La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prepost Esercitazione di Chimica 23 – agosto - 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prepost Esercitazione di Chimica 23 – agosto - 2010."— Transcript della presentazione:

1 prepost Esercitazione di Chimica 23 – agosto

2 1. Indica quale di queste affermazioni relative alle proprietà periodiche è corretta: a) laffinità elettronica aumenta scendendo lungo un gruppo mentre lenergia di prima ionizzazione diminuisce b) laffinità elettronica diminuisce scendendo lungo un gruppo e lenergia di prima ionizzazione diminuisce lungo il periodo c) laffinità elettronica diminuisce scendendo lungo un gruppo mentre il raggio atomico aumenta d) il raggio atomico aumenta lungo un periodo mentre lelettronegatività diminuisce e) lenergia di prima ionizzazione diminuisce lungo un periodo mentre laffinità elettronica aumenta. COSTITUZIONE DELLA MATERIA E STRUTTURA DELLATOMO

3 Il raggio atomico Energia di prima ionizzazione Affinità elettronica Elettronegatività C

4 COSTITUZIONE DELLA MATERIA E STRUTTURA DELLATOMO 2. I e F a. sono elementi di transizione b. si trovano nel settimo gruppo c. sono metalli alcalino-terrosi d. sono gas nobili e. hanno bassa elettronegatività

5 COSTITUZIONE DELLA MATERIA E STRUTTURA DELLATOMO B

6 3. La configurazione elettronica del Fe (Z=26) è: a. 1s 2 2s 2 2p 6 3s 2 3p 6 3d 8 b. 1s 2 2s 2 2p 6 3s 2 3p 6 4s 2 3d 6 c. 1s 2 2s 2 2p 6 3s 2 4d 10 d. 1s 2 2s 2 2p 6 3s 2 3p 6 4s 2 4p 6 e. 1s 2 2s 2 2p 6 3s 2 3p 6 3d 6 4s 2

7 COSTITUZIONE DELLA MATERIA E STRUTTURA DELLATOMO 1 s 2 s p 3 s p d 4 s p d f 5 s p d f 6 s p d f 1s 2 2s 2 2p 6 3s 2 3p 6 4s 2 3d 6 Fe Z=26 B E

8 NOMENCLATURA 4. Indicare la nomenclatura tradizionale dei seguenti composti: CuSO 3 e Fe(OH) 3 a. solfito rameico e idrossido ferrico b. triossosolfato di rame (II) e triidrossido di ferro (III) c. solfito rameico e ossido di ferro d. solfito rameoso e idrossido ferroso e. nessuna delle precedenti

9 NOMENCLATURA Prevede luso di prefissi e suffissi, in base al numero di ossidazione dei vari elementi Nomenclatura tradizionale: Nomenclatura ufficiale (o IUPAC): Si indica il numero di atomi di ogni elemento presenti allinterno del composto, tramite prefissi di origine greca; quando è presente un solo atomo di un elemento non si utilizza alcun prefisso In alcuni casi il numero di ossidazione viene indicato tra parentesi a fianco del nome del composto Alcuni nomi tradizionali, radicati nelluso comune, quali acqua (H 2 O), ammoniaca (NH 3 ) o metano (CH 4 ), sono stati accettati come internazionalmente validi - OSO numero di ossidazione più basso - ICO numero di ossidazione più alto

10 NOMENCLATURA CuSO Cu : +1; +2 S : -2; +2; +4; +6 solfito rameico Fe(OH) Fe : +2; +3 OH: idrossido idrossido ferrico A

11 LEGAMI 5. Indicare quale delle seguenti affermazioni riguardanti la molecola di acido carbonico (H 2 CO 3 ) è vera: a. il C è ibridato sp 3 b. in acqua libera ioni ossidrile c. presenta un legame doppio e due singoli d. è un acido monoprotico e. presenta legami covalenti omopolari

12 LEGAMI O OH C Lacido carbonico è un acido diprotico, ovvero possiede 2 ioni H +, in acqua non libera ioni ossidrile (OH - ). il Carbonio in questa molecola è ibridato sp 2 i legami presenti in questa molecola sono covalenti eteropolari, perché esiste una differenza di elettronegatività tra il carbonio e lossigeno, si crea così un momento dipolare. C

13 LEGAMI-ibridazione E 2p 2s 1s E 2s 2p 1: promozione è richiesta la somministrazione di energia allatomostato eccitato ma questo non basta! sp 3

14 LEGAMI-ibridazione così i legami che si formerebbero non sarebbero equivalenti, perché latomo dovrebbe utilizzare orbitali diversi per forma ed energia E sp 3 1s 2 formazione di 4 orbitali ibridi isoenergetici 2: ibridazione

15 LEGAMI-ibridazione gli orbitali ibridi presentano 2 lobi, diversi per dimensione, quelli piccoli diretti verso il centro del tetraedro

16 LEGAMI-ibridazione 1s 2s 2p 1s 2s 2p 1s 2p z sp 2 Atomo configurazione fondamentale Atomo configurazione eccitata Atomo ibridato sp 2

17 LEGAMI-ibridazione sp 2

18 LEGAMI-ibridazione sp 1s 2s 2p 1s 2s 2p 1s 2p sp atomo configurazione fondamentale atomo configurazione eccitata atomo ibridizzato

19 LEGAMI-ibridazione sp

20 LEGAMI 6. Che tipo di legame si instaura tra più molecole dacqua? a. legame dativo b. legame covalente omopolare c. forze di Van der Waals d. legame idrogeno e. nessuna delle precedenti

21 LEGAMI Il legame covalente si forma tra 2 atomi con differenza di elettronegatività inferiore a 1,7, ed è dato dalla condivisione di una coppia di elettroni -omopolare: differenza elettronegatività tra 0 e 0,4 -eteropolare: differenza elettronegatività tra 0,4 e 1,7 (es. acqua) Il legame ionico si forma tra 2 atomi con differenza di elettronegatività maggiore di 1,7: trasferimento di uno o più elettroni di valenza dallatomo meno elettronegativo a quello più elettronegativo. Nel legame dativo la coppia di elettroni è fornita da un solo atomo. Il legame idrogeno, è un legame molecolare, si instaura tra un atomo molto elettronegativo (F, N, O) e lidrogeno Le forze di Van der Waals sono deboli interazioni intermolecolari che si instaurano tra molecole con momenti dipolari

22 LEGAMI D legame idrogeno forze di Van der Waals O legame covalente omopolare

23 OSSIDORIDUZIONI 7. Osservare la seguente reazione e indicare la risposta corretta: HNO 3 + Cu 2 O Cu(NO 3 ) 2 + NO + H 2 O a. lazoto si ossida b. lazoto prende 3 elettroni c. il rame si riduce d. il rame prende un elettrone e. lossigeno cambia numero di ossidazione

24 OSSIDORIDUZIONI HNO 3 + Cu 2 O Cu(NO 3 ) 2 + NO + H 2 O OPERAOPERA SSIDAZIONE ERDE LETTRONI IDUZIONE CQUISTA a. lazoto si ossida b. lazoto prende 3 elettroni c. il rame si riduce d. il rame prende un elettrone e. lossigeno cambia numero di ossidazione

25 PROPRIETA COLLIGATIVE e. innalzamento della tensione di vapore della soluzione 8. La presenza di un soluto in una soluzione determina: a. innalzamento della temperatura di congelamento b. abbassamento della temperatura di ebollizione c. la temperatura di ebollizione rimane uguale d. innalzamento della temperatura di ebollizione

26 PROPRIETA COLLIGATIVE LINTRODUZIONE DI UN SOLUTO FA AUMENTARE IL NUMERO DI PARTICELLE, E QUINDI aumenta la pressione osmotica aumenta il punto di ebollizione diminuisce il punto gelo diminuisce la tensione di vapore D

27 CONCENTRAZIONE 9. La normalità è definita come: moli soluto volume soluzione a. equivalenti soluto volume soluzione b. moli soluto Kg solvente c. grammi soluto grammi soluzione d. X 100 equivalenti soluto volume solvente e.

28 CONCENTRAZIONE moli soluto volume soluzione MOLARITA equivalenti soluto volume soluzione NORMALITA moli soluto Kg solvente MOLALITA grammi soluto grammi soluzione X 100 PERCENTUALE IN PESO B

29 CONCENTRAZIONE a. da 5 moli di O 2 si formano 10 moli di H 2 O b. da 3 moli di O 2 si formano 90 grammi di H 2 O c. da 2 moli di CH 4 si formano 72 grammi di H 2 O d. da 64 grammi di O 2 si formano 18 grammi di H 2 O e. da 1 mole di CH 4 si formano 3 moli di CO Data la reazione da bilanciare: CH 4 + O 2 CO 2 + H 2 O si può affermare che:

30 CONCENTRAZIONE data la reazione bilanciata: le quantità dei reagenti devono essere uguali a quelle dei prodotti, le moli stanno tra loro come i coefficienti stechiometrici Es: moli CH 4 : moli H 2 O = 1 : 2 CH O 2 CO H 2 O Quindi date 2 moli di CH 4 ne otteniamo 4 di H 2 O moli = grammi PM grammi = moli X PM = 4 moli X 18 = 72 g C

31 CONCENTRAZIONE 11. Calcolare il peso molecolare di solfato di potassio in una soluzione 0,05 M, sapendo che un litro di questa soluzione contiene 8,7 g di soluto a. 17 b. 174 c. 135 d. 0,435 e. 435

32 CONCENTRAZIONE K 2 SO 4 moli soluto volume soluzione MOLARITA = m = M X V = 0,05 X 1 = 0,05 moli Moli = grammi PM PM = grammi moli = 8,7 0,05 = 174 B

33 pH 12. Se si vuole ottenere una soluzione acquosa a pH = 4 partendo da una soluzione acquosa a pH = 2, un litro di questultima va diluito con acqua fino a: a. 100 litri b litri c. 10 litri d. 2 litri e. 6 litri

34 pH V 1 = 1 litro; M 1 = ; M 2 = M 1 V 1 pH = -log [ H 3 O + ] H 3 O + = 10 -pH la concentrazione di H 3 O + prima della diluizione è [ H 3 O + ] dopo la diluizione è moli di H 3 O + prima e dopo la diluizione sono uguali M 1 V 1 = M 2 V 2 V2V2 = M2M2 = 100 litri A

35 pH e. un acido debole in acqua si dissocia totalmente 13. Indicare quale tra le seguenti affermazioni è errata: a. un acido secondo Brǿnsted-Lowry è una specie in grado di cedere un protone b. un acido secondo Lewis è una specie in grado di accettare un doppietto elettronico c. lacido acetico è un acido debole d. il pH di un acido è minore di 7

36 pH Arrhenius Specie che in soluzione acquosa libera uno ione H + Specie che in soluzione acquosa libera uno ione OH - Specie in grado di cedere uno ione H + che viene accettato da una base Brǿnsted-Lowry Specie in grado di accettare uno ione H + ceduto da un acido Lewis Specie in grado di accettare un doppietto elettronico Specie in grado di donare un doppietto elettronico acido base

37 pH CH 3 COOHCH 3 COO - + H + E

38 catalizzatori e. sono influenzati solamente dagli attivatori 14. I catalizzatori: a. non possiedono specificità di azione b. in una reazione reversibile aumenta la velocità della reazione diretta c. diminuiscono lenergia di attivazione d. quelli naturali prendono il nome di coenzimi

39 CATALIZZATORI IL CATALIZZATORE: - partecipa alla reazione ma rimane chimicamente inalterato - agisce in piccole quantità - non altera lequilibrio della reazione reversibile, diminuisce lenergia di attivazione e rende più facile il raggiungimento dellequilibrio - possiede specificità di azione - sono sensibili sia ad attivatori che inibitori C

40 e. alterano la composizione dei lipidi della membrana plasmatica 15. Indicare quale tra le seguenti affermazioni circa gli inquinanti atmosferici, le radiazioni e il fumo di sigaretta è corretta: a. riducono linvecchiamento b. hanno effetti dannosi in gravidanza c. diminuiscono la sintesi dei radicali liberi d. aumentano gli effetti anti ossidanti della vitamine

41 B

42 Chimica organica

43 ESERCIZIO 16 La struttura primaria delle proteine: a.dipende dalla stabilità dei ponti a idrogeno tra aminoacidi vicini b.è dovuta a interazioni elettrostatiche, ponti disolfuro e forze di Van der Waals c.è la sequenza degli aminoacidi che la costituiscono d.termodinamicamente è la forma con la più bassa energia libera e.può essere caratterizzata da avvolgimenti ad α-elica o β- foglietto

44 ESERCIZIO 16 La struttura primaria è formata dalla sequenza specifica degli amminoacidi. La struttura secondaria consiste nella conformazione spaziale delle catene. Essa è dovuta ai legami a idrogeno che si instaurano tra gli aminoacidi. Può essere caratterizzata da avvolgimenti ad α-elica o β-foglietto.

45 ESERCIZIO 16 La struttura terziaria dal punto di vista della termodinamica è la forma con la più bassa energia libera. Rappresentat la configurazione tridimensionale che la catena polipeptidica assume nell'ambiente in cui si trova. Viene consentita e mantenuta da diversi fattori, come i ponti disolfuro, e le forze di Van der Waals La struttura quaternaria è quella che deriva dall'associazione di due o più unità polipeptidiche.

46 ESERCIZIO 16 La struttura primaria delle proteine: a.dipende dalla stabilità dei ponti a idrogeno tra aminoacidi vicini b.è dovuta a interazioni elettrostatiche, ponti disolfuro e forze di Van der Waals c.è la sequenza degli aminoacidi che la costituiscono d.termodinamicamente è la forma con la più bassa energia libera e.può essere caratterizzata da avvolgimenti ad α-elica o β- foglietto

47 ESERCIZIO 17 a)1-pentin-2-olo b)1-penten-2-olo-3-metile c)3-metil-1-penten-2-olo d)3-etil-1-buten-2-olo e)3-metil-1-pentan-2-olo Dai il nome IUPAC al seguente composto:

48 REGOLE DI NOMENCLATURA Determinare la catena principale. La catena principale è quella che contiene il maggior numero di gruppi funzionali principali. Per alcheni e alchini, come negli alcani, la catena principale è quella più lunga.

49 REGOLE DI NOMENCLATURA Numerare la catena principale ed assegnarle un nome. La catena va numerata a cominciare dal lato che assegna il numero più basso agli eventuali doppi legami presenti. Se non sono presenti doppi legami, essa viene numerat in modo da assegnare il numero più basso al primo gruppo sostituente principale. 1 C………….met- 2 C...………..et- 3 C………….prop- 4 C………….but- 5 C………….pent- 6 C………….es- 7 C………….ept- ………………….. Prefissi della catena principale Tutti legami singoli…………..-an- Presenza di doppi legami…..-en- Presenza di tripli legami…… -in- Infissi della catena principale

50 Assegnare il nome e il numero dordine ad ogni sostituente. Sostituenti principali: Gruppo alcolico………………………...…………..-OH Gruppo carbonilico……………………………….-COH Gruppo carbossilico………………………………-COOH Gruppo amminico………………………………...-NH2 Gruppo metile………………………………….……-CH3 Gruppo etile…………………………………………..-CH2CH3 REGOLE DI NOMENCLATURA

51 Scrivere il nome completo. Il nome della catena principale va scritto per ultimo preceduto dal nome dei sostituenti. Questi vanno elencati in ordine alfabetico, preceduti dal loro numero d'ordine. Il gruppo alcolico viene indicato alla fine del nome, con la desinenza –olo. REGOLE DI NOMENCLATURA

52 ESERCIZIO 17 1-pentin-2-olo 3-metil-1-pentan-2-olo

53 ESERCIZIO 17 3-etil-1-buten-2-olo

54 ESERCIZIO 17 3-metil-1-penten-2-olo 1-penten-2-olo-3-metile

55 ESERCIZIO 17 Dai il nome IUPAC al seguente composto: a)1-pentin-2-olo b)1-penten-2-olo-3-metile c)3-metil-1-penten-2-olo d)3-etil-1-buten-2-olo e)3-metil-1-pentan-2-olo

56 ESERCIZIO 18 Quale di queste affermazioni è vera: a)il Dna è formato da acido didesossiribonucleico, basi azotate e fosfati b)le basi azotate dellRna sono timina, adenina, guanina e citosina c)il Dna è stato scoperto da Watson e Crick d)Il ribosio è un pentoso e)I legami tra le basi che stabilizzano la doppia elica del Dna sono legami covalenti

57 ESERCIZIO 18 Il Dna è formato da acido desossiribonucleico, basi azotate e fosfati. Le basi azotate dellRna sono guanina, citosina, adenina ed uracile. Timina, adenina, guanina e citosina sono le basi azotate del Dna.

58 ESERCIZIO 18 I legami tra le basi che stabilizzano la doppia elica del Dna sono legami idrogeno Il ribosio è un pentoso

59 Quale di queste affermazioni è vera: a)il Dna è formato da acido didesossiribonucleico, basi azotate e fosfati b)le basi azotate dellRna sono timina, adenina, guanina e citosina c)il Dna è stato scoperto da Watson e Crick d)Il ribosio è un pentoso e)I legami tra le basi che stabilizzano la doppia elica del Dna sono legami covalenti ESERCIZIO 18

60 ESERCIZIO 19 Un aminoacido presenta come gruppi funzionali: a)gruppo estere + gruppo carbossilico b)gruppo ammidico + gruppo chetonico c)gruppo alcolico + gruppo amminico d)gruppo amminico + gruppo carbonilico e)nessuna delle precedenti

61 ESERCIZIO 19

62 Estere ESERCIZIO 19 Acido carbossilico

63 ESERCIZIO 19 OH Gruppo alcolico

64 AldeideChetone ESERCIZIO 19 Gruppo carbonilico

65 Gruppo ammidico ESERCIZIO 19 Gruppo amminico

66 ESERCIZIO 19 Un aminoacido presenta come gruppi funzionali: a)gruppo estere + gruppo carbossilico b)gruppo ammidico + gruppo chetonico c)gruppo alcolico + gruppo amminico d)gruppo amminico + gruppo carbonilico e)nessuna delle precedenti

67 ESERCIZIO 20 sono: a)enantiomeri b)diastereoisomeri c)isomeri strutturali d)sono molecole identiche e)nessuna delle precedenti

68 ESERCIZIO 20 Gli isomeri strutturali (o conformazionali) hanno formula bruta identica ma diversa connettività. In altre parole, sono composti aventi la stessa formula molecolare ma diversa formula di struttura. Ciò implica differenti proprietà fisiche e chimiche, dovute ai legami differenti degli elementi che compongono la molecola. Non sono molecole identiche perché disposte nello spazio in modo diverso. C 8 H 16

69 Sono enantiomeri sono isomeri spaziali (stereoisomeri). Essi sono due molecole identiche in tutto ma che sono una l'immagine speculare dell'altra e quindi non sovrapponibili tra loro. ESERCIZIO 20

70 I diastereoisomeri sono due stereoisomeri (isomeri spaziali) che non sono l'uno l'immagine speculare dell'altro. ESERCIZIO 20

71 ESERCIZIO 2o sono: a)enantiomeri b)dia stereoisomeri c)isomeri strutturali d)sono molecole identiche e)nessuna delle precedenti

72 ESERCIZIO 21 Quale di queste affermazioni è falsa: I composti aromatici: a)sono composti planari b)sono composti ciclici c)hanno più strutture di risonanza d)non possono avere atomi di azoto nellanello e)hanno i carboni ibridati sp 2

73 ESERCIZIO 21 I composti aromatici, per le regole di Huckel (le regole che li definiscono) devono essere planari, ciclici e devono avere carboni ibridati sp2, e un orbitale delocalizzato su tutto l anello; possono dunque avere più forme di risonanza (che ne favoriscono la stabilità).

74 ESERCIZIO 21 Ci sono composti aromatici con atomi di azoto nellanello (come la piridina), così come con atomi di ossigeno o di zolfo; si chiamano eterociclici. Cosa importante è che devono avere un doppietto disponibile che continui la risonanza con gli altri elettroni dellanello.

75 ESERCIZIO 21 Quale di queste affermazioni è falsa: I composti aromatici: a)sono composti planari b)sono composti ciclici c)hanno più strutture di risonanza d)non possono avere atomi di azoto nellanello e)hanno i carboni ibridati sp 2

76 FINE T UTTO È BENE QUEL CHE FINISCE.


Scaricare ppt "Prepost Esercitazione di Chimica 23 – agosto - 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google