La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La legge Biagi Somministrazione di lavoro Certificazione Appalto, distacco, trasferimento Appalto, distacco, trasferimento Lavoro a progetto Lavoro accessorio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La legge Biagi Somministrazione di lavoro Certificazione Appalto, distacco, trasferimento Appalto, distacco, trasferimento Lavoro a progetto Lavoro accessorio."— Transcript della presentazione:

1 La legge Biagi Somministrazione di lavoro Certificazione Appalto, distacco, trasferimento Appalto, distacco, trasferimento Lavoro a progetto Lavoro accessorio Tirocinio estivo di orientamento Tirocinio estivo di orientamento Contratto di inserimento Apprendistato Lavoro intermittente (a chiamata ) Lavoro intermittente (a chiamata ) Lavoro ripartito (Job sharing) Lavoro ripartito (Job sharing) Part-time

2 A tempo indeterminato A tempo determinato Per ragioni Di carattere tecnico Produttivo, organizzativo Esclusivamente per determinate attività definite dalla legge Per ragioni Di carattere tecnico, produttivo, organizzativo e sostitutivo Anche per le attività tipiche dell’impresa Può essere concluso Contratto di somministrazione

3 Mancata effettuazione della valutazione dei rischi Licenziamento collettivo Sostituzione lavoratori In sciopero Sospensione dei rapporti o riduzione dell’orario di lavoro Il contratto di somministrazione è vietato nei casi di

4 Diritti e obblighi delle parti nel contratto di somministrazione Somministratore Deve corrispondere i trattamenti retributivi Deve sostenere gli oneri previdenziali e assicurativi Esercita il potere disciplinare Deve informare i lavoratori sui rischi Deve formare ed addestrare i lavoratori Obbligato in solido con somm.re per retribuzione e contr. Obblighi informativi sui rischi Obblighi di protezione e sicurezza Informa somministratore in caso di mansioni diverse Comunica a RSA o RSU dati sui contratti Risponde dei danni a terzi causati dal prestatore Diritto a eguale trattamento economico e normativo Diritto a eguali servizi sociali ed assistenziali Diritti sindacali Diritto di assemblea e di riunione Utilizzatore Lavoratore

5 Sanzioni Somministrazione irregolare Somministrazione fraudolenta Costituzione, su richiesta del lavoratore, di un rapporto di lavoro alle dipendenze dello utilizzatore Ammenda di 20 euro per ogni lavoratore coinvolto e per ciascun giorno di somministrazione. A carico sia del somm.. sia dell’utilizzatore Sanzioni penali previste per esercizio di attività senza apposita autorizzazione

6 Appalto L. n. 1369/60: Divieto di appalto di semplici prestazioni di lavoro D.lgs 276/93: Ammesso il contratto di appalto di manodopera: 1 - l’appaltatore assume in proprio il rischio d’impresa 2 – organizza autonomamente I mezzi necessari per l’esecuzione dell’opera o: 3 – esercita il potere organizzativo Nei confronti dei lavoratori utilizzati 4 – in caso di appalto di servizi, Il committente è obbligato in solido con l’appaltatore per un anno per paghe e contributi.

7 Distacco Requisiti Collocazione temporanea di uno o più lavoratori presso un altro datore di lavoro per l’esecuzione di una determinata attività. Il datore rimane responsabile dei trattamenti economici, normativi e contributivi. Temporaneità Interesse del distaccante Consenso del lavoratore se mutano le mansioni. Motivazione tecnica, produttiva, organizzativa per più di 50 km

8 Trasferimento d’azienda Le modifiche all’art c.c.: “qualsiasi operazione” …. diviene “cessione contrattuale o fusione” “parte dell’azienda” da “articolazione funzionalmente autonoma …. preesistente che conserva la propria identità” diviene “articolazione funzionalmente autonoma identificata come tale dal cedente e dal cessionario al momento del trasferimento” 1-l’autonomia funzionale del ramo d’azienda diviene un fattore soggettivo; 2-i confini tra trasferimento e interposizione vengono a confondersi quando il trasferimento riguarda gruppi di lavoratori.

9 Lavoro intermittente Un lavoratore si pone a disposizione di un datore per lo svolgimento di prestazioni discontinue o intermittenti. Consentito oggettivamente soggettivamente Non consentito Prestazioni a carattere discontinuo o intermittente individuate da CCNL o D.M. Prestazioni di soggetti con meno di 25 anni; più di 45 se espulsi dall’azienda o iscritti in liste di mobilità. Sostituzione scioperanti. Licenziamenti collettivi. Sospensione rapporti o riduzione orario di lavoro. Mancata redazione valutazione rischi (626/94).

10 Contenuto del contratto di lavoro intermittente Durata e ipotesi di ammissione Luogo, modalità di disponibilità e preavviso di chiamata Trattamento economico e normativo Modalità di esecuzione e di rilevazione della prestazione Tempi e modalità di pagamento Eventuali misure di sicurezza

11 Trattamento lavoro intermittente Periodi non lavorati Rifiuto ingiustificato di adempiere l’obbligo Periodi lavorati Risoluzione del contratto. Restituzione della quota d’indennità. Risarcimento del danno. Indennità di disponibilità che spetta solo se il lavoratore si è impegnato a rispondere alla chiamata. Viene corrisposta nella misura e nei tempi stabiliti dal contratto. Il contratto determina il trattamento economico e normativo spettante. Il trattamento deve essere riproporzionato in base alla prestazione lavorativa effettivamente eseguita.

12 Il lavoro ripartito (Job Sharing) Due lavoratori assumono in solido l’adempimento di un’unica e identica obbligazione. Prestazione lavorativa Caratteristiche Contenuto del contratto Risoluzione Ciascun lavoratore svolge una determinata quota di lavoro ma Resta responsabile dell’adempimento dell’intera prestazione I lavoratori possono decidere unilateralmente ed in qualsiasi momento di sostituirsi l’uno con l’altro o di modificare la distribuzione dell’orario di lavoro. La sostituzione di uno dei co-obbligati con terzi è possibile solo se il datore vi consente. A forma scritta ai fini probatori contiene: Misura percentuale e collocazione temporale del lavoro. Luogo di lavoro. Trattamento economico e normativo. Eventuali misure di sicurezza. In caso di licenziamento o dimissioni di un lavoratore il contratto si estingue se l’altro non decide di adempiere l’intera prestazione.

13 Lavoro a tempo parziale Orizzontale Tutti i giorni a orario ridotto Verticale Tempo pieno ma solo in alcuni periodi Misto Combinazione tra Orizzontale e verticale Distribuzione orario Scritta ad probationem Forma del contratto In mancanza: Valutazione del Giudice Durata

14 Part-time – lavoro supplementare e straordinario Lavoro supplementare possibile nell’orizzontale Secondo indicazioni CCNL Lavoro straordinario possibile nel verticale o misto Solo nelle giornate in cui c’è la prestazione Entro specifici limiti Con specifica motivazione Con conseguenze se superati i limiti Trattamento rispetto al tempo pieno Identico trattamento normativo Trattamento economico proporzionale Trasformazione del rapporto Da tempo pieno a parziale: convalida D.P.L. Da parziale a pieno: solo accordo scritto Precedenza per il lavoratore part-time in caso di assunzioni a tempo pieno

15 Clausole elastiche Possibilità di Modificare la durata della prestazione Con modalità stabilite dal CCNL Preavviso di almeno due giorni Con compenso aggiuntivo Solo per part-time verticale o misto Modificare la distribuzione di orario

16 Il contratto di apprendistato Tipo A: Con finalità di istruzione e formazione Tipo B: Con finalità di acquisizione di una qualifica mediante formazione sul lavoro Tipo C: Mirato al conseguimento di un titolo di studio di livello secondario ovvero di un percorso di alta formazione Giovani e adolescenti Che abbiano compiuto 15 anni. Durata max tre anni. Possibile per tutti i settori di attività. Soggetti tra 18 e 29 anni. Durata secondo CCNL, comunque minimo 2 massimo 6 anni. Possibile per tutti i settori di attività. Soggetti tra 18 e 29 anni. Durata stabilita con OO.SS territoriali e con le Università. Possibile per tutti i settori di attività.

17 Contratto di inserimento “Vecchio” CFL Obiettivi Inserimento o reinserimento nel mondo del lavoro di particolari categorie di lavoratori Destinatari Soggetti portatori di handicap Donne residenti in aree ad alta disoccupazione Soggetti che hanno lavorato nell’ultimo biennio e intendono riprendere l’attività lavorativa Disoccupati con più di 50 anni Disoccupati di lunga durata tra 29 e 32 anni Soggetti di età compresa tra 18 e 29 anni

18 Stipulato da: Enti pubblici economici Nel rispetto della condizione di mantenimento in servizio di almeno il 60% dei contratti di inserimento scaduti nei 18 mesi precedenti Imprese e loro consorzi Gruppi di imprese Associazioni professionali, socio-culturali, sportive Fondazioni Enti di ricerca pubblici e privati Organizzazioni e associazioni di categoria Agevolazioni contributive Non applicabili fino alla definizione da parte dei CCNL dei progetti individuali di inserimento A tutti i contratti, Eccetto tra 18/29 anni, Le stesse agevolazioni Previste per i CFL Successivamente

19 Tirocinio estivo di orientamento Obiettivo Orientamento e addestramento pratico Durata Trattamento economico Soggetti interessati Adolescenti o giovani iscritti ad un ciclo di studi universitario o scolastico Borse di studio di importo non superiore a 600,00 euro Non superiore a 3 mesi nel periodo tra la fine dell’anno scolastico o accademico e l’inizio dei successivi

20 Co.Co.Co a progetto Progetto specifico Riconducibile alternativamente a: In caso contrario Rapporto inquadrato Come lavoro subordinato Fase di lavoro Programma di lavoro Lavoratore A progetto Niente vincolo di subordinazione Contenuto prevalentemente personale della prestazione Autonomia gestionale Coordinamento con l’organizzazione del committente

21 Il Progetto Programma o fase Attività produttiva funzionalmente collegata ad un risultato finale Anche connessa all’attività principale o accessoria Con definizione di tempi di lavoro e modalità di esecuzione a carico del collaboratore E’ realizzato in coordinamento con il committente Tipo di attività non direttamente riconducibile ad un risultato finale Con produzione di un risultato solo parziale Che va integrato per raggiungere il prodotto/servizio finito

22 Esclusioni Professioni intellettuali, con iscrizione ad apposito albo Rapporti di co.co.co. In favore di associazioni sportive dilettantistiche I componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società I partecipanti a collegi e commissioni I Co.co.co. occasionali: durata non superiore 30 gg anno con stesso committente; compenso max euro. Collaborazioni già in vigore al 24/10/2003 fino a scadenza comunque non oltre 24/10/2004 salvo accordo CCNL Collaboratori titolari di pensione di vecchiaia Agenti e rappresentanti di commercio Rapporti co.co.co. con la pubblica amministrazione

23 Il contratto Il compenso Il rinnovo Eventi Risoluzione del contratto Forma scritta Durata – Contenuto programma/progetto/ fase di lavoro – Corrispettivo – Rimborsi spese – Forme di coordinamento – Misure di sicurezza Proporzionato in base a: quantità e qualità del lavoro eseguito Allineato ad analoghe prestazioni di lavoro autonomo Il co.co.co. È rinnovabile anche con un progetto/programma/fase simili, se non elusivi. No risoluzione del rapporto di lavoro Si sospensione del rapporto di lavoro Si risoluzione se sospensione superiore ad 1/6 durata contratto o superiore a 30 gg. e durata del contratto determinabile Malattia e infortunio Maternità Sospensione del rapporto e proroga del contratto di 180 gg., salvo maggior durata… A conclusione progetto – Giusta causa o altro

24 Modello di contratto di collaborazione a progetto Tra il signor ……. (titolare) (rappresentante legale) della società ….. Esercente l’attività di ….. Avente Sede a …. Via …. Tel. … c.f...(partita IVA) n. …. E il signor …. Nato a …. Il …. E residente a …. Via …. C.f….. Premesso che la società …. D’ora innanzi denominata committente nell’ambito della sua Attività di …….. È intenzionata a far realizzare (un sistema di archiviazione dei documenti aziendali), Come da progetto specifico allegato al presente contratto, a un soggetto dotato di conoscenze Professionali idonee alla realizzazione in autonomia dell’incarico; che il signor …. d’ora in avanti denominato “collaboratore” risulta avere requisiti necessari ed è disponibile ad accettare l’incarico; si Conviene e stipula quanto segue: la società ….., come sopra identificata (committente) conferisce al Signor …. (collaboratore) che accetta, l’incarico destinato alla realizzazione del progetto allegato che Costituisce parte integrante e integrale del presente contratto alle seguenti condizioni: a)Il rapporto di lavoro è attuato secondo le previsioni dell’art. 4 della legge 30/2003, così come attuato dagli artt 61 e seguenti del Dlgs 276/2003; b) Il collaboratore a progetto svolgerà l’attività in assoluta autonomia, senza alcun vincolo di orario e di Presenza, e non sarà oggetto a vincoli gerarchici e/o disciplinari da parte della società; c) l’attività sarà svolta dal collaboratore con la diligenza richiesta dalla natura dell’incarico, con la Necessaria professionalità e senza interferenza da parte del committente che non sia quella del Coordinamento stabilito nel progetto; d) l’attività potrà svolgersi sia presso i locali dell’azienda che altrove; e) La durata del progetto sarà di …. Mesi, con decorrenza dal …. E conseguentemente scadrà il ….; f) Il compenso per la realizzazione del progetto è stabilito di comune accordo in euro ….. Da erogarsi Con cadenza …. Tramite bonifico bancario in rate di importo pari a euro ….. Le parti concordano nel Riconoscere che la misura del compenso è stata stabilita secondo la previsione dell’art. 63, tenendo Conto dei compensi normalmente corrisposti per analoghe prestazioni di lavoro autonomo e che il

25 Lavoro a progetto (segue) Il compenso stesso è proporzionato alla quantità e alla qualità della prestazione dedotta in contratto. Nessun Ulteriore rimborso o altro compenso sarà richiesto ed erogato; g) Il collaboratore si impegna a non diffondere, per la durata del presente contratto, notizie e informazioni riservate Delle quali sia venuto a conoscenza a seguito dell’incarico svolto; h) Il collaboratore sarà riconosciuto autore di eventuali procedimenti o prodotti innovativi, così come previsto dallo Art. 65; i)In caso di malattia, infortunio, (gravidanza) si applicheranno le disposizioni dell’art. 66; l) In caso di compimento del progetto anteriormente alla scadenza stabilita il contratto si risolverà automaticamente. Le parti potranno inoltre recedere prima della scadenza oltre che per giusta causa anche per giustificato motivo con Un preavviso di almeno …..; k) Il collaboratore si impegna a comunicare al committente tutte le informazioni necessarie per il corretto Adempimento degli obblighi fiscali e previdenziali derivanti dal contratto; l) Il collaboratore autorizza il datore di lavoro committente al trattamento dei dati personali e alle comunicazioni Dei dati a terzi per l’assolvimento dei suddetti obblighi; m) Per eventuali controversie sarà competente il Foro di ……….; n) Per quanto non previsto nel contratto si richiamano le vigenti disposizioni normative. Letto, confermato e sottoscritto

26 Il progetto Denominazione del progetto …………………… (Archivio sicuro) Obiettivo: ….. (la costruzione e l’organizzazione di un sistema di archiviazione dei documenti aziendali (approfondire Illustrando gli obiettivi e le fasi) Mezzi: ….. (il collaboratore utilizzerà in piena autonomia la strumentazione posta a disposizione dal committente) Organizzazione, coordinamento e mezzi di tutela: ………….. (- il committente fornirà al collaboratore tutte le informazioni e le avvertenze utili per l’uso della strumentazione Aziendale messa a disposizione del collaboratore, con particolare riferimento alle misure di sicurezza e di tutela Della salute per l’uso dei videoterminal,i, nel rispetto delle norme di garanzia stabilite dall’art. 66, c.4, del D.lgs. n. 276/2003; -le parti convengono di incontrarsi periodicamente, con cadenza ….., al fine di verificare le fasi di attuazione del -Progetto e la rispondenza dello stesso agli obiettivi che ne sono a fondamento nonché per coordinare l’attività del collaboratore con quella più ampia della società)

27 Il lavoro accessorio Attività lavorativa di tipo occasionale, resa da soggetti non ancora entrati nel mondo del lavoro ovvero da soggetti che ne stanno uscendo. Potenziali “prestatori” di lavoro accessorio Disabili Soggetti in comunità di recupero Extracomunitari in regola, nei sei mesi successivi a perdita di lavoro Disoccupati da oltre 1 anno Studenti Casalinghe Pensionati

28 Tipi di attività Piccoli lavori domestici a carattere straordinario Insegnamento supplementare Piccoli lavori di giardinaggio, manutenzione, pulizia … ecc. Manifestazioni sociali, sportive, culturali, caritatevoli Collaborazione con associazioni di volontariato per lavori in casi di “emergenza” Requisiti della prestazione Durata non superiore a 30 gg anno solare Compenso non superiore a euro anno solare

29 Adempimenti Compensi Enti/società autorizzate ad erogare il compenso Sottoforma di buono del valore nominale di 7,50 euro. Esente ai fini fiscali. Non incide sulla posizione di disoccupato Il prestatore di lavoro accessorio segnala la propria disponibilità al centro per l’impiego L’utilizzatore acquista presso rivendite autorizzate carnet di buoni Versa al prestatore, per ciascun buono consegnato, un importo di 5,80 euro Versa un importo orario pari a 1 euro all’INPS e pari a 0,50 euro all’INAIL Registra dati anagrafici e C.F. prestatore Trattiene un importo pari a 0,20 euro a titolo di rimborso spese

30 La certificazione La procedura Chi può certificare Fasi della certificazione Associazione in partecipazione Lavoro intermittente Lavoro ripartito Lavoro a tempo parziale Lavoro a progetto Enti bilaterali territoriali o nazionali Direzioni provinciali del lavoro Università pubbliche e private Volontà delle parti scritta Presentazione alla DPL Inoltro copia agli organismi coinvolti La certificazione deve chiudersi entro 30 gg dall’istanza

31 Controversie dopo la certificazione Qualificazione del contratto errata Difformità tra quanto dichiarato e quanto posto in essere Vizi della volontà di una delle due parti Tentativo di conciliazione presso la Commissione di Certificazione Ricorso presso il Giudice del Lavoro territorialmente competente Esito negativo …….

32 Tentativo di conciliazione Fallito Ricorso al Giudice Sentenza di merito Errata qualificazione del contratto Effetti: da quando è iniziata la difformità Difformità rispetto quanto definito in sede di certificazione Effetti: dalla data di stipula contratto


Scaricare ppt "La legge Biagi Somministrazione di lavoro Certificazione Appalto, distacco, trasferimento Appalto, distacco, trasferimento Lavoro a progetto Lavoro accessorio."

Presentazioni simili


Annunci Google