La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Musei naturalistici, ecomusei, parchi letterari, turismo culturale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Musei naturalistici, ecomusei, parchi letterari, turismo culturale."— Transcript della presentazione:

1 Musei naturalistici, ecomusei, parchi letterari, turismo culturale

2 I musei naturalistici Tra il 1500 ed il 1600 in Italia si delinearono varie collezioni scientifiche in alcune città, quali Napoli, Roma, Milano, Firenze, Bologna e Verona Doppia funzione: ricerca scientifica e diffusione delle conoscenze acquisite, ovvero conoscere le varie componenti presenti sulla Terra Comprendere la storia della biodiversità Studiare le relazioni tra le società e gli ambienti naturali e artificiali Conservare le collezioni, gestirle, arricchirle, studiarle e metterle in mostra a scopo didattico e di diffusione delle conoscenze

3 Cosa è un Museo di Storia naturale? E un luogo che conserva beni aventi valore scientifico e culturale, che ricerca, custodisce, tutela e valorizza i reperti che ne formano le collezioni ricerca custodisce tutela valorizza Art. 2 dello Statuto dell'ICOM: (Il museo è) un'istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo, aperta al pubblico, che compie ricerche sulle testimonianze materiali dell'uomo e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, le comunica e soprattutto le espone a fini di studio, di educazione e di diletto

4 Attività svolta dai musei naturalistici Conservazione delle specie e loro presentazione Lavoro di ricerca e studio Attività editoriale di ampio respiro, con monografie, riviste periodiche, pubblicazioni specialistiche, cataloghi delle raccolte, opere divulgative, prodotti multimediali Attività divulgativa e didattica, rivolta con sempre maggiore attenzione al pubblico giovanile Ad esempio, il Museo viennese di storia naturale, pubblica dal 1886 una rivista periodica, Annalen das Naturhistorische Museums in Wien, stampata in migliaia di copie e inviata a tutte le altre istituzioni museali in regime di scambio

5 COMPITI musei naturalistici ricerca scientifica acquisizione di nuove collezioni conservazione e restauro ricerca e documentazione storica tutela e valorizzazione esposizione per la fruibilità pubblica

6 In tempi recenti anche i musei naturalistici hanno subìto una trasformazione e una modernizzazione Con luso di tecnologie nuove, sono state introdotte tecniche di organizzazione e di presentazione del materiale In parallelo alla creazione o rinnovamento dei musei naturalistici, si è diffusa unattività didattica e divulgativa legata a queste tematiche, con la realizzazione e lanimazione di laboratori, visite, seminari, e in generale un rinnovato interesse per la presentazione e lutilizzo di questo materiale

7 Musei di Storia naturale Grandi Musei di storia naturale Orti Botanici Acquari Parchi zoologici Musei specialistici di scienze naturali Comprendono una varietà di collezioni nei vari settori delle scienze naturali Hanno a disposizione non soltanto materiale di tipo generale, molto completo, ma anche raccolte specialistiche in settori particolari, in grado di competere con i musei naturalistici specializzati Oggi questi i musei si aprono sempre più al pubblico con le proprie collezioni di studio naturalistiche, anatomiche e di strumenti scientifici

8 Museo di... :

9 Parte da una collezione di circa oggetti, e si è ampliato nel corso del tempo con donazioni e raccolte effettuate appositamente da spedizioni scientifiche, fino a totalizzare circa 20 milioni di oggetti Sezioni di mineralogia e petrologia, geologia, paleontologia, botanica, zoologia, antropologia, preistoria, etnologia, ecologia Alcune di queste sezioni si sono sviluppate talmente da dar luogo a musei separati, con una propria fisionomia e con proprie collezioni Museo di Storia Naturale di Vienna (1749)

10 Museo di Storia Naturale di Milano Anche in Italia i musei generali di storia naturale esistono in quasi tutte le principali città. Questi musei sono in genere organizzati intorno a collezioni molto ricche e il più possibile complete delle varie specie, collezioni che molto spesso sono state raccolte nel corso dei secoli e che hanno un valore storico intrinseco

11

12

13

14

15 Museo di Storia Naturale di Ginevra

16

17

18

19

20

21 I musei realizzati negli ultimi anni sono stati organizzati anche in base ad altre possibilità, privilegiando dei temi specifici o di attualità piuttosto che la classificazione standard degli oggetti delle collezioni o tematiche di uso generale La Gallery of Life, posta al centro del nuovo Museo di Melbourne, è organizzata intorno a cinque grandi ambienti o zone: lacqua, la terra, il clima, il fuoco, lambiente umano Il Museo Darwin di Mosca si è strutturato sulle seguenti tematiche: la biosfera, le tappe della conoscenza della natura, la microevoluzione, la correlazione tra le specie negli ecosistemi, la macroevoluzione, le relazioni tra luomo e la natura Altre possibili tematiche, utilizzate da altri Musei o dallo stesso Museo Darwin in allestimenti precedenti, sono: lorigine delluomo, la storia dellevoluzione, levoluzione del comportamento

22 Esempi di collezioni naturalistiche sia di tipo più "tradizionale", come il Museo di Storia Naturale e del Territorio dellUniversità di Pisa e il Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze e sia di tipo locale come la collezione ornitologica Lenzi del "Museo Civico del territorio" di Fucecchio

23

24

25 Ricerca per lo sviluppo delle migliori tecniche di conservazione e di gestione delle collezioni

26 Non alterare lo stato dei reperti e tutelarlo da attacchi da parte dell'ambiente fisico-chimico-biologico circostante (variazioni di temperatura, umidità, agenti chimici, parassiti, ecc), al fine di mantenere nel tempo il valore culturale e scientifico degli stessi CARTE DEL RESTAURO Salvaguardare oltre che l'oggetto, anche i segni che il tempo, l'uso, o le vicende significative di cui è stato protagonista, hanno lasciato sullo stesso Anche la documentazione cartacea, iconografica e materiale delle collezioni del museo, il contesto espositivo o il deposito in cui si trova ogni singolo reperto La conservazione assoluta è impossibile Circolare n 117 del 6 aprile 1972 e 1987

27 CATALOGAZIONE una scheda di documentazione contenente tutti i dati riferiti al valore scientifico, amministrativo, conservativo, storico e culturale caratterizzanti e identificanti il bene

28 MUSEI e ICCD La collaborazione tra musei naturalistici, regioni e ICCD ha portato alla realizzazione di schede catalografiche standard differenziate a seconda della specificità del reperto (mineralogico e petrografico, zoologico, botanico, paleontologico, antropologico) L'unificazione delle procedure di catalogazione consente l'inserimento in Internet, in parte già realizzato, di cataloghi elettronici, completi di ipertesti di riferimento e opere multimediali

29

30 E c o m u s e i Realtà che illustrano tematiche particolari quali, ad esempio, lo sviluppo di un determinato luogo da un punto di vista naturalistico (evoluzione geologica, flora, fauna), ma anche l'uso fatto dall'uomo di quei determinati territori Molte volte queste realtà sono legate tra loro in reti o sistemi che li collegano anche a particolari itinerari o sentieri da compiere all'aperto

31 E un insieme di parti che interagiscono tra di loro ll patrimonio culturale di un territorio va inteso come un complesso aggregato di natura, storia, abitudini, lingua e tradizioni Un ecomuseo è un museo esploso su un intero territorio, che permette di confrontarsi con il patrimonio naturale e culturale di unarea e con il modo di vivere dei suoi abitanti Ecomuseo: che cosa è

32 Definizione di ecomuseo (P. Boylan, 1992) CriteriMuseoEcomuseo Spazio di riferimento:edificioterritorio Focus:collezionepatrimonio (olistico) Priorità organizzative: disciplinariinterdisciplinari Pubblico di riferimento: visitatoricomunità Controllo politico:museo e relativi organi collettività e relativi organi

33 Definizione di ecomuseo (P. Davis, 1999) Territorio esteso oltre i confini del museo Interpretazione fragmented-site e in situ Cooperazione e partenariato in luogo della proprietà dei reperti Coinvolgimento della comunità locale e degli abitanti nelle attività del museo Integrazione di tipo olistico e interdisciplinare

34 I musei contemporanei tendono a occuparsi più di "concetti" che di "cose" e per questo è sempre più difficile stabilire qual è il loro campo di interesse Gli ecomusei non fanno eccezione a tale tendenza ed è stato così fin dalle origini Una delle definizioni più efficaci di ecomuseo è quella originariamente proposta da Riviére e de Varine e che fa riferimento alle differenze fra musei tradizionali ed ecomusei

35 Uno specchio per una popolazione che si guarda per riconoscersi, specchio in cui cercare la spiegazione del territorio a cui appartiene, assieme a quella delle popolazioni che lhanno preceduta nella discontinuità o continuità delle generazioni Definizione di ecomuseo (G.H. Rivière)

36 Definizione di ecomuseo (H. De Varine) Museo Collezione Immobile Pubblico Ecomuseo Patrimonio Territorio Popolazione Per De Varine lecomuseo è strumento al servizio delluomo e dello sviluppo, non confinato ad una area circoscritta, ma identificabile con lintero territorio della comunità che serve: idealmente tutto il patrimonio - materiale e immateriale - della comunità fa parte ed è al servizio dellecomuseo, e tutti gli abitanti vengono potenzialmente coinvolti nelle attività museali affiancati da una ridotta equipe di professionisti

37 Strumento di conoscenza uno specifico paesaggio viene presentato nelle sue componenti naturali ed antropiche e nelle sue specifiche interrelazioni, secondo una prospettiva temporale che muove dal passato al pesente Progetto di comunicazione trasmette al pubblico conoscenze interdisciplinari su un paesaggio Progetto culturale modifica il sense of place degli abitanti, e trasmette fiducia sulle possibilità di sviluppo futuro

38 Ecomuseo: la strategia modello culturale –potenziare il senso di appartenenza –costruire capacità di interrelazione con altri sistemi locali modello organizzativo –mettere in rete i soggetti locali modello produttivo –creare alcuni esempi in cui il senso di appartenenza affiancato a nuovi modelli organizzativi riesca a creare occasioni di lavoro e quindi di reddito

39 sfruttare lidentità locale e le potenzialità del territorio per favorirne la crescita economica, in particolare dal punto di vista turistico e culturale dimostrare che la valorizzazione dellidentità locale può creare reddito e quindi occupazione per i giovani territorio e identità locale come opportunità di sviluppo economico stimolare gli abitanti ad acquisire consapevolezza del proprio patrimonio culturale e del proprio modo di vivere favorire la formazione di progetti pilota mobilitare le risorse umane presenti sul territorio aiutandole a fare sistema Ecomuseo: gli obiettivi

40 Nasce nel 1970 a Sabre, allinterno del Parco Naturale de Grande Lande in Guascogna, il più grande massiccio forestale dEuropa Si propone documentare il passaggio da uneconomia pastorale allattività forestale (metà 800-legge espropriazione terre comuni 1857) Marquèze

41

42

43

44 Associazione dei Musei dimpresa (promossa da Assolombarda e Confindustria), organizza annualmente la settimana della cultura dimpresa ---> Ecomusei.net Portale sugli ecomusei italiani Progetto coordinato dalla Regione Piemonte per promuovere e supportare la diffusione degli ecomusei quali luoghi che conservano e valorizzano le eredità locali ---> Altri soggetti culturali

45

46

47

48

49 PARCHI LETTERARI Sono realtà territoriali pensate come aree di tutela artistico- culturale per la salvaguardia di luoghi resi immortali da descrizioni celebri Sono proposte di valorizzazione del paesaggio: il visitatore è invitato a compiere veri e propri itinerari culturali seguendo gli scenari e le suggestioni da cui gli artisti trassero ispirazione

50 Quello dei Parchi Letterari è un progetto costituito di due componenti: Cultura e Turismo Vengono proposte attività ricreative che risveglino la fantasia e il desiderio di conoscere il territorio 'letterario' da un punto di vista inconsueto, avvicinandosi alle esperienze visive degli autori che di quella realtà geografica hanno lasciato testimonianza

51 Criteri istitutivi, linee guida Valenza letteraria dello scrittore che non deve essere vivente nè deceduto troppo recentemente e possibilmente nazionale Il territorio deve essere riconducibile a quello descritto nelle opere dellautore scelto Descrizione dei luoghi narrati dallautore Individuazione dei legami che intercorrono tra autore e territorio Articolazione dei caratteri fisici, antropici, socio-economici e turistici del luogo Tutela attività artigianali, agricole e di tradizioni enogastronomiche Promozione di studi, ricerche, convegni, mostre e pubblicazioni

52 Punti di forza Potenziamento e arricchimento delle risorse sul territorio: rafforzamento dell'identità locale e stimolo al recupero di attività economiche e di tradizioni caratteristiche Estensione del concetto di letteratura: non solo poeti ma filosofi, scrittori di teatro, statisti e mecenati, esponenti letteratura religiosa, ecc. Potenzialità formative del parco come offerta didattica di lettura trasversale del territorio Marchi dellImmaginazione a tutela dei prodotti e servizi certificati

53 I parchi letterari in Italia Ippolito Nievo (Colloredo - Udine), Eugenio Montale (Monterosso a Mare - La Spezia), Giosuè Carducci (Castagneto Carducci - Livorno), Giovanni Prati (Terme di Comano - Trento), Dante Alighieri (Casentino), Carlo Cassola (Cecina - Livorno), Giacomo Leopardi (Recanati - Macerata), Gabriele d'Annunzio (Anversa - l'Aquila), Omero (Agro Pontino, Sabaudia - Latina), Francesco D'Assisi (Assisi - Perugia), Tommaso Campanella (Cosenza), San Nilo (Rossano - Cosenza), Federico II (Roseto Capo Spulico - Cosenza), Giambattista Vico (Vatolla di Perdifumo - Salerno), Corrado Alvaro (San Luca in Aspromonte - Reggio Calabria), Giovanni Verga (Acitrezza - Catania), Elio Vittorini (Siracusa), Stefano D'Arrigo (Messina, Reggio Calabria), Carlo Levi (Aliano - Grassano - Matera), Francesco Jovine (Agnone - Campobasso), Salvatore Quasimodo (Modica - Ragusa - Roccalumera - Messina), Grazia Deledda (Galtellì), Leonardo Sciascia (Ragalpetra - Caltanissetta), Giambattista Basile (Bracigliano - Salerno), Isabella Morra (Comune di Valsinni - Matera), Francesco De Sanctis (Avellino), Nino Savarese (Enna)

54 Nel 2009 il marchio I Parchi Letterari ®, la rete nazionale dei Parchi esistenti e le attività loro collegate, sono passati dalla Fondazione Ippolito Nievo a Paesaggio Culturale Italiano che nasce per la progettazione e lattuazione di percorsi integrati di turismo responsabile

55 Vicenza e le ville del Palladio

56 Padova: lorto botanico L'Orto botanico dell'Università di Padova fu fondato nel 1545 come Horto medicinale annesso allo Studio patavino per la coltivazione delle piante medicinali indigene ed esotiche a fini scientifici e didattici Per questo ha rappresentato un notevole salto di qualità nella didattica e un modello cui ispirarsi per l'istituzione di strutture analoghe nei paesi stranieri di provenienza degli studenti In considerazione della rilevante attività culturale svolta ininterrottamente per quasi mezzo millennio, nel 1997 l'Orto botanico di Padova é stato iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO

57

58 Atti Incontro Nazionale ecomusei 2003, Biella 2004 Davis Peter, Ecomuseums A Sense of Place, Leicester University Press, London and New York 2000 Hubert François, Le ècomusées en France, Museum, 184, 1985 Maggi Maurizio e Falletti Vittorio, Gli ecomusei che cosa sono, che cosa possono diventare, Allemandi, Torino 2000 Maggi Maurizio, Il valore del territorio Primo rapporto sugli ecomusei in Piemonte, Allemandi, Torino 2001 De Varine Hugues, Le radici del futuro, Clueb, Bologna 2002 BIBLIOGRAFIA


Scaricare ppt "Musei naturalistici, ecomusei, parchi letterari, turismo culturale."

Presentazioni simili


Annunci Google