La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 1 La prevenzione dei rifiuti come pratica nella vita quotidiana – Dalle azioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 1 La prevenzione dei rifiuti come pratica nella vita quotidiana – Dalle azioni."— Transcript della presentazione:

1 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 1 La prevenzione dei rifiuti come pratica nella vita quotidiana – Dalle azioni della popolazione a quelle degli operatori economici Presentazione Manuale per la prevenzione dei rifiuti a livello domestico e prospettive per il suo utilizzo

2 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 2

3 3 Prevenzione dei rifiuti derivanti da: 1. Bottiglie acqua minerale 2. Imballaggi per alimenti 3. Alimenti ancora consumabili 4. Scarti da giardino e alimentazione ( verde e umido) 5. Imballaggi per latte e bevande 6. Imballaggi dei prodotti per ligiene e la pulizia della casa 7. Imballaggi dei prodotti per ligiene e la pulizia delle persone 8. Pannolini usa e getta 9. Shoppers monouso per la spesa in plastica 10. Elettrodomestici usati 11. Mobili usati 12. Vestiario usato 13. Prodotti informatici 14. Carta e cartone 15. Crescita dei figli 16. Piatti, bicchieri, posate e tazzine monouso Indice Scheda

4 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 4 Per ognuno dei 16 flussi Scheda introduttiva sui significati dellazione e peso e incidenza sul rifiuto Fornisce dimensione quantitativa e significato dellazione; cioè quanto pesa (in termini assoluti e relativi) il rifiuto si può prevenire, e che senso ha farlo. Cosa possono fare le famiglie Spiega attraverso quali comportamenti si possono ottenere prevenzione e riduzione della produzioni di rifiuti

5 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 5 Cosa può fare lassociazione Si cerca di capire cosa le famiglie possono fare in modo associato, cioè mettendo insieme la loro forza per richieste e campagne specifiche per ottenere i comportamenti voluti dai soggetti di cui al punto procedente. Cosa devono fare altri soggetti Se è necessario si illustra cosa devono fare altri soggetti per consentire i comportamenti di prevenzione dei rifiuti da parte dei nuclei familiari Come misurare i risultati dellintervento E lo sforzo per misurare i risultati dellintervento, cioè quanto il comportamento virtuoso delle famiglie contribuisce a far calare la produzione di rifiuti

6 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 6 Buone pratiche in Italia Per far capire che le azioni proposte non sono solo realistiche, ma sono state praticate con successo si riportano alcune esperienze di successo già realizzate nel nostro paese. Vengono citate esperienze realizzate da enti e soggetti pubblici ma anche privati. Non si ritiene la loro segnalazione un turbamento della concorrenza, ma una segnalazione in positivo di chi è in grado per la qualità ambientale del suo esempio di moltiplicare (sia tra gli enti pubblici che tra le aziende private) le pratiche virtuose da parte della popolazione, a partire dai più elementari comportamenti a livello domestico

7 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 7 Esperienze veneziane In questo fondamentale capitolo, che sarà lasciati aperto e continuamente aggiornato sul sito, si collocano esempi e consigli per il (ri) uso a livello locale. Poiché si tratta di un manuale ognuno di noi deve sapere a chi riferirsi sul suo territorio per poter praticare la riduzione dei rifiuti. Lo sviluppo di questa parte è lo scopo del manuale e si chiamano perciò persone, associazioni e gruppi ad esserne non lettori, ma utenti. Nel senso di rendersi disponibili a contribuire con la loro esperienza a far crescere la rete delle conoscenze e delle pratiche comuni.

8 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 8 Le acque minerali in origine erano poche e venivano usate per scopi terapeutici specifici; non a caso venivano vendute in farmacia. Da qualche decennio si è moltiplicato il numero dei loro produttori e distributori. Essi estraggono lacqua pubblica grazie a concessioni assai poco onerose, rivendendola a prezzi maggiorati decine di volte. Una pubblicità sempre più aggressiva, ha portato al progressivo abbandono del consumo di acqua potabile. perché ha alimentato il sentire comune che lacqua di rubinettosia cattiva e faccia male. Gli italiani detengono il record di consumo di acqua minerale pro capite con 203 litri per abitante all'anno. Secondo i dati della libera Università di Alcatraz una famiglia di 4 persone spende mediamente da 250 a 500 euro all'anno per acquistare acqua in bottiglia. Se si considera il peso di un contenitore di plastica (bottiglia PET (polietilene) da 1/2 l: peso vuoto 25 g; da 1,5 l : g; bottiglia vetro a rendere da l0,5: Peso vuoto 0,320 kg) si ha unidea della enorme produzione di rifiuti provocata da questo consumo. Questi costi economici e ambientali potrebbero facilmente spingerci a tornare a bere acqua potabile, se appena riflettiamo sul fatto che essa è sottoposta a controlli molto superiori a quelli cui devono sottostare le acque minerali; dal punto di vista sanitario offre quindi molte più garanzie di questultime. Ad esempio, se alle volte notiamo che lacqua sa di cloro è proprio perché si tratta di un trattamento preventivo di depurazione imposto dallautorità sanitaria pubblica. Spesso basta spillare lacqua e lasciarla in una caraffa aperta per farlo evaporare ed eliminare il fastidio. Inoltre, sono disponibili metodi quali lacquisto di filtri compositi per eliminare il cloro e i sapori sgradevoli dall'acqua potabile che arriva dall'acquedotto (soluzioni in vendita per poche decine di euro presso lorganizzazione del commercio equo e solidale) Scheda 1 Prevenzione dei rifiuti derivanti da Acqua minerale Scheda introduttiva sul significato dellazione

9 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 9 Cosa possono fare le famiglie a)Consumare acqua potabile b)Consumare acqua potabile gassificata o microfiltrata c)NON USARE ACQUA MINERALE. Cosa può fare lAssociazione Cosa si può fare Campagna per luso dellacqua pubblica e la sua difesa secondo il Contratto mondiale dellacqua Relazionarsi con il progetto di consumo critico Rubinetti solidali (http://www.rubinettisolidali.it/ ),http://www.rubinettisolidali.it/ Gruppo di acquisto per Filtri e gasificatori a prezzo concordato e di sicura affidabilità

10 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 10 Cosa possono fare altri soggetti (ATO acqua, Vesta spa, Comune e Municipalità, Piccola, media e grande distribuzione commerciale, commercio equo e solidale, Esercenti) Campagna in favore delluso alimentare dellacqua pubblica e contro la produzione di rifiuti derivanti dalle bottiglie di acqua minerale Vendita di filtri compositi per acqua potabile (assolutamente garantita e sicura sotto il profilo sanitario grazie a costanti controlli e alla legge che ne garantisce le caratteristiche di potabilità) per eliminare gli effetti collaterali della clorazione (odore, gusto ed eventuale formazione di cloroderivati) Sperimentazione di nuovi prodotti alternativi al cloro e con minori ricadute sul gusto dellacqua potabile Accordo con commercianti ed esercenti per la distribuzione di acqua potabile fresca e frizzante (Acqua di Venezia) a prezzo politico in alternativa alla minerale e per la diffusione di una cultura solidale dellacqua. Lutente potrebbe pagare il contenitore la prima volta e riutilizzarlo poi per i riempimenti successivi, a prezzi comunque competitivi con quelli della minerale, anche lasciando un piccolo contributo in favore di progetti di uso sostenibile della risorsa Offerta ai turisti nel pacchetto delle Eco bag di una borraccia segnalando le possibilità di rifornimento diAcqua di Venezia presso commercianti ed esercenti, per dare un segno di accoglienza da parte della città Ripristino delle fontanelle pubbliche e segnalazione delle loro collocazioni Cosa si può fare

11 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 11 Come misurare i risultati dellintervento Per le famiglie valutare la diminuzione dellacquisto dellacqua minerale – vedere scontrini fiscali; Per gli esercizi aderenti, valutare la diminuzione di vendita dellacqua minerale – vedere fatture e bolle di accompagnamento; Stimare (a partire dal peso delle bottiglie) la prevenzione delle famiglie e degli esercizi Valutare le vendite di filtri compositi per il miglioramento dellacqua di rubinetto Chiedere ad un GAS si fare una prova puntuale: diminuzione del consumo di acqua minerale in bottiglia prima e dopo la cura Stima rifiuto da imballaggio prevenuto, a partire da pesi unitari contenitori Come misurare i risultati dellintervento

12 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 12 Esperienze veneziane a) Per incoraggiare e spiegare i benefici delluso dellacqua di rubinetto: Lacqua di casa: buona,sicura e conveniente - in Vesta informa n. 2/2006 ask=cat_view&Itemid=1&gid=15&orderby=dmdate_published& ascdesc=DESC ask=cat_view&Itemid=1&gid=15&orderby=dmdate_published& ascdesc=DESC Buone pratiche in Italia a)Comune di Alba: Bevi lacqua del rubinetto - Programma di informazione e comunicazione per un uso sostenibile della risorsa acqua ad Alba - 26&tab=qry12 26&tab=qry12 b)Comune di Firenze: Acquartiere4 - Progettazione e realizzazione sul Quartiere 4 di una offerta di acqua da bere alternativa allacqua minerale, per generare meno rifiuto &tab=qry12 77&tab=qry12 acquistare Filtro a Struttura Composita per il trattamento delle acque potabili m m Buone pratiche in Italia e a Venezia

13 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 13 Come gestire il manuale Diffusione in rete mette a disposizione traccia e materiali di base (da prossima settimana in )www.rifiutilab.it/prevenzione Costruzione delle pratiche nel territorio (Comune VE) e in diversi territorio sviluppa un network Confronto con operatori istituzionali ed economici (v. tavola rotonda) Strumento del Tavolo dellAltra Economia: - prevenzione rifiuti è elemento base economia sostenibile - rete di 46 soggetti tavolo consente di esplorare occasioni di prevenzione sul territorio Lo sviluppo delle esperienza locali è lo scopo del manuale: persone, associazioni e gruppi ne sono non lettori, ma utenti. -Dal ri-mercato dei ri-prodotti si creano occasioni di lavoro per terzo settore

14 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 14 Il Manuale e la sua diffusione Itinerario educativo su prevenzione rifiuti (con Politiche Educative del Comune di Venezia) Educazione alla prevenzione dei rifiuti e cittadinanza attiva (Con Provincia di Venezia?CBRV) Storie di furbonia Go fato un sogno Contatto per presentazione a fiera EcoMondo RM Circuitare prevenzione dal basso es. 16 Lido festa dei popoli

15 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 15 Le campagne acqua e rifiuti -gruppo di famiglie campione ( GAS,?) progetto "Come superare la "dipendemza" da acqua minerale bevendo acqua pubblica". Monitorare minor spesa, minor produzione di rifiuti e gradimento dell'acqua - Collaborazione Vesta (gestore dell'acquedotto), Comune e Municipalità per doppia valenza campagna (+ acqua pubblica e - rifiuti) - acqua di Venezia ai veneziani - per bere acqua di rubinetto, eventualmente filtrandola* - bottiglia con acqua di Venezia ai turisti, nelle EcoBag, con segnalazione rete fontane e distribuzione acqua di Venezia -Sostegno a prgetto collaborazione equa uso risorsa * Con commercio equo filtri a struttura composita per trattamento acqua potabili (e riduttori flussi per ridirre consumo non alimentare)

16 Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 16 Se il discorso si allarga Non perdiamoci di vista Tra un anno a festa del baratto 2008 fare il punto: -locale con tavolo Altra Economia - nazionale se lesperienza si sviluppa a Festa del baratto + tavolo AE potrebbero diventare la sede permanente delle inzitive fierstiche e convegnistiche sulla prevenzione dei rifiuti


Scaricare ppt "Mario Santi Presentazione manuale prevenzione rifiuti a livello domestico 1 La prevenzione dei rifiuti come pratica nella vita quotidiana – Dalle azioni."

Presentazioni simili


Annunci Google