La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIAGNOSTIC AND THERAPEUTIC BURNING QUESTIONS ON LYMPHOPROLIFERATIVE DISEASES Rieti 27-29 ottobre 2006 Ruolo ed esperienza dello studente tutor nella didattica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIAGNOSTIC AND THERAPEUTIC BURNING QUESTIONS ON LYMPHOPROLIFERATIVE DISEASES Rieti 27-29 ottobre 2006 Ruolo ed esperienza dello studente tutor nella didattica."— Transcript della presentazione:

1 DIAGNOSTIC AND THERAPEUTIC BURNING QUESTIONS ON LYMPHOPROLIFERATIVE DISEASES Rieti ottobre 2006 Ruolo ed esperienza dello studente tutor nella didattica universitaria R. Emili R. Emili

2 ATTIVITÀ DELLO STUDENTE TUTORE: ATTIVITÀ DELLO STUDENTE TUTORE: Supporto e orientamento da parte di studenti capaci e meritevoli nei confronti degli altri studenti del medesimo corso di laurea, con il fine di cooperare allattività tutoriale dei docenti (Legge 170/2003, Decreto del Miur 498/2003) Supporto e orientamento da parte di studenti capaci e meritevoli nei confronti degli altri studenti del medesimo corso di laurea, con il fine di cooperare allattività tutoriale dei docenti (Legge 170/2003, Decreto del Miur 498/2003)

3 OBIETTIVI Favorire linserimento delle matricole fornendo indicazioni, chiarimenti e suggerimenti sulle varie attività didattiche e sui metodi di studio per migliorare il loro inserimento nellambiente universitario; Favorire linserimento delle matricole fornendo indicazioni, chiarimenti e suggerimenti sulle varie attività didattiche e sui metodi di studio per migliorare il loro inserimento nellambiente universitario; Fornire orientamento a tutti gli studenti sui vari aspetti dellattività didattica e formativa; Fornire orientamento a tutti gli studenti sui vari aspetti dellattività didattica e formativa; Consulenza ed elaborazione di un piano di progressione degli esami di profitto per gli studenti in difficoltà, interagendo con i docenti responsabili dei corsi; Consulenza ed elaborazione di un piano di progressione degli esami di profitto per gli studenti in difficoltà, interagendo con i docenti responsabili dei corsi;

4 Metodologia di studio per la preparazione degli esami e per il recupero dei debiti formativi; Metodologia di studio per la preparazione degli esami e per il recupero dei debiti formativi; Riferimento per il corretto uso dei servizi messi a disposizione dal Corso di Laurea (iscrizione esami on-line, registrazione frequenze a lezione); Riferimento per il corretto uso dei servizi messi a disposizione dal Corso di Laurea (iscrizione esami on-line, registrazione frequenze a lezione); Orientare gli studenti nel disbrigo dei principali atti amministrativi e di segreteria; Orientare gli studenti nel disbrigo dei principali atti amministrativi e di segreteria; OBIETTIVI OBIETTIVI

5 Favorire il buon andamento delle attività didattico-integrative, propedeutiche e di recupero degli studenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia. Favorire il buon andamento delle attività didattico-integrative, propedeutiche e di recupero degli studenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia. OBIETTIVI

6 REQUISITI Studenti regolarmente iscritti dal 3° al 6° anno del corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Studenti regolarmente iscritti dal 3° al 6° anno del corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Essere in pari con gli esami indicati dal vigente ordinamento didattico al momento della presentazione della domanda Essere in pari con gli esami indicati dal vigente ordinamento didattico al momento della presentazione della domanda

7 CRITERI DI SCELTA DEGLI STUDENTI TUTORI Media aritmetica delle votazioni degli esami di profitto dello studente; Media aritmetica delle votazioni degli esami di profitto dello studente; Pregresse esperienze di volontariato e/o attività socialmente utili; Pregresse esperienze di volontariato e/o attività socialmente utili; Non risultare assegnatorio o idoneo ai sensi del bando delle 150 ore (art. 13 della legge n. 390 del 1991). Non risultare assegnatorio o idoneo ai sensi del bando delle 150 ore (art. 13 della legge n. 390 del 1991).

8 SVOLGIMENTO ATTIVITÀ DI TUTORATO Contratto di collaborazione coordinata e continuativa di 82 ore; Contratto di collaborazione coordinata e continuativa di 82 ore; Attività nel rispetto delle direttive del Presidente del Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia; Attività nel rispetto delle direttive del Presidente del Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia; Piena autonomia lavorativa senza alcun vincolo di subordinazione, né di orario e senza avvalersi di sostituti. Piena autonomia lavorativa senza alcun vincolo di subordinazione, né di orario e senza avvalersi di sostituti.

9 MODALITÀ OPERATIVE Gli studenti possono contattare lo studente tutore: Direttamente Posta elettronica

10 TERMINE ATTIVITÀ Gli studenti tutori, al termine del contratto, presentano una relazione sullattività svolta al Presidente del Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Gli studenti tutori, al termine del contratto, presentano una relazione sullattività svolta al Presidente del Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia


Scaricare ppt "DIAGNOSTIC AND THERAPEUTIC BURNING QUESTIONS ON LYMPHOPROLIFERATIVE DISEASES Rieti 27-29 ottobre 2006 Ruolo ed esperienza dello studente tutor nella didattica."

Presentazioni simili


Annunci Google