La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIARREA Definizione e meccanismi Classificazione Patogenetica: osmotica, secretoria, mista Clinica: acuta/cronica, organica/funzionale Quadro clinico Iter.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIARREA Definizione e meccanismi Classificazione Patogenetica: osmotica, secretoria, mista Clinica: acuta/cronica, organica/funzionale Quadro clinico Iter."— Transcript della presentazione:

1 DIARREA Definizione e meccanismi Classificazione Patogenetica: osmotica, secretoria, mista Clinica: acuta/cronica, organica/funzionale Quadro clinico Iter diagnostico

2 DEFINIZIONE >= 3 scariche/die > 200 g/die consistenza

3 DIETA 1500 ml 100 ml NEL DIGIUNO ml VALV ILEOCECALE 1500 ml INTESTINO TENUE ASSORBIMENTO ML COLON ASSORBIMENTO 1400 ml

4 DIGIUNO ILEO COLON 350 mOsm H2OH2O Na GLUCOSIO l H 2 O Na Nutrienti Na Cl ml H2O (max 4,5-5 l) Na Cl K HCO 3 - > SCAMBIO IONICO Isoosmolare Iperosmolare PERMEABILITA SOLVENT DRAG LUMESIEROSA

5 OSMOLARITÀ LUMINALE (= a quella corporea, 290 mosm/kg) - OSMOLARITÀ DEL CONTENUTO LUMINALE (determinata dal contenuto ionico) GAP OSMOTICO FECALE

6 DIARREA OSMOTICA Eccessiva perdita di fluidi provocata da sostanze luminali che ritengono H2O –Carboidrati alimentari (LATTOSIO, FRUTTOSIO) o zuccheri con gruppo alcolico (MANNITOLO, LATTULOSIO) –Soluzioni contenenti ioni poco assorbibili (MAGNESIO, FOSFATO, SOLFATO) Bassa concentrazione di elettroliti fecali Osmolarità fecale elevata (>50 mOsm) Volume fecale ml/die

7 DIARREA SECRETORIA Eccessiva secrezione di Cl e H 2 CO 3 + diminuito riassorbimento di Na Elevata concentrazione di elettroliti fecali Osmolarità fecale bassa (< 50 mOsm) Volume fecale > 1000 ml/die

8 CAUSE DI DIARREA SECRETORIA 1.Infezioni (E Coli, V Cholerae, Cl Difficile) 2.Riduzione della superficie assorbitiva (resezioni intestinali, malattie diffuse) 3.Assenza di meccanismi di trasporto ionico (cloridorrea congenita) 4.Infiammazione (M di Crohn, colite microscopica) 5.Alterazioni motorie (diabete, vagotomia, IBS) 6.Ipersecrezione di secretagoghi (tumori neuroendocrini)

9 DIARREA INFETTIVA Fisiopatologia del danno intestinale Ingresso nel tubo gastroenterico (via orale) Adesione allepitelio intestinale Secrezione di enterotossine (V Cholerae, E Coli, Stafilococco, Cl Difficile) Secrezione di citotossine (E Coli O:157) Invasione dellepitelio (Salmonella, Shigella, Campilobacter jejuni)

10 DIARREA DA VIBRIO CHOLERAE X

11 DIARREA MISTA DIARREA INFIAMMATORIA DIARREA DA ALTERATA MOTILITA INFILTRATO FLOGISTICO + LESIONE MUCOSA aumento turnover cellulare CELLULE CRIPTE IMMATURE CAPACITA ASSORBITIVA Mediatori infiammatori STIMOLO SECRETIVO TRANSITO ACCELLERATO Sostanze indigerite/riass. acidi biliari DIARREA OSMOTICA/SECRETIVA

12 CLASSIFICAZIONE CLINICA Diarrea acuta Diarrea cronica Durata del sintomo Fattori di rischio Aspetto/quantità delle feci Frequenza/timing delle evacuazioni Associazione con altri sintomi Base organica Base funzionale

13

14 ANAMNESI VOLUME DELLE FECI –Alvo frequente, quantità scarsa, consistenza diminuita patologia colon distale –Quantita abbondante, consistenza normale/diminuita patologia colon dx o intestino tenue ASPETTO DELLE FECI Acquoso, poltaceo, presenza di parassiti/uova (tenia!), alimenti indigeriti, gocciole di grasso, sangue, muco SINTOMI ASSOCIATI SIST. GASTROENT.: Tenesmo, urgenza, proctalgia, ematochezia/rettorragia, mucorrea, dolore addominale, nausea, vomito SISTEMICI: calo ponderale, febbre, disidratazione, acidosi metabolica, astenia, tachicardia, edemi, artralgie, lesioni cutanee, fattori scatenanti (stress, alimenti)

15 DIARREA ACUTA Durata < 4 settimane Etiologia Infettiva > Tossica > Allergica ANAMNESI VIAGGI STILE DI VITA Vita rurale/Fonti idriche Preferenze sessuali Uso droghe, alcol ALIMENTAZIONE Mensa, asili Insorgenza sintomi FATTORI JATROGENI Terapia antibiotica FANS, antiacidi, PG chemio/radioterapia

16 DIARREA CRONICA 46% CAUSE ORGANICHE INTESTINO TENUE: celiachia, M di Crohn, M di Whipple COLON: m. diverticolare, ASLC, colite ulcerosa, M di Crohn, colite microscopica, colite ischemica, cancro MISCELLANEA: Polipi, allergia alimentare, ipertiroidismo, abuso alcolico, pancreatite cronica, diabete, K pancreas, carcinoide 54% CONDIZIONI FUNZIONALI IBS, iperplasia follicolare ileale, aderenze 261 PAZIENTI AMBULATORIALI Di Leo, Am J Gastroent 2003 Durata > 4 settimane

17 < 250 g/d IBS g/d colon > 800 g/d intestino tenue PESO DELLE FECI (per 3 gg) g/d diarrea osmotica > 1000 g/d diarrea secretoria

18 ESAMI MICROBIOLOGICI FECI (su 3 campioni) –COPROCOLTURA: Shigella, Salmonella, Campylobacter, Yersinia –RICERCA PARASSITI E LORO UOVA: Giardia, Criptosporidium, Tenia –RICERCA TOSSINA del Clostridium Difficile (solo se precedente terapia antibiotica) –RICERCA Ag SPECIFICI: Giardia SIERO –Sierologia per Ameba –Sierologia per virus: CMV (Ag pp65), HSV

19 EFFICACIA DIAGNOSTICA DELLA COPROCOLTURA % positiveOR95% CIp Giorni di ricovero* < 3 > 3 12,6 1,4 10,328,4-13< Ter. Antibiotica No Si 8,6 2,7 3,42,8-4,2< Paz pediatrici Pazienti adulti 8,8 5,1 1,791,6-2,1< campioni da pazienti Rohner, J Clin Microbiol 1997

20 COPROCOLTURA/PARASSITI Although the cost-effectiveness of stool cultures for each individual patients is more than questionable, public health issues also need to be considered… Pazienti ambulatoriali Immunocompetenti Pazienti ricoverati da 3 gg prima della diarrea Pazienti immunodepressi NO COPROCOLTURA se non Patologia associata endemia Sintomi severi Durata > 72 h No coprocoltura se non precedente tx antibiotica Parassiti Giardia Cryptosporidium Cyclospora Isospora Hoffman, Best Pract Res Clin GE 2002 PAZIENTI OSPEDALIZZATI: regola dei 3 giorni modificata > 65 anni, neutropenia, infezione HIV, sospetta epidemia Bauer, JAMA 2001, Siegel, JAMA 1990

21 ESAMI BIOUMORALI PRIMO LIVELLO –EMOCROMO: GB, Hb –INDICI DI FLOGOSI: VES, PCR, sideremia, lattoferrina e calprotectina fecali –INDICI NUTRIZIONALI: profilo proteico (albumina), assetto lipidico, sideremia –EQUILIBRIO IDROELETTROLITICO: ionemia, funzionalita renale –TEST FUNZIONALI: test di permeabilita intestinale –Ac anti transglutaminasi SECONDO LIVELLO Siero: ormoni gastrointestinali, Sali biliari, p-ANCA, ASCA Urine: catecolamine urinarie Feci: dosaggio grassi fecali

22 ESAMI ENDOSCOPICI 1)QUADRO CLINICO/BIOUMORALE 2)ETA DEL PAZIENTE EGDS RETTOSCOPIA COLONSCOPIA CAPSULA

23 COLITE PSEUDOMEMBRANOSA

24 COLITE AMEBICA Tumore amebico

25 CASO 1 Maschio, 42 anni Recente intervento ortopedico: nel post operatorio terapia con FANS ed antibiotici Dopo 1 mese: dolore addominale, diarrea, febbre, rapida disidratazione Al PS riscontro di acidosi metabolica ricovero Leucocitosi, Coprocolture negative

26 CASO 2 Femmina, 25 anni Da 6 mesi alvo diarroico: 4-6 scariche/die, non dolore addominale Scariche abbondanti di feci poco formate, senza muco o sangue Calo ponderale di 8 kg, anche perche le sembra di star meglio mangiando di meno


Scaricare ppt "DIARREA Definizione e meccanismi Classificazione Patogenetica: osmotica, secretoria, mista Clinica: acuta/cronica, organica/funzionale Quadro clinico Iter."

Presentazioni simili


Annunci Google