La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laboratorio cineturismo Bicocca 3 Ottobre 2010. Buono, pulito e g(i)usto Alla luce della sopravvenuta crisi economica globale la domanda di offerta “estetica”

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laboratorio cineturismo Bicocca 3 Ottobre 2010. Buono, pulito e g(i)usto Alla luce della sopravvenuta crisi economica globale la domanda di offerta “estetica”"— Transcript della presentazione:

1 Laboratorio cineturismo Bicocca 3 Ottobre 2010

2 Buono, pulito e g(i)usto Alla luce della sopravvenuta crisi economica globale la domanda di offerta “estetica” e consumo “vistoso” si ridimensiona in termini di domanda di una nuova “etica”, di una nuova ecologia, sociale, economica e politica, destinata a cambiare le strategie di marketing territoriale, un po’ meno “urbano” e un po’ più “rurale”.

3 Buono, pulito e g(i)usto Nel nuovo assetto economico globale, insomma, la tendenza sembra essere non solo verso una maggiore cooperazione e collaborazione fra i territori, in contrasto con la precedente competizione, ma anche verso la valorizzazione di elementi territoriali di tipo “soft” quali quelli evidenziati da un film Sideways: identità locale, autenticità, sostenibilità, rivalutazione del rapporto con la natura e di quelli che Petrini definisce i “saperi contadini”.

4 Buono, pulito e g(i)usto Di Sideways, lo stesso Petrini (su Lo Specchio, nel Gennaio 2005), loda la capacità, lucida e appassionata, di affrontare un tema come l’enogastronomia, che Petrini definisce “un soggetto difficile per il cinema”, trattato di rado e male dalla settima arte. In Sideways, la sceneggiatura si sofferma spesso e volentieri anche su dettagli più squisitamente “tecnici” relativi al vino.

5 Buono, pulito e g(i)usto Non a caso, nota Petrini, Sideways è ambientato proprio in quello Stato che “più di ogni altro rappresenta il buon vivere in America: la California”, vero e proprio presidio enogastronomico all’interno del panorama americano. Petrini riconduce questo primato californiano alla natura geografica della California stessa, crocevia di culture differenti e luogo climaticamente molto fortunato

6 Buono, pulito e g(i)usto A livello enologico, poi, la California è sempre stata molto presente nel panorama mondiale, fin dai tempi “delle missioni francescane che hanno caratterizzato la colonizzazione di queste terre (e che ancora oggi danno i nomi alle più grandi città)”. Già allora, scrive Petrini, si piantava la vite e si sperimentava, ma il vero punto di svolta, l’inizio della “vera epopea enologica californiana”, va collocata fra fine dell’Ottocento e inizio del Novecento, con l’arrivo, in California, degli emigranti italiani e svizzeri “che hanno saputo rendere florida l’industria del vino”.

7 Buono, pulito e g(i)usto Dopo lo stop forzato imposto dal proibizionismo, l’enologia californiana si è fatta lentamente strada fino a “un vero e proprio rinascimento che s’avvia all’inizio degli anni ottanta e arriva fino ai giorni nostri”.

8 Buono, pulito e g(i)usto Le zone più importanti e consolidate, a livello enologico, sono, da sempre, la Napa Valley e Sonoma County, oggetto di grandi investimenti economici e promozionali. Petrini ricorda come “alla fine degli anni Settanta l’allora governatore Ronald Reagan concesse enormi benefici fiscali a coloro che sviluppavano la produzione di vino”.

9 Buono, pulito e g(i)usto Agli incentivi governativi si affiancarono quelli “privati”, frutto anche di una nuova moda, che vide ricchi imprenditori americani sostenere la nuova economia vinicola, investimento “trendy” all’interno del nuovo “rinascimento” enologico, simboleggiato da Napa e Sonora e incoraggiato dalle iniziative dell’enologo André Tchelistcheff

10 Buono, pulito e g(i)usto Col passare degli anni, e il diffondersi della “moda” enologica, Napa e Sonora sono divenute luoghi turistici di massa, popolate di ristoranti e vinerie per turisti e di scarsa qualità. Anche per questo, forse, Sideways prende in considerazione una zona meno conosciuta ma, anche, meno contaminata, la zona a nord di Santa Barbara che è, al momento, la zona principe nella produzione di pinot nero (la fissazione del protagonista).

11 Buono, pulito e g(i)usto Inoltre, è una zona molto più “di nicchia”, rispetto a Napa e Sonoma. Il successo del film ha, comunque, stravolto la notorietà turistica della zona. Già poco tempo dopo l’uscita del film, Petrini scriveva, infatti, di aver ricevuto comunicazioni in tal senso dal convivium Slow Food di Santa Ynéz, dove i luoghi della pellicola erano già “oggetto di pellegrinaggio e di culto” poco dopo l’uscita del film: “il motel, il ristorante e le cantine visitate dai protagonisti”.

12 Buono, pulito e g(i)usto Piera Detassis: L’inaspettato successo di Sideways ha messo in ombra la supremazia vinicola dell’abusata NapaValley, RENDENDO FAMOSI I LUOGHI IN CUI E’STATO GIRATO: -Santa Ynez Valley -La comunità di artisti di Los Olivos -Il ristorante Hitching Post Diventati meta di veri e propri PELLEGRINAGGI

13 Buono, pulito e g(i)usto Sideways tematizza, pertanto, il rapporto degli americani con il grande vino, nuovo, importante, fenomeno di costume e nuova chance di turismo enogastronomico. Il film racconta la storia di due quarantenni che intraprendono un viaggio di “addio al celibato” lungo la “via del vino” della Contea di Santa Barbara

14 Buono, pulito e g(i)usto La California è così riuscita a proporre una immagine di sé del tutto nuova, lontana dai clichè “balneari” o legati agli stereotipi delle “metropoli violente” (nella fattispecie Los Angeles e San Francisco) che avevano fino a quel momento dominato l’immaginario locale.

15 Buono, pulito e g(i)usto Va ricordato che per decenni nella cultura americana la “bottiglia” è stata quella del WHISKY (o della BIRRA), mentre Sideways sdogana il VINO dalla MARGINALITA’ cui Hollywood l’aveva sempre costretto, presentandolo come merce esotica e aristocratica, vezzo snob delle ELITE EUROPEIZZATE

16 Buono, pulito e g(i)usto Cfr. film di Woody Allen, in cui intellettuali newyorkesi degustano vino rosso in eleganti enoteche di Manhattan. La connotazione “europea” del film è percepita anche da diversi critici che parlano di “RETROGUSTO ENOLOGICO ALL’EUROPEA” E DI “IMPRONTA EUROPEA”

17 Buono, pulito e g(i)usto La Contea di Santa Barbara, nello specifico, si rifà a modelli europei, denominandosi, sul proprio sito web, “American Riviera” TM, evocando, così, un paesaggio quasi “mediterraneo” e propagandandolo, oltre che tramite questa pellicola di successo, anche attraverso iniziative di tipo più tecnicamente “turistico”.

18 Buono, pulito e g(i)usto La Film Commission locale(www. SantaBarbaraCA.com) ha stampato in decine di migliaia di copie, e messo a disposizione su Internet, una cartina geografica con tutte le location del film e ha elaborato un vero e proprio tour ufficiale sulle orme dei protagonisti del film, coinvolgendo i ristoratori e gli operatori turistici presenti nel film.

19 Buono, pulito e g(i)usto Si parla anche di EFFETTO SIDEWAYS sulle vendite di Pinot Nero e Merlot (studio USA 2008) Studio su circa acquisti di bottiglie di vino da 750 cl fra il 1999 e il 2008 per capire l’impatto del film (uscito nel 2005)

20 Buono, pulito e g(i)usto Risultati: Il film sembra avere avuto un leggero impatto negativo sul Merlot Il film ha avuto un impatto visibile sulle vendite di Pinot nero, superiore a quello negativo di Merlot

21 Buono, pulito e g(i)usto Negli ultimi anni c’è stato, comunque, un proliferare di film di ambiente rurale e con una particolare attenzione al tema del vino. Es. Un’ottima annata (Scott, 2006), ambientato fra Londra e la Provenza, rappresentati come due luoghi in contrasto fra loro

22 Buono, pulito e g(i)usto -Londra: città grigia e metallica, simbolo di capitalismo cinico e freddo -Provenza: luoghi dorati e solari che provocano un cambiamento nel protagonista che, da cinico finanziere, si trasforma in gentiluomo di campagna dedito ai piaceri della vita quali l’amore, il cibo, il vino

23 Buono, pulito e g(i)usto Anche questo film si inserisce nel filone delle rivalutazioni enogastronomiche, degli elogi alla lentezza, dello slow food( la bella locandiera di cui si invaghisce il protagonista è un’acerrima nemica di McDonald’s), delle contrapposizioni città/campagna in chiave inferno/paradiso. Un’ottima annata punta molto sullo scenario della Provenza, fotografata in calde tonalità ocra, in contrasto con le luci livide della City

24 Buono, pulito e g(i)usto L’ottica del film è smaccatamente americana nella sua descrizione dell’Europa rurale come di UN MONDO NEL QUALE RIFUGIARSI PER SFUGGIRE ALL’ARTIFICIOSITA’ della SOCIETA’CAPITALISTICA PIU’ FORSENNATA Scrive Dennis SCHWARTZ: It has the look & the feeling of a travel brochure

25 Buono, pulito e g(i)usto Lo stesso dicasi per “Sotto il sole della Toscana”, ambientato fra San Francisco, la campagna senese, Roma e Positano, che riprende molti stereotipi del paesaggio e dello stile di vita “all’italiana”: -paesaggi naturali mozzafiato -”mangiare” come fulcro della vita sociale - that’s amore -arte e cultura come heritage -ozio creativo e felice

26 Buono, pulito e g(i)usto Paesaggi da cartolina descritti così dai critici americani: -All pretty postcard landscape Film of gorgeous landscapes An American woman pursues happiness where it can’t be avoided

27 Buono, pulito e g(i)usto -Your first instinct while watching this movie is TO CALL A TRAVEL AGENT -This movie makes your mouth water or inspire you to book flights to Italy -This movie is so rich in color that you can almost feel the beauty of Italy (come fosse un dipinto)

28 Buono, pulito e g(i)usto Il caso di Sideways conferma l’importazione di questo “modello toscano” in America, che oppone uno stile di vita sano ed edonista agli affanni delle grandi città.

29 Vino e manga

30

31

32

33

34

35

36 Tokyo Sideways


Scaricare ppt "Laboratorio cineturismo Bicocca 3 Ottobre 2010. Buono, pulito e g(i)usto Alla luce della sopravvenuta crisi economica globale la domanda di offerta “estetica”"

Presentazioni simili


Annunci Google