La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE NUOVE TIPOLOGIE CONTRATTUALI Prof. Avv. Benedetto Santacroce GLI ASPETTI FISCALI DELLA RIFORMA BIAGI Scuola superiore delleconomia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE NUOVE TIPOLOGIE CONTRATTUALI Prof. Avv. Benedetto Santacroce GLI ASPETTI FISCALI DELLA RIFORMA BIAGI Scuola superiore delleconomia."— Transcript della presentazione:

1 1 IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE NUOVE TIPOLOGIE CONTRATTUALI Prof. Avv. Benedetto Santacroce GLI ASPETTI FISCALI DELLA RIFORMA BIAGI Scuola superiore delleconomia e delle finanze Roma, 22 gennaio 2004

2 2 FONTI NORMATIVE DECRETO LEGISLATIVO 10 settembre 2003, n. 276 (GU n. 235 del Suppl. Ordinario n. 159) attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30. Il testo è in vigore dal 24 ottobre 2003.

3 3 PRINCIPALI TIPOLOGIE CONTRATTUALI articolicontratto 20-28somministrazione di lavoro (staff leasing) 33-40lavoro intermittente (job on call) 41-45lavoro ripartito (job sharing) 46lavoro a tempo parziale (part-time) 47-53apprendistato 54-60contratto di inserimento (ex c.f.l.) 61-69lavoro a progetto (ex co.co.co.) 61, co.2lavoro occasionale (prestazioni occasionali c.d. generiche) 70-74lavoro accessorio (prestazioni occasionali accessorie)

4 4 SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO – c.d. STAFF LEASING fornitura professionale di manodopera utilizzatore lavoratori somministratore fornisce a a termine a tempo indeterminato rapporto trilaterale: somministratore - utilizzatore - lavoratore CARATTERISTICHE

5 5 SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO – c.d. STAFF LEASING CARATTERISTICHE somministrazione e lavoro interinale ex L. 196/97 analogiedifferenze somministrazionelavoro interinalesomministrazionelavoro interinale rapporto trilaterale somministratore, utilizzatore, lavoratore rapporto trilaterale società di fornitura lavoro interinale, utilizzatore, lavoratore contratto lavoro a termine o a tempo indeterminato (staff-leasing) solo contratti lavoro a termine

6 6 SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO – c.d. STAFF LEASING CARATTERISTICHE somministrazione e lavoro interinale ex L. 196/97 Cassazione - Sezione Lavoro n del 27 febbraio 2003 rapporto di lavoro interinale composto da contratto di prestazione lavoro temporaneo: società lavoro interinale – prestatore di lavoro contratto di fornitura lavoro temporaneo: società lavoro interinale – società utilizzatrice per lavoratore, fonte esclusiva del rapporto è il contratto di prestazione (c.d. contratto base) in caso di contrasto tra termine finale contenuto nel contratto prestazione e contratto di fornitura rileva il termine contenuto nel primo contratto anche nei confronti dellimpresa utilizzatrice

7 7 SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO – c.d. STAFF LEASING ASPETTI FISCALI riferimento a interpretazioni ministeriali su fornitura lavoro interinale C.M. 326/97 R.M. 121/2002 R.M. 348/2002 riferimento ai soggetti del contratto lavoratore somministrato reddito lavoro dipendente art. 46 TUIR dipendente del somministratore eventuale indennità di disponibilità rientra in redditi lavoro dip.: sono tali quelli che derivano da rapporti aventi ad oggetto prestazione lavoro alle dipendenze e sotto la direzione altrui …

8 8 SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO – c.d. STAFF LEASING ASPETTI FISCALI utilizzatore somministratore sostituto di imposta: obblighi ex art. 23 DPR 600/73 datore di lavoro del lavoratore somministrato: responsabile diretto pagamento retribuzione e contributi paga corrispettivo al somministratore per servizio: costo ai fini reddito impresa non assume in organico il lavoratore, anche se responsabile in solido col somministratore per retribuzione e contributi

9 9 LAVORO INTERMITTENTE – c.d. JOB ON CALL utilizzatore dietro chiamata ne utilizza lavoratore si mette a disposizione rapporto bilaterale: utilizzatore - lavoratore CARATTERISTICHE prestazione lavorativa a carattere discontinuo o intermittentenessun limite temporale

10 10 LAVORO INTERMITTENTE – c.d. JOB ON CALL ASPETTI FISCALI lavoro intermittente reddito lavoro dipendente art. 46 TUIR eventuale indennità di disponibilità rientra in redditi lavoro dip.: sono tali quelli che derivano da rapporti aventi ad oggetto prestazione lavoro alle dipendenze e sotto la direzione altrui … lavoro intermittente si inquadra nello schema lavoro dipendente relazione illustrativa D.Lgs. art. 39 DLgs 276/2003: … lavoratore si computa nellorganico aziendale …

11 11 LAVORO RIPARTITO– c.d. JOB SHARING CARATTERISTICHE adempimento prestazione lavorativa adempimento prestazione: responsabilità personale e diretta singolo lavoratore due lavoratori assumono in solido unicaidentica in caso impossibilità 1 o entrambi lavoratori: divieto sostituzione da parte di 3° salvo consenso datore dimissioni o licenziamento 1 dei lavoratori: viene meno intero vincolo regolamentazione job sharing: contrattazione collettiva; in mancanza, disciplina lavoro subordinato

12 12 LAVORO RIPARTITO– c.d. JOB SHARING ASPETTI FISCALI lavoro ripartito reddito lavoro dipendente art. 46 TUIR

13 13 LAVORO A TEMPO PARZIALE – c.d. PART-TIME CARATTERISTICHE introdotte modifiche a D.Lgs. 25 febbraio 2000, n. 61 lavoro supplementare solo per part-time orizzontale (prima anche per verticale e misto) lavoro straordinario consentito per part-time verticale o misto

14 14 LAVORO A TEMPO PARZIALE – c.d. PART-TIME ASPETTI FISCALI lavoro a tempo parziale reddito lavoro dipendente art. 46 TUIR

15 15 APPRENDISTATO CARATTERISTICHE 3 tipologie contrattuali di formazione per espletamento diritto-dovere di istruzione professionalizzante per acquisizione diploma o percorsi di alta formazione finalizzato a conseguimento qualifica professionale finalizzato a qualificazione attraverso formazione sul lavoro finalizzato a conseguimento titolo studio di livello secondario

16 16 APPRENDISTATO ASPETTI FISCALI apprendistato reddito lavoro dipendente art. 46 TUIR

17 17 CONTRATTO DI INSERIMENTO (ex C.F.L.) CARATTERISTICHE attraverso progetto individuale di adattamento diretto a realizzare inserimento o reinserimento nel mercato del lavoro lavoratori: soggetti di età tra 18 e 29 anni (ex CFL sino a 32) disoccupati di lunga durata da 29 a 32 anni lavoratori con più di 50 anni senza lavoro lavoratori che desiderano riprendere attività dopo 2 anni senza lavoro persone affette da handicap fisico, mentale o psichico datori di lavoro: enti pubblici economici, imprese e consorzi gruppi di imprese associazioni professionali, socio-culturali, sportive fondazioni enti di ricerca, pubblici e privati

18 18 CONTRATTO DI INSERIMENTO (ex C.F.L.) ASPETTI FISCALI contratto di inserimento reddito lavoro dipendente art. 46 TUIR si applicano incentivi economici previsti da attuale disciplina CFL territoriodatori di lavoroagevolazione Mezzogiorno imprese artigiane (esclusi consorzi) e altre imprese contributo settimanale apprendisti (misura prevista per imprese non artigiane) datori di lavoro diversi da imprese artigianeriduzione del 50 % dei contributi a carico del datore Centro-Nord datori di lavoro in genereriduzione del 25 % dei contributi a carico datore imprese operanti in circoscrizioni svantaggiate (rapporto iscritti in 1° classe delle liste di collocamento e popolazione residente in età lavorativa superiore a media nazionale) contributo apprendisti imprese del settore commercio con meno 15 dipendenti (esclusi apprendisti e CFL) riduzione del 40 % contributi a carico datore Imprese che assumono profughi (L. 344/91)contributo apprendisti

19 19 LAVORO A PROGETTO ex CO.CO.CO. uno o più progetti specifici o programmi di lavoro o fasi di esso non rileva tempo impiegato per esecuzione attività lavorativa determinazione dei progetti da parte del committente gestione autonoma dei progetti da parte del collaboratore coordinamento con lorganizzazione del committente CARATTERISTICHE

20 20 LAVORO A PROGETTO ASPETTI FISCALI disciplina civilistica DLgs 276/2003 forma di lavoro autonomo art. 47 co. 1 lett. c-bis T.U.I.R. reddito da co.co.co.: reddito assimilato a lavoro dipendente art. 3 co. 1 lett. b, n. 8 L. 80/2003 riforma fiscale inclusione reddito da co.co.co. nel reddito di lavoro autonomo solo con esercizio delega fiscale (L. 80/03), parificazione trattamento civilistico e fiscale: lavoro a progetto come lavoro autonomo

21 21 LAVORO OCCASIONALE lavoro occasionale (prestazioni occasionali generiche) art. 61 co. 2 D.Lgs. 276/2003 lavoro accessorio (prestazioni occasionali di tipo accessorio) artt. 70 ss. D.Lgs. 276/2003 LAVORO OCCASIONALE LAVORO ACCESSORIO numero committentiun solo committente anche più committenti limite compenso trattamento fiscale reddito diverso esenzione fiscale ambito soggettivo e oggettivo applicazione limitazioni soggettive previste per lavoro a progetto soggetti e ambiti definiti CARATTERISTICHE

22 22 LAVORO OCCASIONALE (prestazioni occasionali generiche) ASPETTI FISCALI art. 47 co. 1 lett. l T.U.I.R. reddito diverso (nei limiti 5000 annui) purché compensi non percepiti nellesercizio arti e professioni sostituto dimposta: cedolino paga CUD

23 23 LAVORO OCCASIONALE (prestazioni occasionali generiche) ASPETTI FISCALI art. 81 co. 1 lett. l T.U.I.R. reddito diverso (anche fuori dai limiti 5000 annui) purché compensi non percepiti nellesercizio arti e professioni sostituto dimposta: effettua la ritenuta del 20%

24 24 LAVORO ACCESSORIO (prestazioni occasionali di tipo accessorio) ASPETTI FISCALI art. 72 D.Lgs. 276/2003 esenzione fiscale compensi percepiti a condizione rispetto limiti 30 gg. lavorativi e 3000 se superati limiti compenso ma si rimane entro 5000, dovrebbe potersi applicare norma per lavoro occasionale c.d. generico (cioè reddito diverso)


Scaricare ppt "1 IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE NUOVE TIPOLOGIE CONTRATTUALI Prof. Avv. Benedetto Santacroce GLI ASPETTI FISCALI DELLA RIFORMA BIAGI Scuola superiore delleconomia."

Presentazioni simili


Annunci Google