La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La valutazione della qualità dell’ inclusione a cura di Ettore D’Orazio Orsogna 21 ottobre 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La valutazione della qualità dell’ inclusione a cura di Ettore D’Orazio Orsogna 21 ottobre 2014."— Transcript della presentazione:

1 La valutazione della qualità dell’ inclusione a cura di Ettore D’Orazio Orsogna 21 ottobre 2014

2 Polarità AutovalutazioneAutovalutazione Valutazione esterna QualitativaQualitativa QuantitativaQuantitativa

3 Le scelte non sono neutrali Entrano inballo i valori, le aspettative, le finalità Entrano in ballo i valori, le aspettative, le finalità Cosa intendiamo per equità? Cosa intendiamo per qualità dell’inclusione?

4 Le scelte non sono neutrali Una questione «politica» La politica come etica applicata ed adattata alla realtà quotidiana: cosa facciamo? Come modifichiamo il contesto in cui viviamo?

5 Le scelte non sono neutrali Dalle petizioni di principio alle azioni (strategiche e tattiche)

6 Sintesi dei punti di forza e di criticit à rilevati*: Aspetti organizzativi e gestionali coinvolti nel cambiamento inclusivo Possibilit à di strutturare percorsi specifici di formazione e aggiornamento degli insegnanti Adozione di strategie di valutazione coerenti con prassi inclusive; Organizzazione dei diversi tipi di sostegno presenti all ’ interno della scuola Organizzazione dei diversi tipi di sostegno presenti all ’ esterno della scuola, in rapporto ai diversi servizi esistenti; Ruolo delle famiglie e della comunit à nel dare supporto e nel partecipare alle decisioni che riguardano l ’ organizzazione delle attivit à educative; Sviluppo di un curricolo attento alle diversit à e alla promozione di percorsi formativi inclusivi; Valorizzazione delle risorse esistenti Acquisizione e distribuzione di risorse aggiuntive utilizzabili per la realizzazione dei progetti di inclusione Attenzione dedicata alle fasi di transizione che scandiscono l ’ ingresso nel sistema scolastico, la continuit à tra i diversi ordini di scuola e il successivo inserimento lavorativo. * = 0: per niente 1: poco 2: abbastanza 3: molto 4 moltissimo Adattato dagli indicatori UNESCO per la valutazione del grado di inclusivit à dei sistemi scolastici Il modello di Piano Annuale per l’Inclusione

7 UNESCO Education For All Conferenza mondiale sui Bisogni Educativi Speciali Salamanca 1994 Forum mondiale dell’educazione Dakar Guidelines for inclusion: ensuring access to education for all Policy guidelines on inclusion in education

8 UNESCO Education For All L'UNESCO suggerisce l'adozione di tre concetti fondamentali: partecipazione,partecipazione, condivisionecondivisione uguaglianzauguaglianza e di tre dimensioni cruciali della progettazione: comprensione delle situazioni di disabilità in relazione all’ambientecomprensione delle situazioni di disabilità in relazione all’ambiente visione olistica dell’alunnovisione olistica dell’alunno principio di non segregazioneprincipio di non segregazione

9

10

11

12 IL MODELLO

13

14

15

16 DESCRITTORI LIVELLI DI QUALITA’ DELL’INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ

17 I INDICATORI STRUTTURALI 1. FORMAZIONE DELLE CLASSI 2. ASSEGNAZIONE DI INSEGNANTE PER IL SOSTEGNO 3. FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI CURRICOLARI 4. FORMAZIONE IN SERVIZIO 5. ASSISTENZA GENERICA DI BASE 6. ASSISTENTI EDUCATIVI PER L’AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE 7. GRUPPO DI LAVORO DI ISTITUTO 8. RAPPORTI INTERISTITUZIONALI PER IL COORDINAMENTO ED IL SUPPORTO ORGANIZZATIVO – AMMINISTRATIVO DELL’INTEGRAZIONE SCOLASTICA 9. STANZIAMENTI NEL BILANCIO DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA AUTONOMA 10. ACQUISIZIONE DELLA DIAGNOSI FUNZIONALE DELL’ALUNNO CON HANDICAP II INDICATORI DI PROCESSSO 11. ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ 12. FORMULAZIONE DEL PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO III INDICATORI DI RISULTATO 13. VALUTAZIONE DEI RISULTATI DELL’INTEGRAZIONE SCOLASTICA a APPRENDIMENTI SCOLASTICI b VALUTAZIONE OBBLIGATORIA DI ALTRI ASPETTI ESSENZIALI AI SENSI DELL’ ART. 12 comma 3 L.n. 104/92 c VALUTAZIONE DEI RISULTATI DELL’INTEGRAZIONE

18 1. LIVELLO ESSENZIALE MINIMALE DI QUALITÀ 2. LIVELLO INTERMEDIO DI QUALITÀ 3. LIVELLO OTTIMALE DI QUALITÀ 1.FORMAZIONE DELLE CLASSI 1. FORMAZIONE DELLE CLASSI − (LIVELLO ESSENZIALE MINIMALE DI QUALITÀ) Le prime classi frequentate da alunni con handicap rispettano i parametri fissati dal D.M. 141/99 (massimo 25 alunni con un compagno con handicap, massimo 20 con più di uno) − (LIVELLO INTERMEDIO DI QUALITÀ) Le classi con 20 alunni hanno al massimo 2 alunni con handicap − (LIVELLO OTTIMALE DI QUALITÀ) Le classi con un solo alunno con handicap hanno 20 alunni o meno 2. ASSEGNAZIONE DI INSEGNANTE PER IL SOSTEGNO − (LIVELLO ESSENZIALE MINIMALE DI QUALITÀ) L’insegnante per le attività di sostegno è specializzato ai sensi del DPR 970/75 − (LIVELLO INTERMEDIO DI QUALITÀ) E’ anche docente a tempo indeterminato − (LIVELLO OTTIMALE DI QUALITÀ) Ha anche frequentato corsi di alta qualificazione di cui all’O.M. 169/96 e all’O.M. 782/97

19 Rilevazione Nazionale del Sistema Istruzione Questionario sulla disabilità

20 20 indicatori divisi in: Elementi di strutturaElementi di struttura Elementi di processoElementi di processo Valutazione – autovalutazione - soddisfazione dell’utenzaValutazione – autovalutazione - soddisfazione dell’utenza

21 IL QAIS Questionario per l’Autoanalisi dell’Inclusione Scolastica appartenenze clima azioni progettazione

22 Indicatori Ambito 1 – Le appartenenze a una comunità scolastica inclusiva 1.1. L’appartenenza alla comunità classe e alla comunità scuola 1.2. Il superamento delle barriere all’apprendimento ed alla partecipazione 1.3. La comprensione delle differenze nelle attività di classe e nei processi di insegnamento – apprendimento Ambito 2 – Il clima collaborativo 2.1. Gli insegnanti e gli alunni 2.2. La scuola e le famiglie 2.3. La scuola e il territorio Ambito 3 – Le azioni inclusive 3.1. La formazione in servizio e l’insegnamento sono orientati alle differenze tra gli alunni 3.2. Le attività in classe sono finalizzate alla partecipazione di tutti gli alunni 3.3. La valutazione è orientata al raggiungimento delle finalità formative ed educative per tutti gli alunni Ambito 4 – La progettazione e le procedure inclusive 4.1. La progettazione è orientata all’inclusione 4.2. La documentazione si rivolge alle esperienze inclusive

23 Applicazioni Autoanalisi di classe Autoanalisi di istituto

24

25 azioni inclusive

26 LE TRE DIMENSIONI DELL’INDEX

27 Produrre politiche inclusive Sviluppare pratiche inclusive Creare culture inclusive

28 Le culture rappresentano il cuore del processo Principi e i valori che orientano le decisioni sulle politiche educative e gestionali e sulle pratiche quotidiane nella classe Le culture rappresentano il cuore del processo Principi e i valori che orientano le decisioni sulle politiche educative e gestionali e sulle pratiche quotidiane nella classe

29 Parole – chiave: Creare una comunità sicura, accogliente, cooperativa e stimolanteCreare una comunità sicura, accogliente, cooperativa e stimolante Valorizzazione di ciascunoValorizzazione di ciascuno Valori inclusivi condivisi e trasmessi a tutti: docenti, alunni, ATA, membri del Consiglio di istituto, famiglieValori inclusivi condivisi e trasmessi a tutti: docenti, alunni, ATA, membri del Consiglio di istituto, famiglie Parole – chiave: Creare una comunità sicura, accogliente, cooperativa e stimolanteCreare una comunità sicura, accogliente, cooperativa e stimolante Valorizzazione di ciascunoValorizzazione di ciascuno Valori inclusivi condivisi e trasmessi a tutti: docenti, alunni, ATA, membri del Consiglio di istituto, famiglieValori inclusivi condivisi e trasmessi a tutti: docenti, alunni, ATA, membri del Consiglio di istituto, famiglie Creare culture inclusive

30 Articolazione: Sezione A.1 Costruire comunità Sezione A.2 Affermare valori inclusivi Articolazione: Sezione A.1 Costruire comunità Sezione A.2 Affermare valori inclusivi

31 Creare culture inclusive

32

33 Produrre politiche inclusive

34 Questa dimensione assicura che i valori inclusivi permeino tutta la progettazione scolastica Produrre politiche inclusive

35 Il sostegno: Viene considerato sostegno ogni attività in grado di accrescere la capacità della scuola nel rispondere alla diversità degli alunni, tutte le forme di sostegno vengono sviluppate secondo principi inclusivi e in modo coordinato all’interno di un quadro unitario Il sostegno: Viene considerato sostegno ogni attività in grado di accrescere la capacità della scuola nel rispondere alla diversità degli alunni, tutte le forme di sostegno vengono sviluppate secondo principi inclusivi e in modo coordinato all’interno di un quadro unitario Produrre politiche inclusive

36 Articolazione: Sezione B.1 Sviluppare la scuola per tutti Sezione B.2 Organizzare il sostegno alla diversità Articolazione: Sezione B.1 Sviluppare la scuola per tutti Sezione B.2 Organizzare il sostegno alla diversità Produrre politiche inclusive

37

38

39 Sviluppare pratiche inclusive Creare culture inclusive Produrre politiche inclusive

40 Sviluppare pratiche inclusive Questa dimensione promuove le pratiche scolastiche che riflettono le culture e le politiche inclusive della scuola Questa dimensione promuove le pratiche scolastiche che riflettono le culture e le politiche inclusive della scuola

41 Sviluppare pratiche inclusive Le attività formative vengono progettate in modo da rispondere alla diversità degli alunni, e gli alunni sono incoraggiati a essere attivamente coinvolti in ogni aspetto della loro educazione, valorizzando anche le loro conoscenze ed esperienze fuori della scuola Il personale individua nella collaborazione con i colleghi, gli alunni, le famiglie e la comunità locale le risorse materiali e umane per il sostegno all’apprendimento e alla partecipazione

42 Sviluppare pratiche inclusive Articolazione: Sezione C.1 Coordinare l’apprendimento Sezione C.2 Mobilitare risorse Articolazione: Sezione C.1 Coordinare l’apprendimento Sezione C.2 Mobilitare risorse

43 Sviluppare pratiche inclusive

44

45 Conclusioni…

46 La spiacevole sensazione di un arretramento della qualità dell’inclusione … Dalla sensazione alla constatazione

47 La stagnazione La crisi Inclusione e innovazione: ricreare il legame

48 Rileggiamo la nostra storia … Le condizioni favorevoli all’inclusione: la scuola media unica e l’organizzazione delle classi per percorso e non per livelli

49 L’inclusione costringe a cambiare altrimenti c’è arretramento Richiede innovazione e buone prassi che diventino sistema Quanto di realmente innovativo c’è oggi nella scuola italiana? Forse si è fermato il «vento dell’innovazione»?

50

51 …ritroviamo la passione Per far volare l’inclusione…

52 Grazie per l’attenzione!

53 Index F. Dovigo: Fare differenze, Trento, Erickson A.A.V.V., L’index per l’Inclusione nella pratica, Milano, Franco Angeli, 2013 Invalsi Nocera QAIS F. Medeghini, W. Fornasa, M. Maviglia, G. Ongher: L’inclusione scolastica, Processi e strumenti di autoanalisi per la qualità inclusiva, Brescia, Vannini, 2009 UNESCO Guidelines for inclusion: ensuring access to education for all Policy guidelines on inclusion in education


Scaricare ppt "La valutazione della qualità dell’ inclusione a cura di Ettore D’Orazio Orsogna 21 ottobre 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google