La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

17.01.2004Dott.a Livia Morone: Referente del Gruppo Lavoro dell' Ordine Dottori Commercialisti di Torino 1 LE TRE TIPOLOGIE DI LAVORO E LA LORO RELAZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "17.01.2004Dott.a Livia Morone: Referente del Gruppo Lavoro dell' Ordine Dottori Commercialisti di Torino 1 LE TRE TIPOLOGIE DI LAVORO E LA LORO RELAZIONE."— Transcript della presentazione:

1 Dott.a Livia Morone: Referente del Gruppo Lavoro dell' Ordine Dottori Commercialisti di Torino 1 LE TRE TIPOLOGIE DI LAVORO E LA LORO RELAZIONE CON GLI ENTI DI PREVIDENZA, ASSISTENZA E DI VIGILANZA A cura della Dott.a Livia Morone Referente del Gruppo sulle Problematiche del Lavoro Dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Torino

2 Dott.a Livia Morone: Referente del Gruppo Lavoro dell' Ordine Dottori Commercialisti di Torino 2 GLI ORGANI DEL COLLOCAMENTO PER ORA RIGUARDA ESCLUSIVAMENTE I LAVORATORI SUBORDINATI PER ORA RIGUARDA ESCLUSIVAMENTE I LAVORATORI SUBORDINATI QUANDO ENTRERA’ IN VIGORE LA RIFORMA SUL COLLOCAMENTO RIGUARDERA’ ANCHE TUTTI I LAVORATORI PARASUBORDINATI QUANDO ENTRERA’ IN VIGORE LA RIFORMA SUL COLLOCAMENTO RIGUARDERA’ ANCHE TUTTI I LAVORATORI PARASUBORDINATI I LAVORATORI AUTONOMI SONO ESCLUSI DALLA DISCIPLINA SUL COLLOCAMENTO I LAVORATORI AUTONOMI SONO ESCLUSI DALLA DISCIPLINA SUL COLLOCAMENTO La materia delle assunzioni e dell’avviamento al lavoro dei lavoratori disoccupati è disciplinata dalla legge mediante l’istituto del collocamento. In linea generale, il datore di lavoro ha la facoltà di scegliere liberamente il lavoratore da assumere, ma HA L’OBBLIGO di darne comunicazione alle strutture pubbliche preposte. Tale obbligo

3 Dott.a Livia Morone: Referente del Gruppo Lavoro dell' Ordine Dottori Commercialisti di Torino 3 LE GESTIONI SOCIALI La Costituzione, all’art. 38, c. 2, riconosce ai lavoratori il diritto di disporre di mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, o di disoccupazione involontaria. La determinazione dei casi e delle forme di previdenza e di assistenza obbligatorie, la contribuzione e le relative prestazioni sono disciplinate da una legislazione speciale.

4 Dott.a Livia Morone: Referente del Gruppo Lavoro dell' Ordine Dottori Commercialisti di Torino 4 LE GESTIONI PREVIDENZIALI Istituto Nazionale Previdenza Sociale L’I.N.P.S. è il principale Ente Nazionale gestore della previdenza sociale, ma ad esso si affiancano numerosi altri Enti che non verranno trattati in questo corso. L’I.N.P.S. è il principale Ente Nazionale gestore della previdenza sociale, ma ad esso si affiancano numerosi altri Enti che non verranno trattati in questo corso. Sono iscritti all’ I.N.P.S.: tutti coloro che prestano lavoro retribuito alle dipendenze di terzi (LAVORATORI SUBORDINATI E PARASUBORDINATI); tutti coloro che prestano lavoro retribuito alle dipendenze di terzi (LAVORATORI SUBORDINATI E PARASUBORDINATI); alcune categorie di lavoratori autonomi: alcune categorie di lavoratori autonomi: ARTIGIANI - COMMERCIANTI - COLTIVATORI DIRETTI ARTIGIANI - COMMERCIANTI - COLTIVATORI DIRETTI

5 Dott.a Livia Morone: Referente del Gruppo Lavoro dell' Ordine Dottori Commercialisti di Torino 5 LE ASSICURAZIONI SOCIALI ISTITUTO NAZIONALE INFORTUNI SUL LAVORO L’I.N.A.I.L. ha la funzione di garantire una protezione sanitaria ed economica ai lavoratori infortunati o colpiti da malattie professionali, nonché di fornire assistenza economica ai superstiti del lavoratore deceduto. Sono OBBLIGATI all’assicurazione I DATORI DI LAVORO e sono soggetti assicurati: coloro che in modo permanente o avventizio, prestano alle dipendenze e sotto la direzione altrui opera retribuita, qualunque sia la forma di retribuzione coloro che in modo permanente o avventizio, prestano alle dipendenze e sotto la direzione altrui opera retribuita, qualunque sia la forma di retribuzione sono espressamente inclusi tra gli assicurati i lavoratori che, pur in assenza di subordinazione sono considerati meritevoli di tutela: sono espressamente inclusi tra gli assicurati i lavoratori che, pur in assenza di subordinazione sono considerati meritevoli di tutela: ARTIGIANI – PARENTI IMPRENDITORE – SOCI - ASSOCIATI

6 Dott.a Livia Morone: Referente del Gruppo Lavoro dell' Ordine Dottori Commercialisti di Torino 6 VIGILANZA PER LA MAGGIOR PARTE DELLE LORO FUNZIONI, LE ISTITUZIONI PREPOSTE ALLA VIGILANZA SI OCCUPANO DEL LAVORO SUBORDINATO La vigilanza sull’applicazione delle leggi in materia di lavoro è affidata, in via principale, ad uffici facenti capo al Ministero del Lavoro e, in particolare, al DPL (Direzione Provinciale del Lavoro) che ha assunto le competenze e le funzioni prima attribuite all’Ispettorato del Lavoro. Le ASL hanno la competenza in materia di vigilanza sulla prevenzione degli infortuni e sull’Igiene del Lavoro mentre competenze specifiche di vigilanza in materia previdenziale e contributiva sono attribuite agli Enti previdenziali che le esercitano attraverso i propri servizi-

7 Dott.a Livia Morone: Referente del Gruppo Lavoro dell' Ordine Dottori Commercialisti di Torino 7 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO La normativa quadro (D.Lgs. 626/94) introduce un sistema di prevenzione e di sicurezza che si basa sulla collaborazione attiva tra datore di lavoro e lavoratore. IL DATORE DI LAVORO è il principale destinatario degli obblighi IL DATORE DI LAVORO è il principale destinatario degli obblighi di sicurezza di sicurezza destinatari della disciplina sono tutte le perone che prestano il destinatari della disciplina sono tutte le perone che prestano il proprio lavoro alle dipendenze di altri proprio lavoro alle dipendenze di altri

8 Dott.a Livia Morone: Referente del Gruppo Lavoro dell' Ordine Dottori Commercialisti di Torino 8


Scaricare ppt "17.01.2004Dott.a Livia Morone: Referente del Gruppo Lavoro dell' Ordine Dottori Commercialisti di Torino 1 LE TRE TIPOLOGIE DI LAVORO E LA LORO RELAZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google