La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trenitalia Roma, 9 dicembre 2008. 2 Indice Scenario di riferimento Risultati raggiunti Le prospettive.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trenitalia Roma, 9 dicembre 2008. 2 Indice Scenario di riferimento Risultati raggiunti Le prospettive."— Transcript della presentazione:

1 Trenitalia Roma, 9 dicembre 2008

2 2 Indice Scenario di riferimento Risultati raggiunti Le prospettive

3 3 Scenario di riferimento

4 4 Scenario di business del 2008 Pil in flessione in Europa; ultimi due trimestri negativi in Italia Inizio stagflazione in Cina: riduzione dei noli container dal Far East del 75% Tassi di interesse in forte crescita (crisi liquidità) Consumi di carburanti -2% su rete stradale italiana Traffico autostradale con valori negativi da aprile Traffico aeroportuale in flessione continua da luglio Scenario macro Scenario competitivo Forte pressione sui prezzi/volumi Nuovi comportamenti degli operatori sul mercato; saltati gli schemi Esempi di forte integrazione lungo la catena del valore Criticità da parte dei fornitori Piccole imprese rail in difficoltà; potenziali prede dei big player

5 5 Effetti dell introduzione dei servizi AV TGV Parigi-Lione (81–84) AVE Madrid-Siviglia (91–97) Thalis Parigi–Bruxelles (94–98) Raddoppio del traffico ferroviario sulla rete di servizi AV ed Eurostar TGV Parigi–Strasburgo (07–08) 11 M Viaggiatori nel primo anno di attività

6 6 La mobilità nelle grandi aree metropolitane Nel 10% del territorio risiedono: - 50% dei Residenti - 55% degli Occupati Aree dense del Paese Nelle Aree Metropolitane è concentrato oltre il 60% dei consumi nazionali. Viaggiatori sui treni La domanda soddisfatta

7 7 Domanda potenziale nelle grandi aree metropolitane

8 8 Sicurezza nel trasporto terrestre in Italia Morti e feriti per incidenti in Italia Media (n/ G pass.km) 421,0 Ferrovie circa 25 volte più sicura per rischi fatali e 400 volte per ferimenti Sia in termini di rischio individuale che cumulato la ferrovie sono molto al di sotto delle soglie di rischio accettabile (decreto 28 ottobre 2005) Morti su strada per G pass.km (media )

9 9 Con lo sviluppo della quota modale ferroviaria si garantisce il rispetto della normativa ambientale sia nazionale che comunitaria. Salvaguardia dell Ambiente

10 10 Risultati raggiunti

11 11 (*) (*) Aggiornamento a settembre 2008 Incidenti tipici per M/Treno.km ( ) Sicurezza

12 12 (*) Aggiornamento a settembre 2008 Puntualità (Standard B)

13 13 Trenitalia: risultati economici Ricavi e costi cash unitari (/treno.km)

14 14 Le prospettive

15 15 STATO REGOLATORE STATO AZIONISTA STATO CLIENTE Definisce le regole del mercato intra-modale (allinterno del settore ferroviario) ed inter-modale (tra le varie modalità di trasporto) Assicura i mezzi per garantire solidità economica e finanziaria alle proprie imprese del settore e controlla i risultati di gestione Acquista i prodotti/servizi del settore specificandone i relativi livelli prestazionali e qualitativi (obblighi di servizio pubblico) Blindare i contratti di servizio evitando clausole che modifichino le contrattualizzazioni a seguito delle previsioni della Legge Finanziaria Rapporto con lo Stato e la P.A.

16 16 Servizio a mercato Servizio universale Assunzione del principio della separazione tra: Servizi a mercato e servizi universali Regolamentazione Authority Rimborso costi + mark up Rigidità Tariffa compenso fissato d'autorità per determinate prestazioni Prezzo valore sia di un bene sia di un servizio da utilizzare Liberalizzazione Posizionamento competitivo (leva del marketing mix) Valore delliniziativa Flessibilità

17 17 Trasporto ferroviario: I Business di riferimento Servizi Passeggeri a Mercato Sviluppo secondo logiche di rischio dimpresa in un mercato completamente liberalizzato; Servizi universali ai Passeggeri Contratti di Servizio certi e esigibili; Risorse eque in linea con i principali benchmark di riferimento; Servizi alle merci Sviluppo internazionale; Servizio universale di trazione con risorse adeguate come scelta di politica modale;

18 18 RETE AV/AC Km Linee TO-MIMI-BOBO-FIRM-NARM-MI Presente 1: 221: 42591: 274: 30 Futuro 1: 00 Dicembre : 05 Dicembre Dicembre : 10 Dicembre : 00 non stop TEMPI PERCORRENZA CON TRENI ETR TEMPI PERCORRENZA CON TRENI ETR Il nuovo sistema Alta Velocità / Alta Capacità

19 19 414K TO GE XX RC BA LE SR PE CZ CT FG TA PZ BN SA ME 627 K MI PI VE BO FI AN VR TS UD BZ LI RN GR PG ROMA PA NA CE AG Servizi a mercato Servizi universale AG Mercato passeggeri Grandi Aree urbane Linee di collegamento tra aree urbane Linee di collegamento con lEuropa Linee di collegamento Sicilia/Calabria e Puglia ReteEstensione Km Km Km % 13% 8% Sulla rete in esercizio - circa km - la produzione annua è di oltre 300 Mln di treni x km. Su un terzo della rete i due terzi del traffico

20 20 Corrispettivi unitari Cent/pass.km Regionale: Benchmark tariffe e corrispettivi 11,8 Ricavi da traffico unitari 15,1 19,2 22,1 I servizi regionali di Trenitalia sono i meno remunerati dalla P.A. e dal mercato, sia in confronto alle ferrovie in Francia e Germania sia sul mercato interno vs altri modi. Il prezzo di riferimento, che consente anche di ripagare parte del costo del capitale investito, è pari a 14,5 Cent/UT 14,5 Oltre a tariffe più alte, in F e D lo Stato assicura anche lacquisto treni Target

21 21 A) Pedaggio CATALOGO B) Servizi di Trasporto C) Servizi Costo del Pedaggio secondo Normativa Costo per ora dei Servizi di trasporto per categoria Costi dei Servizi a turno o a corpo Il Contratto di Servizio e la Sostenibilità economica Efficienza a Benchmark

22 22 A) Pedaggio Catalogo CATALOGO B) Servizi di Trasporto C) Servizi Costo del Pedaggio secondo Normativa Costo per ora dei Servizi di trasporto per categoria Costi dei Servizi a turno o a corpo

23 23 DM 43T/2000 / DM 18/8/2006 / Integrazione Ministero dei Trasporti GU 7/10/2006 Il pedaggio e EE seguono le dinamiche normative e del PIR che fa riferimento a: A) Pedaggio e EE

24 24 B) Trasporto Il Catalogo Servizi di Trasporto: esempio C*COMPOSIZIONE TRENI POSTI SEDUTI OFFERTI C* LISTINO PREZZI (/ora) C1Aln (2 pz) / MINUETTOinferiore a 150C1509,74 C2 Aln – TAF Ale 801/940/841/724 (4pezzi) PR (5+1) – DP (2+1) – Vivalto (3+1) – UIC X (5+1) – MDVE (5+1) – MDVC (5+1) da 150 a 500C2568,75 C3 DP (3+1) – Vivalto (4+1) – PR (6+1) –UIC X (6+1) – MDVE (6+1) – MDVC (6+1) da 500 a 600C3746,32 C4 DP (4+1) – Vivalto (5+1) – PR (7+1) –UIC X (7/8+1) – MDVE (7/8+1) – MDVC (7/8+1) – (altro) oltre 600C4798,36 *C=Categoria

25 25 C) Servizi Il Catalogo dei Servizi SERVIZIPREZZI () Biglietterie Prezzo per turno/sportello (turno 7,12 ore – contratto di lavoro in essere – minimo 22 turni mensili) +10% per aperture festive +20% per i primi 2 anni di apertura in caso di aperture diverse dalla rete esistente 313 SipaxIn base ai viaggiatoriKM0,0019 Servizi di Informazione Call Center/Orario/Internet Prezzo per ora di produzione (orario 2007) 1,15 Assistenza Prezzo per Turno +20% per attivazione dei servizi di assistenza in località diversa da quelle esistenti 280

26 26 Affidamento gare pulizie Le procedure in corso Prima gara da 73 M/anno su 20 lotti (Liguria, Lombardia, Lazio, Campania, Puglia) Superati 2 ricorsi al TAR e 2 al Consiglio di Stato Affidamenti previsti per gennaio 2009 Entro novembre 2008 avvio seconda gara per lotti pulizie restanti Affidamenti completati entro aprile 2009 Caratteristiche delle Gare di Pulizie Offerta economicamente più vantaggiosa Perimetro gara: solo pulizie escluse attività accessorie e ferroviarie Criteri di selezione rigorosi Lotti dedicati per Business Unit Dimensione media lotti 3-4 M Clausola sociale Focus su risultato e non su prestazioni

27 27 Rapporto Associazioni Consumatori Vantaggi: Rapidità Costi contenuti Trasparenza Migliore scambio informativo Miglioramento dei rapporti Caratteristiche Procedura paritetica a carattere sperimentale Obiettivo: risoluzione extragiudiziale dei reclami tra Trenitalia e utenti Durata 12 mesi Tiene conto delle Raccomandazioni UE 257/98 e UE 310/01 Verifica con le Associazioni dopo il primo trimestre Riferimento impegni contrattuali assunti nei documenti ufficiali Riguarda Eurostar/AV, ESCity, IC, ICPlus sulla NA-MI e viceversa Firmato il 30 settembre laccordo per la procedura di Conciliazione

28 28 Servizi Merci 5% e oltre da 2% a 4,99% da 1% a 1,99% da 0 a 0,99% Produzione industriale Mercato Servizio Universale I ricavi della trazione combinata, sia nei servizi a mercato che nel servizio universale, non consentono di realizzare lequilibrio economico e finanziario.


Scaricare ppt "Trenitalia Roma, 9 dicembre 2008. 2 Indice Scenario di riferimento Risultati raggiunti Le prospettive."

Presentazioni simili


Annunci Google