’investimento. I beni per i quali è stato concesso il contributo non possono essere alienati, ceduti o distratti per almeno cinque anni, né essere funzionalmente diversi da quelli per i quali è stato disposto l’atto di concessione.

15 15 Quando viene revocato il contributo? Il contributo concesso viene revocato nei seguenti casi: qualora l’intervento non sia completato entro 180 giorni dalla data di ammissione a contributo, ovvero sia stato realizzato in maniera difforme da quanto previsto originariamente senza preventiva autorizzazione; qualora, in sede di verifiche degli investimenti agevolati, vengano riscontrate irregolarità o mancanza di requisiti; qualora le istanze non siano integrate con la documentazione attestante l’avvio dei lavori corredata da copia di tutti i visti, autorizzazioni e certificazioni.

16 16 Chi effettua controlli e verifiche? La Regione verifica la correttezza dell’investimento effettuato, il raggiungimento degli obiettivi previsti nel progetto ed il rispetto degli impegni assunti. Si riserva, tal fine, la facoltà di effettuare controlli e sopralluoghi, sia in corso d’opera che entro il periodo di durata utile prevista per l’impianto oggetto del finanziamento. La mancata corrispondenza delle opere a quanto rappresentato nella documentazione presentata, così come il riscontro di singole irregolarità, comporteranno la revoca del contributo, il recupero delle anticipazioni concesse e degli interessi maturati.


Scaricare ppt "1 BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO MISURA 3.1 DELLA REGIONE DELL’UMBRIA Data scadenza 30/09/2004 Pubblicato il 12/05/2004."

Presentazioni simili


Annunci Google