La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bando per il sostegno dei processi di internazionalizzazione delle PMI del Lazio in forma aggregata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bando per il sostegno dei processi di internazionalizzazione delle PMI del Lazio in forma aggregata."— Transcript della presentazione:

1 Bando per il sostegno dei processi di internazionalizzazione delle PMI del Lazio in forma aggregata

2 2 Destinatari a)Le aggregazioni di PMI industriali e artigianali, costituite in A.T.I. di almeno 4 imprese, la cui sede operativa ricade nel territorio regionale, che siano già costituite ed iscritte nella C.C.I.A.A. di competenza al momento della presentazione della domanda ovvero costituende (la formalizzazione dell’ATI dovrà avvenire entro 45 giorni dal ricevimento dell’Atto di impegno); b)I consorzi export ai sensi della Legge 21 febbraio 1989, n.83, purché sia garantita la partecipazione attiva al progetto di almeno 4 imprese associate al consorzio stesso

3 3 A.T.I. (Associazione Temporanea di Impresa) Indica l’associazione tra imprese autonome per la realizzazione di un singolo progetto. La formalizzazione di tale associazione consiste nel conferimento ad un mandatario, attraverso atto pubblico, di un mandato speciale collettivo per la presentazione dell’intervento e per rappresentare le imprese riunite nei rapporti esterni.

4 4 A.T.I. (Associazione Temporanea di Impresa) Costituite o Costituende Possono far parte delle A.T.I. anche:   grandi imprese, ma queste non possono in alcun modo dei contributi finanziari;   le imprese di servizi delle associazioni di categoria territoriali e/o C.C.I.A.A., con il ruolo di mandatari, che abbiano i seguenti requisiti: a. a.Iscrizione alla C.C.I.A.A. di competenza al momento della domanda; b. b.Partecipazione maggioritaria dell’associazione di categoria territoriale e/o C.C.I.A.A. Le imprese devono appartenere allo stesso settore o alla stessa filiera produttiva ovvero essere integrate verticalmente, avere sede principale nella Regione Lazio e partecipare finanziariamente al progetto.

5 5 A.T.I. (Associazione Temporanea di Impresa) Presentazione della domanda La domanda di ammissione all’agevolazione deve essere presentata dal mandatario dell’A.T.I., in nome e per conto di tutte le imprese partecipanti (attive al momento di presentazione della domanda e regolarmente iscritte al registro delle imprese). Domanda di ammissione al bando (all. 1); Scheda tecnica del progetto (all. 2); Dichiarazione delle singole aderenti (all. 3); Le ATI costituite devono allegare copia del mandato speciale con rappresentanza conferito al mandatario (all. 4); Tutte le imprese partecipanti al progetto devono presentare: Iscrizione CCIAA, con data antecedente i 6 mesi alla data di presentazione della domanda per le A.T.I. già costituite; Bilanci approvati degli ultimi due esercizi.; Documento Unico di Regolarità contributiva (DURC):

6 6 Aree di intervento e Settori di attività Aree di intervento e Settori di attività Classificazione ISTAT – ATECO ‘07 Sezione C - Attività manifatturiere, ad eccezione delle limitazioni previste dall’articolo 1 del Regolamento (CE) n.800/2008; Sezione D - Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata con esclusione dei codici (Commercio di energia elettrica) e (Commercio di gas distribuito mediante condotte) Sezione E –limitatamente ai codici 37 (Gestione delle reti fognarie); 38.2 (Trattamento e smaltimento dei rifiuti); 38.3 (Recupero dei materiali) e 39 (Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti); Sezione F – Costruzioni; Sezione J – limitatamente ai codici 58 (Attività editoriali); 59 (Attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi, di registrazioni musicali e sonore), 62 (Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse) e 63 ( Attività dei servizi d’informazione e altri servizi informatici), con esclusione del codice (Attività delle agenzie di stampa); Sezione M – limitatamente ai codici (Pubbliche relazioni e comunicazione); 71 (Attività degli studi di architettura e d’ingegneria, collaudi ed analisi tecniche); 72.1 (Ricerca e sviluppo sperimentale nel campo delle scienze naturali e dell’ingegneria); (Agenzie pubblicitarie); 74.1 ( Attività di design specializzate) e (Altre attività professionali, scientifiche e tecniche n.c.a.); (Concessione dei diritti di sfruttamento di proprietà intellettuale e prodotti simili) Sezione N - limitatamente ai codici 82.3 (Organizzazione di convegni e fiere) e (Attività di imballaggio e confezionamento per conto terzi). Sezione R – limitatamente ai codici (Rappresentazioni artistiche) (attività di supporto alle rappresentazioni artistiche) e (attività di conservazione e restauro di opere d’arte)

7 7 Iniziative e spese ammissibili - 1 a)Organizzazione di iniziative di cooperazione industriale, commerciale e di export per imprese aggregate in mercati esteri ritenuti prioritari per la ricerca di collaborazioni industriali, commerciali e di esportazioni di prodotti e servizi regionali. L’importo del contributo è pari al 50% dei costi ammissibili

8 8 Iniziative e spese ammissibili - 2 b) Prima partecipazione collettiva (di imprese in forma aggregata) ad una determinata manifestazione fieristica e partecipazione a rilevanti eventi commerciali all’estero comprendenti le spese direttamente necessarie per allestire e rendere funzionale lo stand. b1) Progettazione e realizzazione di eventi promozionali volti alla valorizzazione di filiere,distretti e gruppi di imprese. Non sono ammesse le spese di viaggio e soggiorno. L’importo del contributo è pari al 50% dei costi ammissibili

9 9 Iniziative e spese ammissibili - 3 c) Promozione, comunicazione e marketing per la realizzazione temporanea, per un periodo massimo di 12 mesi, all’estero, di showroom, centri espositivi, centri servizi per la commercializzazione di prodotti regionali e per l’esportazione di servizi comprendenti: Non sono ammesse le spese relative all’acquisto o al nolo di uffici, negozi, magazzini e quanto altro sia dedicato ad attività commerciali permanenti. L’importo del contributo è pari al 50% dei costi ammissibili, nel limite di euro

10 10 Iniziative e spese ammissibili - 4 d) Servizi di consulenza legale, finanziaria e commerciale per aggregazioni di imprese, analisi di mercato, studi e ricerche settoriali per il consolidamento della presenza sui mercati internazionali. Sono agevolabili le consulenze connesse alla realizzazione del progetto. Sono ammissibili esclusivamente le consulenze che configurino prestazioni ad alta specializzazione, ovvero prestate da soggetti che abbiano un’esperienza conclamata, nel campo dell’export e dell’internazionalizzazione. L’importo del contributo è pari al 50% dei costi ammissibili

11 11 Iniziative e spese ammissibili - 5 e) Progetti finalizzati all’acquisizione e allo sviluppo, da parte delle risorse professionali interne, delle professionalità idonee a favorire la promozione della qualità dell’export laziale comprendenti: Ai sensi dell’art. 38 e 39 del Reg. (CE) 800/2008 della Commissione (pubblicato sulla GUCE L 214/3 del 09/08/2008), relativo all’applicazione degli artt. 87 e 88 del Trattato CE agli aiuti destinati alla formazione, per questa tipologia di intervento vengono concessi contributi: non superiori al 35% del costo dell’intero progetto per le MI; non superiori al 45% del costo dell’intero progetto per le PI.

12 12 Iniziative e spese ammissibili - 6 f) Attività volte a migliorare, anche ai fini dell’esportazione, la qualità della struttura e del sistema produttivo ed acquisire certificazioni attinenti alla qualità e alla tipicità dei prodotti e ai sistemi ambientali comprendenti: Nel caso in cui l’azione consista in un investimento vengono concessi contributi, limitatamente alle spese ritenute ammissibili, ai sensi dell’art.4 del Reg (CE) 800/2008 della Commissione (pubblicato sulla GUCE L214/3 del 09/08/2008) con le seguenti intensità: 20% ESL per le piccole imprese 10 % ESL per le medie imprese

13 13 Iniziative e spese ammissibili - 7 g) Nel limite del contributo massimo concedibile di cui all’art. 5, potranno essere riconosciute al soggetto mandatario dell’A.T.I. (Impresa, Consorzio export, Società di servizi delle Associazioni di Categoria/C.C.I.A.A.) spese aggiuntive per il coordinamento e la gestione del progetto. Tali spese saranno ammesse nel limite massimo del 10 % del progetto ritenuto ammissibile. In tal caso i contributi potranno essere concessi nella misura del 100% dei costi ammissibili. Ogni singola domanda deve prevedere almeno 2 delle tipologie di intervento (a; b1; b2; c; d; e; f) sopra elencate, integrate in un singolo progetto articolato di internazionalizzazione.

14 14 Contributi erogabili I progetti presentati dovranno avere un budget di spesa minimo di euro Il contributo massimo concedibile è pari alle percentuali massime di aiuto previste per tipologia di spesa per un massimo di euro ,00. Tali spese si intendono sempre al netto di IVA. Il contributo concesso per il progetto non è cumulabile con altre agevolazioni contributive o finanziarie pubbliche.

15 15 Presentazione Domanda La presentazione delle domande prevede la seguente procedura, che si articola in due fasi distinte: La prenotazione telematica sul sito internet L’invio della domanda e della documentazione cartacea all’indirizzo di seguito riportato entro il 28/01/2009: Sviluppo Lazio S.p.A. Via Vincenzo Bellini, ROMA riportando sul plico la dicitura “Bando per il sostegno dei processi di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata”.

16 16 La selezione delle domande si attua attraverso una procedura valutativa a graduatoria a cui provvede un Comitato Tecnico, approvata successivamente dal Nucleo di Valutazione regionale e determinazione del Direttore Regionale Attività Produttive, sulla base dei criteri di cui al presente Bando. Valutazione Domanda

17 17 Erogazione Gli aiuti di cui al presente bando saranno erogati secondo le seguenti modalità:  anticipo, pari al 50% del contributo deliberato, al perfezionamento dell’Atto d’impegno previa presentazione di idonea polizza fideiussoria a copertura dello stesso;  restante 50% a saldo previa verifica della corrispondenza e della congruità della spesa rendicontata, rispetto all’intervento ammesso. I progetti devono concludersi entro 18 mesi decorrenti dalla data di comunicazione dell’Atto di Impegno.

18 18 Erogazione – Tutte le spese oggetto dell’agevolazione devono essere sostenute successivamente alla data di pubblicazione del bando; – I progetti devono concludersi entro 18 mesi decorrenti dalla data di comunicazione dell’Atto di Impegno; – Le richieste di saldo devono essere presentate entro i due mesi successivi la data di completamento del programma; – Nel caso di ATI la richiesta di erogazione deve essere presentata dal mandatario in nome e per conto di tutte le imprese aggregate. E’ obbligo del mandatario trasferire il contributo a ciascuna impresa entro e non oltre 60 giorni dal ricevimento dello stesso; – Nel caso di consorzi export, la richiesta di erogazione del contributo deve essere presentata dal legale rappresentante del consorzio stesso al quale sarà erogata l’agevolazione.

19 19 Erogazione Rendicontazione dei progetti Per la rendicontazione dei progetti occorre presentare: 1.Richiesta di erogazione de Saldo del progetto; 2.Relazione tecnica finale; 3.Certificazione del Presidente del collegio sindacale ove presente o di un revisore contabile, iscritto nell’apposito albo, contenente il prospetto riepilogativo delle spese sostenute, distinto per tipologia di intervento relativamente al progetto approvato; 4.Dichiarazione sostitutiva di atto notorio del Legale Rappresentante relativa al periodo di utilizzo dei propri dipendenti per la collaborazione utilizzata presso il centro espositivo estero; 5.Dichiarazione sostitutiva di atto notorio relativamente all’intervento di formazione per: a.la partecipazione del personale dipendente a stage e scambi formativi presso imprese estere; b.La frequenza a corsi di formazione per l’acquisizione di competenze per lo sviluppo delle attività commerciali nel campo dell’export.

20 20 Scheda Tecnica del Progetto - 1

21 21 Scheda Tecnica del Progetto - 2

22 22 Scheda Tecnica del Progetto - 3

23 23 Contatti Sprint Lazio (Sportello Regionale per l’Internazionalizzazione) presso Sviluppo Lazio S.p.A. Via V. Bellini, Roma Tel Fax Web:www.sprintlazio.it Via V. Bellini, Roma Tel Fax Web: E mail:


Scaricare ppt "Bando per il sostegno dei processi di internazionalizzazione delle PMI del Lazio in forma aggregata."

Presentazioni simili


Annunci Google