La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Utenti problematici e collettività Silvana Manservisi Dipartimento di Prevenzione ULSS 20 Verona UNA CITTÀ LIBERA DA RATTI E INSETTI VETTORI DI MALATTIE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Utenti problematici e collettività Silvana Manservisi Dipartimento di Prevenzione ULSS 20 Verona UNA CITTÀ LIBERA DA RATTI E INSETTI VETTORI DI MALATTIE."— Transcript della presentazione:

1 Utenti problematici e collettività Silvana Manservisi Dipartimento di Prevenzione ULSS 20 Verona UNA CITTÀ LIBERA DA RATTI E INSETTI VETTORI DI MALATTIE Verona 18, 25 maggio e 1 giugno 2007 SOCIETA’ ITALIANA DI MEDICINA VETERINARIA PREVENTIVA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione

2 -possono trasportare germi patogeni, uova di vari parassiti. Bench è ci siano poche evidenze di un loro collegamento con episodi di tipo epidemico è stato dimostrato che possono veicolare Salmonella typhimurium, Entamoeba histolytica, peste, colera e virus come quello della poliomielite (CDC housing) - possono determinare la comparsa di reazioni di tipo allergico, per contatto diretto o con i loro residui -producono una secrezione di odore repellente che si può percepire nelle aree infestate e che può deteriorare gli alimenti - anche un uso improprio di insetticidi per il trattamento delle infestazioni da scarafaggi può comportare rischi per la salute umana AZIENDA ULSS 20 VERONA GLI SCARAFAGGI: RISCHI PER LA SALUTE

3 Caratteristiche dei soggetti Caratteristiche della struttura INFESTAZIONE DISINFESTAZIONE RIPRISTINO DI CONDIZIONI IGIENICHE ADEGUATE

4 Segnalazione telefonica al D.P. di presenza di scarafaggi in una unità abitativa del I° piano di una residenza per anziani (24 alloggi) Sopralluogo: riferite ulteriori infestazioni in altri alloggi già effettuato un intervento di disinfestazione da parte di una ditta specializzata (solo nell’unità abitativa segnalata inizialmente) riscontro di condizioni igieniche critiche nell’alloggio adiacente Il caso: Verona, settembre 2006

5

6

7 Accertamenti del Dipartimento di Prevenzione estesi a tutto lo stabile Unità ispezionate Segnalazione di blatte Riscontro di blatte Piano terra tutto no si Piano I° Piano II° 611 Sottotetto6no

8 Azioni integrate Attivazione dell’ente proprietario dell’immobile per l’effettuazione di un intervento di disinfestazione contemporaneo negli alloggi e in tutte le parti condominali interessate (linee guida) Coinvolgimento del Direttore del Distretto Sanitario competente (servizi sociali,…) Necessità di coordinare gli interventi di pulizia, sgombero delle masserizie e disinfestazione

9 COSA FARE PER IL FUTURO Visione globale del problema Visione globale del problema Adozione di strategie integrate (IPM integrated pest managment) Adozione di strategie integrate (IPM integrated pest managment) Igiene dell’ambiente e dell’abitato Igiene dell’ambiente e dell’abitato Educazione/informazione specifica per fasce di popolazione Educazione/informazione specifica per fasce di popolazione Allerta delle strutture sanitarie (eventi sentinella) Allerta delle strutture sanitarie (eventi sentinella) Monitoraggio dei vettori Monitoraggio dei vettori

10 Adozione di strategie integrate (IPM integrated pest managment) Aggravamento ed estensione del fenomeno

11 quartiererattiscarafaggialtro Avesa 1100 Cadidavid 1620 Città antica 5624 Cittadella 1730 Golosine 2232 B.go Milano Montorio 610 Parona 400 Ponte Crencano 1012 Porto S.Pancrazio 630 Quinto 701 Quinzano 1101 B.go Roma S. Lucia 1012 S. Massimo 940 S. Michele 2010 S. Zeno 2721 B.go Trento 1520 Valdonega 1440 B.go Venezia 5052 Veronetta Totale Verona 2005 Segnalazioni di infestazioni per quartieri

12 Adozione di strategie integrate (IPM integrated pest managment) Aggravamento ed estensione del fenomeno Rilevazione dei dati e monitoraggio Protocollo d’intesa Comune/ULSS per la lotta a topi e zanzare ma non per altri parassiti (blatte, zecche, cimici, pulci,..) Igiene e sicurezza dei lavoratori che utilizzano gli insetticidi Infestazioni nei ristoranti / corsi per alimentaristi

13 Ipotesi di azioni integrate per interventi di disinfestazione DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Vigilanza e verifica dell’adeguatezza degli interventi da un punto di vista igienico Inserimento nel protocollo del disagio abitativo Attivazione del comune per i provvedimenti del caso Gestione dei casi di contagio Stesura di protocolli operativi, supervisione delle procedure Intesa con le farmacie relativamente alla vendita dei biocidi …… DISTRETTO SANITARIO Identificazione dei casi sociali e socio/sanitari (in collaborazione con i Servizi sociali del Comune) Attivazione MMG – UOD - Specialisti,…

14 Segnalazioni di situazioni di disagio (abitativo, economico, socio-sanitario) Vicini di casa - Amministratori condominiali - VUU – Forze dell’Ordine Medici di famiglia - Servizi sociali Comune/ULSS - Altre strutture dell’ULSS Cooperative di assistenza domiciliare - Volontari …………. Problematiche di tipo socio-sanitario Problematiche di tipo sociale Servizi Sociali delle Amministrazioni Comunali di riferimento Direttori dei Distretti Socio- sanitari di riferimento Nota DG ULSS 20 n

15 Ipotesi di azioni integrate per interventi di disinfestazione SERVIZI SOCIALI COMUNE Attivazione e coordinamento degli interventi AMIA – AGEC-cooperative (assistenza domiciliare, pulizie, sgombero, disinfestazione) per i casi già in carico Coinvolgimento degli altri uffici del Comune di volta in volta interessati (Ambiente, Edilizia, Stranieri, Tutela animali,…) ALTRI SOGGETTI: AGEC, amministratori condominiali,….

16 Ipotesi di azioni integrate per interventi di disinfestazione SEGNALAZIONE DEI CASI AGLI ALTRI SOGGETTI INTERESSATI INFORMAZIONE DELLA POPOLAZIONE INFORMAZIONE E FORMAZIONE OPERATORI

17

18 LINEE GUIDA PER LA DISINFESTAZIONE DA BLATTE DI UN COMPLESSO RESIDENZIALE CON UN LIVELLO DI INFESTAZIONE ELEVATO 1.Operazioni preliminari 2.Operazioni di disinfestazione 3.Operazioni preventive dopo la bonifica Regolamento Condominiale

19 1. Operazioni preliminari MONITORAGGIO DELL’INFESTANTE tramite trappole di cartone con attrattivo alimentare e colla per la cattura ed individuazione dei percorsi e della consistenza numerica deve interessare tutti i piani e locali dell’edificio: tutti gli appartamenti, i terrazzi, box auto, cantine, vani scale, vani ascensore e gli spazi perimetrali con particolare attenzione alle condotte di entrata dei servizi fognari, elettrici e telefonici elaborazione di una mappa con l’identificazione delle sorgenti e l’indicazione dei focolai più importanti

20 1. Operazioni preliminari PULIZIA E BONIFICA spazzatura accurata di tutte le superfici, raccolta di tutti gli imballi e contenitori vuoti che saranno smaltiti previo trattamento con biocidi specifici ad effetto residuale ispezione di tutto il mobilio e svuotamento del contenuto qualora sia infestato, trattando con un ciclo di lavatrice a caldo il vestiario ed in lavastoviglie o con acqua calda tutte le stoviglie; il mobile infestato dovrà essere trattato con biocidi ad effetto residuale e lavato prima di riutilizzarlo allontanamento di tutte le scorte alimentari sfuse e contaminate dal parassita, previo trattamento c.s.

21 1. Operazioni preliminari ELABORAZIONE DI UN PIANO DI INTERVENTO PARTICOLAREGGIATO cronologia dei trattamenti tipo e concentrazione di biocidi impiegati modalità di applicazione sistemi di protezione individuale misure di sicurezza per evitare l’esposizione di persone- animali ed alimenti alla tossicità dei biocidi

22 2. Operazioni di disinfestazione a)verifica che tutti i locali da trattare siano liberi da persone ed animali, i mobili infestati vuoti ed aperti, gli altri mobili scostati dalle pareti, nessuna presenza di alimenti sfusi b)preparazione del biocida con effetto abbattente alla concentrazione indicata nella scheda tecnica, indossando gli indumenti di protezione individuale previsti c)applicazione del biocidi tramite pompa manuale sui pavimenti e nella parte bassa delle pareti d)chiusura dei locali trattati e riapertura con lavaggio a straccio, non con idropulitrici, delle superfici trattate prima di rientrare ad abitarle

23 2. Operazioni di disinfestazione MONITORAGGIO POST TRATTAMENTO dopo 10/15 gg. dal trattamento posizionamento di trappole a colla ed attrattivo alimentare ripetizione dell’intervento di disinfestazione trattamento preventivo contro la schiusa di nuovi parassiti dalle ooteche, precedentemente deposte, utilizzando i gel biocidi di lunga durata ad attrattivo alimentare elevata infestazioneinfestazione notevolmente ridotta

24 3. Operazioni preventive dopo la bonifica sigillatura dei punti di entrata delle condotte tecniche di gas, acqua, cavi elettrici e telefonici e scarichi fognari (che devono essere provvisti di sifone e funzionanti) stuccatura di eventuali crepe e fessure nei pavimenti, pareti e soffitti pulizia dei pozzetti dei cortili ed interni all’edificio, con asportazione di tutto il materiale organico e lavaggio dei medesimi

25 Regolamento Condominiale vietare lo stoccaggio di alimenti sfusi (patate, mele, ecc.) nelle cantine, nei locali condominiali e nelle singole abitazioni. i conduttori degli appartamenti devono conferire con regolarità i rifiuti, particolarmente quelli alimentari, negli appositi cassonetti stradali ……..

26 Altri infestanti/collettività Cimex lectularius (ostello, albergo) Zecche Pulci ….

27 Grazie per l’attenzione Escher


Scaricare ppt "Utenti problematici e collettività Silvana Manservisi Dipartimento di Prevenzione ULSS 20 Verona UNA CITTÀ LIBERA DA RATTI E INSETTI VETTORI DI MALATTIE."

Presentazioni simili


Annunci Google