La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità Manuale della Qualità e Controllo del Processo Romano MARMIGI ENEA - Roma QUALITA’ ?

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità Manuale della Qualità e Controllo del Processo Romano MARMIGI ENEA - Roma QUALITA’ ?"— Transcript della presentazione:

1

2 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità Manuale della Qualità e Controllo del Processo Romano MARMIGI ENEA - Roma QUALITA’ ?

3 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità MANUALE DELLA QUALITA’ Definisce: la struttura organizzativa dell’Azienda le responsabilità le modalità gestionali più importanti le modalità operative più importanti QualitàManuale

4 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità Organigramma Schema o diagramma (ad albero) che riporta le principali posizioni di direzione (livelli e linee di autorità e di coordinamento) e di esecuzione delle attività di una Organizzazione e le relative linee di dipendenza e di relazione

5 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità SISTEMA QUALITÀ Manuale Qualità Procedure Gestionali Procedure Operative Istruzioni di lavoro Direzione Dirigenti e Responsabili di Unità Operative Responsabilità STRUTTURA DELLA DOCUMENTAZIONE Documentazione

6 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità PROCEDURA E’ un documento che precisa condizioni, modalità e responsabilità con cui deve essere eseguita una data attività, sia di tipo tecnico (formativo) che di tipo gestionale.

7 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità La Procedura per la PASTIERA Se la ricetta esiste, è condivisa e rispettata, è la condizione necessaria, ma non sufficiente perché il processo dia luogo alla soddisfazione del cliente (prima legge della qualità) Se la ricetta non esiste, pochi, attraverso la tradizione orale, potranno preparare un ottimo dolce, molti, sbagliando proporzioni e processi di cottura, produrranno gli ibridi in commercio, con bassi livelli di qualità e grande insoddisfazione del cliente Nell’azienda, nei Servizi, nella scuola, l’esistenza di regole di gestione condivise è il presupposto necessario, anche se non sufficiente, per garantire la qualità del processo

8 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità DOCUMENTAZIONE IN GQ

9 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità La Procedura per la PASTIERA LA PROCEDURA DELLA PASTIERA PROGRAMMARE DATA DELLA CENA VERIFICARE DISPONIBILITA’ AMICI RIPROGRAMMARE CENA O VARIARE LISTA INVITI ACQUISTARE GRANO (CINQUE GIORNI PRIMA) TRATTARE GRANO ACQUISTARE ALTRI INGREDIENTI LAVORARE GRANO PREPARARE PASTA PREPARARE RIPIENO CUOCERE ATTENDERE UN GIORNO

10 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità SCOPO DELLA PROCEDURA CAMPO DI APPLICAZIONE LISTA DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONI E PRINCIPALI COMPITI E RESPONSABILITÀ MODALITÀ OPERATIVE SISTEMA QUALITÀ Contenuti di una procedura

11 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità SCOPO DELLA PROCEDURA CAMPO DI APPLICAZIONE LISTA DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONI E PRINCIPALI COMPITI E RESPONSABILITÀ MODALITÀ OPERATIVE SISTEMA QUALITÀ In questa sezione viene riportato l’argomento trattato nella procedura ed eventualmente l’obiettivo che ci si propone di raggiungere attraverso la corretta applicazione della procedura stessa: lo scopo può essere quello di descrivere un’attività così come viene svolta all’interno dell’organizzazione Contenuti di una procedura

12 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità SCOPO DELLA PROCEDURA CAMPO DI APPLICAZIONE LISTA DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONI E PRINCIPALI COMPITI E RESPONSABILITÀ MODALITÀ OPERATIVE SISTEMA QUALITÀ Nel campo di applicazione si definiscono i limiti di estensione per l’applicazione della procedura; il campo di applicazione può essere più o meno vasto a seconda della specificità dell’attività descritta: una procedura può infatti descrivere attività comuni a più azioni aziendali, o può descrivere aspetti operativi di attività più generali che costituiranno quindi il campo di applicazione della procedura che li descrive Contenuti di una procedura

13 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità SCOPO DELLA PROCEDURA CAMPO DI APPLICAZIONE LISTA DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONI E PRINCIPALI COMPITI E RESPONSABILITÀ MODALITÀ OPERATIVE SISTEMA QUALITÀ Nella Lista di distribuzione, che può anche non fare parte della procedura, ma esserne allegata per facilitarne l’aggiornamento, vengono riportati i destinatari delle copie della procedura. È normalmente cura dell’ente emittente provvedere alla sostituzione ed eliminazione (o archiviazione) delle copie obsolete (revisioni precedenti all’ultima) con la copia aggiornata della documentazione distribuita Contenuti di una procedura

14 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità SCOPO DELLA PROCEDURA CAMPO DI APPLICAZIONE LISTA DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONI E PRINCIPALI COMPITI E RESPONSABILITÀ MODALITÀ OPERATIVE SISTEMA QUALITÀ In questa sezione sono normalmente riportate le definizioni (eventualmente integrate con compiti e responsabilità) necessarie per la corretta comprensione delle modalità operative: onde evitare incomprensioni è spesso opportuno descrivere chiaramente tutti i soggetti operativi che prendono parte all’attività descritta dalla procedura Contenuti di una procedura

15 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità SCOPO DELLA PROCEDURA CAMPO DI APPLICAZIONE LISTA DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONI E PRINCIPALI COMPITI E RESPONSABILITÀ MODALITÀ OPERATIVE SISTEMA QUALITÀ Questa sezione costituisce il “corpo” della procedura: essa descrive, meglio se con l’ausilio di schemi e illustrazioni di immediata comprensibilità, le attività oggetto della procedura Contenuti di una procedura

16 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità ISTRUZIONE E’ un’informazione documentata intesa a fornire, in forma concisa, disposizioni sulle modalità di esecuzione di un’attività.

17 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità Alcune procedure … utili Gestione della documentazione Gestione della documentazione Riesame del contratto Riesame del contratto Riesame da parte della Direzione Riesame da parte della Direzione Analisi e trattamento delle NC Analisi e trattamento delle NC Azioni Correttive e Preventive Azioni Correttive e Preventive Selezione e controllo risorse esterne Selezione e controllo risorse esterne Qualifica dei Fornitori Qualifica dei Fornitori FORSE ?!?

18 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità QUALITA’ Qualità di PRODOTTO PROCESSO

19 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità IL PROCESSO INPUT PROCESSO OUTPUT materiali istruzioni informazioni persone documenti materiali istruzioni informazioni persone documenti trasformazione (aggiunta di valore) PUNTO DI CONTROLLO CONTROLLO CONTROLLO CONTROLLO CONTROLLO CONTROLLO

20 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità PROCESSO STABILE e PROCESSO CAPACE = PROCESSO NEL QUALE SI E’ IN GRADO DI CONTROLLARE LA VARIABILITA’ = PROCESSO LA CUI VARIABILITA’ NATURALE CONSENTE DI RISPETTARE LE SPECIFICHE E I RELATIVI LIMITI DI ACCETTAZIONE PROCESSO LA CUI VARIABILITA’ NATURALE CONSENTE DI RISPETTARE LE SPECIFICHE E I RELATIVI LIMITI DI ACCETTAZIONE

21 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità Controllo di un Processo Stabile e Capace Effettuare un'azione periodica: di valutazione (DIAGNOSI) di regolazione (FEEDBACK) per mantenere il Processo nei suoi limiti naturali (dominare la variabilità o controllare il processo)

22 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità Leggere "da Destra a Sinistra" CLIENTI PROCESSO Obiettivi Misurabili Esigenze Esigenze dei Clienti Allo scopo occorre...

23 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità Effetti delle NC Clienti Inizio Riunione ore Clienti insoddisfatti

24 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità Pertanto risulta essenziale…Riunioni Dati di Customer Satisfaction Segnalazionivarie NC n°1 data destin. … NC n°3 data destin. … NC n°2 data destin. … Individuazione delle cause e definizione delle Azioni Correttive Attuazione AC Comunicazione dei risultati Il Controllo delle cause di NC

25 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità CERCHIAMO (..per il momento…!) DI CONCLUDERE

26 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità VERIFICHE ISPETTIVE Attraverso le...

27 AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità PASSIAMO AL CAPITOLO LE VERIFICHE ISPETIVE


Scaricare ppt "AVANTIINDIETRO Romano Marmigi La Gestione della Qualità Manuale della Qualità e Controllo del Processo Romano MARMIGI ENEA - Roma QUALITA’ ?"

Presentazioni simili


Annunci Google