La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituzioni di linguistica a.a.2010/2011 Federica Da Milano

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituzioni di linguistica a.a.2010/2011 Federica Da Milano"— Transcript della presentazione:

1 Istituzioni di linguistica a.a.2010/2011 Federica Da Milano

2 La scrittura The men who invented and perfected writing were great linguists and it was they who created linguistics Antoine Meillet

3 Oralità/scrittura SpeechWriting Continuousdiscrete Bound to utterance timetimeless Contextual autonomous Evanescentpermanent Audiblevisible Produced by voiceproduced by hand (Coulmas 2003)

4 Scrittura e linguistica Our conception of language is deeply influenced by a long tradition of analyzing only written language, and that modern linguistic theory, including psycholinguistics and sociolinguistics, approaches the structure and mechanism of spoken language with a conceptual apparatus, which – upon closer scrutiny – turns out to be more apt for written language in surprisingly many fundamental aspects (Linell 1982: 1). Definizione di ‘parola’

5 Breve (brevissima!) storia della scrittura I 'contrassegni' ( a.C.): la contabilità. I contrassegni servivano ad annotare il numero dei beni comprati o venduti “un particolare piacevolmente ironico della storia del nostro sviluppo intellettuale è che il nostro mondo letterario potrebbe aver avuto inizio come involucro di un contenuto numerico” (Wolf)

6 Breve (brevissima!) storia della scrittura Per la prima volta la quantità era conoscibile senza che gli oggetti fossero materialmente presenti Rappresentazione simbolica a.C.: sistema cuneiforme e sistema geroglifico

7 Breve (brevissima!) storia della scrittura

8 Pur essendo più esaurienti dei contrassegni, i primi caratteri cuneiformi richiedevano una capacità di astrazione di poco superiore, essendo generalmente pittografici Ma questo sistema relativamente semplice non durò a lungo: i suoi simboli persero il carattere pittografico diventando più astratti e 'logografici'

9 Breve (brevissima!) storia della scrittura Un sistema di scrittura logografico esprime anch'esso i concetti della lingua parlata in modo diretto, senza rinviare ai suoni delle parole corrispondenti. Col tempo però molti caratteri sumerici cominciarono a rappresentare alcune sillabe della lingua parlata Quando un sistema di scrittura ha la doppia funzione di rinviare sia ai concetti sia ai suoni sillabici è detto logosillabico

10 Breve (brevissima!) storia della scrittura I geroglifici sistema misto comprendente sia logogrammi per un nucleo di significati linguistici, sia segni speciali per i suoni consonantici (i fonogrammi)

11 Breve (brevissima!) storia della scrittura Il sistema alfabetico: sistema atto a esprimere, con un piccolo numero di segni, l'intero repertorio di suoni di una lingua

12 I sistemi di scrittura attuali Le scritture logografiche Inizialmente le figure sono l’illustrazione fedele dei contenuti dell’atto linguistico; successivamente, esse tendono a diventare sempre più stilizzate

13 I sistemi di scrittura attuali

14

15 Le scritture fonetiche -Scritture sillabiche -Scritture alfabetiche Scritture sillabiche Ogni segno corrisponde a una sillaba

16 I sistemi di scrittura attuali

17

18 Scritture alfabetiche La storia del sistema cuneiforme è interessante perché rivela, nei suoi passaggi e nei suoi adattamenti da lingua a lingua, una netta tendenza a trasformarsi da grafia logografica a grafia sillabica, e poi da grafia sillabica a grafia alfabetica

19 I sistemi di scrittura attuali Le scritture alfabetiche nacquero in ambiente semitico; la particolare struttura delle lingue semitiche (radici triconsonantiche) permetteva un buon livello di leggibilità anche senza vocali I Greci adattarono l’alfabeto fenicio alle loro necessità  introduzione delle vocali

20 I sistemi di scrittura attuali

21 I Greci esportarono l’alfabeto presso altre culture con cui intrattennero rapporti; in particolare, da un adattamento etrusco di un alfabeto greco occidentale nasce (VIII sec. a. C.) l’alfabeto latino

22 I sistemi di scrittura attuali L’alfabeto cirillico L’alfabeto cirillico rappresenta un adattamento dell’alfabeto greco

23 I sistemi di scrittura attuali

24 I sistemi fonetico e ideografico nelle parole di Fosco Maraini ‘Colui che scrive per segni fonetici ha dinanzi a sé un cammino lungo e tortuoso. Prima di tutto la nozione originaria va incarnata nei suoni d’una data lingua; e nasce una parola od una frase. Ci trasferiamo così dall’esperienza diretta della vita ad un primo piano di simboli, quelli sonori; per un breve istante sostiamo nei territori dell’udito […]. Dopo di che occorre procedere ad un’analisi ulteriore; i suoni vengono scritti e trascritti nello spazio per mezzo di segni convenzionali. Ci allontaniamo di un altro passo dalla realtà originaria’ (segue)

25 I sistemi fonetico e ideografico nelle parole di Fosco Maraini ‘Ormai giochiamo con simboli di secondo grado, questa volta non più sonori ma visivi; al lavorìo dell’orecchio è subentrato l’esercizio dell’occhio; siamo alla massima distanza dall’esperienza originaria. A questo punto la fase di trasmissione può dirsi conclusa. In quella di ricezione, rifacendo i medesimi passi all’indietro, torniamo verso la vita. […] chi legge analizza i segni grafici, li sintetizza in una serie di suoni, infine la memoria riconosce e la mente interpreta. Dalla cosa, via simboli e simboli di simboli, siamo tornati felicemente alla cosa!’ (segue)

26 I sistemi fonetico e ideografico nelle parole di Fosco Maraini ‘Nella scrittura ideografica, invece, la nozione viene trasmessa dal segno in maniera folgorante, saltando tutta la deviazione dell’analisi e della sintesi fonetica. Con l’ideogramma si piomba per mezzo della vista nel cuore stesso del significato; e la vista, come rivelano i più recenti studi di psicologia, non è forse la porta principe nel contatto col mondo esterno? L’occhio addestrato inghiotte, con l’ideogramma, un grumo esplosivo di valori o di significati. […] Una medesima frase, scritta in ideogrammi, appare infatti come un panorama a fuoco, ricco di colori e di rilievo, scritta in un qualsiasi alfabeto sembra slavata, incerta ed ambigua’

27 Sistema fonetico e sistema grafico I grafemi A seconda del criterio su cui si basa il sistema grafico, i grafemi possono corrispondere a morfemi, a sillabe, a singoli fonemi N.B. Non confondere simbolo grafico e contenuto fonico del segno

28 Sistema fonetico e sistema grafico Per quanto l’italiano sia tra le lingue in cui il sistema grafico rappresenta in modo più fedele il sistema fonologico, non mancano incoerenze Es. e Cane ['kane] cena ['t∫ena] gara ['gara] giro ['d ʒ iro]

29 Sistema fonetico e sistema grafico ['kilo] ['giro] [ ʃ ] it., fr. (charme), ing. (shadow), ted. (Schalter), pol. (szata), ung. (sajt), tur. (şurubu)

30 Sistema fonetico e sistema grafico George Bernard Shaw: la parola fish si potrebbe scrivere ghoti 'f' come enough 'i' come women 'sh' come notion

31 Scrittura e identità etnico- culturale L'utilizzazione di un sistema grafico è percepito spesso come un mezzo efficace per fare risaltare un'appartenenza culturale o religiosa Il caso delle lingue slave: serbo: caratteri cirillici croato: caratteri latini Il caso del turco: da caratteri arabi a caratteri latini

32 Per approfondire... Bocchi, G./Ceruti, M. (a cura di) (2002), Le origini della scrittura, Milano, Mondadori Cardona, G.R. (1981), Antropologia della scrittura, Torino, Loescher Dehaene, S. (2009), I neuroni della lettura, Milano, Cortina Valeri, V. (2001), La scrittura. Storia e modelli, Roma, Carocci


Scaricare ppt "Istituzioni di linguistica a.a.2010/2011 Federica Da Milano"

Presentazioni simili


Annunci Google