La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA SCOPERTA DELLE FORME GEOMETRICHE USCIRA’ QUALCOSA DA QUESTO CILINDRO MAGICO? Massimiliano: “E’ alta, dura, l’inizio e la fine sono rotondi, si chiama.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA SCOPERTA DELLE FORME GEOMETRICHE USCIRA’ QUALCOSA DA QUESTO CILINDRO MAGICO? Massimiliano: “E’ alta, dura, l’inizio e la fine sono rotondi, si chiama."— Transcript della presentazione:

1

2 LA SCOPERTA DELLE FORME GEOMETRICHE

3 USCIRA’ QUALCOSA DA QUESTO CILINDRO MAGICO? Massimiliano: “E’ alta, dura, l’inizio e la fine sono rotondi, si chiama cilindro.” ABBIAMO INIZIATO CON… Ognuno ha portato delle scatole di vario tipo; quelle delle medicine, del caffè, del dentifricio…tante belle scatole che da tempo usiamo ma che non sappiamo chiamare nel modo giusto!!

4 Ali “ Questa forma è rotonda e dura” Marco: “ Ha 6 lati ….mmm no si dice facce, questa scatola ha 6 facce -dice- Enrico ”

5 Nina “dura, vuota (mette le mani all’interno della scatola per dimostrarlo), lati taglienti con delle punte. E ’ un ottagono fatto in modo non preciso … cio è non proprio un ottagono perch é l ’ ottagono vero non è spesso ma è una forma piatta. ”

6 Raffaele: “Dentro è vuota. Ha 6 punte e 5 facce. Assomiglia a una forma di piramide, ma non ha la punta. Non è un triangolo perché il triangolo non può essere vuoto dentro”. Lidia: “Il triangolo non ha spessore, se lo metti di profilo non esiste.”

7 GLI INSIEMI DI SCATOLE Proviamo a classificare le nostre scatole e facciamo un insieme di scatole con facce e punte e un insieme di scatole senza punte ma sorge un problema…. il cono, dove lo mettiamo

8 IDEA….. A-scatole senza spigoli B-scatole a punta C-scatole con punte e spigoli D-(intersezione) scatole a punta e senza spigoli: cono. E-(intersezione) scatole a punta e con spigoli e punte: piramide. facciamo un’intersezione!!! Ci pensiamo un po’ e poi riusciamo a costruire 3 insiemi con 2 intersezioni:

9

10 Maestra: qual è la differenza tra esagono e prisma a base esagonale? Beatrice: lo spessore, l ’ esagono è senza spessore. Raffaele: il prisma è tridimensionale mentre l ’ esagono no! Maestra: siete bravissimi... questa è la grande differenza! mmmm…. TRIDIMENSIONALE, BIDIMENSIONALE…..

11 Davide: ma se non ha spessore non c ’è ! Maestra: hai ragione..nel senso che esagono è la forma della faccia che tu guardi... ma non la puoi prendere in mano, non ha spessore...guardi la forma e basta! Maestra: cosa vuol dire “ tridimensionale ” ? Nicoletta: che ha tre dimensioni. Massimiliano: queste forme hanno lo spessore, la larghezza e la lunghezza. Maestra: cosa vuol dire “ dimensione ”, quale sinonimo possiamo usare? Bambini: misure, grandezze... Maestra: Guardate questa scatola ha questa lunghezza, questa larghezza e questa altezza.

12 Esiste un nome che raggruppa tutte le forme tridimensionali di cui abbiamo parlato. Qualcuno sa la differenza che c ’è tra l ’ acqua, l ’ aria e un oggetto ad esempio il banco? Bambini : l ’ aria non si vede, è trasparente... Maestra: bravi... è un gas, non lo puoi toccare, puoi sentire l ’ odore come ad esempio il gas per cucinare. E l ’ acqua? Al ì : è un liquido...non riesci tanto a prenderla... Maestra: è vero, l ’ acqua ha la sua forma? Bambini: no, prende quella del recipiente! Maestra: bravi e il banco invece com ’è ? Bambini: è duro... è qualcosa che tocco.. Maestra: il banco ha la sua forma? Bambini: s ì ! Maestra: se facessimo un insieme con il banco, la sedia e... Bambini: l ’ armadio, la lavagna, l ’ albero, l ’ immondizia, i libri, la scuola e... tutte le cose “ dure ” Maestra: quale cartellino mettereste a questo insieme? Quale etichetta? Marco: cose con lo spessore. Nina : materiali. Maestra: avete ragione sono cose che si possono prendere in mano ma hanno un nome che si usa, ad esempio, per dire che un armadio che ho acquistato è molto resistente, si dice che è...

13 Roberta: solido! Maestra: brava si chiamano solidi. Allora le scatole, cioè le forme tridimensionali che posso tenere in mano si chiamano solidi geometrici.

14 Per capire come sono fatte le scatole proviamo a fare delle impronte Riusciamo così a fare una tabella di confronto tra le nostre scatole…. La maestra ci fa osservare con attenzione tutto il materiale, riguardiamo le impronte e arriviamo così ad intuire il concetto di Poligono

15 Abbiamo imparato tante parole nuove :

16

17

18

19 Abbiamo iniziato giocando, osservando le forme, manipolandole, toccandole, scoprendo le loro caratteristiche, classificandole, imparandone i nomi e… a forza di lavorare con loro “la realtà ci è sfuggita di mano” : tutto sembrava animarsi. Come a teatro noi eravamo gli spettatori di una storia irreale in cui le forme diventano protagoniste di situazioni che non ci saremmo mai aspettati di vedere. Buona lettura

20

21 Tutto successe un giorno in una scuola, sembrava una mattina come tutte le altre. Il cielo dalle finestre aperte appariva azzurro e cristallino, solo qualche nuvola sembrava circondare la scuola.

22 Vicino alla scuola alcuni ragazzi stavano giocando a pallone. A un tratto, uno di loro lanciò per sbaglio il pallone contro la finestra di una classe. Il pallone finì su un libro di esperimenti scientifici portato da Daniele. Questo bambino era appassionato non solo di esperimenti, ma anche di cose soprannaturali. I suoi compagni erano stufi delle solite storie che raccontava: continuava a ripetere che poteva spostare gli oggetti con la forza del pensiero e che gli oggetti stessi, Caricandosi di energia, potevano muoversi nello spazio. Ma nessun compagno aveva mai visto realmente questi “fatti straordinari”.

23

24 La palla colpì una pagina dal misterioso titolo

25 Improvvisamente dal libro partì un ventaglio di raggi luminosi misti a polvere che andarono a colpire…

26 Nonostante il fascio luminoso rischiarasse tutta l’aula, che appariva deserta, si sentì in un angolo: > Tutto sembrava immobile ma…Un cilindro di cartone, con la sua base dal grande occhio, scorse uno strano movimento delle figure piane su un cartellone… Il cilindro pensò : >, indicando il cerchio.

27 Da qui iniziò una discussione a catena tra le strane figure piane e ancor più strane forme solide. Il cubo aggiunse, guardando il quadrato : > Ma il quadrato prontamente rispose: >. Il cubo replicò ; >

28 Subito si fece avanti il parallelepipedo che vantandosi e ponendosi in modo altezzoso disse al rettangolo: >

29 Il triangolo a questo punto si fece avanti e urlò alla piramide: >

30 Un bidello, intanto, sentite delle voci entrò nell’ aula, ma non si accorse di nulla perché tutte le forme velocissime tornarono al loro posto saltellando e strisciando sui piani alla velocità della luce. Il bidello, di nome Mario, si accorse solo in parte del parallelepipedo che si stava sistemando sullo scaffale, ma pensò di avere le traveggole.

31 Quando Mario uscì si scatenò il terremoto: il cubo, il parallelepipedo e la piramide, sporgendosi troppo, caddero rumorosamente sul pavimento e immediatamente tutti gli altri vollero seguirli e rotolarono in fila indiana la sfera, il cilindro e il cono.

32 A quel punto le forme piane si sentirono minacciate perché le forme solide saltellando cercarono di colpirle. Il cilindro si stava già organizzando, cercando di sparare la sfera, come se fosse un cannone.

33 La sfera, guardando il cerchio e cercando di colpirlo: > Un rettangolo reagì: > >, esclamarono in coro le figure piane, chiamate anche dagli esperti, bidimensionali.

34 A questo punto la piramide innervosita, colpì all’impazzata con tutte le sue forze, quadrati, cerchi, rettangoli…insomma tutta la tribù dei bidimensionali. Ma, con grande stupore, si accorse che il popolo delle bidimensionali non subivano colpi perché, essendo senza corpo, erano praticamente indistruttibili. Il cilindro per rabbia, cercando di colpire qualcuno, sbatté contro un banco e trascinò via una gomma che cadendo sopra un trapezio come per magia... lo fece sparire nel nulla.

35 L’eccezionale scoperta si sparse in un lampo tra tutti i solidi che credettero di sterminare, cioè di cancellare in breve tempo tutte le forme piane. Ecco che arrivarono da un cartellone, che non sembrava coinvolto nella magia, le linee dritte che partirono come saette trafiggendo gran parte del popolo tridimensionale mentre le linee curve a mo’ di vortice avvolsero, imprigionandole, le forme solide. …le linee dritte che partirono come saette trafiggendo…

36 …le linee curve, a mo’ di vortice avvolsero imprigionando le forme solide…

37 Era lunedì: i bambini ritornarono in classe, si accorsero con stupore che il cartellone delle figure piane era quasi vuoto! Qualcuno le aveva cancellate. Anche la compagna di Daniele non ritrovava la sfera … Era la sua palla… ci teneva tanto!!!

38 Tutti guardarono Daniele… forse lui ne sapeva qualcosa, forse i suoi poteri erano veri! Il bambino, subito rimase un pò stupito da questa improvvisa attenzione nei suoi confronti e, intuendo a che cosa stavano pensando i suoi compagni, esclamò: > Poi aggiunse: >

39 Daniele prese il suo libro di scienze, il fascio di luce ritornò nel libro, la magia rientrò e…sul cartellone ricomparvero le forme piane, le figure tridimensionali ritornarono nella scatola e… Come se fosse un film, si rivide tutta la storia all’indietro: anche i bambini stavano per essere risucchiati da un bagliore che sembrava un arcobaleno.

40 >, lo rimproverò la mamma. Nel frattempo si sentì ridacchiare…

41 Daniele uscì sul balcone per prendere una boccata d’aria, si sentiva confuso, guardava il cielo azzurro, il volo delle rondini, quando, come alla fine di una commedia spuntarono i solidi, uno dietro l’altro, le figure piane, le linee…e nel cielo si leggeva “CIAO DANIELE”.

42 Sara Enrico Marco Beatrice Massimiliano Enrico Ludovico Lidia Alessandra Davide Simona Roberta Raffaele Melissa Ali Nicoletta Ramona Nina Lanza Amilcare, Nilo Maria, Pugnali Silvia

43 Un ringraziamento particolare a Nancy Solavaggione che ha collaborato attivamente con la classe, dimostrando impegno e competenza.


Scaricare ppt "LA SCOPERTA DELLE FORME GEOMETRICHE USCIRA’ QUALCOSA DA QUESTO CILINDRO MAGICO? Massimiliano: “E’ alta, dura, l’inizio e la fine sono rotondi, si chiama."

Presentazioni simili


Annunci Google