La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte."— Transcript della presentazione:

1 Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte

2 Perché formarsi sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni nella Pubblica Amministrazione alla luce del Codice degli Appalti, della prossima approvazione del Regolamento Attuativo e delle evoluzioni dei mercati di riferimento per la domanda pubblica. Il mercato italiano evidenzia una domanda consistente di professionalità adeguate nell’area del Procurement, con competenze che aiutino sia nell’ammodernamento delle strutture organizzative, che nei sistemi tecnologici di supporto che infine nelle conoscenze giuridiche ed economiche. Il Master anche in questa nuova edizione ha affinato ulteriormente lo sviluppo dei curricula e delle competenze per venire incontro alle crescenti richieste di formazione strategica di carattere Interdisciplinare.

3 L’Università di Roma “Tor Vergata” è stata vincitrice del premio “MEF Consip Master in e-Procurement”, bando di gara competitivo, indetto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e da Consip nel 2004 e riservato agli Atenei italiani, per l’istituzione di un Master universitario in e-procurement. La facoltà di Economia di Tor Vergata è riconosciuta a livello mondiale come Centro di Eccellenza sui temi del Procurement. Ha ospitato nel 2006 la II° International Public Procurement Conference a cui hanno aderito relatori da più di 75 paesi del mondo. Gustavo Piga e Giancarlo Spagnolo, (Presidente Consip e Direttore Ufficio Studi Consip dal 2002 al 2005), docenti presso il Master, sono gli autori del volume “Handbook of Procurement” pubblicato dalla Cambridge University Press (insieme al Professor Nicola Dimitri dell’Università di Siena), citato dal Parlamento Europeo nel workshop organizzato a Bruxelles il 6 marzo Perché formarsi a Tor Vergata?

4 Obiettivi della Formazione I pacchetti formativi sui temi del Procurement nell’indirizzo Pubblica Amministrazione rispondono alle esigenze di: creare professionisti esperti in procurement management, in grado di operare con successo nel settore pubblico a favore dei cittadini; arricchire i profili professionali di esperti in appalti ed approvvigionamenti acquisendo competenze interdisciplinari e non solo giuridico-normative. Il Master si propone di formare profili in grado di dare soluzione ai problemi che nascono in contesti fortemente dinamici sui piani della tecnologia e dei mercati, nei quali creatività e doti di leadership debbono essere coniugati con la capacità di affrontare problemi complessi di natura strategica, gestionale e organizzativa. Una particolare enfasi verrà data all’area etica di deontologia professionale.

5 L’Offerta Formativa Sono presenti 10 Aree Formative nel corso di 12 mesi (ogni area formativa si sviluppa nell’arco di un mese; una settimana frontale e tre on-line). L’impegno formativo comprende: 300 ore in modalità frontale (30 ore al mese erogate nel corso di un’unica settimana con lezioni dal Lunedì al Venerdì); 200 ore in modalità on-line. Sono previsti: seminari di approfondimento; casi di studio, allo scopo di presentare problemi reali e indicare le strategie più idonee alla loro soluzione; attività di laboratorio informatico ed esercitazioni; momenti di discussione comune.

6 Obiettivi e finalità L'obiettivo del modulo è quello di fornire una panoramica complessiva sulle problematiche logistiche e sulle loro ricadute sulle scelte di procurement. Una gestione avanzata del procurement deve infatti prendere in considerazione le interrelazioni tra le scelte di procurement e scelte logistiche (scelta/localizzazione dei fornitori, ampiezza dei lotti, tempistica delle forniture). Struttura, Obiettivi e Finalità  La logistica  La logistica strategica delle scorte  Le scorte e la politica di approvvigionamenti  La programmazione di scorte e produzione  La dinamica delle scorte in catene di fornitura  Logistica sanitaria  L’approccio JIT  Case study  Case study “Trade Lanes e Container”

7 Calendario Lezioni data 11/10/ /10/ /10/ /10/ /10/ Case study “Trade Lanes e Container”Focardi L’approccio JITCerruti Case studyCesarotti Case studyGiorda La programmazione di scorte e produzioneCesarotti La dinamica delle scorte in catene di fornitura Cesarotti La gestione strategica delle scorte Le scorte e la politica di approvvigionamentoCesarotti ora La logisticaCerruti Attività Didattica: 11/10/ /10/2010 LezioniMateriaDocente Cesarotti 13/10/ – 17.00Logistica sanitariaPetrillo/Da Bove 05/11/ – 13.00Esame IX° modulo

8 la logistica – Prof. Cerruti Programma del corso La lezione di apertura del modulo fornisce un inquadramento complessivo sulla logistica, andandone ad evitare le criticità strategiche e organizzative Gli argomenti La definizione di logistica L’evoluzione storica di approccio alla logistica Logistica e scelte strategiche (trade-off costi vs. servizio) Logistica e scelte organizzative (livello di integrazione)

9 La gestione strategica delle scorte - Prof. Cesarotti Programma del corso: La lezione introduce i concetti fondamentali delle scorte e della loro gestione, evidenziandone opportunità e criticità, mediante analisi logistiche, produttive e di servizio. Gli argomenti: Cos’è una scorta: la scorta come disaccoppiamento Lo scopo delle scorte: sicurezza e efficienza Il costo delle scorte Gli obiettivi della gestione delle scorte Scorte e livello di servizio Scorte e lead time: sistemi push vs pull

10 Le scorte e la politica di approvvigionamento - Prof. Cesarotti Programma del corso: La lezione analizza le relazioni tra le scorte e le politiche di approvvigionamento, analizzando alcuni concetti e metodi di base ed il loro impatto sulle politiche di approvvigionamento. Si analizza inoltre il concetto di scorta nei sistemi di servizio. Gli argomenti: Gestione a ripristino vs. fabbisogno La rotazione delle scorte: il metodo ABC Il lotto economico di approvvigionamento La gestione delle scorte a livello o ciclo di riordino Le scorte di sicurezza Le scorte nei sistemi di servizio

11 La programmazione di scorte e produzione - Prof. Cesarotti Programma del corso: La lezione descrive i metodi di programmazione delle scorte integrati con la programmazione della produzione. Gli argomenti: La gestione dei materiali a domanda dipendente e indipendente La previsione della domanda indipendente Pianificazione e programmazione della produzione La programmazione aggregata: MPS La distinta base Il Material Requirement Planning (MRP)

12 La dinamica delle scorte in catene di fornitura - Prof. Cesarotti Programma del corso: La lezione analizza il comportamento dei diversi sistemi di gestione delle scorte in ambienti reali, introducendo analisi dinamiche, individuando comportamenti critici e proponendo adeguate contromisure. Gli argomenti: Analisi comparativa dei sistemi di gestione delle scorte La gestione delle scorte in catene di fornitura Effetti dinamici: bullwhip effect, lumpy demand Visibilità e collaborazione Il Distribution Requirement Planning (DRP) Reti collaborative: il transhipment Il Vendor Managed Inventory (VMI)

13 Logistica sanitaria – Dott. Da Bove Ing. Petrillo Programma del corso Dott. Da Bove) La lezione declina le problematiche logistiche all’interno di un ospedale (nodo logistico primario) ed il suo territorio (AO, ASL, Area Vasta) in relazione alla organizzazione del servizio sanitario. Verranno illustrati i principali modelli gestionali adottabili nell’organizzazione della logistica con particolare riferimento alla logistica dei beni sanitari ed alla logistica relativa al flusso del paziente. Gli argomenti verranno sviluppati attraverso la discussione di alcuni casi eccellenti italiani ed europei. Argomenti La logistica in ambito sanitario La logistica dei beni sanitari La logistica relativa al flusso del paziente La logistica ed i servizi per il territorio Strumenti informatici e macro scelte organizzative Programma del corso Ing. Petrillo La lezione analizza le esperienze in atto dei modelli di gestione di logistica sanitaria confrontando competenze aziendali e policies regionali al fine di fornire un quadro sui modelli logistici più evoluti, che ridisegnando i flussi gestionali e operativi integrano le discipline logistiche di supporto con le esigenze e le professionalità del settore sanitario. Argomenti Obiettivi Definizione di logistica sanitaria Esperienze regionali a confronto Prospettive Conclusioni

14 Case study – Ing. Giorda Programma del corso La lezione verterà sui progetti di ingegnerizzazione di processi di logistica industriale. Come caso di riferimento verrà preso quello che forse è stato il più grosso progetto di logistica Inbound in Italia, realizzato negli stabilimenti di Fiat Auto. Da esso si prenderà spunto per evidenziare luci e ombre nei risultati ottenuti, accennare ad altri progetti analoghi, evidenziare le problematiche relative ai costi del trasporto, fino a comprendere la necessità di avviare processi di miglioramento continuo dei processi logistici industriali. Argomenti L’analisi della catena del valore aggiunto in chiave logistica Approccio sistemico nella progettazione logistica Problematiche relative alla modifica di processi avviati (outsourcing, partnership, contrattualistica, trattative sindacali) Valutazione delle performance di sistemi logistici in evoluzione.

15 L’approccio Just-in-time - Prof. Cerruti Programma del corso La lezione descrive l’approccio JIT a livello di principi/obiettivi (ricollegandolo al “lean thinking”) e a livello di strumenti/applicazione (andando a vedere gli interventi che devono essere fatti, dalla programmazione della produzione al lay-out della fabbrica e alla gestione del personale). In chiusura verranno analizzate le potenzialità e i limiti dell’approccio lean/JIT anche in confronto ad approcci centrati sulla capacità di risposta (agile/Quick Response) Argomenti Gli obiettivi dell’approccio JIT JIT e Lean Thinking Gli strumenti operativi per l’implementazioni del JIT Esperienze di JIT Potenzialità e limiti del JIT

16 Case study “Trade Lanes e Container” – Ing. Focardi Programma del corso La presentazione del case study ci consente di inquadrare alcune criticità tipiche delle supply chain globali, basate su rotte di trasporto intercontinentali. La gestione della sicurezza (intesa come “security”), delle transazioni amministrative e doganali, nonché l’efficienza delle operazioni, se non opportunamente affrontate, possono decretare il fallimento di un’intera supply chain. Vedremo come la tecnologia può aiutare ad affrontare queste tematiche per garantire una “Secure Trade Lane” Argomenti Definizione di Trade Lane Sicurezza, Amministrazione ed Operazioni in una Trade Lane La “visibilità” su una Trade Lane Le transazioni transfrontaliere “paperless” La tracciatura globale attraverso l’ “internet delle cose” – EPCGlobal Il progetto ITAIDE – un’architettura tecnologica d’integrazione logistica

17 Tariffe acquisto Moduli Il costo del modulo si intende per persona che frequenti il solo Modulo Logistico. E’ prevista la possibilità di sconti per discenti che frequentano ulteriori moduli nonché per istituzioni che inviino più discenti. Costo per discente: 750 euro

18 Come saperne di più Informazioni Direttore Prof. Gustavo Piga Segreteria e sede didattica Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Via Columbia 2, Roma; tel / Sig.ra Roberta Marta fax: 06/ Segreteria dei Corsi di Perfezionamento Tel 06/ web site: Come raggiungerci:


Scaricare ppt "Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte."

Presentazioni simili


Annunci Google