La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dr Antonio Federici Referente Screening Direzione Generale Prevenzione Ministero della Salute la pianificazione nazionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dr Antonio Federici Referente Screening Direzione Generale Prevenzione Ministero della Salute la pianificazione nazionale."— Transcript della presentazione:

1 Dr Antonio Federici Referente Screening Direzione Generale Prevenzione Ministero della Salute la pianificazione nazionale

2 Indicazione e gestione del PSA Grande diffusione PSA Evidenze di varianza e inappropriatezza –nell’indicazione ad eseguire il PSA –nell’invio ad approfondimenti dei soggetti con PSA positivo Gestione degli approfondimenti consapevolezza del rischio di complicazioni e/o sovradiagnosi competenza e sicurezza come funzione dell’esperienza e dell’organizzazione Assenza di sicure prove di efficacia sulla riduzione della mortalità mediante programmi di screening di popolazione Indicazione e gestione del PSA Grande diffusione PSA Evidenze di varianza e inappropriatezza –nell’indicazione ad eseguire il PSA –nell’invio ad approfondimenti dei soggetti con PSA positivo Gestione degli approfondimenti consapevolezza del rischio di complicazioni e/o sovradiagnosi competenza e sicurezza come funzione dell’esperienza e dell’organizzazione Assenza di sicure prove di efficacia sulla riduzione della mortalità mediante programmi di screening di popolazione Quale è la “questione”

3 Piano Nazionale della prevenzione Quando lo screening? patologie ad elevata frequenza (in caso contrario la probabilità di intercettare casi positivi sarebbe remota) ; livello di adesione piuttosto elevato (altrimenti i casi, anche frequenti, non potrebbero essere individuati). test che abbiano una elevata sensibilità, per rilevare il numero più elevato di sospetti, ma che al contempo consentano, nella fase di approfondimento, una elevata specificità, per evitare sovratrattamenti. ad essere efficace non è il TEST di screening (che ciascuno potrebbe utilizzare individualmente) ma il PROGRAMMA di screening (che vede combinati analisi epidemiologiche, di efficacia, di qualità). La scelta di attuare uno screening o meno è quindi caratteristicamente una scelta di sanità pubblica, al di fuori della quale il rischio della inappropriatezza è elevato. Quando lo screening? patologie ad elevata frequenza (in caso contrario la probabilità di intercettare casi positivi sarebbe remota) ; livello di adesione piuttosto elevato (altrimenti i casi, anche frequenti, non potrebbero essere individuati). test che abbiano una elevata sensibilità, per rilevare il numero più elevato di sospetti, ma che al contempo consentano, nella fase di approfondimento, una elevata specificità, per evitare sovratrattamenti. ad essere efficace non è il TEST di screening (che ciascuno potrebbe utilizzare individualmente) ma il PROGRAMMA di screening (che vede combinati analisi epidemiologiche, di efficacia, di qualità). La scelta di attuare uno screening o meno è quindi caratteristicamente una scelta di sanità pubblica, al di fuori della quale il rischio della inappropriatezza è elevato.

4 Piano Nazionale della prevenzione Nella scelta dei PS da implementare occorre tenere conto dell’innovazione di dimostrata efficacia: –la possibilità di differenziare classi di rischio basate su caratteristiche cliniche e/o familiari e/o genetiche che richiedono lo sviluppo di programmi di screening specifici; –la disponibilità di nuove tecnologie. –il grande peso delle valutazioni etiche, poiché la prevenzione secondaria coinvolge in effetti persone sane e non malate.

5 Contrastare il cancro alla prostata SottobiettiviLinee di supportoLinee di intervento Definire interventi efficaci di prevenzione secondaria Coordinare attività di studio e sperimentali Garantire la qualità dello screening spontaneo  Definire protocolli e percorsi per chi si sottopone spontaneamente a PSA  Definire criteri di accreditamento per i centri di approfondimento e terapia Piano Nazionale della prevenzione

6 Piano oncologico Nazionale Individuare un “disease management” della diagnosi precoce Uso del PSA : diffondersi di tale uso nella popolazione; assorbimento di risorse intrinseco e generato. Evidenze di letteratura non concordi sul fatto che un programma di screening “attivo” sia efficace e esente da problemi di over -treatment, necessità di governare un comportamento così diffuso tra i professionisti e la popolazione, in particolar modo per l’assenza di chiare indicazioni di appropriatezza dell’uso delle prestazioni di approfondimento/trattamento adeguata informazione alla persona che vuole eseguire il PSA sui rischi di overdiagnosi e di sovratrattamento

7 Modificato da Green & Kreuter, Health Program Planning, 4th ed., McGraw-Hill, 2005 Conclusioni 1 Il luogo dell’appropriatezza in prevenzione secondaria Persone che effettuano un test di diagnosi precoce appropriato.

8 Conclusioni 2 Le sfide Strumenti Lavoro interdisciplinare (Istituti di ricerca, società scientifiche cliniche e di sanità pubblica ed esperti di screening) Rapporto con la ricerca Criteri e strumenti per influire sui comportamenti dei professionisti Interazione coi programmatori Strumenti Lavoro interdisciplinare (Istituti di ricerca, società scientifiche cliniche e di sanità pubblica ed esperti di screening) Rapporto con la ricerca Criteri e strumenti per influire sui comportamenti dei professionisti Interazione coi programmatori Obiettivi: Sicurezza Qualità Appropriatezza CCM Ministero Regioni ONS Associazioni Società scientifiche …….. ……


Scaricare ppt "Dr Antonio Federici Referente Screening Direzione Generale Prevenzione Ministero della Salute la pianificazione nazionale."

Presentazioni simili


Annunci Google