La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Città Metropolitana di Genova Direzione Politiche Formative e del Lavoro Servizio Promozione Occupazione CATALOGO DEI SERVIZI A VOUCHER PER LE DONNE Moduli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Città Metropolitana di Genova Direzione Politiche Formative e del Lavoro Servizio Promozione Occupazione CATALOGO DEI SERVIZI A VOUCHER PER LE DONNE Moduli."— Transcript della presentazione:

1 Città Metropolitana di Genova Direzione Politiche Formative e del Lavoro Servizio Promozione Occupazione CATALOGO DEI SERVIZI A VOUCHER PER LE DONNE Moduli di orientamento al lavoro Moduli di supporto all’inserimento lavorativo Report delle attività svolte dal 26 febbraio 2013 al 26 febbraio 2015

2 PREMESSA Le donne sono una risorsa importante per lo sviluppo del territorio provinciale e della comunità locale, ma presentano difficoltà maggiori degli uomini nell’accesso al mercato del lavoro, anche in considerazione del fatto che la loro vita lavorativa scorre su un binario parallelo a quello familiare che spesso la condiziona in modo determinante. La Provincia di Genova - ora Città Metropolitana – ha sostenuto e promosso da tempo interventi a favore dell’occupazione femminile diversificandoli in base alle indicazioni previste dai nuovi indirizzi delle Direttive comunitarie e regionali, al fine di rispondere in maniera più efficace alle esigenze del territorio e delle cittadine. Nello specifico, per migliorare la qualità di inserimento e la stabilità del lavoro femminile e per ridurre le disparità di genere sono stati attivati interventi specifici rivolti le donne per orientarle nel processo di inserimento/reinserimento lavorativo e specializzarle favorendone l’accesso ai percorsi formativi. Il presente report riguarda nello specifico le attività del catalogo di servizi rivolti alle donne accessibile tramite voucher erogati dai Centri per l’Impiego. Il Catalogo comprende i seguenti servizi: - moduli di orientamento al lavoro, con finalità essenzialmente orientative, di supporto psicologico e di avvicinamento al mondo del lavoro; - moduli di supporto all’inserimento lavorativo, con finalità più specificamente correlate a favorire uno sbocco lavorativo.

3 I MODULI DI ORIENTAMENTO AL LAVORO I moduli di orientamento al lavoro sono rivolti a donne disoccupate/inoccupate in situazione di svantaggio sociale alla ricerca attiva del lavoro. I contenuti dei moduli variano a seconda della categoria specifica di utenza a cui si rivolgono. I moduli sono volti a fornire strumenti pratici per orientarsi nel mercato del lavoro, attraverso informazioni su nuovi contratti, professionalità emergenti, assistenza per la stesura del curriculum vitae, simulazione di colloqui di lavoro, ecc. Le partecipanti, hanno la possibilità di focalizzare meglio le proprie attitudini, trovando risposte positive al loro progetto professionale. Possono essere utilizzati colloqui individuali, incontri di gruppo o altre metodologie che possono accompagnare le partecipanti, sostenendole durante l’attività. L’obiettivo è quello di sviluppare le capacità di lettura delle proprie risorse/limiti, favorire la crescita culturale e personale, anche attraverso l’approfondimento di tematiche quali la cultura del lavoro e quella relativa al tema della conciliazione lavoro-famiglia. La durata standard del modulo di sostegno al lavoro: 22 ore

4 I MODULI DI SUPPORTO L’obiettivo dei moduli di supporto all’inserimento lavorativo è di sviluppare e rafforzare le competenze professionali specifiche del settore lavorativo di riferimento, proseguire lo sviluppo e il rinforzo delle competenze trasversali necessarie nell’ambito lavorativo di riferimento, favorire il raggiungimento della piena autonomia nella gestione delle mansioni richieste in prospettiva dell’inserimento lavorativo. Il percorso può essere fruito singolarmente o successivamente al modulo di orientamento al lavoro. Il modulo di supporto è finalizzato all’attivazione di una Work experience della durata di 3 mesi e di un’azione di placement, che accompagna e segue il percorso della Work Experience per favorire il contatto diretto tra la donna e il mercato del lavoro. l tutor, in qualità di esperto nei processi di mediazione al lavoro di persone in situazione di svantaggio sostiene e supporta il loro processo di integrazione lavorativa, attraverso azioni e percorsi di mediazione finalizzati all’assunzione.

5 I DATI SULLA FRUIZIONE DEI SERVIZI Nel periodo di svolgimento del catalogo di servizi a voucher per le donne compreso dal 27 febbraio 2013 al 26 febbraio 2015, hanno richiesto di partecipare ai servizi (moduli di orientamento e moduli di supporto) 708 donne, di queste 587 per il solo del modulo di orientamento, 121 per il modulo di orientamento seguito poi dal modulo di supporto. Hanno completato il percorso iniziato 535 donne di cui 76 hanno concluso positivamente anche il modulo di supporto all’inserimento lavorativo. L’avvio ai moduli avviene a seguito di un colloquio con l’operatrice di pari opportunità presente in ciascun Centro per l’Impiego della Provincia di Genova. La maggior parte delle partecipanti è iscritta a un CPI di Genova, le partecipanti della zona del Tigullio sono 53.

6 Nelle prossime pagine segue il report delle attività stilato dall’ATS Xelon Sinergetica/CPFP Spinelli che hanno svolto le attività del Catalogo dei servizi rivolti alle donne su incarico della Provincia di Genova.

7 ATS Xelon Sinergetica Srl / C.P.F.P. A. SPINELLI Moduli di Orientamento al Lavoro e di Supporto all’inserimento lavorativo REPORT Catalogo dei servizi rivolti alle donne

8 È quella di favorire l’accesso e la permanenza nel mondo del lavoro, attraverso percorsi di orientamento e avvicinamento al mondo del lavoro, delle utenti disoccupate e inoccupate dei centri per l’impiego, in particolare di quelle che, per dedicarsi alla famiglia, hanno lasciato il lavoro anni fa e che si ritrovano nella necessità di avere una fonte di reddito indipendente da quella del marito, a seguito di separazione o di licenziamento dello stesso. Negli ultimi anni, la situazione di crisi ha portato in aula anche giovani neo – laureate e profili più alti che, a causa dell’età, non riescono in maniera autonoma a rientrare nel circuito lavoro e donne straniere con un buon livello culturale. LA FINALITA’ DEL PROGETTO

9 Dal 2000 lo staff di Xelon ha collaborato con il C.P.F.P. Spinelli nell’ambito di progetti di orientamento per le donne. Fin dall’inizio il modello è stato quello degli incontri di gruppo e, a seguire, dei colloqui individuali. Nei primi anni non era prevista l’attivazione di tirocini/ work-experience che è stata introdotta nel Dal 2010, l’accesso ai moduli di orientamento e a quelli di supporto all’inserimento lavorativo tramite w.e. avviene tramite voucher, esattamente come per i corsi del catalogo professionalizzante. L’ATS è composta da Xelon Sinergetica capofila e C.P.F.P. Spinelli UN PO’ DI STORIA

10 GLI OBIETTIVI Realizzare con ogni partecipante un progetto professionale personalizzato realistico e realizzabile Elaborare strategie di azioni per permettere all’utente di muoversi autonomamente nel raggiungimento dell’obiettivo professionale, supportandola con attività di counseling e coaching Creare l’occasione di contatto tra utenti e imprese attraverso inserimenti guidati che permettono di favorire e potenziare lo sviluppo di conoscenze, di abilità professionali e competenze trasversali, spendibili poi sul mercato del lavoro Permettere all’azienda di conoscere e valutare risorse motivate e disponibili ad essere formate secondo le esigenze aziendali grazie alla modalità privilegiata della work-experience

11 MODULI DI ORIENTAMENTO AL LAVORO (22 ore di aula e 3 ore di colloqui individuali per ogni utente) GLI STRUMENTI DEL PROGETTO MODULI DI SUPPORTO ALL’INSERIMENTO LAVORATIVO (tramite l’attivazione di work-experience)

12 I MODULI DI ORIENTAMENTO IL GRUPPO AULA e’ formato da 12 utenti selezionate dal centro per l’impiego che hanno ricevuto un voucher del valore di 395 euro I CONTENUTI Strumenti per comprendere il mondo del lavoro di oggi. I canali per la ricerca di lavoro. Contrattualistica e diritto del lavoro. Strumenti di self-marketing.

13 I MODULI DI ORIENTAMENTO I COLLOQUI INDIVIDUALI creano un sentimento di speranza inteso come “le cose possono cambiare” sviluppano il senso di autostima e sicurezza in sé favoriscono l’autopercezione e l’autoconsapevolezza fanno maturare la capacità di prendere decisioni portano all’elaborazione del progetto professionale e della strategia di azione

14 I MODULI DI ORIENTAMENTO IN AULA lezioni frontali esercitazioni e simulazioni discussioni di gruppo lavoro a casa proiezione di docu-film e filmati DURANTE I COLLOQUI tecniche e strumenti di counseling tecniche e strumenti di coaching LE METODOLOGIE

15 I MODULI DI ORIENTAMENTO I PUNTI DI FORZA DEL PROGETTO staff docenti, orientatori e tutor con una grande esperienza nell’orientamento di genere contenuti dei moduli personalizzati a seconda del target di utenza le sedi dei corsi dislocate su tutto il territorio della provincia, per rendere i moduli piu’ fruibili alle utenti ampia rete di aziende disponibili a valutare le figure in uscita dai moduli di orientamento

16 MODULI DI SUPPORTO ALL’INSERIMENTO LAVORATIVO 1.Xelon Sinergetica prende in carico l’utente attraverso attività di placement pre-tirocinio volte a definire il settore di attività verso cui far procedere la ricerca azienda per arrivare all’abbinamento migliore azienda/tirocinante 2.L’orientatrice di XELON individua le aziende presso le quali inviare l’utente per colloqui conoscitivi 3.Una volta definito l’abbinamento si procede con la stesura del progetto formativo comprendente gli obiettivi, le finalità e i contenuti della w.e. e si concorda l’attivazione con il C.P.I 4.Durante la w.e., sono previsti incontri di monitoraggio durante i quali l’orientatrice incontra in azienda il tirocinante e il suo tutor aziendale per verificare l’andamento della w.e. e sondare eventuali disponibilità a proseguire la collaborazione post w.e. Una volta stabilito con l’utente che il percorso da intraprendere è quello della work experience, il C.P.I. di competenza consegna un voucher all’ utente (del valore di 700 euro) che consente di dare l’avvio al seguente processo:

17 I DATI STATISTICI ETÀ La classe di età più rappresentata è la fascia over 40 con 257 persone; seguono le over 30 con 135 persone, le over 50 con 104 persone e infine le under 30 con 55 persone. under 30over 30 over 40 over 50 totale 55 (10%)135 (25%) 241 (45%) 104 (19%) 535 (100%) NAZIONALITÀ Le partecipanti italiane sono 492; le nazionalità straniere più rappresentate sono l’ecuadoriana: 10 partecipanti, la rumena e l’albanese: 6 partecipanti, la nigeriana: 4; la marocchina: 3; seguono la spagnola, finlandese e tedesca con 2 partecipanti ciascuna, e infine di nazionalità lituana, cubana, polacca, dominicana, senegalese, francese, svedese, brasiliana con 1 partecipante ciascuna. SCOLARITÀ La maggior parte delle partecipanti, 239 hanno un diploma di scuola superiore, 109 la sola licenza media, 105 un diploma di laurea, 30 nessun titolo di studio.

18 NUMERI DEL PROGETTO A FEBBRAIO 2015 (biennio ) Moduli di Orientamento 535 utenti Utenti attualmente occupati con rapporto di lavoro successivo al termine del servizio fruito 152 Utenti che hanno avuto almeno un rapporto di lavoro dopo il termine del servizio fruito 103

19 ESITI OCCUPAZIONALI DEL PROGETTO (a febbraio 2015) Nella percentuale del “non lavora” sono comprese le utenti che hanno scelto di non lavorare per problemi di salute e di conciliazione lavoro-famiglia, quelle che hanno scelto percorsi formativi e quelle con forti disagi personali (indirizzate ad altri servizi).

20 ad oggi 20 work experience sono ancora in atto, con alta probabilità di trasformazione in rapporto di lavoro. ESITI OCCUPAZIONALI DEL PROGETTO (a febbraio 2015)

21 SETTORI DI OCCUPAZIONE

22 MODULI DI SUPPORTO - WORK EXPERIENCE TOTALE WORK EXPERIENCE 90 Concluse 56 Ancora in atto 20 Interrotte 14 Tempo determinato 15 Tempo indeterminato 4 Collaborazione 7 Il progetto non prevede particolari agevolazioni o bonus occupazionali in caso di assunzione da parte di aziende che ospitano le tirocinanti. L’azienda ospitante ha a suo carico il rimborso spese, la polizza RCT e l’INAIL

23 PROFILI PROFESSIONALI IN WORK EXPERIENCE Assistenza alla persona: asili nido, dentisti Commessa: supermercato, pasticceria, abbigliamento Impiegata amministrativa: studi professionali, alberghi, biblioteche comunali

24 TESTIMONIANZE Storie di donne che hanno saputo utilizzare al meglio i servizi offerti da “Progetto Donna” e stanno attualmente lavorando NATALIA (38 anni): una giovane donna moldava laureata in biochimica, venuta in Italia per cercare un lavoro e dare un futuro migliore ai suoi bambini, trova però solo lavori saltuari come assistenza alla persona. Nel corso dei colloqui individuali, Natalia e l’orientatrice elaborano un progetto professionale che punta a valorizzare la sua abilitazione alla professione di chimico. Si concorda quindi un Voucher Modulo di inserimento lavorativo ed un tirocinio presso una farmacia di Chiavari, nel laboratorio di preparazioni galeniche. Il tirocinio procede in modo molto soddisfacente, il feed-back del tutor aziendale e dei colleghi è molto positivo. Tutti rilevano il grande impegno e la serietà di Natalia, la sua grande professionalità e capacità tecnica. Al termine dei tre mesi, dopo una proroga di altri tre mesi, è stata assunta. CRISTINA (48 anni): la signora manca dal mondo del lavoro da più di 15 anni, avendo deciso di dedicarsi alla famiglia dopo la nascita della prima figlia. Nel corso dei colloqui individuali, recuperando una sua datata esperienza in un panificio, l’orientatrice le propone una w.e. presso una supermercato di Chiavari, nel banco gastronomia. Il tirocinio procede in modo molto soddisfacente, il feed-back del tutor aziendale e dei colleghi è molto positivo. Tutti apprezzano le sue abilità tecniche al banco, la sua umiltà e serietà nel lavoro. Al termine dei tre mesi, le è stata proposta una proroga di altri tre mesi, finalizzata ad un contratto stagionale per il 2015.

25 TESTIMONIANZE Storie di donne che hanno saputo utilizzare al meglio i servizi offerti dal “Catalogo” e stanno attualmente lavorando EMANUELA (30 anni): una ragazza albanese arrivata in Italia insieme al marito, non ha alle spalle alcuna esperienza lavorativa e nessun titolo di studio. Nel 2014 decide di partecipare al “Progetto Donna” per provare a cambiare vita, essere più indipendente dal marito, conoscere nuove persone e mettere in gioco sè stessa. Non ha competenze da offrire, è molto timida ma determinata ed accetta una work experience nel settore della ristorazione presso un ristorante in centro a Genova. Dopo una proroga le offrono un contratto a tempo determinato. FEDERICA (39 anni): donna con una figlia a carico, ha sempre lavorato con mansioni impiegatizie ma è stata licenziata a causa della crisi economica. Si iscrive al catalogo perché, inviando il suo cv, non riesce neanche ad arrivare al colloquio di lavoro. L’orientatrice le propone una w.e. presso un’azienda molto importante, lei accetta e supera brillantemente un colloquio totalmente in inglese molto complesso. Dopo i tre mesi le propongono una sostituzione maternità e in seguito un contratto a tempo indeterminato. PROVVIDENZA (55 anni): una donna che ha sempre lavorato come contabile e che incontriamo in cassa integrazione in deroga, dopo il fallimento dell’azienda in cui lavorava. Attraverso il catalogo dei corsi professionalizzanti, inizia a frequentare corsi di cucina. Nel 2013 decide di partecipare al “Progetto Donne” e concorda con l’orientatrice di provare ad inserirsi con una work experience nell’ambito della ristorazione. L’utente svolge una w.e. di tre mesi presso un ristorante di Genova. Nella primavera del 2014, viene ricontattata dalle due titolari e le viene offerto un contratto a tempo determinato e successivamente a tempo indeterminato presso un altro ristorante Creuza de Ma, da poco rilevato.

26 TESTIMONIANZE Storie di donne che hanno saputo utilizzare al meglio i servizi offerti da “Progetto Donna” e stanno attualmente lavorando BARBARA (46 anni): una donna che ha sempre lavorato nel panificio di famiglia da cui si allontana a seguito di una lite familiare, ritrovandosi da sola con una figlia a carico e in fase di separazione. Durante i colloqui individuali, l’orientatrice riscontra, oltre un’inadeguata formazione scolastica, anche una dislessia che le impedisce di essere competitiva nei colloqui di lavoro. L’orientatrice le propone quindi, vista la sua esperienza nel panificio, un tirocinio presso una pasticceria che lei accetta molto volentieri. Durante i sei mesi di tirocinio la ragazza trova una vera e propria famiglia da cui riceve sostegno anche dal punto di vista personale. Dopo il tirocinio, Barbara è stata assunta a tempo indeterminato. CRISTINA (50 anni): una donna che lavorava facendo le pulizie saltuariamente, si iscrive al “Progetto Donna” nel 2014 per dare una svolta alla sua vita e provare a cambiare lavoro. Ha un passato di amministrativa contabile ma senza aggiornamenti non risulta competitiva in quel ruolo. L’orientatrice viene colpita dal suo entusiasmo costante e dalla sua parlantina trascinante, così pensa per lei un percorso che la metta a contatto con le persone e le propone un tirocinio presso un call center che gestisce campagne di promozione e vendita sia presso privati che presso aziende. Durante i tre mesi in tirocinio dimostra grande padronanza tecnica e settimana dopo settimana acquisisce sempre più sicurezza e capacità, riuscendo a raggiungere gli obiettivi prefissati. Anche il tutor aziendale riscontra un’innata capacità di Cristina per questo lavoro, unita ad una oltre una grande umiltà e voglia di imparare dalle colleghe sempre più accorgimenti. Dopo i tre mesi di tirocinio le propongono una proroga e poi un contratto di lavoro tutt’ora attivo.

27 I QUESTIONARI DI GRADIMENTO I questionari di gradimento sono somministrati utilizzando una piattaforma informatica che garantisce l’anonimato ai partecipanti che sono invitati a rispondere a una serie di domande volte a verificare il giudizio sui servizi fruiti nell’ambito del catalogo. Nel complesso le partecipanti si dicono soddisfatte dei servizi offerti dai Centri per l’Impiego (il 91%) e dell’accoglienza ricevuta dalla operatrice di pari opportunità (il 98%) presso il Centro per l’Impiego. Gran parte delle partecipanti è venuta a conoscenza dei servizi offerti dal C.P.I. tramite l’operatrice del C.P.I. (il 55%), dal sito internet della provincia (il 15%), da passaparola fra conoscenti (il 14%). Solo il 22% delle partecipanti non aveva mai fruito prima dei servizi dei C.P.I., mentre il 30% aveva già fruito del servizio match e di voucher formativi, il 48% delle partecipanti si era recata al C.P.I. per cercare lavoro dopo averlo perso. Il rapporto diretto con l’operatrice di pari opportunità è stato giudicato positivamente (87%) e il 47% lo ritiene molto utile. In particolare il gradimento dei moduli di orientamento al lavoro appare molto rilevante in quanto il 98% delle partecipanti ha espresso un giudizio complessivamente positivo: la competenza e la capacità didattica dei docenti raggiunge un gradimento del 100%; il 99% delle partecipanti consiglierebbe il servizio a una amica.


Scaricare ppt "Città Metropolitana di Genova Direzione Politiche Formative e del Lavoro Servizio Promozione Occupazione CATALOGO DEI SERVIZI A VOUCHER PER LE DONNE Moduli."

Presentazioni simili


Annunci Google