La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il progetto ANCI-POSTIT Un bilancio del primo biennio di attuazione 2003-2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il progetto ANCI-POSTIT Un bilancio del primo biennio di attuazione 2003-2004."— Transcript della presentazione:

1 Il progetto ANCI-POSTIT Un bilancio del primo biennio di attuazione

2 Il progetto POSTIT II Finanziato dal MEF nell’ambito del PON ATAS Gestito operativamente dall’ANCI che “rappresenta gli interessi degli associati (Comuni) dinanzi agli organi centrali dello Stato, agli organismi comunitari, al Comitato delle Regioni ed ad ogni altro organismo istituzionale” (art. 3, comma 1° dello statuto ANCI)

3 POSTIT II Specificità del progetto Il progetto è gestito dall’Associazione rappresentativa dei comuni italiani e dunque gode di canali conoscitivi privilegiati alle problematiche delle amministrazioni comunali coinvolte nell’attuazione dei POR) I destinatari diretti dei servizi sono i Comuni, ovvero i principali protagonisti dell’attuazione delle politiche di sviluppo sul territorio con rilevanti funzioni sia dal punto di vista della definizione delle programmazioni regionali (artt. 4 e 5 del TUEL) sia dal punto di vista della loro attuazione (art.118 Cost.) Le azioni programmate contribuiscono a rafforzare gli elementi di modernizzazione e innovazione amministrativa che il QCS ob mira ad indurre nel sistema degli Enti locali

4 POSTIT II Priorità strategiche Concorrere alla creazione delle condizioni di contesto perché il sistema dei Comuni partecipi nelle condizioni migliori alla definizione delle politiche per il nuovo ciclo di programmazione dei fondi strutturali, consolidandone il ruolo istituzionale nella definizione dei nuovi programmi operativi Rafforzare e valorizzare l’attività di sostegno e assistenza ai Comuni, singoli e associati, nell’attuazione delle operazioni di propria pertinenza a valere sul secondo periodo di attuazione del QCS ob.1 Rafforzare e valorizzare l’attività di disseminazione “organizzata” e “qualificata”, a favore di Comuni singoli e associati, delle informazioni sulle nuove politiche regionali comunitarie

5 Pianificazione delle attività Sottoscritti n. 5 Protocolli di cooperazione e collaborazione con le AdG dei POR Basilicata, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia Approvati n. 4 Piani di attività quadrimestrali Adottate n.6 Direttive organizzative

6 POSTIT II Destinatari Il target delle attività POSTIT II è costituito prioritariamente, da Comuni singoli e associati delle Regioni ob.1 indirettamente e in via mediata, dalle Regioni ob.1 che parteciperanno al processo di definizione della nuova programmazione per il periodo

7 POSTIT II Le 2 linee di intervento Supporto al partenariato istituzionale finalizzato a sostenere la rappresentanza dei Comuni, quale componente essenziale del partenariato istituzionale, negli organismi di partecipazione partenariale di derivazione comunitaria e/o nazionale. Assistenza tecnica finalizzata al rafforzamento dell’Amministrazione comunale, nella prospettiva di una progressiva acquisizione di competenze ad elevato contenuto tecnico e professionale, indispensabili per un’efficace ed efficiente gestione dei programmi di sviluppo.

8 Supporto al partenariato Finalità Sostenere il sistema dei Comuni nei processi di legislazione e di programmazione, fornendo supporto tecnico negli organismi e nelle sedi di partenariato Preparare adeguatamente il nuovo ciclo di programmazione comunitaria fondata su un nuovo partenariato per la coesione, predisponendo il sistema dei comuni a contribuire alla definizione dei nuovi programmi operativi ed alla loro efficace attuazione Favorire scenari istituzionali più avanzati di autonomia e decentramento, in funzione di una declinazione adeguata del nuovo istituto di partenariato introdotto dall’art.10 della proposta di Regolamento di coordinamento generale dei Fondi strutturali per il periodo

9 Supporto al partenariato Campo di applicazione la Politica di Coesione Comunitaria per i periodi di programmazione e , sotto il profilo della disciplina, della preparazione, della modificazione o della sorveglianza dei relativi programmi la Politica Strutturale Nazionale per il Mezzogiorno le normative nazionali e regionali rivolte alla disciplina delle funzioni dei Comuni, inerenti - la predisposizione e attuazione dei programmi di sviluppo socio-economico - la partecipazione alla formazione di programmi sovraordinati e/o alla fissazione di criteri e procedure per l’assegnazione delle relative risorse

10 Supporto al partenariato Destinatari A livello nazionale gli organismi dell’ANCI di riferimento rispetto alle azioni progettuali (Comitato di Pilotaggio/Commissione per il Mezzogiorno) il Rappresentante dell’ANCI negli organismi comunitari e nazionali preposti ai programmi dei Fondi strutturali ed alla programmazione degli interventi strutturali nazionali per il Mezzogiorno A livello regionale i Presidenti delle ANCI Regionali del Mezzogiorno i Rappresentanti delle ANCI nei CdS dei POR Ob. 1 i Rappresentanti delle ANCI Regionali nelle sedi di partenariato eventualmente costituite o da costituirsi per l’elaborazione dei Documenti Strategici Regionali in funzione della programmazione comunitaria del nuovo ciclo o in attuazione dell’art. 123 della Costituzione (Consigli delle Autonomie Locali).

11 Supporto al partenariato istituzionale Output e servizi (1) Temi del QCS di rilevanza per gli Enti locali Note tecniche di approfondimento sui temi del QCS di maggiore rilevanza per gli Enti locali, in funzione della realizzazione di incontri periodici di confronto col Dipartimento Politiche di Sviluppo (MEF) Comitato di Pilotaggio per il Mezzogiorno I° e II° Documento di riferimento politico programmatico approvati, rispettivamente, in occasione della I° e della II° Conferenza per i Comuni del Mezzogiorno dell’ANCI (Bari 20/09/03; Piano di Sorrento 3/7/04) Riserva Aree Urbane (FAS – delibera CIPE n.20/04) Supporto alle Città del Mezzogiorno per la partecipazione al tavolo tecnico convocato dal DPS (MEF) come momento di verifica, confronto e condivisione riguardo all’allocazione delle risorse per le aree sottoutilizzate (delibera CIPE n.20 del 29 settembre 2004)

12 Supporto al partenariato istituzionale Output e servizi (2) Riserva di premialità regionale per gli Enti locali Finanziamento con risorse esclusivamente nazionali del “proseguimento di esperienze di meccanismi premiali” per il consolidamento della qualità delle azioni dei soggetti locali (QCS revisionato par.6.6.3): approfondimento dei criteri e metodi di allocazione della riserva di premialità regionale per gli Enti locali (Seminario tecnico, Roma 12 luglio 2004) Riforma Politica di coesione - ciclo di programmazione Contributo redazionale al documento dell’ANCI sulla riforma della politica di coesione per il ciclo di programmazione , presentato in occasione del Forum sulla politica di coesione (Bruxelles il maggio 2004) Nuovi Regolamenti comunitari (ciclo di programmazione dei Fondi strutturali ) Analisi delle proposte dei nuovi Regolamenti comunitari formulate dalla Commissione europea, nell’ambito di un’azione di supporto tecnico al rappresentante dell’ANCI nel Comitato delle Regioni, incaricato dalla Commissione COTER di redigere il parere del CdR sulla proposta di Regolamento FESR

13 Supporto al partenariato istituzionale Output e servizi (3) Azioni di supporto alle ANCI regionali in funzione della partecipazione ai Comitati di Sorveglianza dei POR delle Regioni dell’Ob. 1 Supporto per l’elaborazione di proposte in ordine alla revisione di metà periodo e alla riprogrammazione dei POR Basilicata, Campania, Sardegna con azioni di accompagnamento per la definizione di documenti di posizione portati successivamente all’attenzione dei rispettivi Cds

14 Assistenza tecnica Finalità Rafforzamento dell’Amministrazione comunale attraverso integrazioni di processi e di risorse professionali, nella prospettiva di una progressiva acquisizione di competenze ad elevato contenuto tecnico e professionale indispensabile per un’efficace ed efficiente gestione dei programmi di sviluppo Trasferimento di conoscenze e competenze ai Comuni beneficiari di operazioni nell’ambito dei PIT nell'ambito delle due problematiche cruciali per dell’attuale fase di attuazione: - gestione amministrativa e procedurale delle operazioni - monitoraggio, rendicontazione e archiviazione

15 Assistenza tecnica Servizi/Prodotti (1) Risposte a quesiti trasmessi on line da gestire attraverso il sito di progetto, raccogliendo le domande trasmesse on line con la successiva restituzione di risposte mirate e di interesse generale, allo scopo di integrare le conoscenze dei Comuni al di là delle specifiche esigenze di assistenza del richiedente Rilascio di pareri a seguito di istruttoria documentale, al fine di proporre la puntuale risoluzione delle problematiche scaturenti dalla fattispecie procedurale sottoposta ad esame Azione di affiancamento consulenziale per l’impostazione e la redazione di atti e/o provvedimenti amministrativi, al fine di accompagnare il richiedente nel corretto espletamento dei procedimenti

16 Assistenza tecnica Servizi/Prodotti (2) Workshop di supporto tecnico per l’approfondimento delle tematiche gestionali di maggior interesse, in ordine alle quali siano stati riscontrati generali e diffusi fabbisogni di assistenza per la risoluzione di rilevanti nodi critici Azione sistematica di predisposizione e diffusione di modelli applicativi (schemi/format di regolamenti, disciplinari, provvedimenti, convenzioni, accordi, bandi, atti, ecc.., eventualmente corredati da apposite note tecniche) volta a schematizzare e modellizzare atti e provvedimenti di interesse di una platea più vasta di operatori, agevolando la dotazione da parte di ciascun ente di opportuni strumenti di indirizzo e disciplina delle più significative procedure gestionali

17 Assistenza tecnica Tematiche (1) Forme associative degli enti locali: le ragioni della cooperazione e i modelli di gestione Osservanza delle normative sui pubblici appalti e dei principi del trattato comunitario come dato permanente e strutturato degli assetti procedurali della PA Assetti amministrativi e gestionali per l’attuazione della riforma della PA, anche in considerazione dei criteri e meccanismi della c.d. premialità comunitaria, nazionale e regionale

18 Assistenza tecnica Tematiche (2) Temi gestionali connessi al processo di programmazione e valutazione con riferimento alla programmazione sovraordinata: cornici normative regolamentari (disciplinari, regolamenti, direttive, procedure) e cornici programmatiche Partenariato Pubblico-Privato (PPP), quale gamma di modelli di cooperazione tra il settore pubblico e quello privato, e le sue diverse metodologie attuative Parchi progetti “coerenti” e strumenti per il finanziamento della progettazione

19 Le attività di Assistenza tecnica I Numeri I Comuni raggiunti da servizi/attività: n.394 I PIT beneficiari di azioni di supporto: n.44 Gli affinamenti consulenziali/rilascio pareri: n.29 I Workshop di affiancamento tecnico: n.59 (920 i partecipanti, tra funzionari e ProjectManager di PIT) Le rilevazioni sul fabbisogno di AT dei Comuni/PIT: n.2 (al 30 giugno 2003; al 30 luglio 2004)

20 Le attività di Comunicazione Obiettivi Valorizzare l’impatto delle azioni realizzate nell’ambito delle 2 linee di intervento progettuali, allo scopo di contribuire all diffusione delle regole comunitarie e di indurre elementi di innovazione amministrativa capaci di reggere l’attuazione del QCS Ob. 1, in relazione agli obiettivi strategici di “avanzamento istituzionale” e “modernizzazione amministrativa” dei Comuni.

21 Le attività di Comunicazione Strumenti e risultati (1) SITO WEB (www.postit.anci.it) Obiettivi: informare sull’andamento del progetto (attraverso la pubblicazione di notizie, documentazione e prodotti relativi alle azioni e agli obiettivi realizzati); diffondere (sezione news e comunicati stampa) informazioni di interesse per la comunità professionale del QCS e per gli altri “agenti” dello sviluppo locale; creare uno spazio virtuale di incontro fra Task Force di POSTIT, P.A., attori istituzionali sociali ed economici, società civile. Accessi al sito di progetto (periodo marzo dicembre 2004): n visite per un totale di pagine viste SEMINARI TECNICI DI APPROFONDIMENTO Obiettivi: approfondimento tecnico-informativo sulle tematiche dell’attuazione del QCS nelle Regioni Ob. 1 e della programmazione delle politiche regionali, nazionali e comunitarie di sviluppo. Seminari: n.6

22 Le attività di Comunicazione Strumenti e risultati (2) NEWSLETTER DI PROGETTO Obiettivi: dare conto di notizie, eventi e informazioni connessi alle attività svolte dagli esperti POSTIT, di interesse per i Comuni destinatari degli interventi del progetto. Trova adeguata diffusione attraverso la pubblicazione sul sito e l’invio per posta elettronica (circa 1200 i Comuni raggiunti). Output:n.6 newsletter NEWLETTER INTERNA DELLA COMUNITA’ POSTIT Obiettivi: consentire la “circolazione” fra i componenti della Task Force di POSTIT delle informazioni e della documentazione relativa alle attività di progetto, garantendo che tutti gli esperti siano costantemente informati sulle reciproche attività e sull’andamento del progetto Output:n.28 newsletter PRODOTTI MULTIMEDIALI n. 2 CD ROM di documentazione/prodotti relativi alle azioni di supporto al partenariato istituzionale e di assistenza tecnica. I CD-ROM sono stati presentati e distribuiti, in occasione di incontri tecnici – informativi e della partecipazione a convegni e seminari.

23 Le attività di Comunicazione Strumenti e risultati (3) PUBBLICAZIONI POSTIT Collana “Quaderni” - output: n. 2 volumi dal titolo “Il sostegno al partenariato pubblico nelle Regioni dell’Ob.1- Il percorso istituzionale dell’ANCI” e “Governance e PIT”. Collana “Materiali - output: n. 2 volumi dal titolo “1° Seminario tecnico POSTIT – La programmazione PIT nelle Regioni dell’Obiettivo 1” e “2° Conferenza programmatica dei Comuni del Mezzogiorno dell’ANCI”. Sono state distribuite circa 1400 copie. PUBBLICAZIONE DI ARTICOLI Il progetto POSTIT è presente con propri articoli, pubblicati con cadenza periodica, su “Sud News”, la newsletter del Dipartimento Politiche di Sviluppo del Ministero dell’Economia e delle Finanze Articoli pubblicati: n.6 WORKSHOP DI APPROFONDIMENTO TECNICO Obiettivi: trasferimento di competenze sul territorio e raccolta delle istanze di affiancamento consulenziale provenienti dal territorio stesso. Workshop: n.59


Scaricare ppt "Il progetto ANCI-POSTIT Un bilancio del primo biennio di attuazione 2003-2004."

Presentazioni simili


Annunci Google