La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le religioni della Mesopotamia Le religioni della Mesopotamia sono l’insieme di arti divinatorie praticate dalle popolazioni della terra dei due fiumi(Sumeri,Accadi,Assiri,Persiani.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le religioni della Mesopotamia Le religioni della Mesopotamia sono l’insieme di arti divinatorie praticate dalle popolazioni della terra dei due fiumi(Sumeri,Accadi,Assiri,Persiani."— Transcript della presentazione:

1 Le religioni della Mesopotamia Le religioni della Mesopotamia sono l’insieme di arti divinatorie praticate dalle popolazioni della terra dei due fiumi(Sumeri,Accadi,Assiri,Persiani ecc…)nel periodo che va dal IV al I millennio a.C.

2 La religione sumerica Non è semplice parlare di una religione sumerica,poiché essendo i Sumeri organizzati in città-stato,spesso gli usi e i costumi non erano gli stessi ma differivano tra loro. Quel che è certo è che i Sumeri adoravano una triade principale,composta dal Dio del Cielo An,il Dio dell’Aria Enlil e dal Dio della terra Enki. Altre divinità di un certo spessore erano Inanna(corrispondente ad Afrodite),Dumizi Dio e protettore dell’attività agricola e la Dea generatrice Nammu;oltre a queste erano venerate migliaia e migliaia di divinità,che spesso erano protettori di una determinata attività. Ogni città-stato venerava un Dio in particolare,considerato il loro protettore e le cui rappresentazioni si trovavano nei templi,la cui eventuale distruzione era particolarmente temuta poiché si riteneva potesse causare l’ira del Dio in questione.

3 La religione sumerica Particolare era il loro pensiero sul mondo dei morti:i Sumeri ritenevano che chiunque fosse sceso nel mondo dei morti,sarebbe sceso in un mondo inferiore e sarebbe stato condannato a vivere dannato. Inoltre,i Sumeri consideravano l’Universo visibile sotto la forma di una semisfera,avente per base la terra e per canotta il Cielo(An).La terra era circondata dal mare,Abzu,e sotto di essa era presente un’altra semisfera contenente la regione degli inferi. Per quanto riguarda la creazione del’Universo,in origine vi era solo il mare,eterno,da cui ebbe origine la Montagna Cosmica,formata da Cielo e Terra,ancora uniti.Cielo e Terra diedero origine a Enlil,l’Aria. Così An tirò i cielo verso di se,mentre Enlil tirò la madre Terra,facendo così dividere i due genitori. La religione sumera influenzò quella accada che,per struttura,fu quasi del tutto uguale a quella sumerica,differenziando in pochi particolari.

4 La religione Babilonese Come avvenne per la religione greca e quella romana,i Babilonesi venerarono svariate divinità sumeriche,che vennero però rinominate: Innana divenne Ishktar,Dumuzzi divenne Tazzu,ecc… Appartengono però alla religione babilonese alcune divinità,come il Dio della città di Babilonia Marduk. Appartiene alla religione babilonese il poema della creazione. Inizialmente le acque erano mischiate tra di loro,e da questa fonte creatrice nacquero Ea e Anu. I due giovani disturbavano il loro antenato Ipsu,il quale decise di punirli distruggendoli;attraverso un incantesimo però Ea si impossessa delle profondità delle acque,dove vivrà la moglie Damkina,dopo aver addormentato Ipsu.

5 La religione Babilonese Damkina dà alla luce Marduk, il cui vigore insidia Tiāmat, la sposa di Apsû. Tiamat, spinta da altre divinità, vuole combattere contro Marduk e, perciò, chiama a sé una schiera di mostri e serpenti comandati dal figlio Kingu. Quando i poteri magici di Ea non riescono a prevalere, questi chiede l'aiuto di Marduk che, in cambio, chiede il comando supremo sugli dei. La richiesta viene accettata e Marduk ottiene armi potentissime, tra cui i sette venti. Il dio scatena allora una tempesta nella quale imprigiona Tiamat, immobilizzandola nella sua rete per mezzo dei venti. Infine, circonda l'esercito nemico e cattura Kingu a cui sottrae le Tavole del Destino. Marduk taglia quindi a metà il corpo di Tiamat: la parte superiore diventa la volte celeste con stelle e pianeti, e quella inferiore diviene la Terra, e il Tigri e l'Eufrate fluiscono dalle sue orbite. Inoltre la coda annodata della dea serve a evitare che le acque dell'Apsû inondino la Terra e colonne possenti sono innalzate per dividere la Terra e il Cielo. Le Tavole del Destino vengono date ad Anu da Marduk in persona affinché le tenga al sicuro. Marduk è eletto capo supremo dagli dei in consesso. Kingu viene accusato della rivolta e per questo viene giustiziato. Ea mischia il sangue di Kingu all'argilla, creando così l'uomo, il quale dovrà lavorare per gli dei supremi, sostituendo il compito precedentemente posto sulle spalle degli dei minori. Viene consacrato un santuario a Marduk, che egli chiama Babilonia, poi tutti gli dei si riuniscono per festeggiare. Il testo continua con l'esaltazione di Marduk.

6 La religione assira Anche la religione assira, come tutti gli aspetti di questa società, risentì di un forte influsso babilonese. Gli dei, le feste, i riti erano infatti simili se non identici a quelli babilonesi da cui vennero copiati perfino i racconti mitici, come quello di Gilgamesh. Le differenze stavano nel fatto che il principale dio babilonese, Marduk, fu prima affiancato e infine sostituito dal dio Assur, e che il re fu sempre il sommo sacerdote e il vicario del dio nazionale, nonostante la casta sacerdotale fosse comunque influente. Assur era probabilmente nato come divinità locale, ma con l'aumento del potere e prestigio dell'impero assiro, divenne infine capo supremo del pantheon. Era il dio della forza e della violenza, che proteggeva l'esercito in battaglia. Era quindi un dio guerriero per molti versi simile al Jahvé degli Ebrei. Alcuni studiosi affermano che Assur venisse rappresentato sotto forma disco solare, simbolo che appare spesso nell'iconografia assira. Tuttavia le prove sembrano dimostrare che il disco solare rappresentasse invece, come pare più ovvio, il dio del soleShamash. Altre importanti divinità del numeroso pantheon assiro furono Ishtar, dea dell'amore e della guerra e Adad, dio dei fenomeni celesti, o Keret, semidio cui si attribuisce la fondazione della città di Hubur.

7 Il Mazdeismo Lo Zoroastrismo (definito anche Mazdeismo) è una religione e filosofia basata sugli insegnamenti del profeta Zarathuštra (o Zoroastro) ed è stata in passato la religione più diffusa dell'Asia. Fu fondata prima del VI secolo a.C. nell'antica Persia (attuale Iran). Lo Zoroastrismo è stato per secoli la religione dominante in quasi tutta l'Asia centrale, dal Pakistan all'Arabia Saudita, fino alla rapida affermazione della religione islamica nel VII secolo. Tuttavia non si estinse, e piccole comunità zoroastriane permangono ad oggi in Iran, Tagikistan, Azerbaigian e India (i cosiddetti Parsi, comunità fuggite dall'Iran nel periodo della sua islamizzazione e rifugiatesi in India). Lo Zoroastrismo è una religione monoteista. Il suo testo sacro è l'Avestā, che raccoglie diversi contributi di varia origine accumulatisi lungo i secoli. Di esso solamente le Gāthā (i canti religiosi) sono, secondo gli studiosi, direttamente attribuibili al profeta Zarathuštra.

8 Il Mazdeismo L'analisi critica dell'Avestā, nonché l'analisi dei dati storici ed archeologici dimostra come questa fede religiosa si sia sviluppata attraverso letture dottrinali di origine monoteista. Nodo centrale della religione è la costante lotta tra bene e male. Agli inizi della creazione, il Dio Supremo ("Ahura Mazda", che significa dal sanscrito "Grande Divinità"), è caratterizzato da luce infinita, onniscienza e bontà; esso crea lo Spenta Mainyu ovvero lo "spirito benefico", opposto ad Angra Mainyu (o Ahriman) uno spirito malvagio delle tenebre, violenza e morte. Il conflitto cosmico risultante interessa l'intero universo, inclusa l'umanità, alla quale è richiesto di scegliere quali delle due vie seguire. La via del bene e della giustizia (Aša) porterà alla felicità (Ušta), mentre la via del male apporterà infelicità, inimicizia e guerra. Sono legati alla dualità di bene e male anche i concetti di Paradiso, Inferno e Giorno del giudizio. Dopo la morte corporale, l'anima della persona attraversa un ponte (Chinvato Peretu) sul quale le sue buone azioni sono pesate con quelle cattive. Il risultato decreta il destino dell'anima: Paradiso o Inferno. Quando, alla fine dei giorni, il male sarà definitivamente sconfitto, il cosmo verrà purificato in un bagno di metallo fuso e le anime dei peccatori saranno riscattate dall'inferno, per vivere in eterno, entro corpi incorruttibili, alla presenza di Ahura Mazda.

9 FINE Lavoro svolto da: Alessandro Scala Lorenzo Pane Gianluca Manieri Claudio de Falco Giacomo Amodio Andrea de Dominicis


Scaricare ppt "Le religioni della Mesopotamia Le religioni della Mesopotamia sono l’insieme di arti divinatorie praticate dalle popolazioni della terra dei due fiumi(Sumeri,Accadi,Assiri,Persiani."

Presentazioni simili


Annunci Google