La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Consiglio del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia (Classe 46S) 19 febbraio 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Consiglio del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia (Classe 46S) 19 febbraio 2008."— Transcript della presentazione:

1 Consiglio del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia (Classe 46S) 19 febbraio 2008

2 Ordine del giorno 1.Comunicazioni: a) Ratifica verbale CCL del 27 novembre 07 b) Sessioni di esame c) Commissioni d’esame d) Funzioni coordinatori C.I. e) Accesso a Medicina ed Orientamento 2. Proposta elaborato del Gruppo di Autovalutazione 3. Attività didattiche elettive 4. Tutori & problematiche connesse 5. Richiesta sabbatico docente di Patologia e Fisiopatologia 6. Richiesta congedo docente di Medicina Interna II 7. Studenti altre Facoltà ammessi alla frequenza di C.I. del I anno 8. Studenti 9. Erasmus 10. Varie.

3 1b. Sessioni di esame Regolamento didattico del CdL - Art. 13 Regolamento didattico d’Ateneo A.A. 2008/2009 Art. 20 (7 febbraio 2008)

4 Regolamento didattico del Corso di Laurea - Art. 13 Gli esami di profitto possono essere effettuati esclusivamente nei periodi a ciò dedicati e denominati sessioni d'esame e non possono coincidere con i periodi nei quali si svolgono le attività ufficiali, né con altri che comunque possano limitare la partecipazione degli Studenti a tali attività. Le sessioni di esame, sono stabilite in modo differenziato a seconda dell'anno accademico, ma di norma sono fissate in cinque periodi: 1a sessione: febbraio 2a sessione: giugno - luglio 3a sessione: settembre Ulteriori appelli sono previsti in corrispondenza delle festività pasquali e natalizie, fermo restando che durante il periodo d'esame le lezioni saranno sospese..

5 Nuovo Regolamento d’Ateneo A.A Art. 20 Gli esami di profitto e ogni altro tipo di verifica soggetta a registrazione previsti per i corsi di laurea e di laurea magistrale possono essere sostenuti solo successivamente alla conclusione dei relativi corsi di insegnamento. Il numero annuale degli appelli, comunque non inferiore a sei ….

6 1c. Commissioni d’esame La Commissione di esame è nominata dal Presidente del Corso di Studi ed è costituita da almeno due Docenti impegnati nel relativo Corso di insegnamento. ….. Nel caso di Corsi Integrati in cui convergano numerose discipline, la commissione d'esame può essere costituita da più di due docenti, fino ad un massimo di quattro.

7 Proposta Il Coordinatore del C.I. propone i nominativi dei Docenti componenti la Commissione d’esame (e dei supplenti) inviandone comunicazione al Presidente del CdL prima dell’inizio dell’A.A. Non è autorizzato l’inserimento di altre figure professionali nelle Commissioni d’esame, salvo i “cultori della materia” approvati dalla Facoltà.

8 1d. Funzioni coordinatori C.I. Regolamento “ il Coordinatore del C.I.è responsabile nei confronti del CCL della corretta conduzione di tutte le attività didattiche previste per il conseguimento degli obiettivi definiti per il Corso stesso ”

9 Proposta per la gestione della “emergenza didattica” Il Docente è tenuto ad informare il Coordinatore del C.I. della sopravvenuta impossibilità a svolgere le attività didattiche programmate. Il Coordinatore del C.I., comunque informato dell’improvviso e legittimo impedimento di un docente, provvede ad organizzare il regolare svolgimento dell’attività didattica utilizzando le competenze professionali del C.I. Il Coordinatore del C.I., ove si preveda un’assenza prolungata del Docente e non sia possibile riorganizzare l’attività didattica del C.I., invia comunicazione alla Presidenza del CdL che provvederà alla sostituzione ufficiale del docente.

10 1e. Accesso a Medicina ed Orientamento Decreto legislativo (proposta del Ministro dell’Università e della Ricerca, Mussi, e del Ministro della Pubblica Istruzione, Giuseppe Fioroni) DL n. 21/2008; Gazzetta Ufficiale 7 febbraio 2008 “Per l’accesso ai corsi universitari a numero programmato, nel punteggio massimo di 105 punti, 80 saranno assegnati sulla base del risultato del test d’ingresso e 25 saranno dati agli studenti che avranno conseguito risultati di eccellenza a scuola.”

11 DL n. 21/2008; Gazzetta Ufficiale 7 febbraio 2008 A tal fine contribuiranno: la media complessiva, non inferiore a sette decimi, dei voti ottenuti negli scrutini finali di ciascuno degli ultimi tre anni di frequenza della scuola secondaria superiore; la valutazione finale conseguita nell’esame di Stato dal 20% degli studenti con la votazione più alta attribuita dalle singole commissioni, che comunque non deve essere inferiore a 80/100; la lode ottenuta nella valutazione finale dell’esame di Stato; le votazioni, uguali o superiori agli otto decimi, conseguite negli scrutini finali di ciascuno degli ultimi tre anni in discipline, predefinite nel bando di accesso a corsi universitari, che abbiano diretta attinenza o siano comunque significative per il corso di laurea prescelto.

12 DL n. 21/2008; Gazzetta Ufficiale 7 febbraio 2008 Il decreto prevede anche la realizzazione di appositi percorsi di orientamento affinché gli studenti arrivino preparati ai corsi di laurea che hanno scelto consolidando le proprie conoscenze in relazione alla preparazione richiesta per i diversi corsi di studio. Per questo i docenti della scuola secondaria superiore possono essere coinvolti nella predisposizione dei test di accesso all’università, mentre nelle scuole possono essere organizzati percorsi di orientamento con la partecipazione di professori universitari.

13 2. Proposta Elaborato del Gruppo di Autovalutazione (GAV) Con D.r. 967 del e D.r. 966 del è stato avviato in Ateneo il Progetto "Campus Unica" per la valutazione e l’accreditamento dei Corsi di Studio/Laurea nell’ottica del Sistema di gestione qualità.Progetto "Campus Unica" Sono state, inoltre, avviate numerose iniziative per diffondere la cultura della qualità all’interno delle Facoltà anche in risposta ai requisiti previsti dalla normativa nazionale ( DM 270/2004 e linee guida ministeriali ) in tema di qualità e accreditamento.

14 L’attività di autovalutazione In Ateneo Avvio del Progetto Campus Unica Nomina del Delegato del Rettore al Sistema di gestione qualità per la valutazione e l’accreditamento dei corsi di studio Istituzione di un comitato di coordinamento (D.r. 967 del ) Istituzione Gruppo di Lavoro di Ateneo (D.r. 966 del ) Varie iniziative per diffondere la cultura della qualità nelle Facoltà in risposta ai requisiti previsti dalla normativa nazionale in tema di qualità e accreditamento In Facoltà Nomina di un Referente per la Qualità: Prof. Francesco Casula Corso di Formazione sul tema della qualità e sul RAV: 13 docentI della Facoltà provenienti dai diversi CdS 9 Corsi di Laurea in Valutazione Nomina di un Manager Didattico di Facoltà per il Progetto Campus Unica Nomina di un Operatore per la Qualità per il Progetto Campus Unica Nel CdS Costituzione Gruppo di AutoValutazione (GAV) Stesura del Rapporto di Autovalutazione (RAV) Pubblicizzazione del RAV per l’approvazione del CCS

15 Gruppo di Autovalutazione del CdL (GAV) Hanno collaborato: Dott. Giuseppe Manca; Dott.ssa M. Bonaria Fercia; Personale della Segreteria Studenti; Coordinatori dei Corsi Integrati; Docenti; Altro personale coivolto a vario titolo Dal al , precedentemente alla nomina ufficiale del GAV attuale, l’attività è stata seguita dal gruppo costituito da: Prof. Amedeo Columbano; Prof. Luigi Atzori; Prof. Francesco Casula; Dott. Matteo Fraschini; Prof.ssa M.Antonietta Melis; Dott.ssa Teresa Pilichi; Sig.ra Luisella Meloni e Sig.ra Marta Balzarini (studente) Composizione GAV (CCS del ) Prof. Luigi DemeliaDocente Prof.ssa Orietta Massidda Docente Prof. Quirico Mela; Docente Prof.ssa M. Antonietta Melis Docente Prof.ssa M. Cristina RosatelliDocente Dott. Matteo Fraschini (dimessosi a luglio 2007);Docente Dott.ssa Teresa Pilichi; Manager Didattico Sig.ra Luisella MeloniPersonale Amministrativo Sig. Andrea Bullegas;Studente Sig.ra Silvia Deidda (dimessasi a luglio 2007)Studentessa Prof. Mario Piga Presidente

16 Modalità di lavoro 45 riunioni i cui verbali sono disponibili su Moodle (per lo più incontri settimanali della durata di 3-4 ore) Attività di raccolta dati (coinvolgimento delle strutture di riferimento di Ateneo, dei coordinatori dei corsi integrati, dei singoli docenti e del personale amministrativo) Inserimento degli aggiornamenti del RAV sulla piattaforma Moodle Divulgazione attività tramite lettera di presentazione del Presidente (8 febbraio 08) Inserimento del Rapporto di Autovalutazione sulla Piattaforma Moodle (9 febbraio 08)

17 Obiettivi “fotografia” del CdS per l’A.A relativamente alle seguenti dimensioni: A. Sistema di GestioneB. Esigenze e ObiettiviC. Risorse D. Processo FormativoE. Analisi e Miglioramento Individuare punti di forza e aree da migliorare per i vari ambiti Ipotizzare azioni concrete di miglioramento Mettere a regime il processo di valutazione e la procedura di riesame del sistema di gestione Utilizzare il RAV come punto di partenza per azioni migliorative NB!!! Il documento in seguito all’approvazione del CCL sarà inviato al team del Progetto Campus Unica per la stesura del quaderno di valutazione esterna di cui sarà data notizia al CCL appena disponibile. !!!Attualmente l’attività è in via sperimentale ma sarà, in futuro prossimo, la base per l’accreditamento dei CdL

18 Notizie preliminari inviate per via elettronica l’8 febbraio il RAV verrà inserito sulla piattaforma Moodle in data Moodle invito a prenderne visione al fine di poter dare utili suggerimenti/integrazioni entro il giorno (da inviare al seguente indirizzo L’approvazione della stesura definitiva del RAV avverrà nel prossimo Consiglio di Corso di Studi previsto per il Nell’invio dei vostri suggerimenti vi chiedo di dare indicazioni precise sulla dimensione e la domanda di riferimento e di considerare che: i dati sono riferiti all’A.A ; le integrazioni proposte devono avere un documento ufficiale di riferimento (verbali o altro). Nel precisare che il RAV è frutto di un lungo e difficile lavoro di un gruppo rappresentativo della composizione del Consiglio di Corso di Studi (da cui ha ricevuto delega) ma soprattutto pioniere di questa attività, vi prego di essere costruttivi nelle vostre osservazioni, tenendo comunque presente che elementi migliorativi/correttivi possono essere introdotti nel tempo. Certo del vostro prezioso contributo, vi saluto cordialmente

19 3. Attività didattiche elettive (ADE) Attività didattiche a scelta dello studente su proposta dei Docenti, il CCL organizza l'offerta di attività didattiche opzionali, realizzabili con seminari, corsi interattivi a piccoli gruppi, attività collegate in "percorsi didattici omogenei", fra i quali lo Studente esercita la propria personale opzione, fino al conseguimento di un numero complessivo di 15 CFU.

20 Finalità Personalizza il percorso formativo Offre ai docenti la possibilità di proporre agli studenti esperienze professionali gratificanti Permette la Formulazione di un core curriculum

21 ADE: requisiti Specifica competenza dei docenti: Certificata dall’afferenza ad un preciso SSD Aventi titolo: Docenti di I e II fascia, Ricercatori

22 Proposta di Regole Le proposte di ADO/E formulate e concordate dai docenti dei rispettivi SSD devono essere inoltrate alla Presidenza del CdL (auspicabile regia all’interno del SSD) Termini presentazione proposte: 31 ottobre e 29 febbraio Approvazione in CCL Loro pubblicazione in rete

23 Richiesta proroga congedo (art. 17 DPR 382/80) prof. Paolo Pani Durata di un anno ( ) Motivazione: svolgere attività scientifica nel campo della cancerogenesi sperimentale Approvazione formale del canale dispari del Corso integrato di Patologia e Fisiopatologia Sostituzione : interna al canale dispari

24 Richiesta congedo prof.ssa Patrizia Farci (Legge 4 novembre 2005, n. 230, Art 20.)* Collocamento in aspettativa (*senza assegni né contribuzioni previdenziali) dal 22 Gennaio 2007 durata di un anno Motivazione: svolgere attività scientifica nel campo della patogenesi delle malattie del fegato presso i "National Institutes of Health" Bethesda, MD, USA, Approvazione formale del C.I. di Medicina Interna II Proposta sostituzione: prof.ssa E. Lai

25 Tutori Attività interattiva Attività professionalizzante

26 Richieste Tutori didattici DISCIPLINA N° TUTORI NON RETRIBUITI N° TUTORI RETRIBUITI TOTALE TUTORIN° ORE Biochimica Clinica NON RETRIBUITE 100 RETRIBUITE Anatomia Umana e Storia della Medicina NON RETRIBUITE 560 RETRIBUITE Fisiologia Umana11 50 RETRIBUITE Fisica11 58 RETRIBUITE Chimica e propedeutica Biochimica 33 (67x3) 201 RETRIBUITE Biologia e Genetica11 83 RETRIBUITE Farmacologia clinica NON RETRIBUITE 30 RETRIBUITE TOTALI NON RETRIBUITE 1082 RETRIBUITE

27 RICHIESTE TUTORI PROFESSIONALIZZANTI DISCIPLINA N° TUTORI NON RETRIBUITI N° TUTORI RETRIBUITI TOTALE TUTORIN° ORE Gastroenterologia RETRIBUITE Med. Int. II (Del Giacco GS) RETRIBUITE Oncologia Clinica22 60 RETRIBUITE Urologia e Nefrologia RETRIBUITE Microb.Clinica (Serra C) RETRIBUITE Approccio al I soccorso 222 Mal. Cutanee, ven. e mal. Infett RETRIBUITE Neurologia RETRIBUITE Chir. Gen. II-Sem. Chir.(Pisano-Calò)11 50 RETRIBUITE Ginecologia ed Ostetricia RETRIBUITE Mal. del Sist. Endocr.e del Metab.6612 (25x6) = 150 RETRIBUITE Semeiotica medica22 72 RETRIBUITE Neurofisiologia11 36 RETRIBUITE Radiodiagnostica11 Chirurgia Generale II (Nicolosi A) RETRIBUITE Medicina Interna I (Mela)11 Patologia Clinica11 Microbiologia e Microb. Clinica33 75 RETRIBUITE

28 RICHIESTE TUTORI PROFESSIONALIZZANTI DISCIPLINA N° TUTORI NON RETRIBUITI N° TUTORI RETRIBUITI TOTALE TUTORIN° ORE Medicina interna I (Lai) RETRIBUITE Psichiatria22 80 RETRIBUITE TOTALI RETRIBUITE Totale generale

29 Per valutare l’attività del tirocinio medico di base sono stati costruiti due questionari: uno rivolto agli studenti che hanno realizzato l’attività di tirocinio uno rivolto ai medici che hanno ospitato gli studenti nel proprio studio. È stato chiesto agli interessati di esprimere una valutazione che rispecchiasse il proprio punto di vista utilizzando la seguente scala (Insufficiente-Sufficiente-Buona-Ottima) Di seguito vengono riportati i dati elaborati per ciascuna domanda Attività presso i medici di base, A.A. 2006/2007 studenti iscritti al VI anno

30 Medici Studenti * Elaborazione questionari medici di base A.A n. 93 Questionari pervenuti ed elaborati * sono stati contattati tramite e- mail 77 studenti

31 Medici Studenti Elaborazione questionari medici di base

32 MediciStudenti Elaborazione questionari medici di base

33 Medici Studenti Elaborazione questionari medici di base

34 Medici Studenti Elaborazione questionari medici di base

35 Medici Elaborazione questionari medici di base

36 Studenti Elaborazione questionari medici di base

37 3. Regolamentazione accessi studenti di altre Facoltà REGIO DECRETO 4 GIUGNO 1938, n (GU n. 192 del 24/08/1938) APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO SUGLI STUDENTI, I TITOLI ACCADEMICI, GLI ESAMI DI STATO E L'ASSISTENZA SCOLASTICA NELLE UNIVERSITÀ E NEGLI ISTITUTI SUPERIORI. GAZZETTA UFFICIALE N.192 DEL 24 AGOSTO 1938

38 VITTORIO EMANUELE III PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTÀ DELLA NAZIONE RE D'ITALIA IMPERATORE D'ETIOPIA….. ABBIAMO DECRETATO E DECRETIAMO: ART. 6 LO STUDENTE, OLTRE CHE AGLI INSEGNAMENTI FONDAMENTALI E AL NUMERO D'INSEGNAMENTI COMPLEMENTARI OBBLIGATORIO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA O DEL DIPLOMA CUI ASPIRA, PUÒ ISCRIVERSI A QUALSIASI ALTRO INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE DEL PROPRIO CORSO DI LAUREA O DIPLOMA, E, PER CIASCUN ANNO, A NON PIÙ DI DUE INSEGNAMENTI DI ALTRI CORSI DI LAUREA O DIPLOMA, NELLA STESSA UNIVERSITÀ O ISTITUTO SUPERIORE.

39 Modalità di fruizione da parte di esterni alle lezioni del Primo Anno di Medicina e Chirurgia: Proposta 1.I docenti dei Corsi del Primo Anno determinano in anticipo e annualmente il carico supplementare di studenti che ritengono possa ugualmente consentire un ordinato, efficiente proficuo svolgimento delle lezioni e non ostacoli il corretto processo di apprendimento dei discenti 2.l’interessato alla frequenza delle lezioni da esterno deve produrre istanza formale, datata e sottoscritta, agli sportelli della Segreteria Studenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia, entro almeno i 15 giorni antecedenti l’inizio delle lezioni stesse; 3.la Segreteria Studenti di Facoltà ammetterà alla frequenza dei suddetti corsi e per ciascuno di essi il numero max di studenti individuato dai docenti e comunicato ufficialmente a cura del Presidente di Corso di Laurea; 4.criterio di ammissione è dato dalla posizione utile in apposita graduatoria redatta, fra coloro che hanno prodotto l’istanza di cui al punto 1), sulla base del punteggio ottenuto nella prova di accesso al Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, soccorrendo in caso di parità gli stessi criteri individuati annualmente dal Decreto Ministeriale indicante le modalità di accesso ai Corsi di Laurea a numero programmato nazionale;

40 5.Il richiedente può fare richiesta di iscrizione a non più di due insegnamenti e deve essere iscritto ad un Corso di Laurea dell’Università degli Studi di Cagliari; 6.NON SI POSSONO FREQUENTARE E SOSTENERE PIU’ DI DUE ESAMI DA ESTERNO PER ANNO ACCADEMICO; 7.Analogamente allo studente iscritto al Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, lo studente iscritto ad altri Corsi, deve sostenere gli esami per gli insegnamenti ai quali sia stato ammesso: - All’interno delle sessioni d’esame stabilite dal Calendario Accademico - Deve aver ottenuto le relative attestazioni di frequenza; - Deve rispettare le propedeuticità stabilite dai Regolamenti didattici e delibere di Corso, secondo precise indicazioni riportate nel modulo stesso di richiesta iscrizione ai corsi da esterno 8. La Segreteria Studenti della Facoltà di Medicina, ove individuasse verbalizzazioni non conformi alle disposizioni precedenti, non considererà riconoscibili i relativi esami ai fini del conseguimento della Laurea in Medicina e Chirurgia o di altre Lauree della Facoltà stessa.

41 CORSI LIBERI A.A STUDENTI AMMESSI: 34 STUDENTI ESCLUSI (causa domanda fuori tempo): 9

42 ELENCHI AMMESSI CORSI LIBERI


Scaricare ppt "Consiglio del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia (Classe 46S) 19 febbraio 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google