La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL RAVANELLO CURIOSITA’ RICETTE STORIA L’IMPORTANZA DEL RAVANELLO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL RAVANELLO CURIOSITA’ RICETTE STORIA L’IMPORTANZA DEL RAVANELLO."— Transcript della presentazione:

1 IL RAVANELLO CURIOSITA’ RICETTE STORIA L’IMPORTANZA DEL RAVANELLO

2 LA STORIA Il ravanello era comunque già noto all’epoca della costruzione delle piramidi, quando veniva mangiato dagli Egizi. Anche i medici greci e latini ne conoscevano le virtù e lo sfruttavano per calmare la tosse, facilitare la digestione e accrescere la secrezione lattea.

3 Curiosità Nella tradizione erboristica tedesca, il ravanello è il rimedio migliore per l’insonnia: è costituito infatti da vitamina B e zolfo, che aiutano contro agitazione e ansia. Insomma aggiungere un paio di ravanelli al contorno serale, può aiutare sia il fegato sia a dormire meglio.

4 L’IMPORTANZA DEL RAVANELLO NELLA DIETA Il ravanello è un ortaggio primaverile ricco di vitamina C, B e di ferro. Ottimo alleato nelle diete ipocaloriche: ha pochissime calorie e aiuta l digestione, il fegato e ha un'azione depurativa generale.

5 La semina si effettua direttamente nell’orto da fine inverno e per tutta l’estate, in genere quando il terreno inizia a scaldare, al centro- nord a partire da marzo e al sud anche prima. Fra le tante varietà ce ne sono alcune a maturazione autunnale, come il ravanello nero, che si semina a luglio. Controllate quindi sulla busta il periodo più indicato per la semina, che può variare a seconda della varietà prescelta.

6 Suggerimenti in cucina Il ravanello può essere consumato sia crudo che cotto. In Occidente si mangia prevalentemente crudo come antipasto, in piccole quantità o aggiunto alle insalate. Con la cottura il sapore del ravanello si addolcisce e ricorda quello delle rape. Può essere aggiunto a varie pietanze: alla minestra, alla frittata o anche al bollito. FRITTATA AL RAVANELLO FORMAGGIO E RAVANELLO

7 Le diverse varietà e stagioni La semina può essere fatta, ad eccezione dei mesi più caldi, in tutti i periodi dell’anno. E’ consumato soprattutto nel periodo primaverile, ma la coltivazione in serra consente di allungare la stagione produttiva. La parte edule è rappresentata dall’ingrossamento dell’ipocotile, ossia la parte del fusto compresa tra le foglie e il colletto della radice propriamente detta che è costituita da un lungo filamento. Viene commercializzato in mazzi legati per le foglie. Le aree più importanti di coltivazione sono il Lazio e la Campania. Esistono diverse tipologie, classificate in base alla forma della radice. Tondeggiante: è la tipologia più diffusa, di colore rosso più o meno intenso, può avere la punta della radice bianca. Mezza-lunga: radice di forma allungata che termina a punta. Può raggiungere anche i 10 cm. Possono essere sia bianche che rosse, con la punta bianca. Allungata: radice lunga,di forma tendente a cilindrica. I tipi di colore bianco assomigliano a una candela. Ricordiamo come selezione locale tipica il Ravanello Lungo di Torino o Tabasso, originario della zona intorno a Torino, di forma allungata cilindrica e colore rosso.

8 Valori nutrizionali (per 100 g) Crudo*Crudo**DGR*** Energia15 kcal16 kcal Proteine0,6 g0,68 g Glucidi2,6 g3,40 g Lipidi0,3 g0,1 g Fibre1,2 g1,6 g30 g Sodio12 mg39 mg Potassio243 mg233 mg2 000 mg Vitamina C23 mg14,8 mg80 mg Vitamina B950 µg25 µg200 µg

9 LAVORO SVOLTO DA: SCIORTINO EMANUELA PASSAFARO CRYSTAL BARLOCCO RICCARDO


Scaricare ppt "IL RAVANELLO CURIOSITA’ RICETTE STORIA L’IMPORTANZA DEL RAVANELLO."

Presentazioni simili


Annunci Google