La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Indagine sui fabbisogni formativi e professionali delle multiutilities italiane: Settori Energia Elettrica Gas e Servizio Idrico a cura di Serena Rugiero.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Indagine sui fabbisogni formativi e professionali delle multiutilities italiane: Settori Energia Elettrica Gas e Servizio Idrico a cura di Serena Rugiero."— Transcript della presentazione:

1 Indagine sui fabbisogni formativi e professionali delle multiutilities italiane: Settori Energia Elettrica Gas e Servizio Idrico a cura di Serena Rugiero Associazione Bruno Trentin

2 LA RICERCA Gli obiettivi generali e lo strumento d’indagine Energia elettrica e Gas e del Servizio Idrico. Rilevare i fabbisogni formativi delle multiutilities italiane al fine di fornire suggerimenti e indicazioni per la progettazione e la costruzione di programmi di formazione nei settori: Energia elettrica e Gas e del Servizio Idrico. questionario semi-standardizzato Somministrazione ad un campione di piccole, medie e grandi imprese operanti nei settori in esame di un questionario semi-standardizzato.

3 LA RICERCA Le aree problematiche RAPPRESENTANTE AZIENDALE  Anagrafica dell’azienda: settore e fasi in cui opera l’azienda.  Organico aziendale: caratteristiche del personale e previsioni future sull’aumento degli addetti.  Processi di cambiamento e scenari evolutivi del settore: i trend nello scenario di settore, le problematiche principali e le professioni coinvolte nei processi di trasformazione.  Sviluppo delle competenze e dei profili professionali: aree di competenza richieste, figure professionali ‘innovative’, esigenze di aggiornamento/qualificazione e di riconversione professionale.  Formazione: gli interventi ed investimenti formativi dell’azienda per lo sviluppo del personale e la crescita aziendale. LAVORATORE O RAPPRESENTANTE SINDACALE  Informazioni anagrafiche dell’intervistato.  Caratteristiche del lavoro svolto.  Aree di competenza da potenziare nello svolgimento del proprio lavoro.  Figure professionali coinvolte nei processi di cambiamento in azienda.  Azioni formative sulle quali investire.

4 Il campione energia elettrica e gas e del servizio idrico Lavoratori o rappresentanti sindacali (24): 70,8% Impiegati amministrativi e 29,2% Operativi (operai e quadri)

5 Fasi della filiera

6 Il fatturato e gli addetti LIVELLO OCCUPAZIONE NELL ’ AZIENDA NEGLI ULTIMI DUE ANNI (%) STABILE51,9 AUMENTO14,8 DIMINUZIONE33,3 Totale100 Nei prossimi due anni è prevista una maggiore stabilità nei livelli di occupazione (70,4%) rispetto agli ultimi due anni (51,9%). PREVISIONE FATTURATO (%) CRESCITA19,2 STABILITÀ69,2 DIMINUZIONE11,5 Totale100 Anche l’analisi per settore di attività delle aziende conferma la polarizzazione delle aziende sulla dimensione della stabilità (settore idrico 56,3%, gas 70% e elettrico 75%). Considerando la previsione di sostanziale stabilità per i prossimi due anni nei livelli di occupazione e nei livelli di fatturato, unita a l’assenza interventi di esternalizzazione di aree di attività (81,9%) e al fatto che il 92.6% delle aziende ha dichiarato di non riscontrare difficoltà nel reperimento di personale qualificato, questi dati di carattere generale, uniti alla necessità di effettuare interventi di aggiornamento/riqualificazione di figure professionali presenti in azienda (66,7%), spingerebbe a ritenere l’orientamento dei fabbisogni formativi più che altro verso le figure interne già presenti in azienda.

7 Schema di analisi dei fabbisogni formativi Problematiche principali del settore Esigenze di aggiornamento Gap di competenze Definizione fabbisogni formativi: conclusioni

8 Le principali problematiche del settore

9 Aree aziendali in cui è difficile reperire personale qualificato SETTORE IDRICOSETTORE GASSETTORE ELETTRICO ADDETTI RECUPERO CREDITOADDETTI ALLA MANUTENZIONEADDETTI RECUPERO CREDITO AREA COMMERCIALECEO DISEGNATOREIMPIEGATIINFORMATICI: ADDETTI APPLICATIVI/ SISTEMISTI IMPIEGATIINFORMATICI: ADDETTI APPLICATIVI/ SISTEMISTIMARKETING RESPONSABILE AMMINISTRATIVO OPERAIPROGETTISTIDIRIGENZA TECNICA PROGETTISTITECNICO GASOPERATIVI RESPONSABILI APICALIADDETTI SETTORE COMMERCIALERESPONSABILE AREA TLC TECNICI DI PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORIDIRIGENZA TECNICARESPONSABILI DI REPARTO E/O SERVIZI ADDETTI SETTORE FINANZAOPERATIVIADDETTI FRONT OFFICE E BACK OFFICE DIRIGENZA TECNICAREGOLAZIONEAMMINISTRATIVI IMPIEGATO AMMINISTRATIVORESPONSABILI DI REPARTO E/O SERVIZIAREA UTENZA/RAPPORTO CON IL PUBBLICO PERSONALE TECNICOSETTORE COMMERCIALE REGOLAZIONETECNICI RISORSE AMMINISTRATIVEADDETTI FRONT OFFICE E BACK OFFICE SETTORE COMMERCIALEADDETTO SETTORE AMMINISTRATIVO TECNICIAMMINISTRATIVI AREA UTENZA/RAPPORTO CON IL PUBBLICO IMPIEGATO TECNICOTARIFFE PERSONALE AMMINISTRATIVO RISORSE AMMINISTRATIVE TARIFFE TECNICI GESTIONE IMPIANTI DEPURAZIONE Area commerciale Costruzione e manutenzione reti Normativa Comunicazione e marketing Produzione Gestione organizzativa Ricerca IL 66,7% DELLE AZIENDE RITIENE CHE CI SONO FIGURE PROFESSIONALI CHE NECESSITANO DI INTERVENTI DI AGGIORNAMENTE/RIQUALIFICAZIONE

10 Figure professionali in trasformazione e aree di competenza da sviluppare Figure professionali coinvolte nei processi di cambiamento in azienda Area commerciale Rapporto con l’utenza Attività di marketing Figure tecniche Addetti all’amministrazione Sviluppo atteso delle capacit à Area del servizio clienti, marketing e comunicazione Area del controllo di gestione, della gestione finanziaria e del trading Area della gestione della produzione Area della distribuzione e fatturazione Competenza trasversali quali la conoscenza delle lingue straniere e l’utilizzo ICT

11 Il giudizio sulle competenze su cui investire: le aree di competenza che sono considerate più importanti per l’attività delle aziende indagate l’individuazione del grado di importanza attribuito all’articolazione di ciascuna delle aree il differenziale tra l’importanza attribuita alle aree e alla loro articolazione e la padronanza che gli interlocutori aziendali ritengono di avere rispetto alle medesime aree. La valutazione del DIFFERENZIALE TRA IL GIUDIZIO DI STRATEGICITÀ DELLA COMPETENZA E LA SUA PADRONANZA ci ha consentito di trarre indicazioni più precise sui compiti da attribuire alla formazione intenzionale e contribuisce in maniera rilevante alla definizione del bisogno formativo. Le articolazioni delle tre aree di competenza che hanno raccolto la percentuale di giudizio di importanza pi ù elevato Area di competenzaArticolazione% di scelta x settore idricogaselettrico Tecnico - strumentaliGestione qualit à del servizio91,7100 OrganizzativeOrganizzare il lavoro92, RelazionaliSaper ascoltare91,79087,5

12 Il fabbisogno di Competenze Competenze che presentano maggiore GAP secondo le AZIENDE: Tecnico strumentaliOrganizzativeRelazionali Qualità del servizio Commerciale marketing Giuridiche Lavorare in gruppo Organizzare il lavoro Saper ascoltare Dirigere il lavoro Si individuano tre reti di relazione: 1)interna all’organizzazione (forma di organizzazione del lavoro e rapporto con i colleghi) 2)con le istituzioni (opera di mediazione) 3)con l’utenza (gestione diretta rapporto con i clienti, gestione della comunicazione)

13 Il fabbisogno di Competenze Competenze da potenziare secondo il LAVORATORE: Tecnico strumentali Organizzativerelazionali Qualità del servizio Informatica Commerciale marketing Lavorare in gruppo Organizzare il lavoro Buon rapporto con i colleghi Dirigere il lavoro Gestire in modo efficace la comunicazione

14 I contenuti formativi per gli interventi di aggiornamento/riqualificazione Contenuti formativi per gli interventi di aggiornamento/riqualificazione Aggiornamento normativo Marketing Gestione efficace della comunicazione Aggiornamento informatico Gestione di reti e impianti Qualità dei servizi Tariffazione Pianificazione finanziaria Competenze di organizzazione del lavoro Su questi temi le aziende prevedono anche di investire in termini di formazione nel prossimo triennio. Per il 92,6% delle imprese il proprio personale dipendente ha fruito di interventi di formazione professionale negli ultimi tre anni. Le imprese hanno prestato maggiore attenzione alla formazione di dirigenti (17,6%), impiegati e tecnici (26,4%), quadri (21%) e meno alla componente operaia che pur rappresenta il 47% del totale dell’occupazione delle aziende intervistate. L’opinione dei lavoratori su quali dovrebbero essere i contenuti della formazione converge su molte tematiche sulle quali è già stata fatta formazione in azienda: da interpretare come richiesta di allargamento dell’utenza ed esigenza di approfondimento delle tematiche trattate. 0

15 Problematiche individuate Aree aziendali potenzialmente interessate Aree di competenzaCompetenze Instabilit à normativa del settore - Direzione strategica - Marketing Tecnico – strumentali- Giuridiche - Commerciali e marketing Relazionali- Rapporto con le istituzioni - Saper ascoltare Necessit à di investimenti in reti, infrastrutture o impianti - Direzione strategica - Gestionale amm. finanziaria - Marketing - Progettazione e produzione Tecnico – strumentali- Finanza - Amministrativo – contabile - Ingegneristiche Organizzative- Individuare e risolvere problemi tecnici - Organizzare il lavoro Relazionali- Rapporto con le istituzioni Mancanza di strategie pubbliche di sviluppo industriale -Direzione strategicaTecnico – strumentali- Giuridiche - Finanziarie Organizzative RelazionaliRapporto con le istituzioni Diagnosi dei bisogni di formazione: relazione tra problematiche, aree aziendali, aree di competenza e competenze 1/2

16 Problematiche individuate Aree aziendali potenzialmente interessate Aree di competenzaCompetenze Modelli organizzativi inadeguati alle strategie del mercato - Direzione strategica - Gestionale amm. finanziaria - Marketing - Progettazione e produzione Tecnico – strumentaliGestione qualit à del servizio Organizzative- Individuare e risolvere problemi gestionali - Organizzare il lavoro Relazionali- Saper dirigere il lavoro - Saper gestire la comunicazione - Dialogo con i responsabili - Saper trattare con i clienti Concorrenza internazionale - Direzione strategica - Marketing - Gestionale amministrativa finanziaria - Progettazione e produzione Tecnico – strumentali- Giuridiche - Gestione qualit à del servizio - Marketing - Amministrative e contabili - Finanza Organizzative- Individuare e risolvere problemi tecnici - Individuare e risolvere problemi gestionali - Organizzare il lavoro - Saper dirigere il lavoro Relazionali- Saper trattare con i clienti - Saper gestire la comunicazione - Saper ascoltare Diagnosi dei bisogni di formazione - segue

17 Tematiche formative settore ACQUA – GAS - ENERGIA AZIENDELAVORATORI Aggiornamento normativo Commercializzazione del servizio Gestione della qualità del servizio Gestione del rapporto con l’utenza Gestione amministrativa e contabile Marketing dei servizi Formazione sulle nuove tecnologie Organizzazione del lavoro Aggiornamento normativo Qualità dei servizi Commerciale e relazione con i clienti utenti Salute e sicurezza Informatica, uso nuovi strumenti e tecnologie

18 Ipotesi di progettazione della formazione AREA PRODUZIONE E GESTIONE IMPIANTIAREA AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA ’ Tecniche e tecnologie di produzione (x settore) Tecniche e tecnologie per la gestione amministrativa e contabile (x settore) Tecniche e tecnologie di controllo del processo (x settore)La commercializzazione del servizio (x settore) AREA DELLA GESTIONE DELLA QUALIT À AREA COMUNICAZIONE La gestione della qualit à del servizio erogato (x settore) La comunicazione e l ’ ascolto (trasversale) La gestione del rapporto con l'utenza (trasversale) AREA ORGANIZZAZIONEAREA MARKETING Modelli organizzativi (x settore)Il marketing dei servizi (trasversale) Principi di organizzazione del lavoro (trasversale)

19 Grazie per l’attenzione!


Scaricare ppt "Indagine sui fabbisogni formativi e professionali delle multiutilities italiane: Settori Energia Elettrica Gas e Servizio Idrico a cura di Serena Rugiero."

Presentazioni simili


Annunci Google