La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LE PRIME COMUNITA’ CRISTIANE AVANTI. LE FONTI PER CONOSCERE LA COMUNITA’ PRIMITIVA ATTI DEGLI APOSTOLI Coloro che avevano creduto nel Vangelo di Gesù.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LE PRIME COMUNITA’ CRISTIANE AVANTI. LE FONTI PER CONOSCERE LA COMUNITA’ PRIMITIVA ATTI DEGLI APOSTOLI Coloro che avevano creduto nel Vangelo di Gesù."— Transcript della presentazione:

1 LE PRIME COMUNITA’ CRISTIANE AVANTI

2 LE FONTI PER CONOSCERE LA COMUNITA’ PRIMITIVA ATTI DEGLI APOSTOLI Coloro che avevano creduto nel Vangelo di Gesù e alla sua risurrezione predicata dagli Apostoli costituiscono la prima comunità cristiana. Alcuni testi del Nuovo Testamento, gli ATTI DEGLI APOSTOLI e le lettere di Paolo, ci consentono di conoscere la vita e la testimonianza della comunità primitiva.ATTI DEGLI APOSTOLI AVANTIINDIETRO

3 LE LETTERE PAOLINE E CATTOLICHE LETTERE PAOLINE: sono lettere state scritte da Paolo alle comunità da lui fondate, completano le notizie degli Atti relativamente alla comunità primitiva. Esse costituiscono un’importante sistematizzazione teologica del pensiero cristiano. LETTERE CATTOLICHE: sono state scritte da apostoli diversi e non sono indirizzate a comunità particolari, bensì sono destinate all’intera Chiesa diffusa per il mondo. AVANTI INDIETRO

4 SOLI MA NON ABBANDONATI UNA SPERANZA CHE RINASCE La morte di Gesù aveva gettato gli Apostoli in uno stato di sconforto e paura, tutte le speranze che avevano riposto nel Maestro erano finite su quella croce insieme a Lui. Ma l’annuncio della risurrezione aveva poi fatto rinascere in loro la gioia. gli Apostoli avevano creduto che tutto sarebbe tornato come prima; che Lui si sarebbe preso la rivincita su i suoi nemici ma non fu così. AVANTIINDIETRO

5 GESU’ ASCENDE AL CIELO Gesù appare loro; spiega loro le profezie che lo riguardavano contenute nella legge, nei profeti e nei salmi; e li invitò a essere suoi testimoni e a predicare a tutte le genti la conversione e il perdono dei peccati, rinnova la promessa dello Spirito Santo che li rivestirà di potenza dall’alto. AVANTIINDIETRO

6 LA PENTECOSTE E L’ANNUNCIO DEL VANGELO LA DISCESA DELLO SPIRITO SANTO Mentre si celebrava a Gerusalemme la festa ebraica di Pentecoste, gli apostoli, insieme con Maria furono protagonisti di un avvenimento straordinario: scese su di loro lo Spirito Santo sotto forma di lingua di fuoco. Gli Apostoli cominciarono a parlare in altre lingue. Era l’inizio della CHIESA MISSIONARIA voluta da Cristo.Pentecoste AVANTIINDIETRO

7 L’ANNUCIO E IL BATTESIMO CRISTIANO Dopo l’effusione dello Spirito a Pentecoste, Pietro si rivolse alla folla riunita dimostrando che quel Gesù che loro avevano messo in croce era in realtà il Messia atteso e molti di loro si convertirono al cristianesimo facendosi battezzare. battezzare AVANTIINDIETRO

8 L’ORGANIZZAZIONE DELLA COMUNITA’ APOSTOLI, EPISCOPI e DIACONI -APOSTOLI: predicavano il messaggio di Gesù. -EPISCOPI: (o vescovi) erano responsabili della Chiesa e avevano il compito di guidarla. -DIACONI: avevano la funzione di aiutare nell’organizzazione materiale della società, nell’assistenza ai bisognosi. AVANTIINDIETRO

9 IL PRIMATO DI PIETRO A Pietro era stato conferito da Gesù stesso un ruolo di rilievo, di guida, di conferma della fede dei fratelli. Queste sono le parole che usò Gesù : «tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa». -Pietro fu il primo a riconoscere e a proclamare la messianicità di Gesù. -A Pietro è attribuito il primo miracolo. -Malgrado le sue debolezze Pietro appare come il modello del discepolo, del credente, del testimone e del martire. AVANTIINDIETRO

10 LA VITA DELLA COMUNITA’ UN NUOVO STILE DI VITA si riunivano per ascoltare l’insegnamento degli Apostoli, per recitare preghiere comunitarie e per il rito della frazione del pane. C’era inoltre una tale solidarietà tra i membri della comunità che essi mettevano i loro averi in comune e venivano in soccorso dei membri bisognosi. AVANTIINDIETRO

11 IL DISTACCO DELL’EBRAISMO IL PRIMO MARTIRE La comunità di Gerusalemme fu chiamata molto presto a dare testimonianza a Gesù il Cristo a prezzo anche della vita. Stefano è il primo martire, incaricati di occuparsi della distribuzione quotidiana dei viveri e dei beni per i poveri.martire AVANTIINDIETRO

12 LA MISSIONE AI NON EBREI Il martiro di Stefano segnò una svolta fondamentale nella diffusione del messaggio cristiano. Per gli ellenisti la vita a Gerusalemme era diventata impossibile e così si trasferirono ad Antiochia e fu qui che vennero per la prima volta chiamati CRISTIANI, venendo riconosciuti come gruppo religioso autonomo. INDIETROHOME

13 LESSICO ATTI DEGLI APOSTOLI: Gli Atti degli apostoli sono stati scritti in greco dall’evangelista Luca intorno all’80 d.C. PENTECOSTE: che significa 50 giorni dopo la morte di Gesù. BATTESIMO: è il sacramento di ingresso nelle Chiese cristiane. Le parole "battesimo", "battezzare" derivano dal greco (βάπτισμα, βαπτίζειν), dove la radice corrispondente indica "immergere nell'acqua"; in effetti il battesimo simboleggia il seppellimento dell'uomo "vecchio" nella morte di Cristo per la rinascita dell'uomo nuovo in Cristo. MARTIRE: testimone.


Scaricare ppt "LE PRIME COMUNITA’ CRISTIANE AVANTI. LE FONTI PER CONOSCERE LA COMUNITA’ PRIMITIVA ATTI DEGLI APOSTOLI Coloro che avevano creduto nel Vangelo di Gesù."

Presentazioni simili


Annunci Google