La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Perché un Campo Semantico dai dati delle interviste RICAVARE UNA MAPPATURA DEI TERMINI IN UN DIZIONARIO DI GRUPPO dalla scheda iniziale dalle postriflessioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Perché un Campo Semantico dai dati delle interviste RICAVARE UNA MAPPATURA DEI TERMINI IN UN DIZIONARIO DI GRUPPO dalla scheda iniziale dalle postriflessioni."— Transcript della presentazione:

1 Perché un Campo Semantico dai dati delle interviste RICAVARE UNA MAPPATURA DEI TERMINI IN UN DIZIONARIO DI GRUPPO dalla scheda iniziale dalle postriflessioni degli Enti e del Gruppo di Ricerca dal Seminario di studio dal bagaglio teorico credenze preconoscenze dalle esperienze professionali

2 La Parola agli Enti Presentazione dell’Ente Interpretazione del Campo Semantico sulle Parole - Chiave: PROGETTO EDUCATIVO PROCESSO OGGETTIVITA’ SLOGAN (in 3 parole: Per valutare un progetto…)

3 Progetto Educativo Progetto = processo pieno Progetto = ipotesi + realizzazione (vs. valutazione ) Progetto = ipotesi di lavoro (vs. realizzazione prodotto) (fr. projet, da projeter, a sua volta dal lat. tardo proiectare, proiettare) accezione della certezza, della razionalità, piano preciso articolato per compiere.. accezione dell’incertezza, avere un proposito considerato difficile da realizzare.. richiamo al mondo ingegneristico categorie concettuali implicate in ambito pedagogico: progetto di vita possibilità scelta rischio responsabilità aver davanti un obiettivo tensione verso un valore intenzionalità spinta all’operatività significatività di un progetto in senso EDUCATIVO (interrogativi- stimolo di Klafki) rispetto al presente rispetto al futuro rispetto al carattere esemplificativo rispetto al passato Un progetto si qualifica come educativo qualora intenzionalmente e responsabilmente sostenga lo sviluppo, la formazione, la promozione della persona entro il contesto sociale e culturale con cui interagisce (Cerri) come fine adempiere a finalità educative nei confronti dei propri destinatari come mezzo come processo di indagine (Dewey), di crescita e sviluppo per l’ente programma programmazione progettazione progetto didattico curricolo

4 Progetto educativo diversi modelli… Assi strumentalità \ problematicità max strutturazione \progettazione debole esecutore \ costruttore linearità\reticolarità Lineare Ricorsivo Circolare come Ricerca (Pellerey, 1979; Nicholls, 1975; Stenhouse, 1977; Tizzi, 1996; Cerri, 1987; Boselli, 1991)

5 Progetto Educativo come Ricerca REALTA‘ STORICITA’ RAZIONALITA' e CONTROLLABILITA’ SOCIALITA’ PUBBLICITA‘ RIFLESSIVITA’ (Scurati, 1977; Stenhouse, 1977; Boselli, 1991)

6 Processo svolgimento sequenza di eventi procedura metodo (dal lat. procedere, avanzamento, agire contro qualcuno o qualcosa) Processo Educativo Consapevole, Intenzionale  Direzionale  Unitario  Complesso  Bisognoso di mediazione e guida  Contestuale Incoativo (cibernetica)  sistema: struttura/ processo  sviluppo uno scopo  evoluzione  involuzione

7 Oggettività In senso generico: “…essere oggettivo, tangibile, constatabile, essere imparziale.. il contrario di soggettività…” rispetto alla dimensione valutativa atteggiamento critico intersoggettività consapevolezza ponderazione e assunzione problematica di ogni scelta 2 ideali di oggettività (Hadji): operazione di misura o raccolta di informazioni utili alla propria azione educativa? oggettività e soggettività: no dicotomia dalle nozioni di verità e di oggettività a quelle di validità e di pertinenza: speranza non di oggettività, ma di oggettivazione la lettura della realtà educativa sostenibile da un punto di vista oggettivabile: basata su criteri interpretativi seriamente scelti in funzione di obiettivi chiaramente esplicitati, con una coerenza d’insieme in rapporto alle domande, fondate e utili scegliere: punto di osservazione, finalità, oggetto, strumenti e tecniche, parametri onestà fondata, criticizzata, ricercata tramite confronto intersoggettivo e scelte rigorose SCEGLIERE.. Sì, MA COME?… controllabilità secondo condizioni di ordine sociologico intersoggettività sul piano epistemologico riferimento: epistemologia fallibilista di Popper non è certezza controllabilità secondo condizioni di ordine epistemologico scienza con oggettività e rigore

8 Valutazione in senso generico, accezioni sul versante contabile.. “..determinazione ed attribuzione di un valore, anche economico, assegnazione di un merito, di un pregio ad una persona o ad una cosa, attraverso stime, calcoli, previsioni..” e un significato estensivo.. “..giudizio, opinione, ponderazione, apprezzamento anche morale..” riferito al mondo scolastico.. “..giudizio che un insegnante esprime sui risultati conseguiti da un alunno durante un corso di studio..” (Rizzoli) “..verifica dell’efficacia di un intervento educativo”, oltre che del “profitto dell’allievo” (Zingarelli) differenti attività differenti scopi valutativi differenti approcci alla valutazione 3 forme, 3 accenti, 3 tappe VALUTARE RISULTATI E PRODOTTI VALUTARE LE ATTIVITÀ EDUCATIVE VALUTARE GLI AMBIENTI EDUCATIVI tutti gli approcci attribuiscono utilità funzionale alla valutazione e un carattere processuale agli oggetti di cui si occupano

9 Valutazione fenomeno complesso onnipresente multiprospettico multidimensionale atto valutativo “educativo” (Hadji, 1992): compiere una lettura orientata, al servizio dell’atto educativo e degli attori Accertamento Verifica Valutazione Metavalutazione (Tessaro,1997) scopo (Hadji): prendere decisioni di ordine pedagogico sociale comunicazione facilitante (Hadij) interna esterna valutazione veritiera (Boselli, 1991), autentica apertura all’Altro, atto intersoggettivo Valutazione élargie (Cardinet, 1975) Illuminative Assessment (Richmond, 1994) limiti politici e tecnici (Gattullo, 1978) Esplicitare, dichiarare Formulare domande

10 Valutare un Progetto Educativo Progetto Educativo Valutazione impostare e realizzare un progetto nel progetto considerare un progetto su due piani: del fare (e del progettare il fare) del riflettere sul fare (e del progettare il riflettere sul fare) come mezzo per paradigma del pilotaggio, guida, regolazione, feedback-adattamento… più che valutazione del P.E. Progetto Educativo assistito da Valutazione

11 compiere una lettura orientata del progetto, considerato come processo complesso, allo scopo di migliorarlo, cioè di renderlo più efficace nelle sue azioni educative, in vista delle finalità educative che si è preposto e nel rispetto, nella promozione dei soggetti implicati, chiamati a partecipare così a processi valutativi quali processi di comunicazione facilitanti stendere un progetto nel progetto, adottando uno o più punti di vista dal quale osservarlo, conoscerlo, leggerlo, esplicarlo \ comprenderlo mediante prospettive, strategie, strumenti scelti e progettati in maniera multiprospettica e multidimensionale ogni punto di vista valutativo assunto va fondato, ossia dotato di una legittimazione teorica sempre più consapevole, e dev’essere praticabile, traducibile operativamente in procedure valutative valide, utili, adeguate operazione “chiavi in mano” un processo di ricerca… Valutare un Progetto Educativo


Scaricare ppt "Perché un Campo Semantico dai dati delle interviste RICAVARE UNA MAPPATURA DEI TERMINI IN UN DIZIONARIO DI GRUPPO dalla scheda iniziale dalle postriflessioni."

Presentazioni simili


Annunci Google