La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

C. Bernardini09/11/20041 Il trattamento del RGE nel lattante La maggior parte dei lattanti sono rigurgitanti felici di materiale non acido, che causa non.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "C. Bernardini09/11/20041 Il trattamento del RGE nel lattante La maggior parte dei lattanti sono rigurgitanti felici di materiale non acido, che causa non."— Transcript della presentazione:

1 C. Bernardini09/11/20041 Il trattamento del RGE nel lattante La maggior parte dei lattanti sono rigurgitanti felici di materiale non acido, che causa non più che problemi di lavanderia.

2 C. Bernardini09/11/20042 La FDA non ha approvato nessuna terapia farmacologica per il RGE ad eccezione della famotidina. Tutti gli altri H2 antagonisti, gli inibitori della pompa protonica ed i procinetici sono prescritti in USA a discrezione del medico e senza supporto della FDA. Nessun inibitore della pompa protonica è stato usato per più di circa anni in età pediatrica e la sicurezza sugli effetti a lungo termine ancora non è stata provata.

3 C. Bernardini09/11/20043 In caso di malattia da RGE gli inibitori della pompa protonica sono un presidio terapeutico.

4 C. Bernardini09/11/20044 Cisapride – Janssen Pharmaceutica in commercio dal 2 aprile E’ un procinetico che può interferire con l’attività elettro-fisiologica del tessuto miocardico (allungamento del QTc) provocando aritmie che in alcuni casi possono essere gravi e fatali.

5 C. Bernardini09/11/20045 Modifica foglietto illustrativo tra Febbraio 1995 e Giugno Riviste le indicazioni d’uso il 27 dicembre Cisapride – Janssen Pharmaceutica La Janssen ritira la cisapride in USA dal 14 luglio 2000, la FDA ne consente comunque l’uso per la sperimentazione. Il 28 luglio 2000 la MCA (Agenzia Controllo Medicamenti) ne sospende l’uso nel Regno Unito. Stessa decisione in Germania.

6 C. Bernardini09/11/20046 La CUF decreta la sospensione dell’impiego il 29 settembre Il Procuratore della Repubblica di Torino Guariniello dovrà stabilire se in Italia dal 1990 ad oggi è stata effettuata adeguata attività di Farmacovigilanza sull’uso e sulle possibili reazioni avverse. Nuove disposizioni terapeutiche e modalità di prescrizione il 7 ottobre dicembre 2000: prescrizione da parte di centri autorizzati indicazione di malattia da RGE nel lattante.

7 C. Bernardini09/11/20047 Probabilmente si tratta di effetti sovrastimati. Sono a rischio i cardiopatici, coloro che assumono macrolidi, antimicotici azolici e antiretrovirali, i prematuri e chi è in sovradosaggio. Il problema non è tanto quello degli effetti collaterali, quanto quello della reale efficacia e delle indicazioni, ancora incerte, in corso di RGE.

8 8 B.Bourke and B.Drumm Archives of Disease in Childhood 2002;86:71-72 Cochrane’s epitaph for cisapride in childhood gastro-oesophageal reflux

9 C. Bernardini09/11/20049 Formule Antireflusso Probabilmente è una falsa soluzione, per un falso problema: se non c’è RGE è inutile dare una formula speciale se c’è RGE, potrebbe essere dannosa provocando rallentamento del clearing esofageo del refluito e ritardando un approccio terapeutico efficace.

10 C. Bernardini09/11/ Formule antirigurgito Nome commercialeCasa produttriceAddensante Enfamil PregelMead-Johnson Amido di riso Formulat PregelDicofarmAmilopectina Humana ARHumanaSemi di carruba Mellin ARMellinSemi di carruba Milumil ARMilupaSemi di carruba Nutrilon ARNutriciaSemi di carruba Primigiorni ARPlasmonSemi di carruba Vivena ARDieterbaSemi di carruba Novalac FSChiesiAmido di mais Novalac ARChiesiAmido di mais Nidina ComfortNestléAmido di mais Miltina IpoMilteAmido di mais

11 11 Correzione del RGE per via laparoscopica Correzione del RGE per via endoscopica

12 C. Bernardini09/11/ La scintigrafia con tecnezio nella valutazione del RGE. Potrebbe essere più utile della pH-metria nei lattanti con storia di ALTE o problemi respiratori, cioè in quei pazienti in cui la pH-metria non riesce a cogliere mai un evento significativo.

13 C. Bernardini09/11/ La positività varia molto tra i vari centri. E’ più facilmente positiva con un radiologo che ci crede. E’ un esame costoso, difficilmente accessibile e di durata troppo breve. Mostra ciò che sta succedendo, ma anche ciò che è successo nelle ore precedenti.

14 C. Bernardini09/11/ Il gold standard diagnostico potrebbe essere l’impedenza intraluminale combinata con la pH-metria. Coprirebbe le 24 ore e fornirebbe indicazioni sui reflussi acidi e non acidi. Permetterebbe quindi una rappresentazione più fisiologica del profilo del RGE nelle 24 ore.

15 15 “La vita è breve, l’arte lunga, l’esperienza ingannevole, il giudizio difficile” Ippocrate (460 a.C.-370 a.C.)


Scaricare ppt "C. Bernardini09/11/20041 Il trattamento del RGE nel lattante La maggior parte dei lattanti sono rigurgitanti felici di materiale non acido, che causa non."

Presentazioni simili


Annunci Google