La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DTL Venezia1 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Venezia Direttrice Dott.ssa Susanna Staccioli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DTL Venezia1 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Venezia Direttrice Dott.ssa Susanna Staccioli."— Transcript della presentazione:

1 DTL Venezia1 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Venezia Direttrice Dott.ssa Susanna Staccioli

2 DTL Venezia2 LA CONCILIAZIONE LA CONCILIAZIONE Relatore : Riccardo Germoglio Relatore : Riccardo Germoglio « Scoraggia la lite. Favorisci l’accordo ogni volta che puoi. Mostra come l’apparente vincitore sia spesso un reale sconfitto « « Scoraggia la lite. Favorisci l’accordo ogni volta che puoi. Mostra come l’apparente vincitore sia spesso un reale sconfitto « Abramo Lincoln (1809 – 1865) – XVI presidente degli Stati Uniti d’America Abramo Lincoln (1809 – 1865) – XVI presidente degli Stati Uniti d’America

3 DPL Venezia3 Che cos’è la conciliazione? La conciliazione è una procedura di risoluzione delle controversie in base alla quale una terza persona imparziale, il conciliatore, assiste le parti in conflitto guidando la loro negoziazione e orientandole verso la ricerca di accordi reciprocamente soddisfacenti. T

4 La conciliazione non vuole sopperire alle carenze del sistema giudiziario, nè si pone come alternativa alla giustizia, ma propone una via, differente dalle altre più conosciute o più praticate, di soluzione dei conflitti. La conciliazione non vuole sopperire alle carenze del sistema giudiziario, nè si pone come alternativa alla giustizia, ma propone una via, differente dalle altre più conosciute o più praticate, di soluzione dei conflitti. DTL Venezia4

5 Ad esempio l’arbitrato, così come il processo civile, appartiene alle procedure contenziose, cioè rappresenta uno scontro tra due parti volto ad accertare la violazione di un diritto: compito del giudice, o dell’arbitro, è quello di mettere a confronto le parti e individuarne le relative responsabilità Ad esempio l’arbitrato, così come il processo civile, appartiene alle procedure contenziose, cioè rappresenta uno scontro tra due parti volto ad accertare la violazione di un diritto: compito del giudice, o dell’arbitro, è quello di mettere a confronto le parti e individuarne le relative responsabilità DTL Venezia5

6 Diversamente, con la conciliazione si tenta di individuare la soluzione ottimale del problema e di orientare le parti a giungere ad un accordo vantaggioso per entrambe. Diversamente, con la conciliazione si tenta di individuare la soluzione ottimale del problema e di orientare le parti a giungere ad un accordo vantaggioso per entrambe. Da questa definizione si deducono alcune delle caratteristiche più importanti Da questa definizione si deducono alcune delle caratteristiche più importanti DTL Venezia6

7 a) Volontarietà del procedimento: a) Volontarietà del procedimento: Le parti partecipano alla conciliazione per decisione propria, e: Le parti partecipano alla conciliazione per decisione propria, e: possono decidere di portare a buon fine la procedura solo se lo considerano possono decidere di portare a buon fine la procedura solo se lo considerano DTL Venezia7

8 conveniente per i loro interessi. conveniente per i loro interessi. in caso di accordo delineano personalmente i suoi termini. in caso di accordo delineano personalmente i suoi termini. non sono costrette a rinunciare ad altre vie per risolvere il conflitto. non sono costrette a rinunciare ad altre vie per risolvere il conflitto. DtL Venezia8

9 b) Procedura Cooperativa: b) Procedura Cooperativa: La conciliazione contribuisce non solo ad ottenere una soluzione ai problemi, ma anche a rafforzare le relazioni in base al principio della negoziazione collaborativa per cui si deve "attaccare il problema e non le persone coinvolte". La conciliazione contribuisce non solo ad ottenere una soluzione ai problemi, ma anche a rafforzare le relazioni in base al principio della negoziazione collaborativa per cui si deve "attaccare il problema e non le persone coinvolte". DTL Venezia9

10 c) La imparzialità c) La imparzialità il conciliatore è un terzo imparziale, nel senso che non può avere interessi in comune con nessuna delle parti il conciliatore è un terzo imparziale, nel senso che non può avere interessi in comune con nessuna delle parti DTL Venezia10

11 d) È una procedura rapida: d) È una procedura rapida: Mentre la durata media di un giudizio civile ordinario si protrae per anni, il tentativo di conciliazione può consentire una risoluzione in una sola seduta. Mentre la durata media di un giudizio civile ordinario si protrae per anni, il tentativo di conciliazione può consentire una risoluzione in una sola seduta. DPL Venezia11

12 f) Creatività f) Creatività sulla misura degli interessi e i bisogni delle parti; ogni accordo sarà modellato sulla misura degli interessi e i bisogni delle parti; ogni accordo sarà modellato DTL Venezia12

13 g) Preserva la riservatezza: g) Preserva la riservatezza: Nulla di ciò che emerge dalle udienze di conciliazione potrà essere rivelato dai conciliatori, ne dalle parti. La riservatezza è una caratteristica fondamentale della conciliazione. Per assicurarla, si deve firmare prima dell’inizio delle sessioni, un "Accordo di Riservatezza". Nulla di ciò che emerge dalle udienze di conciliazione potrà essere rivelato dai conciliatori, ne dalle parti. La riservatezza è una caratteristica fondamentale della conciliazione. Per assicurarla, si deve firmare prima dell’inizio delle sessioni, un "Accordo di Riservatezza". DTL Venezia13

14 h) Autocomposizione: h) Autocomposizione: Le parti hanno un’equa opportunità di esprimere la loro visione del disaccordo e di ascoltarsi reciprocamente; sono loro stesse (e non un terzo) a decidere la portata del loro accordo, e le modalità di formalizzazione Le parti hanno un’equa opportunità di esprimere la loro visione del disaccordo e di ascoltarsi reciprocamente; sono loro stesse (e non un terzo) a decidere la portata del loro accordo, e le modalità di formalizzazione DTL Venezia14

15 i) E’ economica: i) E’ economica: Non si devono pagare né le tasse giudiziarie, ne perizie, ne altri costi addizionali. Non si devono pagare né le tasse giudiziarie, ne perizie, ne altri costi addizionali. DTL Venezia15

16 Autonoma Autonoma Se le parti non arrivano ad un accordo, non perdono alcun diritto e, possono avviare una causa giudiziaria. Nel caso che la conciliazione si concluda col raggiungimento di un accordo totale o parziale, questo avrà valore di contratto, e le parti si impegneranno a dare esecuzione al medesimo nei termini da loro stabiliti. Se le parti non arrivano ad un accordo, non perdono alcun diritto e, possono avviare una causa giudiziaria. Nel caso che la conciliazione si concluda col raggiungimento di un accordo totale o parziale, questo avrà valore di contratto, e le parti si impegneranno a dare esecuzione al medesimo nei termini da loro stabiliti. DTL Venezia16

17 Direzione della procedura ad opera del conciliatore Direzione della procedura ad opera del conciliatore Il conciliatore è un terzo imparziale, con la preparazione sufficiente ad applicare tecniche speciali che aiutino ad ascoltare, valutare e creare alternative. Il conciliatore è un terzo imparziale, con la preparazione sufficiente ad applicare tecniche speciali che aiutino ad ascoltare, valutare e creare alternative. DTL Venezia17

18 DPL Venezia18 il collegato lavoro: LEGGE 4 novembre 2010, n. 183.

19 DPL Venezia19 Conciliazione (art. 31) tentativo di conciliazione: Facoltativo per i contratti Facoltativo per i contratti non certificati (c/o DPL) (c/o DPL)

20 DPL Venezia20 i numeri delle conciliazioni:.

21 Conciliazioni ex art. 410 c.p.c. Anno 2013 TrattateConciliazioniManc. concArchiv d’uff. % DPL Venezia21

22 DPL Venezia22 Modulo per la conciliazione: dplvenezia Sezione modulistica Sezione modulistica

23 DPL Venezia23 modalità di presentazione Il proponente (il lavoratore / il prestatore di lavoro / datore di lavoro / committente) Mediante:  consegna a mano  raccomandata AR  posta certificata (la domanda può essere presentata anche congiuntamente da entrambe le parti)

24 DPL Venezia24 modalità : assistenza il lavoratore potrà farsi assistere da un’organizzazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato; il lavoratore potrà farsi assistere da un’organizzazione sindacale cui aderisce o conferisce mandato; il datore di lavoro potrà farsi assistere da un avvocato, un consulente o una persona di sua fiducia. il datore di lavoro potrà farsi assistere da un avvocato, un consulente o una persona di sua fiducia.

25 DTL Venezia25 modalità : delega normale normale

26 DPL Venezia26 Contenuto della richiesta 1 il nome, il cognome e la residenza dell’istante e del convenuto; se l’istante o il convenuto sono una persona giuridica, un’associazione non riconosciuta o un comitato, l’istanza deve indicare la denominazione o la ditta nonché la sede; il nome, il cognome e la residenza dell’istante e del convenuto; se l’istante o il convenuto sono una persona giuridica, un’associazione non riconosciuta o un comitato, l’istanza deve indicare la denominazione o la ditta nonché la sede; il luogo dove è sorto il rapporto ovvero dove si trova l’azienda o sua dipendenza alla quale è addetto il lavoratore o presso la quale egli prestava la sua opera al momento della fine del rapporto; il luogo dove è sorto il rapporto ovvero dove si trova l’azienda o sua dipendenza alla quale è addetto il lavoratore o presso la quale egli prestava la sua opera al momento della fine del rapporto;

27 DPL Venezia27 Conciliazione Procedura 1 Il convenuto può: 1) non accettare il tentativo di conciliazione ciascuna parte può adire A.G. 2) accettare la procedura di conciliazione.

28 DPL Venezia28 Conciliazione Procedura 2 entro 20 giorni dalla comunicazione di avvio della procedura la controparte può decidere di non aderirvi la pratica viene archiviata per abbandono

29 DPL Venezia29 Conciliazione Procedura 3 Entro 20 gg La controparte accetta di aderire: deve inoltrare alla DPL una memoria contenente: - le proprie difese, - le proprie difese, - le eccezioni in fatto e in diritto, - le eccezioni in fatto e in diritto, - le eventuali domande in via riconvenzionale. - le eventuali domande in via riconvenzionale.

30 DPL Venezia30 Conciliazione Procedura 4 la Commissione, ricevuta la memoria, fissa entro 30 giorni la comparizione delle parti.

31 DPL Venezia31 Esito : conciliano Esito : conciliano è redatto processo verbale sottoscritto dalle parti e dai componenti della Commissione.

32 DPL Venezia32 esito: non conciliano la Commissione di conciliazione deve elaborare una proposta per la bonaria definizione della controversia. Se la proposta non è accettata, di essa viene data compiuta indicazione nel verbale di mancato accordo, unitamente alle posizioni assunte dalle parti.

33 DPL Venezia33 conseguenze in giudizio il giudice del lavoro (adito successivamente) dovrà verificare e tenere poi in debito conto se la mancata accettazione della proposta suddetta è stata o meno supportata da adeguata motivazione

34 DPL Venezia34 Conciliazione (art. 31) tentativo di conciliazione: Obbligatorio per i contratti certificati (c\o commissione di certificazione) Obbligatorio per i contratti certificati (c\o commissione di certificazione) Facoltativo per i contratti non certificati Facoltativo per i contratti non certificati (c\o DPL) (c\o DPL)


Scaricare ppt "DTL Venezia1 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Territoriale del Lavoro di Venezia Direttrice Dott.ssa Susanna Staccioli."

Presentazioni simili


Annunci Google