La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’ACR a servizio dell’Iniziazione Cristiana Per Iniziazione Cristiana cosa si intende: Il processo globale attraverso il quale si diventa CRISTIANI ;

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’ACR a servizio dell’Iniziazione Cristiana Per Iniziazione Cristiana cosa si intende: Il processo globale attraverso il quale si diventa CRISTIANI ;"— Transcript della presentazione:

1

2 L’ACR a servizio dell’Iniziazione Cristiana Per Iniziazione Cristiana cosa si intende: Il processo globale attraverso il quale si diventa CRISTIANI ; Un cammino diffuso nel tempo scandito dall’ascolto della PAROLA, dalla C ELEBRAZIONE e dalla TESTIMONIANZA ; Una scelta di fede sostenuta e iniziata dal SACRAMENTO in un cammino di C HIESA

3 La guida ACR si divide in 2 parti: La 1°parte spiega la proposta che si inserisce organicamente nel Progetto Formativo( “Perché sia formato Cristo in voi”) sviluppando gli obiettivi formativi di tutta l’AC con scelte e metodo adatta ai ragazzi. La 2°parte contiene perciò i suggerimenti specifici per “incarnare”la prima, che vanno attuati secondo le diverse mediazioni richieste da ciascuna realtà, con l’attenzione visiva al gruppo e alla singola persona, alla quale ogni educatore, che vuole definirsi tale, non può sottrarsi.

4 La 1° parte comprende: “Perché” => ovvero ciò di cui non possiamo fare a meno “Come”=> ovvero ciò di cui non vogliamo fare a meno “Cammino ” => … dove capisco la proposta

5 Diamo un’occhiata alla 2° parte che si divide in 4 FASI temporali legate all’ANNO LITURGICO: 1° FASE => dalla fine di settembre alla festa del battesimo di Gesù (Mese del CIAO) 2°FASE => da gennaio a Pasqua (Mese della Pace) 3°FASE => tempo di Pasqua e Pentecoste (Mese degli Incontri) 4°FASE => Estate (Tempo Estate Eccezionale)

6 -Mese del CIAO -Mese della Pace -Mese degli incontri -Tempo Estate Eccezionale sono le 4 tappe dell’Iniziativa Annuale … Essi sono tempi forti della vita associativa e aiutano a tradurre nella vita del ragazzo, anno per anno, gli obiettivi indicati.

7 Ogni fase comprende un unico itinerario a 3 dimensioni Catechistica (parte verde della guida) Liturgica ( parte arancio della guida) Caritativo/ Missionaria (parte rosa della guida)

8 Dimensione catechistica (catechesi) Comprende: ANALISI CONFRONTO (tra i ragazzi/ con i testimoni/ con i documenti della fede) CELEBRAZIONE

9 Dimensione caritativo/ missionaria (Iniziativa Annuale) Comprende: STUDIO ANIMAZIONE SERVIZIO (per saperne di più consultate la 1°parte della guida dove spiega “la scelta della completezza”)

10 Il cammino per i Per la guida dei si desidera mantenere come punto di partenza e di arrivo la vita concreta dei ragazzi. Per far questo la proposta, dove occorre, si differenzia in PISTA A e PISTA B a seconda del volume del catechismo a cui si fa riferimento e del cammino di fede dei ragazzi, cioè prima o dopo aver celebrato una tappa sacramentale (CRESIMA).

11 In ogni fase temporale sono presenti le 3 dimensioni SULLE TRACCE DEI RAGAZZI... (Analisi- Confronto- Domande di vita)... IN ASCOLTO DELLA PAROLA... (Confronto- Celebrazione- Liturgia- Catechismo)... PER DIVENTARE ESPERIENZA E IMPEGNO (Celebrazione- Impegno di carità)

12 Il cammino presenta dei MODULI, ogni singolo MODULO ha in sé tutte e 3 le DIMENSIONI e costituisce uno sviluppo concreto della proposta esperienziale. Per approfondire il cammino dei consultate le pagine della guida 12-14

13 Le settimane associative Sono esperienze da condividere tra tutte le associazioni per dare segnali di vita associativa concreti e visibili. Le settimane di intento formativo e spirituale sono: -La settimana dello Spirito, da collocarsi all’inizio dell’anno associativo (prime settimane di ottobre); -La settimana della Carità, per dare maggiore impegno nella solidarietà ai più poveri, da collocarsi in Avvento; -Mese della Pace, che già fa parte della tradizione, collocato in gennaio; -La settimana Sociale, dedicata alla riflessione culturale, da collocarsi a febbraio; -La settimana della comunità, per riscoprire il dono dell’essere credenti, da vivere nel tempo pasquale

14 Presentazione del Mese del Ciao

15 Aprendo la 2°parte della guida, nella prima fase mi ritrovo: 1.IDEA DI FONDO 2.OBIETTIVI 3.ATTENZIONI PEDAGOGICHE (non presente nei 12/14) 4.UNITA’ CATECHISTICHE DI RIFERIMENTO Troviamo nella sola guida dei 9/11 per ogni fase un atteggiamento da maturare (es.”stupore” nella 1°fase)

16 Proseguendo troviamo la dimensione Liturgica che per la 1° fase comprende: Tempo ordinario/ Tempo di Avvento/ Tempo di Natale Attività: -Dimensione Caritativo - Missionaria: in questa fase ci sarà un “paragrafetto” dedicato agli “Spunti per la Festa del CIAO”; la 1°parte della Storia dell’IA. -Dimensione Catechistica

17 Mese del CIAO I ragazzi sviluppano assieme al gruppo la curiosità, che diventa attrazione verso ciò che li circonda e prendono consapevolezza, a volte in un apparente grigiore, che ogni cosa e ogni persona è originale e speciale. Diamo uno sguardo agli obiettivi di questa prima fase per ogni fascia d’età...

18 Padre buono promesse ricchezza infinita OBIETTIVI dei 6/8 Il bambino: -impara a rivolgersi a Dio come ad un Padre buono; -scopre la fedeltà di Dio Padre alle sue promesse, che ancora oggi si rinnova; -accoglie la propria storia e quella degli altri come ricchezza infinita;

19 testimonistoria nuova naturale curiosità Obiettivi dei 9/11 Il ragazzo: -scopre la bellezza dell’incontro con Gesù attraverso i testimoni che nella storia della salvezza hanno annunciato il Messia con la vita; -riconosce in Gesù il Signore dell’universo che rende nuova la storia degli uomini; -orienta la sua naturale curiosità alla scoperta dell’originale e del bello che è in tutte le cose ;

20 motivare nella sua libertà ciò che lo definisce come cristiano dare “spessore” alla sua vita spirituale vale la pena affrontare questa avventura Obiettivi dei 12/14 Il ragazzo non si accontenta delle risposte approssimative o pre-confezionate, ma cerca di motivare nella sua libertà ciò che lo definisce come cristiano; scopre il gusto di dare “spessore” alla sua vita spirituale perché essa sia segno di crescita; mostra con la sua vita e le sue scelte che solo con Gesù può dare “il meglio” e che vale la pena affrontare questa avventura;

21 carità catechesi Le premesse in neretto che troviamo all’inizio di ogni attività (nella carità così come nella catechesi) sono gli obiettivi da raggiungere attraverso l’attività. => se l’educatore si rende conto che l’attività proposta dalla guida non si può adattare al proprio gruppo, può cambiarla, tenendo sempre presente l’obiettivo da raggiungere.

22 Calendario (tipo) delle attività 14/10 ACCOGLIENZA 21/10 STORIA 28/10 STUDIO 5/11 ANIMAZIONE 11/11 SERVIZIO 18/11 ANALISI 25/11 CONFRONTO tra i ragazzi 2/12 CONFRONTO con i testimoni 9/12 CONFRONTO con i documenti della fede 16/12 CELEBRAZIONE

23 1/11- Festa di tutti i Santi 25/12- Natale 2/11- Commemorazione dei fedeli defunti 1/01- Maria Madre di Dio (Giornata della Pace) 26/11- Cristo Re 6/01- Epifania 3/12- Inizio dell’Avvento 7/01- Battesimo di Gesù 8/12- Immacolata Concezione LMMGVSD LMMGVSD LMMGVSD LMMGVSD

24 Fine


Scaricare ppt "L’ACR a servizio dell’Iniziazione Cristiana Per Iniziazione Cristiana cosa si intende: Il processo globale attraverso il quale si diventa CRISTIANI ;"

Presentazioni simili


Annunci Google