La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Chimica Organica Lezione 1. Chimica Organica Definizione La chimica organica è la chimica dei composti contenenti carbonio I carbonati, il biossido di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Chimica Organica Lezione 1. Chimica Organica Definizione La chimica organica è la chimica dei composti contenenti carbonio I carbonati, il biossido di."— Transcript della presentazione:

1 Chimica Organica Lezione 1

2 Chimica Organica Definizione La chimica organica è la chimica dei composti contenenti carbonio I carbonati, il biossido di carbonio e i cianuri metallici sono un eccezione in quanto vengono classificati come composti inorganici. Una definizione più corretta è: La chimica dei composti contenenti legami carbonio-carbonio Il carbonio è l unico elemento capace di legarsi fortemente con se stesso e formare lunghe catene o anelli e allo stesso tempo capace di legarsi fortemente con elementi non metallici come idrogeno, ossigeno, azoto e con gli alogeni. Per queste sue proprietà questo elemento dà origine a miriadi di composti (sono noti diversi milioni di composti, corrispondenti a circa il 98% di tutte le sostanze chimiche note, e il loro numero continua a crescere)

3 CHIMICA ORGANICA o Chimica dei composti del carbonio Formula molecolare o bruta Indica quali e quanti atomi formano la molecola Formula di struttura o razionale Indica i legami fra gli atomi e la disposizione nello spazio C 5 H 12 Idrocarburo saturo a 5 atomi di C CH 3 CH 2 CH 2 CH 2 CH 3 n-pentano

4 Proprietà dellatomo di carbonio CHNOPS Può formare 4 legami covalenti Può formare legami singoli (saturi), doppi, o tripli Ha una grande tendenza alla concatenazione (lineari, ramificate, aperte o chiuse) Ha un valore medio di elettronegatività

5 Definizione di isomero Si definiscono isomeri due o più molecole aventi stessa formula molecolare ma differente formula di struttura. Esistono vari tipi di isomeria: Strutturale (di catena, di posizione,di gruppi funzionali): gli atomi di carbonio sono legati tra di loro in maniera differente (per esempio isobutano e normalbutano). orientati nello spazio Stereoisomeria: gli stereoisomeri presentano gli stessi legami ma differiscono per il modo in cui gli atomi sono orientati nello spazio. Per trasformare uno stereoisomero nell altro è necessario rompere e riformare almeno un legame. Si chiamano isomeri configurazionali (ottici) gli stereoisomeri che non sono sovrapponibili alla loro immagine speculare (chirale). Si chiamano isomeri geometrici quelli che debbono la loro esistenza alla mancanza di libera rotazione intorno ai doppi legami (isomeria cis/trans nel 2-butene). trasformarsi l uno nell altro senza la rottura di legami Si chiamano isomeri conformazionali gli isomeri che possono trasformarsi l uno nell altro senza la rottura di legami

6 ISOMERI DI STRUTTURA: composti con identica formula molecolare, ma che hanno diversa concatenazione di atomi o diversa disposizione nello spazio. Possono essere isomeri di catena, di funzione o di posizione. Formula molecolare: C 5 H 12 Isomeri di catena CH 3 CH 2 CH 2 CH 2 CH 3 n-pentano CH 3 CH CH 2 CH 3 CH 3 Isopentano o 2-metilbutano CH 3 CH 3 CCH 3 CH 3 Neopentano o 2,2-dimetilpropano

7 Gli atomi di carbonio possono essere primari, secondari, terziari o quaternari a seconda che siano direttamente legati ad 1, 2, 3 o 4 atomi di carbonio. CH 3 CH 2 CH 2 CH 2 CH 3 n-pentano CH 3 CH 3 CCH 3 CH 3 Neopentano C primario C secondario C terziario C quaternario CH 3 CH CH 2 CH 3 CH 3 Isopentano o 2-metilbutano

8 Isomeri di gruppo funzionale Formula molecolare: C 3 H 6 O CH 3 CH 2 CHO Aldeide propionica CH 3 CCH 3 O Acetone Composti con la stessa formula molecolare, ma la diversa distribuzione degli atomi fa sì che appartengano a classi chimiche diverse.

9 Isomeri di posizione Formula molecolare: C 3 H 7 Cl CH 3 CH 2 CH 2 Cl 1-cloropropano CH 3 CHCH 3 Cl 2-cloropropano Composti con la stessa formula molecolare, diversi per la posizione di un sostituente nella catena di atomi di carbonio.

10 Spesso è necessario visualizzare le molecole nelle tre dimensioni dello spazio, per discriminare fra i diversi isomeri. Esempio:CH 4 metano H H:C:H H H C H H HCHC H H H Così, è possibile rappresentare gli ISOMERI STERICI o STEREOISOMERI, cioè gli isomeri con stessa concatenazione di atomi ma diversa disposizione nello spazio. Gli stereoisomeri che sono speculari (non sovrapponibili) sono detti ENANTIOMERI o ISOMERI OTTICI.

11 Esempio:C 3 H 6 O 3 aldeide glicerica CHO C HO CH 2 OH H CHO C HO CH 2 OH H Queste due forme sono enantiomeri, hanno diversa disposizione degli atomi nello spazio, e non sono sovrapponibili. Gli enantiomeri che non sono sovrapponibili (uno non è l immagine speculare dell altro) sono detti CENTRI CHIRALI. N.B.: Ogni atomo di carbonio legato a quattro gruppi diversi è sempre un centro chirale e avrà sempre due forme enantiomere.

12 Forze dei legami nei composti organici

13 La struttura delle molecole organiche riunisce diversi raggruppamenti atomici caratteristici. Ognuno di essi ha una reattività propria e particolare, che dipende poco dalla struttura dove sono legati. Possono essere riconosciuti e trattati in maniera indipendente. Sono i gruppi funzionali. Ogni gruppo funzionale subisce reazioni caratteristiche. La presenza di un gruppo funzionale ci dice che la molecola subirà delle reazioni caratteristiche di quel gruppo funzionale

14 Gruppi Funzionali Alcani Alcheni Alchini Areni Alogenuri alchilici

15 Gruppi Funzionali Alcoli Etere Ammino Nitrile Nitro

16 Gruppi Funzionali Composti carbonilici Aldeidi Chetoni Acidi Esteri

17 Gruppi Funzionali Tioli Solfuri


Scaricare ppt "Chimica Organica Lezione 1. Chimica Organica Definizione La chimica organica è la chimica dei composti contenenti carbonio I carbonati, il biossido di."

Presentazioni simili


Annunci Google