La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Z.G.C. VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI nei Contratti di Appalto e Contratti d’Opera Cosa prevede la legge e come si deve procedere (D.Lgs.626/94.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Z.G.C. VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI nei Contratti di Appalto e Contratti d’Opera Cosa prevede la legge e come si deve procedere (D.Lgs.626/94."— Transcript della presentazione:

1 1 Z.G.C. VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI nei Contratti di Appalto e Contratti d’Opera Cosa prevede la legge e come si deve procedere (D.Lgs.626/94 – L.123/2007)

2 2 Z.G.C. IN CASO DI LAVORI AFFIDATI A TERZI (Art.7 D.Lgs.626/94) 1. Il datore di lavoro (committente), in caso di affidamento dei lavori ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi all’interno della propria azienda, o di una singola unità produttiva della stessa, nonché nell’ambito dell’intero ciclo produttivo dell’azienda medesima DEVE: a ) verificare, anche attraverso l’iscrizione alla CCIAA l’idoneità tecnico-professionale delle imprese appaltatrici o dei lavoratori autonomi in relazione ai lavori da affidare in appalto o contratto d’opera b ) Fornire agli stessi soggetti dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell’ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività.

3 3 Z.G.C. IN CASO DI LAVORI IN APPALTO (Art.7 D.Lgs.626/94) 2. I datori di lavoro (Committente ed Appaltatore) devono: a ) Cooperare all’attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull’attività oggetto dell’appalto; b ) Coordinare gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare i rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell’esecuzione dell’opera complessiva

4 4 Z.G.C. IN CASO DI LAVORI IN APPALTO (Art.7 D.Lgs.626/94) 3. Il datore di lavoro (Committente) deve promuovere la cooperazione ed il coordinamento : a)Elaborando un unico documento di valutazione dei rischi che indichi le misure adottate per eliminare le interferenze (DUVRI). b)Allegando il DUVRI al contratto d’appalto o contratto d’opera; ATTENZIONE: queste disposizioni non si applicano ai rischi propri dell’attività delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi

5 5 Z.G.C. IN CASO DI LAVORI IN APPALTO (Art.7 D.Lgs.626/94) 3-Ter. Negli appalti pubblici, nei contratti di somministrazione, di appalto e di subappalto, ferme restando le disposizioni in materia di Salute e Sicurezza del lavoro (artt.1559,1655,1656 Cod. Civile) devono essere specificatamente indicati i costi relativi alla sicurezza del lavoro ATTENZIONE: A questi dati possono accedere, su richiesta, il RLS e le Organizzazioni Sindacali

6 6 Z.G.C. COS’E’ IL D.U.V.R.I. Il D.U.V.R.I. e’ lo strumento attraverso il quale il COMMITTENTE individua e valuta i rischi generati all’interno dei suoi ambienti dalla contemporanea esecuzione di lavori ad opera di APPALTATORI Ambiente di lavoro COMMITTENTE Rischi per i dipendenti Rischi APPALTATORE A Rischi APPALTATORE C Rischi APPALTATORE B

7 7 Z.G.C. Caratteristiche del D.U.V.R.I. Il D.U.V.R.I. deve: Essere integrato con il documento di valutazione dei rischi aziendali (art.4, c.2 D.Lgs.626/94) Essere unico per tutti gli appalti che comportano rischi tra loro interferenti; Essere indipendente dal documento di valutazione dei rischi aziendali (art.4 D.Lgs.626/94) Essere finalizzato a gestire i rischi interferenziali; N.B. Utilizzare una metodologia adattabile ad ogni tipo di appalto (ad esclusione di quelli gestiti con il Piano di Sicurezza del Cantiere – PSC)

8 8 Z.G.C. Come si realizza il D.U.V.R.I. Il COMMITTENTE trasmette a tutti gli appaltatori informazioni su: Modalità di accesso alle aree di lavoro; Organizzazione interna dell’azienda committente; Alimentazione di energia; Attività lavorative che dovranno essere svolte; Modalità d’uso di sostanze o materiali pericolosi; Modalità di gestione dell’emergenza.

9 9 Z.G.C. Come si realizza il D.U.V.R.I. Ciascun APPALTATORE trasmette al committente informazioni su: I rischi introdotti all’interno dell’azienda dalle lavorazioni oggetto dell’appalto assegnatogli; Misure di prevenzione e protezione adottate ;

10 10 Z.G.C. I contenuti del D.U.V.R.I. Identificazione dei criteri utilizzati per valutare i rischi (metodologia); Descrizione dell’azienda committente, delle aree di lavoro, delle attività svolte presso i reparti interessati dai lavori in appalto; Descrizione delle attività svolte dagli appaltatori; Organizzazione delle lavorazioni e misure generali di sicurezza : - identificazione dei locali a disposizione dell’appaltatore - servizi igienici - refettori - viabilità interna - ecc

11 11 Z.G.C. I contenuti del D.U.V.R.I. Misure di coordinamento relative all’uso comune di apprestamenti, attrezzature, infrastrutture, mezzi e servizi di protezione; Rischi “normati” negli ambienti di lavoro (rischio chimico, cancerogeno, biologico, rumore, vibrazioni, incendio, esplosione); Cronoprogramma dei lavori per l’identificazione delle sovrapposizioni temporali (nei singoli luoghi di lavoro)

12 12 Z.G.C. Le norme di riferimento UNI EN : Sicurezza del macchinario – Concetti fondamentali, principi generali di progettazione. Terminologia di base, metodologia. UNI EN 1050 : Sicurezza del macchinario – Principi per la valutazione del rischio UNI EN 11230:2007 : Gestione del rischio - Vocabolario

13 13 Z.G.C. Le norme di riferimento BS 8800:2004 : Guida ai sistemi di gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. BS OHSAS 18001:2007 : Sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro OHSAS : Linee guida per l’implementazione dell’OHSAS 18001

14 14 Z.G.C. Obiettivi da conseguire Enfatizzare le situazioni più pericolose dei rischi interferenti Individuare le procedure per le lavorazioni critiche necessarie alla gestione dell’appalto Fornire chiare informazioni agli appaltatori su eventuali obblighi previsti nelle aree di lavoro oggetto dell’appalto Pianificare preventivamente le sequenze temporali e spaziali delle attività Valutare tutti i rischi interferenti con una metodologia sistematica Predisporre le misure di prevenzione e protezione necessarie alla eliminazione/riduzione/gestione dei rischi interferenti

15 15 Z.G.C. INDIVIDUAZIONE RISCHI INTERFERENTI Raccolta dati Identificazione sovrapposizioni temporali delle attività negli ambienti di lavoro Identificazione rischi potenzialmente interferenti derivanti dal COMMITTENTE Identificazione rischi potenzialmente interferenti causati dagli APPALTATORI C’è compresenza Rischio interferente Rischio NON interferente Rischio permane in assenza di chi lo determina ed il luogo è accessibile ad altre aziende? SI NO

16 16 Z.G.C. Come valutare i rischi interferenti Per effettuare la valutazione dei rischi interferenti si deve: - Svolgere un’attenta analisi spazio temporale delle attività previste dall’appalto; - Redigere il CRONOPROGRAMMA dei lavori evidenziando: - i lavori in appalto; -le attività lavorative omogenee per rischio; -L’esecutore della lavorazione -L’ambiente di lavoro in cui viene svolta la lavorazione

17 17 Z.G.C. CRONOPROGRAMMA SOVRAPPOSIZIONE TEMPORALE DELLE ATTIVITA’

18 18 Z.G.C. INDIVIDUAZIONE RISCHI INTERFERENTI DETERMINATI DAL COMMITTENTE

19 19 Z.G.C. INDIVIDUAZIONE RISCHI INTERFERENTI DETERMINATI DAGLI APPALTATORI

20 20 Z.G.C. VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI PROBABILITA’GIUDIZIODEFINZIONI E CRITERI (secondo BS 8800:2004) MI Molto improbabile Durante la vita lavorativa di una persona la probabilità di accadimento dell’evento è inferiore all’1% I Improbabile Tipicamente l’evento accade ad una persona una volta durante la sua vita lavorativa P Probabile Tipicamente l’evento accade ad una persona una volta ogni cinque anni MP Molto probabile Tipicamente l’evento accade ad una persona almeno una volta ogni sei mesi STIMA DELLA PROBABILITA’ DI ACCADIMENTO

21 21 Z.G.C. VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DANNOGIUDIZIO ESEMPI DI CATEGORIA DI DANNO (secondo BS 8800:2004) DL Danno Lieve SALUTE Fastidio, irritazione (es. mal di testa); Malattia temporanea comportante disagio SICUREZZA Ferite superficiali; piccoli tagli e abrasioni; irritazione agli occhi causata da polvere DM Danno Moderato SALUTE Perdita parziale dell’udito; dermatiti; asma; disturbi agli arti superiori; malattie comportanti inabilità minori permanenti SICUREZZA Lacerazioni; ustioni; traumi; distorsioni; piccole fratture DG Danno grave SALUTE Grave malattia mortale; grave inabilità permanente SICUREZZA Lesioni mortali; amputazione; lesioni multiple; gravi fratture STIMA DELLA GRAVITA’ DEL DANNO

22 22 Z.G.C. VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI MATRICE ASIMMETRICA DANNO Danno LieveDanno ModeratoDanno grave PROBABILITA’ Molto improbabile Rischio Molto Basso Rischio Alto Improbabile Rischio Molto BassoRischio MedioRischio Molto Alto Probabile Rischio BassoRischio AltoRischio Molto Alto Molto probabile Rischio BassoRischio Molto Alto (secondo BS 8800:2004)

23 23 Z.G.C. VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI MISURA E VALUTAZIONE (secondo BS 8800:2004) CATEGORIA DI RISCHIOVALUTAZIONE DI TOLLERABILITA’ Rischio Molto Basso RISCHIO ACCETTABILE Rischio Basso RISCHI CHE DEVONO ESSERE RIDOTTI FINO A RISULTARE TOLLERABILI O ACCETTABILI Rischio Medio Rischio Alto Rischio Molto Alto RISCHIO INACCETTABILE

24 24 Z.G.C. VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI SINTESI DEL RISCHIO INTERFERENTE (secondo BS 8800:2004) RISCHIO INACCETTABILE: Vietato effettuare il lavoro RISCHIO TOLLERABILE: Obbligatorio applicare misure per la riduzione del rischio al fine di ridurlo al livello minimo ottenibile RISCHIO ACCETTABILE: Rischio insignificante (per le caratteristiche proprie o grazie alle misure di sicurezza previste)

25 25 Z.G.C. INDIVIDUAZIONE RISCHI INTERFERENTI RISCHI DETERMINATI DAL COMMITTENTE

26 26 Z.G.C. INDIVIDUAZIONE RISCHI INTERFERENTI RISCHI DETERMINATI DAGLI APPALTATORI

27 27 Z.G.C. MISURE DI SICUREZZA PER I RISCHI INTERFERENTI LAVORATORI DITTA :“LASERJET” APPALTO :Controllo non distruttivo ATTIVITA’ LAVORATIVA :Controllo delle saldature tramite ultrasuoni AREA DI LAVORO :Reparto carpenteria zona saldatura Rischio incendio:- Fornire copia del piano di evacuazione e procedure da adottare Rischio di esplosione dei gas, liquidi, polveri: - Fornire copia del piano antincendio e di primo soccorso e le procedure da adottare in caso di evacuazione Inciampo su materiali o attrezzature - Utilizzare i percorsi pedonabili appositamente segnalati Caduta attrezzi o materiali1.Posizionare idonee protezioni contro la caduta 2.Tutti i lavoratori devono utilizzare il caschetto di protezione Caduta di materiali movimentati 1.I carrellisti devono sempre utilizzare le vie carrellabili ed assicurarsi della stabilità del carico 2.Tutti i lavoratori devono utilizzare le calzature antinfortunistiche Investimento con attrezzi semoventi - Utilizzare i percorsi pedonabili appositamente segnalati

28 28 Z.G.C. MISURE DI SICUREZZA PER I RISCHI INTERFERENTI LAVORATORI DITTA :“LA TINTORA” APPALTO :Trattamento superficiale ATTIVITA’ LAVORATIVA :Verniciatura a spruzzo AREA DI LAVORO :Reparto carpenteria zona saldatura – Cabina di verniciatura Caduta attrezzi o materiali1.Posizionare idonee protezioni contro la caduta 2.Tutti i lavoratori devono utilizzare il caschetto di protezione Caduta di materiali movimentati 1.I carrellisti devono sempre utilizzare le vie carrellabili ed assicurarsi della stabilità del carico 2.Tutti i lavoratori devono utilizzare le calzature antinfortunistiche Investimento con attrezzi semoventi - Utilizzare i percorsi pedonabili appositamente segnalati Rischio incendio:- Fornire copia del piano antincendio e di primo soccorso e le procedure da adottare in caso di evacuazione

29 29 Z.G.C. MISURE DI SICUREZZA PER I RISCHI INTERFERENTI LAVORATORI DITTA :COMMITTENTE AREA DI LAVORO :Reparto carpenteria zona saldatura – Cabina di verniciatura Rischio incendio: -Fornire copia del piano antincendio e di primo soccorso e le procedure da adottare in caso di evacuazione Esplosione di gas, liquidi, polveri.

30 30 Z.G.C. Obiettivi conseguiti Enfatizzato le situazioni più pericolose dei rischi interferenti Individuato le procedure per le lavorazioni critiche necessarie alla gestione dell’appalto Fornito chiare informazioni agli appaltatori sugli obblighi previsti nelle aree di lavoro oggetto dell’appalto Pianificato preventivamente le sequenze temporali e spaziali delle attività Valutato tutti i rischi interferenti con una metodologia sistematica Predisposto le misure di prevenzione e protezione necessarie alla eliminazione/riduzione/gestione dei rischi interferenti


Scaricare ppt "1 Z.G.C. VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI nei Contratti di Appalto e Contratti d’Opera Cosa prevede la legge e come si deve procedere (D.Lgs.626/94."

Presentazioni simili


Annunci Google