La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CICLO IDRICO INTEGRATO: VINCOLI E OPPORTUNITA’ PER L’ALTO CALORE SERVIZI S.P.A. RIFLESSIONI A CONFRONTO NEL 70° ANNIVERSARIO DALLA NASCITA DEL CONSORZIO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CICLO IDRICO INTEGRATO: VINCOLI E OPPORTUNITA’ PER L’ALTO CALORE SERVIZI S.P.A. RIFLESSIONI A CONFRONTO NEL 70° ANNIVERSARIO DALLA NASCITA DEL CONSORZIO."— Transcript della presentazione:

1 CICLO IDRICO INTEGRATO: VINCOLI E OPPORTUNITA’ PER L’ALTO CALORE SERVIZI S.P.A. RIFLESSIONI A CONFRONTO NEL 70° ANNIVERSARIO DALLA NASCITA DEL CONSORZIO IDRICO INTERPROVINCIALE DELL’ALTO CALORE AVELLINO, 23 MAGGIO 2008, HOTEL DE LA VILLE ORE 9.00 alto calore servizi s.p.a. 1 L’Alto Calore Servizi e le sfide del futuro Donato Madaro, Presidente CdA Alto Calore Servizi S.p.A.

2 2 I temi affrontati oggi spero abbiano lasciato immaginare a tutti quale sia la possibile evoluzione nello scenario attuale per un’azienda come ACS S.p.A. Dall’evoluzione del contesto normativo a quella del mercato, con la presenza delle multiutilities, questa giornata di riflessioni e di confronto è stata pensata per condividere con una platea più vasta gli sforzi del vertice aziendale e di tutta la struttura organizzativa per traghettare ACS dal suo onorevole passato allo scenario del futuro. Il Quadro Strategico Nazionale attribuisce un ruolo chiave attraverso l’attuazione delle politiche regionali di sviluppo, al miglioramento dei servizi essenziali e, tra questi, alla “Tutela ed al miglioramento della qualità dell'ambiente, in relazione al servizio idrico integrato”. Il CIPE ha stanziato risorse pari a 3 miliardi di euro del Fondo per le Aree Sottoutilizzate (FAS) da assegnare come premi alle Regioni del Mezzogiorno che conseguiranno gli obiettivi fissati. Nel caso del servizio idrico integrato, gli “obiettivi di servizio” corrispondono alla riduzione della quota di perdite idriche nella rete di distribuzione comunale dall'attuale 37% al 25% ed all’aumento degli utenti serviti da impianti di depurazione delle acque reflue dall'attuale 57% al 70%. alto calore servizi s.p.a.

3 3 L’acqua è considerata ormai una risorsa “finita”, da salvaguardare perché esauribile, fonte primaria di vita, scarsa nei paesi meno avanzati, questo e molto altro in contesti evoluti dal punto di vista economico e sociale come il nostro. Il tema della gestione delle risorse idriche è all’attenzione da qualche anno in ambito regionale e nazionale e non solo nei periodi di emergenza idrica. Su scala mondiale il tema dell’approvvigionamento idrico è inteso come problema di sopravvivenza e come condizione di benessere minimo per i Paesi dove la scarsità di acqua è ancora un limite allo sviluppo. I Forum delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile svolti negli ultimi anni, hanno ribadito l’intento di una gestione sostenibile e conservativa delle risorse naturali – prima fra tutte l’acqua – con un obiettivo preciso: dimezzare entro il 2015 il numero di persone che non ha accesso alle reti idriche e fognarie. L’acqua è il tema del 2008 dell’Expo internazionale a Saragozza, nell’ambito del quale da giugno a settembre si svolgeranno numerose giornate tematiche che metteranno al centro del dibattito l’acqua e lo sviluppo sostenibile. alto calore servizi s.p.a.

4 4 L’acqua è oggi anche una fonte di energia pulita e a basso costo. Qualche anno fa la tecnologia ci aveva sorpreso con auto avveniristiche che utilizzano l’idrogeno al posto del carburante. Recentemente la stampa ha paragonato alla “scoperta dell’acqua calda” uno degli ultimi ritrovati di aziende leader del settore della telefonia mobile: la possibilità di ricaricare il telefonino con acqua fredda dal rubinetto di casa. Ma se tutto ciò può sembrarci ancora lontano dalla nostra realtà quotidiana ed ancora in fase di sperimentazione, altri fatti sono ben più vicini e prossimi. Un esempio è costituito da sistemi innovativi per il risparmio delle risorse idriche realizzati per usi residenziali in Spagna ed in programma anche in realtà italiane, che prevedono l’utilizzo quotidiano delle acque non potabili e piovane, erogate da appositi rubinetti, per usi domestici diversi da quello alimentare. alto calore servizi s.p.a.

5 5 Come risponde l’ACS a questo scenario in evoluzione? Quale sarà l’ACS del futuro? Partendo dalla memoria, facendo della storia un patrimonio prezioso di esperienze, oggi è giunto il momento di porsi queste domande. Da Consorzio Idrico a S.p.A. operante nel settore della gestione del ciclo integrato delle acque. Da S.p.A. a “Multiutility”, mantenendo la gestione del ciclo idrico integrato quale core business dell’azienda. Diventare una “Multiutility” può essere una risposta al cambiamento solo dopo aver lavorato sodo ad una razionalizzazione dei processi organizzativi e gestionali aziendali. Solo dopo aver rafforzato la propria posizione competitiva e ridotto i punti di debolezza interni rispetto al core business. Facendo, con rigore, dello sviluppo sostenibile e responsabile il tema ispiratore dell’operare quotidiano nel rispetto delle istanze degli stakeholders, dei cittadini utenti, dell’ambiente. alto calore servizi s.p.a.

6 6 Il servizio pubblico che ACS gestisce per conto dei Comuni soci, è estremamente importante per i cittadini, per le aziende presenti sul territorio e per l’ambiente. Va per questo gestito con trasparenza, con il rispetto delle regole, con la voglia di fare bene il proprio lavoro. In una parola, con responsabilità. Orientare la propria azione quotidiana ai principi di responsabilità sociale di impresa diventa quindi un prerequisito per conseguire uno sviluppo sostenibile ma anche un’ occasione per migliorare la competitività dell’azienda. E’ necessario far comprendere a tutti, a partire dai collaboratori, il concetto che “alzare la barra” per saltare più in alto richiede uno sforzo maggiore e, a volte, scelte difficili, ma indispensabili per riuscire. E’ questa la sfida, non lo slogan, che affrontiamo nel nostro mandato, con l’onere di dover attuare una forte virata nel management ed un cambiamento indispensabile nella cultura d’impresa, in una struttura che non è solo progetti, piani e un marchio, ma è soprattutto storia e persone. alto calore servizi s.p.a.

7 7 E’ per governare il cambiamento di scenario e accogliere la sfida che ACS ha avviato l’elaborazione di un Piano Strategico Aziendale, in un momento di forti incertezze, anche normative, che obbliga a pensare a più soluzioni alternative. Lo scenario normativo nazionale penalizza fortemente il sistema idrico attuale. Secondo uno studio di Assoknowledge Associazione di Categoria dell’Education e del knowledge di Confindustria, pubblicato dal “Sole 24 ore” il 19 maggio 2008 i costi indotti per il Paese, derivanti dalle criticità del sistema idrico attuale, ammontano a 4,5 – 6 miliardi di euro all’anno per danni ai cittadini per la mancata ottimizzazione dei costi gestionali, perdite della rete e per insufficienti livelli di investimento. Proprietà pubblica delle reti, abolizione degli ATO e creazione di un’Autorità per il controllo, sono i punti ritenuti fondamentali per eliminare le suddette criticità. alto calore servizi s.p.a.

8 8 L’Alto Calore Servizi opera attualmente in regime “salvaguardato”, ai sensi della Legge n. 36/94 e legge Regionale n. 14/97 oltre che per riconoscimento da parte dell’ATO competente per mezzo di atto deliberativo. L’auspicio è che potranno realizzarsi le precondizioni per l’affidamento del servizio in house. Governare il cambiamento vuol dire, dunque, approfondire, programmare, controllare, gestire prontamente le emergenze. Ad oggi emerge con chiarezza che le soluzioni di equilibrio passano per scelte strategiche che possano condurre a: 1.aumentare i ricavi anche attraverso l’individuazione di nuove aree di business, oltre che del core business; 2.razionalizzare i processi aziendali per efficientare la struttura e ridimensionare i costi di gestione. alto calore servizi s.p.a.

9 9 Nell’ottica della condivisione trasparente del percorso di cambiamento in atto, vorrei, pertanto, esporvi il programma di sviluppo strategico dell’ACS e “i lavori in corso”. Proviamo a farlo raccontandovi le principali attività che ACS ha posto in campo per rispondere a queste domande: 1.Come rendere la struttura organizzativa capace di affrontare il cambiamento dello scenario in atto? 2.Come fronteggiare l’evoluzione dello scenario competitivo? 3.Come realizzare strategie sostenibili, condivise, concertate con il territorio? 4.Quali nuove attività affiancare alla gestione del core business aziendale? alto calore servizi s.p.a.

10 10 1.COME RENDERE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA CAPACE DI AFFRONTARE IL CAMBIAMENTO DELLO SCENARIO IN ATTO? Lavorando ad un Piano Strategico Aziendale per la definizione di programmi a medio lungo termine e l’implementazione di strumenti di controllo dei risultati, innescando un processo virtuoso che traduca gli obiettivi strategici fissati in attività di gestione quotidiana. Missione Valori di Riferimento Coinvolgimento degli Stakeholder Coinvolgimento degli Stakeholder Piano Strategico, Budget, Bilancio di Sostenibilità Piano Strategico, Budget, Bilancio di Sostenibilità Belanced Scorecard Progetti Operativi DALLA STRATEGIA ALLA GESTIONE QUOTIDIANA: UN PERCORSO VIRTUOSO alto calore servizi s.p.a. Codice Etico

11 11 Le azioni già avviate in questa direzione sono: L’implementazione di un sistema manageriale qualità, ambiente e sicurezza integrato e certificato, orientato alla programmazione degli obiettivi ed al controllo dei risultati, e basato sulla raccolta informatizzata di dati; L’empowerment risorse umane: l’azione è finalizzata all’ottimizzazione dell’attribuzione di ruoli e funzioni per il miglioramento delle performance, attraverso Mappatura delle competenze delle risorse umane in organico; Ascolto dei dipendenti e dei collaboratori; Miglioramento delle competenze delle risorse umane aziendali, attraverso la formazione continua; La pianificazione Operativa attraverso l’implementazione del Progetto TARGET; Il monitoraggio delle perdite in rete: attraverso la realizzazione di un osservatorio. alto calore servizi s.p.a.

12 12 2.COME FRONTEGGIARE L’EVOLUZIONE DELLO SCENARIO COMPETITIVO? Stando al passo con le innovazioni tecnologiche, di mercato ed organizzative realizzate dai “best in class” ed imparando da chi è più avanti attraverso azioni di: Benchmarking con le strategie di sviluppo dei competitors “best in class”, tra cui eccelle il Gruppo HERA, Holding Energia Risorse Ambiente. alto calore servizi s.p.a.

13 13 3.COME SI REALIZZANO STRATEGIE SOSTENIBILI, CONDIVISE, CONCERTATE CON IL TERRITORIO? Facendo dell’ascolto e del dialogo presupposto indispensabile per affrontare il momento delle decisioni con trasparenza, serietà e responsabilità che attendono risposte in termini di risultati non solo economici ma anche di stabilità, garanzia di sicurezza e affidabilità di servizi attraverso: La costruzione di un Partenariato territoriale stigmatizzato attraverso un primo Protocollo d’intesa con la Provincia di Avellino. E’ intenzione allargare tale partenariato anche ai Comuni della Provincia di Benevento soci dell’ACS, così come ad altre realtà istituzionali e rappresentative degli interessi del territorio per nuovi progetti di sviluppo. Il monitoraggio continuo dei fabbisogni del territorio attraverso l’incontro con tutti i sindaci azionisti al fine di attivare un canale di comunicazione diretto attraverso il dialogo per il monitoraggio costante delle esigenze degli stakeholders. alto calore servizi s.p.a.

14 14 4.QUALI SONO LE NUOVE ATTIVITÀ DA POTER AFFIANCARE ALLA GESTIONE DEL CORE BUSINESS? Sono stati avviati studi di fattibilità per: La realizzazione di un impianto industriale per l’imbottigliamento di acque minerali; L’integrazione dell’impianto di depurazione comprensoriale per la gestione dei RSU unitamente ai reflui liquidi; La produzione e la distribuzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, è stata stipulata una convenzione con l’Università degli Studi di Perugia. alto calore servizi s.p.a.

15 15 Conclusioni: L’acqua è per tutti. E tutti gli attori coinvolti a vario titolo nella gestione delle politiche per lo sviluppo sostenibile del territorio e la salvaguardia di risorse di primaria importanza devono dialogare, collaborare per dare concretezza alle soluzioni di crescita e sviluppo accennate ed affrontare le sfide poste dall’evoluzione di uno scenario solo in parte oggi decifrabile. Governare il cambiamento, fronteggiare le difficoltà interne ed esterne ai processi aziendali che caratterizzano la gestione di ACS non compete solo al management ed al vertice strategico. E’ indispensabile l’impegno responsabile di tutta la struttura organizzativa, dal primo all’ultimo componente: concetto che sosteniamo fin dal primo giorno di mandato. Ma è altrettanto determinante il supporto collaborativo degli stakeholders, rispettoso e fiducioso del mandato tecnico dato agli amministratori, che consenta una condivisione dei risultati da perseguire ma lasci alla governance aziendale le scelte strategiche ed operative utili allo scopo. alto calore servizi s.p.a.


Scaricare ppt "CICLO IDRICO INTEGRATO: VINCOLI E OPPORTUNITA’ PER L’ALTO CALORE SERVIZI S.P.A. RIFLESSIONI A CONFRONTO NEL 70° ANNIVERSARIO DALLA NASCITA DEL CONSORZIO."

Presentazioni simili


Annunci Google