La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BASI MOLECOLARI DELL’AZIONE DEL FARMACO BIOTECNOLOGIE FARMACOLOGICHE LEZIONE 8 Ingegneria cellulare CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN BIOTECNOLOGIE DEL.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BASI MOLECOLARI DELL’AZIONE DEL FARMACO BIOTECNOLOGIE FARMACOLOGICHE LEZIONE 8 Ingegneria cellulare CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN BIOTECNOLOGIE DEL."— Transcript della presentazione:

1 BASI MOLECOLARI DELL’AZIONE DEL FARMACO BIOTECNOLOGIE FARMACOLOGICHE LEZIONE 8 Ingegneria cellulare CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN BIOTECNOLOGIE DEL FARMACO Adriana Maggi

2 Ingegneria Cellulare Modificazione del genoma di cellule in coltura mediante mutazioni del genoma stesso o mediante l’inserimento di DNA esogeno

3 Finalità dell’ingegneria cellulare applicate alla farmacologia Identificazione di bersagli di farmaci Screening di farmaci Produzione di proteine terapeutiche Terapia cellulare

4 Ingegneria cellulare considerazioni preliminari 1. Gene/processo di interesse 2. Tipo di cellula da transfettare 3. Scelta del vettore 4. Modalità di transfezione/infezione 5. Applicazioni

5 Ingegneria cellulare: i diversi passaggi 1. Identificazione del gene di interesse 2. Scelta della metodologia adeguata 3. Messa a punto del vettore per la mutagenesi genomica o per la veicolazione nella cellula del gene di interesse 4. Inserimento del vettore nella cellula bersaglio (transfezione o infezione) 5. Identificazione delle cellule ingegnerizzate

6 La scelta del sistema cellulare 1. coltura primaria cellula immortalizzata linea tumorale

7 Scelta del sistema cellulare Efficienza di transfezione 3. Modificazioni post-traduzionali 4. Espressione di fattori di regolazione dell’espressione genica 5. Facilità di analisi immunologica o di purificazione della proteina (espressione di proteine omologhe) 1. Facilità di coltura e stabilità

8 Scelta del vettore per ingegneria cellulare

9 1. La scelta del vettore Determinata dal tipo di sistema che si vuole generare: 1. iperespressione proteica 2. espressione regolata per studio della funzione del gene, per produzione limitata nel tempo 3. studio della regolazione della espressione di un gene

10 Vettori per ingegneria cellulare  sequenze per la replicazione in procariote  Cassetta di espressione  Polylinker  Promotore ( virale, tess. specifico,inducibile, ecc.)  Modificazioni posttrascrizionali ( Siti di: terminazione della trascrizione; poliadenilazione; segnali di splicing )  Marcatori di selezione

11 Vettori di espressione: il vettore pCI-neo Promotore virale Introne chimerico Polylinker Poliadenilazione Promotore T7 pol Promotore T3 pol Origine di replicazione del fago f1 Neo resistenza Promotore virale Poliadenilazione Amp resistenza E.Coli ori

12 Arrivata fino a qui 26 novembre

13 T-antigen e cellule COS. L’uso di cellule COS consente di ottenere alti livelli di espressione di proteine esogene senza l’utilizzo di promotori virali forti. Il gene è clonato in un plasmide che include l’origine di replicazione virale di SV40. Le cellule Cos contengono, nel loro genoma, il gene codificante per il T- antigen, una proteina che riconosce l’origine di replicazione di SV40 e stimola una massiccia replicazione del plasmide.

14 Promotori inducibili: il repressore LacI q

15 Promotori inducibili: il sistema Tet-on/Tet-off Utilizzando il sistema di regolazione trascrizionale dell’operone responsabile della tetraciclina-resistenza di E. Coli è possibile regolare l’espressione di un transgene. Il sistema è composto da un transattivatore chimerico che lega tet-responsive-element TRE espresso in modo costitutivo (promotore virale o tessuto-specifico) Il gene la cui trascrizione deve venire regolata è sotto il controllo di un promotore contenente TRE

16 E’ necessario cotransfettare un plasmide contenente il fattore di regolazione ed un plasmide contenente il transgene sotto il controllo trascrizionale di un promotore responsivo alla tetraciclina. Il sistema Tet-on/Tet-off pCMV tetR VP16 Tet-OFF pCMV rtetR VP16 Tet-ON TRE P min CV Gene of interest Transcription Plasmidi codificanti per l’elemento di regolazione Plasmide contenente il transgene

17 Il sistema Tet-off basato sulla produzione della proteina transattivante tTA è represso in presenza di tetraciclina o dell’analogo doxiciclina

18 Il sistema Tet-On basato sulla produzione della proteina transattivante rtTA è indotto in presenza di tetraciclina o dell’analogo doxiciclina

19 Ricombinazione omologa e gene targeting Es. di gene targeting

20 GENE knock-out; GENE Knock-in Integrazione random Integrazione sito specifica

21 3. Modalità di trasfezione Transfezione transiente o stabile Tecnologia per la transfezione

22 Transfezioni stabili o transienti Transfezioni transienti: il gene esogeno entra nel nucleo e viene trascritto dalla RNA pol II ma non si integra nel genoma della cellula transfettata. Viene perduto dopo pochi cicli replicativi Transfezioni stabili: il gene esogeno viene integrato nel genoma della cellula ed in presenza di una adeguata pressione selettiva viene mantenuto per numerosi passaggi in coltura. La probabilità di integrazione stabile è dell’ordine di 10 -4, sul totale delle cellule transfettate

23 Transfezione stabile Durante le prime 48 ore dopo la transfezione, fino al 50% delle cellule contengono il DNA esogeno. In seguito, a causa della degradazione e della diluizione, le cellule che non hanno integrato tale DNA nel loro genoma lo perdono. Per isolare le cellule transfettate stabilmente occorre applicare una pressione selettiva, utilizzando un apposito marker di selezione.

24 Marcatori di selezione per cellule di mammifero Tk fosforila la timidinaAminopterina (Inibisce sintesi timidina-P) Timidina chinasi (Tk) XGPRT sintetizza GMPAcido micofenolico (Inibisce sintesi GMP) Xantina-guanina fosforibosil transferasi (XGPRT) Inattiva Xyl-A9-  -D-furanosil (Xyl- A) (danneggia DNA) Adenosina deaminasi (ADA) HPH inattiva igromicinaIgromicina B (Inibitore sintesi proteica) Igromicina fosfotransferasi (HPH) Variante resistente DHFRMetotrexate (Inibisce DHFR) Diidrofolato reduttasi (DHFR) APH inattiva G418G418 (Inibitore sintesi proteica) Aminoglicoside fosfotransferasi (APH) MECCANISMO FARMACOENZIMA

25 Transfezione stabile - applicazioni Generazione di linee cellulari con caratteristiche specifiche per la produzione di biofarmaci o lo screening di molecole farmacologicamente attive. Servono markers specifici per poter selezionare le cellule transfettate

26 Transfezione transiente - applicazione Studio della regolazione dell’espressione genica con sistemi reporter Studio dei meccanismi di trasduzione del segnale Identificazione di molecole attive su enzimi o recettori Studi di correlazione struttura attività di mutanti

27 Il problema della espressione del transgene continuata nel tempo fine lezione 7


Scaricare ppt "BASI MOLECOLARI DELL’AZIONE DEL FARMACO BIOTECNOLOGIE FARMACOLOGICHE LEZIONE 8 Ingegneria cellulare CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN BIOTECNOLOGIE DEL."

Presentazioni simili


Annunci Google