La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Seicento. All’origine della crisi Nella prima metà del Seicento,ci fu un netto calo della popolazione a cause delle epidemie e carestie,che avevano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Seicento. All’origine della crisi Nella prima metà del Seicento,ci fu un netto calo della popolazione a cause delle epidemie e carestie,che avevano."— Transcript della presentazione:

1 Il Seicento

2 All’origine della crisi Nella prima metà del Seicento,ci fu un netto calo della popolazione a cause delle epidemie e carestie,che avevano già avuto luogo verso la fine del Cinquecento. A rendere ancora più difficile questa situazione intervenne una lunga serie di conflitti (guerra dei Trent’anni).(guerra dei Trent’anni).

3 Crisi Nazioni colpite: nazioni risparmiate Spagna -olanda Spagna olanda Italia -inghilterra Italia germania

4 Spagna Dal punto di vista economico,la causa prima della decadenza spagnola fu di gestire i traffici commerciali con le colonie. L’alta richiesta di materie prime che proveniva dai colonizzati metteva in allerta la borghesia spagnola che, naturalmente,preferiva essere pagata con oro e argento piuttosto che svendere la propria merce ai poveri contadini locali. La nobiltà,che appoggiava questo tipo di attività,si trovò però a dover sfamare la propria popolazione e si vide quindi costretta ad importare molte quantità di beni stranieri.In questo modo le ricchezze che affluivano dal Nuovo Mondo venivano immediatamente dirottate verso i vicini Stati europei,lasciando le casse spagnole perennemente al “verde”.

5 Italia Tante cause dettero vita a questa crisi in Italia. Sicuramente i mercanti e i produttori italiani non seppero rinnovarsi e stare al passo con i tempi. Un’altro motivo di arretratezza fu il sopravvivere delle arti e corporazioni. Nel Duecento e nel Trecento,queste organizzazioni avevano rappresentato un fattore di progresso. Ora,invece,ostacolavano i nuovi produttori,si opponevano a qualsiasi nuova tecnica,facevano resistenza a tutte le innovazioni che avrebbero potuto permettere alle manifatture italiane di competere con quelle straniere. Infine,sulla crisi dell’Italia influì in modo rilevante l’epidemia di peste,che colpì l’Italia settentrionale nel

6 Olanda Conquista di nuovi territori Formazione di banche Olandesi Rotte commerciali verso l’india 1602 viene fondata la compagnia delle indie unite Tolleranza religiosa Libera circolazione di idee

7 La guerra dei Trent’anni Cause Le cause che scatenarono questa guerra furono molteplici,la principale fu l’opposizione religiosa e Politici tra cattolici e protestanti. -Fase Boema: La scintilla che scatenò il conflitto si ebbe nel 1618,quando Ferdinando II vietò,in Boemia,la costruzione di alcune chiese protestanti,provocando una violenta ribellione. -Fase Danese: nel 1625 il re di Danimarca tentò di allearsi con i protestanti,ma nel 1627 la Danimarca decise di ritirarsi dal conflitto a causa del grande esercito allestito da Wallenstein. -Fase Svedese: Nel 1629 l’imperatore emanò l’editto di restituzione che dichiarava come unica religione quella Cattolica. Da questo momento iniziarono una serie di scontri tra protestanti. -Fase Francese e Pace di Westfalia: La Francia, guidata da Richelieu,per aumentare il proprio prestigio,entrò nel conflitto nel 1635 Contro la Spagna e l’impero ed alleata con l’Olanda e la Svezia. Ottenne il suo primo successo a Rocroi nel 1643 dove sconfisse gli spagnoli. Infine giunsero nel 1648 alla pace di Westfalia che Limitava il potere dell’imperatore.

8 Galileo Galilei Egli introdusse due metodi: metodo scientifico metodo sperimentale

9 Metodo sperimentale OSSERVAZIONE: L'osservazione serve a inquadrare il fenomeno che si vuole studiare e a raccogliere informazioni al suo riguardo. 2. DETERMINAZIONE DEL PROBLEMA: Consiste nell'individuazione delle variabili significative: in ogni esperimento si sceglie una sola variabile indipendente e si individuano tutte le variabili dipendenti da essa. Nella realizzazione di esperimenti elaborati mediante tabelle e grafici. 3. FORMULAZIONE DELLE IPOTESI: Dall'elaborazione dei dati si formulano delle ipotesi. 4. VERIFICA SPERIMENTALE DELLE IPOTESI FORMULATE: Successivamente il modello deve essere confermato da un'ulteriore indagine. 5. RACCOLTA DATI 6. ELABORAZIONE DEI RISULTATI: Se l'ipotesi formulata viene confermata si può formalizzare un modello ed eventualmente inserirlo in una teoria più completa. 7. PUBBLICAZIONE DEI RISULTATI: Alla fine i risultati dell' esperimento vanno pubblicati su una rivista scientifica.

10 Metodo scientifico Galileo Galilei introdusse il metodo scientifico dividendolo in 4 fasi: -osservazione; -ipotesi; -sperimentazione; -matematizzazione.

11 La concezione moderna dello stato La monarchia assoluta è la forma organizzativa iniziale dello stato moderno. Consiste in: Accentramento del potere sul sovrano Apparato burocratico Presenza e mantenimento di un esercito Presenza di un apparato fiscale

12 Gli eserciti Nel feudalesimo il compito era riservato alle classi superiori Con l’età moderna cambiano le armi e le tecniche e servono eserciti di professionisti L’esercito diviene elemento essenziale della forza dello Stato 2 soluzioni Esercito mercenario Esercito nazionale permanente

13 La burocrazia Un forte accentramento di poteri necessità di un apparato di funzionari: Giudici, esattori delle tasse Controllori, vigilanza,… Amministratori locali

14 Altre scoperte scientifiche Isaac Newton: legge di gravità Cartesio: creatore del razionalismo laico


Scaricare ppt "Il Seicento. All’origine della crisi Nella prima metà del Seicento,ci fu un netto calo della popolazione a cause delle epidemie e carestie,che avevano."

Presentazioni simili


Annunci Google