La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fratture Dorsali e Lombari. Fratture del rachide Frequenza: 64 per 100.000 abitanti Rachide lombare : 46 % con disturbi neurologici : 7 % (mortalità 4.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fratture Dorsali e Lombari. Fratture del rachide Frequenza: 64 per 100.000 abitanti Rachide lombare : 46 % con disturbi neurologici : 7 % (mortalità 4."— Transcript della presentazione:

1 Fratture Dorsali e Lombari

2 Fratture del rachide Frequenza: 64 per abitanti Rachide lombare : 46 % con disturbi neurologici : 7 % (mortalità 4 %)

3 C1-C2 : 8 % C3 - C7 : 13 % D1 - D10 : 7 % D10 - L2 : 55 % L3 - L5 : 17 % Localizzazione delle fratture del rachide

4 Circonstanze Caduta da un luogo elevato Incidente stradale Incidente sul lavoro

5 Più frequenti sono le fratture con affossamento (stabili) Instabilità in caso di : –Rottura dei legamenti posteriori –Fratture delle apofisi spinose –Fratture di una faccetta –Frattura di un peduncolo –Frattura comminuta del corpo

6 La prognosi dipende da disturbi statici e neurologici associati

7 Radiografie semplici RMN da richiedere in caso di discordanze radio-cliniche Lesioni delle parti molli Ematoma peridurale Contusione del midollo Compressione discale Lesioni disco-legamentose Mielografia e TAC se la RMN non é disponible Immagini

8 Lesioni da COMPRESSIONE (tipo A di Magerl) Lesioni anteriori isolate Affossamento cuneiforme (A1) Separazione (A2) Scoppio (A3) ± lesioni associate Fratture delle lamine Sublussazione delle articolari Aumento spazio inter-peduncolare Analisi radiologica

9 Lesioni da COMPRESSIONE (tipo A di Magerl) Lesioni anteriori isolate

10 Lesione da DISTRAZIONE POSTERIORE (tipo B di Magerl) Lesioni legamentose : (B1) aumento dello spazio inter-spinoso sublussazione delle articolari Lesioni ossee : (B2) # orizzontale delle lame e dell’istmo aumento muro vertebrale post. Analisi radiologica Spondilolistesi pura traumatica

11 Analisi radiologica Lesione da DISTRAZIONE POSTERIORE (tipo B di Magerl) Lesioni legamentose : (B1) aumento dello spazio inter-spinoso sublussazione delle articolari Lesioni ossee : (B2) # orizzontale delle lame e dell’istmo aumento muro vertebrale post.

12 Esempi di lussazione, dove il meccanismo principale é stato una distrazione

13 Lesione da DISTRAZIONE POSTERIORE (tipo B di Magerl) Lesioni legamentose : (B1) Instabilità discale anteriore Aumento dello spazio inter-somatico Lesioni ossee :(B2) Lesioni del corpo vertebrale aperte in avanti ± traslazione posteriore Analisi radiologica Tear drop

14 Lesione da ROTAZIONE (tipo C di Magerl) Scivolamento delle spinose Lussazione articolare unilaterale Deformità rotatoria dei corpi vertebrali (asimmetria) Analisi radiologica

15 Lesioni gravi legate ad un trauma violento e complesso dove si uniscono rotazione, compressione e distrazione

16 Trattamento delle fratture da affossamento Affossamento anteriore con muro posteriore integro

17 Quali sono le due possibili eventualità di fronte ad una frattura stabile da affossamento anteriore semplice lombare del 20% ?

18 Riposo a letto, per qualche settimana con analgesici e con cuscino lordosizzante. Ortostatismo progressivo senza contenzione. Rieducazione vertebrale con rinforzo dei muscoli para vertebrali in estensione Corsetto termo-deformabile in lordosi (3 mesi) con ortostatismo progressivo e rieducazione Rinforzo dei muscoli Quali sono le due possibili eventualità di fronte ad una frattura stabile da affosssamento anteriore semplice lombare del 20% ?

19 Trattamento delle fratture lombari con affossamento maggiore di 20° Riduzione in lordosi su tavolo o su quadrato speciale poi confezione di un corsetto gessato

20 Metodica di BÖHLER

21

22 Confezione di un corsetto gessato

23 Confezione di un corsetto gessato con 3 punti di appoggio : sternale, pubico e lombare

24 Guarigione abituale delle fratture da affossamento Protezione con corsetto per 3-4 mesi Rieducazione muscolare con corsetto e dopo la rimozionne Consolidazione costante con residuo affossamento Lombalgie Esempio di affossamento residuo ben tollerato

25 Trattamento per le fratture dorso-lombari

26

27 Aspetti degli esiti Cambra laterale Cambra ant. Affossamento semplice L2 D 9 D 8

28 Una frattura affossamento anteriore del 30 % del corpo di L3 in un soggetto giovane, senza disturbi neurologici, come con dovrà essere trattata ? A Stabilizzazione chirurgica B Riduzione ortopedica di Boehler C Semplice immobilizzazione a letto D Corsetto senza riduzione D Nessuna risposta é esatta

29 Una frattura affossamento anteriore del 30 % del corpo di L3 in un soggetto giovane, senza disturbi neurologici, come con dovrà essere trattata ? A Stabilizzazione chirurgica B Riduzione ortopedica di Boehler C Semplice immobilizzazione a letto D Corsetto senza riduzione D Nessuna risposta é esatta

30 Deformazione del canale rachideo = rischi evolutivi neurologici con lussazione monolaterale articolare con restringimento del canale e compressione midollare con deformazione del muro post. > 50%

31 Trattamento delle fratture comminute Modificazione del calbro del canale midollare con dei frammenti ossei provenienti sia dal corpo sia dall’arco post.

32 Fratture comminute senza deformià del muro post. Consolidazione senza cifosi Consolidazione con perdita di altezza e cifosi

33 Esiti frequenti di fratture comminute: cifosi Consolidazione ottenuta con perdita di altezza e cifosi L2 D7

34 Esiti frequenti di fratture comminute: cifosi

35 Esiti di fratture comminute trattate ortopedicamente

36 TAC Esiti frequenti di fratture comminute: cifosi e restringimento del canale

37 In questo esempio c’é il disco espulso indietro che comprime il midollo Compressione con dei frammenti ossei Il trattamento delle fratture comminute con disturbi neurologici é chirurgico

38 Fratture comminute Lussazione Elementi compressivi del canale midollare ben evidenziati con TAC e RMN

39 Fratture comminute Elementi compressivi del canale midollare ben evidenziati con TAC e RMN

40 Disturbi neurologici Motricità L2 : flessione dell’anca L3 : estensione del ginocchio L4 : estensione della caviglia L5 : estensione delle dita S1 : flessione plantare Zona ano-perineale Classificazione ASIA

41 Controllo della vescica Delle fibre automatiche controllano il detrusore e lo sfintere passando da S2 e da S3 La replezione vescicale e la minzione sono trasmessi dal cervello ai centri sacrali Se il midollo é sezionato al di sopra S2 il controllo volontario é perduto ma la funzione vesicale persiste grazie ai centri sacrali

42 Indicato, a volte, con un triplo scopo : Liberare il canale midollare in caso di disturbi neurologici Ridurre le deformazioni della colonna vertebrale Stabilizzare le fratture Trattamento chirurgico

43 1° opzione : Tempo posteriore Riduzione della deformazione Liberazione del canale rachideo con LAMINECTOMIA Stabilizzazione OSTEOSINTESI ± TRAPIANTO OSSEO Trattamento chirurgico

44 2° opzione: Tempo anteriore Riduzione delle deformazioni Liberazione del canale rachideo ant. quando c’é comminuzione importante migliore correzione migliore recupero neurologico ma gesto chirurgico più pericoloso Stabilizzazione OSTEOSINTESI anteriore ± TRAPIANTO OSSEO Trattamento chirurgico Tempo anteriore isolato o dopo tempo posteriore

45 Frattura - lussazione di D7 su D8 con frattura dell’arco post. Compressione midollare visibile con mielografia : Paraplegia

46 Decompressione post. e osteosintesi con 2 placche (Roy Camille) Frattura - lussazione di D7 su D8 con frattura dell’arco post. Compressione midollare visibile con mielografia : Paraplegia

47 Riduzione di una lussazione L5-S1 e osteosinresi con 2 placche + artrodesi intersomatica realizzata con la stessa via

48 Lussazione L4-L5 trattata con osteosintesi con 2 placche post. ma senza artrodesi Recidiva di spostamento dopo scarico poi ablazione del materiale Compressione della cauda equina

49 Barre di Harrington permettono una distrazione e una riduzione dei grandi spostamenti, ma inducono un effetto cifosizzante

50 Placche di Roy-Camille + trapianto osseo anteriore

51 Artrodesi realizzata per una frattura lussazione in « tear drop » di L5 su S1 : Artrodesi intersomatica posteriore

52 Osteosintesi con compressione posteriore per le lesioni in distrazione posteriore

53 Stabilizzatore di Cotrel-Dubousset Diversi sistemi di osteosintesi con avvitamento dei peduncoli

54 Stabilizzatore di Kluger Diversi sistemi di osteosintesi con avvitamento dei peduncoli

55 Stabilizzatore dell’Ospedale Tenon Diversi sistemi di osteosintesi con avvitamento dei peduncoli

56 Correzine dei calli viziosi evolutivi in cifosi con stenosi del canalle midollare Vertebrectomia anteriore e trapianto osseo dopo distrazione

57 Per 100 Fratture lombari trattate Chinesi : 14 Corsetti + chinesi: 8 Riduzione + chinesi: 53 Osteosintesi posteriori : 11 Decompressione ant + trapianto osseo: 11 Indicazioni terapeutiche


Scaricare ppt "Fratture Dorsali e Lombari. Fratture del rachide Frequenza: 64 per 100.000 abitanti Rachide lombare : 46 % con disturbi neurologici : 7 % (mortalità 4."

Presentazioni simili


Annunci Google