La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Convegno "Azalea. Un sistema di conoscenza in oncologia a disposizione di pazienti e cittadini" Roma – 16 Giugno 2005 “L’informazione sanitaria di Qualità:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Convegno "Azalea. Un sistema di conoscenza in oncologia a disposizione di pazienti e cittadini" Roma – 16 Giugno 2005 “L’informazione sanitaria di Qualità:"— Transcript della presentazione:

1 Convegno "Azalea. Un sistema di conoscenza in oncologia a disposizione di pazienti e cittadini" Roma – 16 Giugno 2005 “L’informazione sanitaria di Qualità: la collaborazione tra il Progetto Azalea e la LEGA Tumori di Napoli” Dr. Maurizio Montella Vice Presidente della Sezione di Napoli della Lega Italiana per la Lotta contro i tumori.

2

3 Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori

4 Strutture periferiche della LILT. Organismi associativi autonomi, con circoscrizione territoriale coincidente con la provincia, che operano nel quadro delle direttive e sotto il coordinamento della Sede Centrale e dei rispettivi Comitati Regionali. Ente pubblico su base associativa che opera sotto la vigilanza del Ministero della Salute. Emana direttive in campo amministrativo e gestionale, ponendo in essere tutte le attività necessarie per il perseguimento degli scopi e delle attività istituzionali a carattere nazionale. STRUTTURA OPERATIVA Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sede Centrale

5 SCOPI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI ( 1 ) II principale scopo istituzionale della LILT è la PREVENZIONE ONCOLOGICA che viene promossa e attuata a livello nazionale e locale attraverso: iniziative di corretta informazione ed educazione alla salute (anche nelle scuole e nei luoghi di lavoro) sensibilizzazione e coinvolgimento attivo di persone e organismi che operano nel settore sanitario, ambientale e sociale

6 Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori anticipazione diagnostica: tum. mammella e utero tum. colon-retto tum. prostata tum. cute e cavo orale lotta al tabagismo cancerogenesi ambientale e professionale primaria progetti di PREVENZIONE secondaria

7 La cattiva informazione può essere disseminata ampiamente. Oggi chiunque può offrire informazioni mediche. Informazioni controverse possono essere presentate senza equilibrio e senza citazione delle fonti. Anche i media possono contribuire alla diffusione di notizie non attendibili a volte anche strumentalmente I danni potenziali alla salute possono essere considerevoli.

8 L’informazione di qualità: Fonte accreditata citabile Fonte accreditata citabile Evita allarmismi o false speranze Evita allarmismi o false speranze Messaggio chiaro Messaggio chiaro Facilmente comprensibile e verificabile Facilmente comprensibile e verificabile

9

10 Tassi di mortalità standardizzati. M+F. Tutti i tumori Italia Campania Sardegna Molise Sicilia Puglia Basilicata Calabria MORTALITÀ DEI TUMORI NELLE REGIONI DEL SUD ITALIA Fonte:www.mortalita.iss.it. StandardEuropeo

11 Ragusa: M 33%, F 44%; Varese: M 39%, F 53%; Romagna: M 45%, F 58% Sopravvivenza relativa a 5 anni dalla diagnosi (%) (corretta per età e sede di tumore) Registri Tumori Italiani - EUROCARE-3,

12 TAC Fonte: Health for all-Italy

13

14

15 + from16to29may maxi poster (6x3)

16

17

18 LILT Communication Plan 09/01/05 till 31/05/05 includes: 2 press announcements rotating on 15 main newspapers

19

20

21

22

23

24

25 Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt "Convegno "Azalea. Un sistema di conoscenza in oncologia a disposizione di pazienti e cittadini" Roma – 16 Giugno 2005 “L’informazione sanitaria di Qualità:"

Presentazioni simili


Annunci Google