La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A.s. 2004/2005 Il ruolo del DSGA nel Sistema Gestione Qualità A cura del PROGETTO QUALITA Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A.s. 2004/2005 Il ruolo del DSGA nel Sistema Gestione Qualità A cura del PROGETTO QUALITA Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio."— Transcript della presentazione:

1 a.s. 2004/2005 Il ruolo del DSGA nel Sistema Gestione Qualità A cura del PROGETTO QUALITA Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale

2 Art. 14/16 D.P.R.275/99 D. L.vo 165 del 2001 C C N L D. L.vo 626 D. L.vo 196/03 AUTONOMIA REGOLAMENTO DI CONTABILITA Contratto di scuola e Programma annuale D.L.vo n.29 del 93, legge Bassanini n° 59 del 97 art 21e legge 241 del 90 D.I. 44/2001 Legge di riforma Moratti

3 Legge 241/90 Trasparenza Economicità Efficienza Semplificazione Decreto legislativo 29/93 Istituzione del servizio di controllo interno Rapporto costi e rendiconti Efficacia e economicità delle risorse pubbliche Art.21 Legge Bassanini Riconoscimento personalità giuridica alle I.S. NORME QUADRO

4 I contenuti dellautonomia organizzativa Il regolamento di Istituto come rappresentazione di identità (carta dei servizi) Il POF quale strumento dinamico La programmazione quale strumento di definizione dellautonomia didattica ed organizzativa

5 Autonomia funzionale delle istituzioni scolastiche Autonomia e riorganizzazione del sistema formativo Piani di ridimensionamento della rete scolastica Riconoscimento della dirigenza Dotazioni finanziarie necessarie (ordinarie e perequative) AUTONOMIA ORGANIZZATIVA E DIDATTICA NEL RISPETTO DI OBIETTIVI E STANDARD DEL SISTEMA NAZIONALE DISTRUZIONE

6 Dalla scuola degli adempimenti a quella del progetto Adempimenti burocraticiAdempimenti burocratici Rispetto di ordinanze e circolariRispetto di ordinanze e circolari Scarsa motivazioneScarsa motivazione Scarsa assunzione di responsabilitàScarsa assunzione di responsabilità Processi di tipo formaleProcessi di tipo formale Cultura giuridico amministrativa Cultura della progettazione Flessibilità e diversificazioneFlessibilità e diversificazione Coordinamento con il contestoCoordinamento con il contesto Valorizzazione edValorizzazione ed ottimizzazione delle risorse Monitoraggio, verifica e valutazioneMonitoraggio, verifica e valutazione

7 Servizi Amministrativi nel Sistema Gestione Qualità Servizi Amministrativi nel Sistema Gestione Qualità EFFICACIA Raggiungimento obiettivi Organizzazione ottimale delle risorse mappare mappare reperire e rinnovare reperire e rinnovare utilizzare utilizzare EFFICIENZA

8 Aree dei Servizi Amministrativi: Personale: rapporto di lavoro, graduatorie, supplenze, organici, corsi di formazione. Alunni:iscrizioni, esami, frequenze, certificazioni,visite guidate e viaggi distruzione, progetti europei, attività sportiva. Patrimonio:manutenzione patrimonio, tenuta inventari, attività negoziali, indizione gare, magazzino, ecc. Finanze : piano annuale e conto consuntivo, liquidazioni e impegni di spesa, accertamenti, liquidazioni e pagamenti, riscossioni delle entrate, adempimenti contributivi e fiscali Generali:protocollo,corrispondenza,archivio,biblioteca,O.C relaz con il pubblico,trasparenza,verifica ed autocontrollo.

9 I Servizi Amministrativi nella scuola del progetto Organizzazione che Partecipa alla formazione della mission della scuola Partecipa alla formazione della mission della scuola Contribuisce attivamente alla progettazione e redazione dei Contribuisce attivamente alla progettazione e redazione dei documenti fondamentali dellI.S. ( POF – carta dei servizi – documenti fondamentali dellI.S. ( POF – carta dei servizi – piano annuale, conto consuntivo) piano annuale, conto consuntivo) Rispetta compiti, scadenze e modalità concordate Rispetta compiti, scadenze e modalità concordate

10 IL TERMINE ORGANIZZAZIONE PROVIENE DAL GRECO, CHE SIGNIFICA STRUMENTO, ARNESE, UTENSILE; IL VERBO GRECO RELATIVO, CHE SIGNIFICA STRUMENTO, ARNESE, UTENSILE; IL VERBO GRECO RELATIVO SIGNIFICA FORNIRE GLI STRUMENTI ED ENTRAMBI, SOSTANTIVO E VERBO, VENGONO DAL TERMINE CHE SIGNIFICA AL SOSTANTIVO LAVORO,ATTIVITA E DAL VERBO ERGOZOMAI, CHE SIGNIFICA FARE, LAVORARE, PRODURRE. SIGNIFICA FORNIRE GLI STRUMENTI ED ENTRAMBI, SOSTANTIVO E VERBO, VENGONO DAL TERMINE CHE SIGNIFICA AL SOSTANTIVO LAVORO,ATTIVITA E DAL VERBO ERGOZOMAI, CHE SIGNIFICA FARE, LAVORARE, PRODURRE. ORGANIZZAZIONE

11 Lufficio come organizzazione Lorganizzazione: modelli interpretativi Il concetto di organizzazione contiene come elementi definenti: una pluralità di elementi che vengono coordinati tra loro in azioni il più possibile coerenti per il raggiungimento di scopi predefiniti con luso di risorse disponibili

12 LORGANIZZAZIONE E UN MEZZO PER PRODURRE RISULTATI, E UNO STRUMENTO PER RAGGIUNGERE DEGLI OBIETTIVI RISOLVENDO ATTRAVERSO LE AZIONI I PROBLEMI CHE SI INCONTRANO SUL CAMMINO. FARE ORGANIZZAZIONE NON SIGNIFICA TANTO GESTIRE UNA SITUAZIONE E UN PROCESSO IN SE STESSI RAZIONALI, QUANTO PIUTTOSTO INTRODURRE UN QUANTO DI RAZIONALITA POSSIBILE, IN SITUAZIONI IN SE STESSE CAOTICHE, CIOE POCO/NULLA/ LIMITATAMENTE RAZIONALI. PERTANTO I PROBLEMI E LE DIFFICOLTA NON SONO OSTACOLI CHE RENDONO DIFFICILE O IMPOSSIBILE AD UNORGANIZZAZIONE IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI, MA SONO PIUTTOSTO IL MOTIVO PER CUI ESISTE: LORGANON, APPUNTO, DI SOLUZIONE DEI PROBLEMI. Scopo dellorganizzazione

13 Il DSGA hala funzione di direzione dei servizi di segreteria nel quadro dellunità di conduzione affidata al Dirigente Scolastico(art.16 comma 4 del D.P.R ) Deve saper Pianificare Comunicare Organizzare gruppi di lavoro Predispone e cura la documentazione

14 La pianificazione ATTIVITA MEDIANTE LA QUALE SI FISSANO OBIETTIVI E REQUISITI DI UN SERVIZIO OBIETTIVI E REQUISITI DI UN SERVIZIO Capacità di analisi Capacità di operare nel contesto Capacità di operare nel contesto Capacità tecnico Capacità tecnicoProfessionali Controllo del processo Controllo del processo Mission, POF, carta dei servizi,C.M., piano annuale,contrattazione di scuola check

15 emittentericeventecontenuto relazione FEEDBACK Informazione di ritorno messaggio La comunicazione

16 GRUPPO DI LAVORO Insieme di persone che operano in modo organizzato e che lavora per il perseguimento di un obiettivo riconosciuto ed accettato per il perseguimento di un obiettivo riconosciuto ed accettato gruppo gruppo di lavoro Insieme di persone Legate da senso di appartenenza e che interagiscono Insieme limitato di persone Con valori, norme e ruoli condivisi e orientate al raggiungimento di obiettivi comuni Motivate da interessi professionali e impegnate a raggiungere un obiettivo impegnate a raggiungere un obiettivo scelto o assegnato. Con norme, valori, scelto o assegnato. Con norme, valori, ruoli dichiarati, negoziati, condivisi

17 Elementi necessari ed indispensabili di un gruppo di lavoro e condizioni di efficacia ed efficienza alto livello di integrazione : collaborazione gradualmente più proficua tra i diversi membri più proficua tra i diversi membri Alto livello di sinergia : Alto livello di sinergia : azione simultanea combinata dei vari membri efficacia : efficacia : fare le cose giuste efficienza : efficienza : farle bene Leaderschip : che porti il gruppo alla definizione gruppo alla definizione e al perseguimento degli obiettivi La definizione dei ruoli Un metodo concordato Un metodo concordato e condiviso

18 Variabili che nellufficio di segreteria vanno curati dal DGSA Gestione delle relazioni interpersonali interpersonali : comunicazione e clima ottenere risultati per lefficacia del gruppo Obiettivi Metodi Metodi Ruoli Ruoli Leaderschip Leaderschip Comunicazione Comunicazione Sviluppo professionale Sviluppo professionale per lefficienza del gruppo

19 Gestione della leaderschip del DGSA Funzioni relative al compito Definizione degli obiettivi Individuazione dei metodi diIndividuazione dei metodi dilavoro Assegnazione dei ruoliAssegnazione dei ruoli Verifica e controllo dei tempiVerifica e controllo dei tempi Richiamo al compitoRichiamo al compito Valutazione e controllo deiValutazione e controllo deirisultati Aggiornamento del gruppoAggiornamento del gruppo sullavanzamento del lavoro Funzioni relative alla relazione Valutazione dei bisogni e problemi individuali problemi individuali Sviluppo della partecipazione Sviluppo della partecipazione dei membri del gruppo dei membri del gruppo Creazione di un clima non Creazione di un clima nonvalutativo Gestione dei conflitti Gestione dei conflitti Attivazione del processo diAttivazione del processo di informazione e comunicazione

20 RUOTA RUOTA DI DEMING confermare o modificare Fare quanto deciso Verificare Pianificare PROCESSO DI MIGLIORAMENTO CONTINUO METODOLOGIA PDCA


Scaricare ppt "A.s. 2004/2005 Il ruolo del DSGA nel Sistema Gestione Qualità A cura del PROGETTO QUALITA Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio."

Presentazioni simili


Annunci Google