La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Incontro CCSE - Confindustria Energivori – DM 5 Aprile 2013 08 Ottobre 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Incontro CCSE - Confindustria Energivori – DM 5 Aprile 2013 08 Ottobre 2013."— Transcript della presentazione:

1 Incontro CCSE - Confindustria Energivori – DM 5 Aprile Ottobre 2013

2 Le funzioni della CCSE 2 La Cassa conguaglio per il settore elettrico (CCSE) è un ente pubblico non economico che opera nei settori dell’elettricità, del gas e dellacqua. La CCSE svolge l’attività di incasso di componenti tariffarie, sovrapprezzi e quote di prezzo pagate dai clienti finali nell’ambito del prezzo riconosciuto per la fornitura dei servizi; tali componenti vengono raccolte nei conti di gestione dedicati. CCSE provvede alla gestione finanziaria dei fondi incassati ed alle conseguenti erogazioni di contributi a favore degli operatori del settore secondo regole emanate dall’Autorità per l'energia elettrica e il gas. CCSE svolge, nei confronti dei soggetti amministrati, attività ispettive volte ad accertamenti di natura amministrativa, tecnica, contabile e gestionale.

3 Alcuni Numeri 3

4 L’aumento dei conti di gestione : : : : : : : : : : : : 51

5 Bolletta elettrica 5 Fonte: Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas Bolletta elettrica 2011 del “sistema Italia”  42 mld€ (imposte escluse)

6 Energivori Il Decreto MEF del 5 aprile 2013 (di concerto con MISE), nel recepire la Direttiva comunitaria che ristruttura la materia della tassazione dei prodotti energetici e dell’elettricità, ha definito:  le imprese a forte consumo di energia cd. “energivore” consumi > (o uguale) 2,4 GWH; rapporto tra costi dell’energia e fatturato > (o uguale) 3%;  le imprese aventi diritto alla rideterminazione degli oneri generali del sistema elettrico: rapporto tra costi dell’energia elettrica e fatturato > (o uguale) 2%;  la Cassa quale detentore “dell’elenco annuale delle imprese a forte consumo di energia”;  i destinatari di detto elenco: MISE, Agenzia delle Entrate, Agenzia delle Dogane, Guardia di Finanza (oltre ovviamente all’AEEG). 6

7 Cosa è stato fatto  La Cassa ha creato un gruppo di lavoro dedicato a questo progetto che rappresenta una novità assoluta per l’Ente in termini di controparti interessate;  la Cassa ha contrattato un fornitore esperto nel campo (già utilizzato per lo sviluppo di altre anagrafiche e.g. idrico);  la piattaforma (demo a breve) è sostanzialmente pronta ed ha recepito tutte le indicazioni dell’Autorità e dei vari stakeholders interessati;  l’AEEG ha sottoposto la bozza di delibera ad un periodo di consultazione con le imprese terminato il 9 settembre 2013;  sono stati svolti una serie di incontri con i vari stakeholders (Agenzia delle Dogane, Entrate, GDF, MISE) al fine di condividere tempistica ed il risultato atteso del censimento;  è stato meglio definito il perimetro del progetto: in questa prima fase non saranno censiti i prodotti energetici;  L’ Aeeg ha emanato la delibera definitiva di applicazione (3 ottobre 2013) 7

8 Prossimi passi  11 Ottobre 2013: emanazione di una circolare della Cassa con le istruzioni per la registrazione (potremmo ritardare qualche giorno in attesa verifica legale definitiva);  21 Ottobre 2013: piattaforma disponibile per la registrazione delle imprese;  30 Novembre 2013: chiusura della piattaforma (successivamente saranno possibili solo rettifiche motivate e comunque tracciate dalla Cassa);  31 dicembre 2013: delibera dell’AEEG riguardante: modalità dei pagamenti per questa prima fase e per i prossimi anni censimento dei prodotti energetici  Data da definirsi (in attesa delibera AEEG): erogazione da parte di CCSE di una prima tranche di pagamenti. 8

9 Alcune domande dalle imprese  La valorizzazione del costo dell’energia autoprodotta è distinta per fonte primaria di produzione (esempio sistema fotovoltaico o cogenerativo)? No;  Come viene calcolato il costo dell’energia autoprodotta? Il sistema sulla base della quantità di energia elettrica autoprodotta per lo svolgimento della propria attività dichiarata dall’impresa calcola il costo ad essa associata valorizzandola a PUN. PUN è il prezzo in acquisto dell’energia elettrica che si forma nel mercato elettrico italiano;  Le agevolazioni sugli oneri generali di sistema riguarderà solo la quota parte di energia elettrica prelevata da rete o avrà effetto anche sulla parte di energia autoprodotta? L’energia elettrica autoprodotta concorre a determinare il quantitativo complessivo di energia elettrica utilizzata per lo svolgimento della propria attività ed alla determinazione dell’indice di costo elettro-energetico, mentre le agevolazioni sugli oneri generali di sistema riguarderanno solo l’energia elettrica acquistata sul mercato.


Scaricare ppt "Incontro CCSE - Confindustria Energivori – DM 5 Aprile 2013 08 Ottobre 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google