La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Stefano Ciatto Istituto Scientifico per la Prevenzione Oncologica Istitito Toscano Tumori Lesperienza della Toscana: Lutilizzo dei dati del Registro Tumori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Stefano Ciatto Istituto Scientifico per la Prevenzione Oncologica Istitito Toscano Tumori Lesperienza della Toscana: Lutilizzo dei dati del Registro Tumori."— Transcript della presentazione:

1 Stefano Ciatto Istituto Scientifico per la Prevenzione Oncologica Istitito Toscano Tumori Lesperienza della Toscana: Lutilizzo dei dati del Registro Tumori per indagini clinico epidemiologiche

2 impiego dei RT nella definizione della sensibilità dei test clinici e di screening

3 casi diagnosticati a un test Sensibilità relativa = casi diagnosticati totali assunto - clinica - diagnostica multimodale - nessuna ricerca di ca. FN nel tempo sensibilità TRUS = 209/268 = 78%

4 casi diagnosticati al test Sensibilità = casi diagnosticati al test + casi intervallo assunto - clinica - diagnostica multimodale - ricerca dei FN nel tempo sensibilità a 1 anno = 209/277 = 75.5%

5 1- casi di intervallo (osservati) Sensibilità = incidenza baseline (attesi) assunto - screening - popolazione a rischio normale - unico round - incidenza attesa (baseline) = 5 sensibilità a 1 anno = 4/5 = 80%

6 Incidenza proporzionale dei carcinomi di intervallo (osservati/attesi) in centri di eccellenza e in programmi correnti di screening di popolazione primo anno dellintervallo secondo anno dellintervallo

7 Incidenza proporzionale dei carcinomi di intervallo (osservati/attesi) in centri di eccellenza e in programmi correnti di screening di popolazione primo anno dellintervallo secondo anno dellintervallo

8 impiego dei RT nella definizione della sovradiagnosi in screening

9 studi autoptici dimostrano nei maschi >59 anni una prevalenza di ca. prostatico del 30%, rispetto a un rischio cumulativo atteso dell8% cutoff adottato per il test di screening (PSA = 4 ng/ml) poco specifico 15% dei maschi sani >55 a. = PSA 4> biopsia random come accertamento di routine rischio elevato di campionare ca latente

10 Modello ideale A B sovradiagnosi = A-B inizio screening fine screening Bias lincidenza di base varia – sovra-sottostima della sovradiagnosi lo screening continua – tempi molto lunghi di valutazione incidenza di base

11 scenarioetàprotocollointervallostima sovradiagnosi Firenze (pilota) 60-74ogni 2 a. Bx mirata 14 anni44-59% % Rotterdam (pilota) round Bx PSA>4 10 anni75-100% Mettlin (USA) 55-70ogni anno Bx PSA>4 10 anni % Draisma et al., JNCI 2003

12 ScenarioMetodoSensibilità Senza sovradiagnosiDx / Dx + CI30/ % Senza sovradiagnosiO/E 7/ % Con sovradiagnosi in screeningDx / Dx + CI60/ % Con sovradiagnosi in screeningO/E 7/ %

13 conferma sovradiagnosi, anche nella popolazione rende incerta la definzione della incidenza baseline mette in discussione la validità del metodo osservati/attesi

14 Impiego dei RT e dei RM nella definizione dellefficacia dello screening

15 Studio ERSPC (European Randomized Study of Screening for Prostate Cancer Confronto di mortalità specifica tra: - braccio di screening: PSA, Bx 4 ng/ml - braccio di controllo: nessuna azione

16 bias di fondosovradiagnosi di ca. latenti non letali, prevalente nel braccio di screening effetto finalemaggiore prevalenza di ca latenti delleffetto nel braccio di screening sovrastima della mortalità nel braccio di screening sottostima dellimpatto dello screening effettoattribuzione spuria di decessi al ca. latente o non letale esempiodecesso per cachessia senile senza diagnosi precisa decesso con pregressa diagnosi di ca (latente) decesso in presenza di metastasi non evolutive, in realtà decesso da altra causa intercorrente meccanismoattribuzione del decesso al ca latente nei casi borderline (sticky diagnoses) BIAS: Sticky diagnoses

17 Effetto delle sticky diagnoses sulla mortalità tra screening e controlli BIAS: Sticky diagnoses

18 RTnon differenzia ca potenzialmente letali da latenti ERSPC Firenze19 diagnosi concordanti (8 ca, 11 altra causa) 1 shift decesso ca > altra causa 0 shift decesso altra causa > ca 1 shift decesso ca > ca probabile 1 shift decesso ca > ca possibile 1 shift decesso ca > improbabile ERSPC FirenzeRevisione ad oggi di 23 casi di CP con decesso ERSPCIncrocio database RT con RM (qualità RT) Revisione di tutti decessi in ca. o da ca. a partenza ignota Panel di esperti locali (ricoveri, MMG, familiari) Comitato di revisione internazionale RT e/o RMnon applica revisione sistematica delle cause di morte non identifica sticky diagnoses e loro frequenza BIAS: Sticky diagnoses

19 Grazie dellattenzione Valle delle Regine Mausoleo di Hatchepsut Dea Hathor


Scaricare ppt "Stefano Ciatto Istituto Scientifico per la Prevenzione Oncologica Istitito Toscano Tumori Lesperienza della Toscana: Lutilizzo dei dati del Registro Tumori."

Presentazioni simili


Annunci Google