La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MASTER DI I° LIVELLO GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE CON LESIONI CUTANEE E CRONICHE LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Catanzaro 17 giugno 2011Dott.ssa Caterina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MASTER DI I° LIVELLO GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE CON LESIONI CUTANEE E CRONICHE LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Catanzaro 17 giugno 2011Dott.ssa Caterina."— Transcript della presentazione:

1 MASTER DI I° LIVELLO GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE CON LESIONI CUTANEE E CRONICHE LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Catanzaro 17 giugno 2011Dott.ssa Caterina Azzarito UNIVERSITA MAGNA GRAECIA DI CATANZARO

2 Decreto del presidente del Consiglio dei Ministri del 29 novembre 2001 Definizione dei Livelli essenziali di assistenza ( LEA) entrato in vigore il 23 febbraio le prestazioni e i servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di partecipazione (ticket), con le risorse pubbliche raccolte attraverso la fiscalità generale

3 I LEA sono organizzati in tre grandi Aree lassistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro lassistenza distrettuale lassistenza ospedaliera

4 Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro comprende tutte le attività di prevenzione rivolte alle collettività ed ai singoli: tutela dagli effetti dellinquinamento, rischi infortunistici negli ambienti di lavoro, sanità veterinaria, tutela degli alimenti, profilassi delle malattie infettive, vaccinazioni e programmi di diagnosi precoce, medicina legale

5 Assistenza distrettuale le attività e i servizi sanitari e sociosanitari diffusi capillarmente sul territorio: dalla medicina di base allassistenza farmaceutica, dalla specialistica e diagnostica ambulatoriale alla fornitura di protesi ai disabili, dai servizi domiciliari agli anziani e ai malati gravi dai servizi territoriali (consultori familiari, SERT, servizi per la salute mentale, servizi di riabilitazione per i disabili, ecc.), dalle strutture semiresidenziali e residenziali (residenze per gli anziani e i disabili, centri diurni, case famiglia e comunità terapeutiche);

6 Assistenza ospedaliera le attività e i servizi sanitari prestati ai cittadini negli ospedali e nelle strutture private accreditate pronto soccorso, in ricovero ordinario, day hospital e day surgery, lungodegenza e riabilitazione

7 Le prestazioni e i servizi inclusi nei LEA rappresentano il livello essenziale garantito a tutti i cittadini le Regioni potranno utilizzare risorse proprie per garantire servizi e prestazioni ulteriori rispetto a quelle incluse nei LEA.

8 Le principali fonti normative sui Livelli essenziali di assistenza (Lea) decreto legislativo n. 502 del 1992, aggiornato dal decreto legislativo n. 229 del 1999, e dalla legge n. 405 del 2001.

9 Il d.lgs. n. 502/1992 definisce i Lea, allart. 1, come linsieme delle prestazioni che vengono garantite dal Servizio sanitario nazionale, a titolo gratuito o con partecipazione alla spesa, perché presentano, per specifiche condizioni cliniche, evidenze scientifiche di un significativo beneficio in termini di salute, individuale o collettiva, a fronte delle risorse impiegate. Pertanto, sono escluse dai Lea le prestazioni, i servizi e le attività che non rispondono a necessità assistenziali, le prestazioni di efficacia non dimostrabile o che sono utilizzate in modo inappropriato rispetto alle condizioni cliniche dei pazienti e le prestazioni che, a parità di beneficio per i pazienti, comportano un impiego di risorse superiore ad altre (sono più costose di altre).

10 In attuazione della legge n. 405 è stato emanato il DPCM. 29 novembre 2001 Definizione dei Livelli essenziali di assistenza negli allegati elenca le attività e le prestazioni incluse nei Livelli, le prestazioni escluse, le prestazioni che possono essere fornite dal Servizio sanitario nazionale solo a particolari condizioni.

11 Gli allegati lallegato 1 riporta le prestazioni erogate dal Ssn nelle tre grandi aree di offerta della Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro, dellAssistenza distrettuale e dellAssistenza ospedaliera lallegato 2 A elenca le prestazioni escluse dai Lea, gli allegati 2 B e 2 C le prestazioni erogabili in particolari condizioni lallegato 3 fornisce indicazioni particolari per lapplicazione dei Lea lallegato 4 descrive il ruolo delle Regioni in materia di Lea lallegato 5 riporta gli impegni assunti dalle Regioni per la riduzione delle liste di attesa delle prestazioni specialistiche ambulatoriali e di ricovero

12 Il Decreto ministeriale 12 dicembre 2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dellassistenza sanitaria rappresenta uno strumento indispensabile per verificare leffettiva applicazione dei Livelli essenziali di assistenza. Il decreto definisce uninsieme di indicatori, riferiti ai diversi livelli di assistenza, attraverso i quali, partendo da dati di base, è possibile ottenere informazioni sintetiche sullattività svolta dalle aziende sanitarie locali, la diffusione dei servizi, le risorse impiegate, i costi, i risultati ottenuti.

13 Il Decreto ministeriale 12 dicembre 2001 In dettaglio, oltre al testo del decreto, sono disponibili: lelenco degli indicatori le schede che riportano, per ciascun indicatore, la definizione, i dati di base per la costruzione dellindicatore, la fonte dei dati, il parametro di riferimento le definizioni metodologiche per individuare i dati di base

14 Ulteriori DPCM Il DPCM 16 aprile 2002 è il provvedimento che ha inserito nel D.P.C.M. 29 novembre 2001 di Definizione dei livelli essenziali di assistenza, lallegato 5 sulle liste di attesa. Il DPCM. 28 novembre 2003 ha modificato il decreto sui Lea, inserendo nei Livelli alcune certificazioni mediche precedentemente escluse.

15 La normativa Lart. 54 della legge 27 dicembre 2002, n.289, (Legge finanziaria 2003) specifica la procedura per modificare i Lea. Il comma 169 della Legge 30 dicembre 2004, n.311, (Legge finanziaria 2005) affida al Ministro della Salute il compito di fissare gli standard qualitativi, strutturali, tecnologici, di processo e possibilmente di esito, e quantitativi, di cui ai livelli essenziali di assistenza anche al fine di garantire che le modalità di erogazione delle prestazioni incluse nei Lea siano uniformi sul territorio nazionale.

16 LIntesa Stato-Regioni del 23 marzo 2005 prevede listituzione, presso il Ministero della salute, del Comitato permanente per la verifica dellerogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza con il compito di verificare lerogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza in condizioni di appropriatezza e di efficienza nellutilizzo delle risorse, nonché la congruità tra le prestazioni da erogare e le risorse messe a disposizione dal Servizio Sanitario Nazionale.

17 Ulteriori normative Il Decreto Ministeriale 21 novembre 2005 che istituisce il Comitato permanente di verifica dei Lea. Il DPCM del 5 marzo 2007 che modifica alcuni parti del DPCM 29 novembre 2001, con particolare riferimento alla non autosuffcienza.

18 Comitato Livelli Essenziali Assistenza Il Comitato è stato istituito con decreto del Ministro della salute del 21 novembre 2005 ed è composto: da quattro rappresentanti del Ministero della salute (di cui uno con funzioni di coordinatore), due rappresentanti del Ministero dellEconomia e delle Finanze, un rappresentante del Dipartimento per gli affari regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri sette rappresentanti delle Regioni designati dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome.

19 Attività del comitato LEA LIntesa specifica che lattività del Comitato, il quale si avvale del supporto tecnico dellAgenzia per i Servizi Sanitari Regionali, si svolga sulla base delle informazioni del sistema di monitoraggio e garanzia del Servizio Sanitario Nazionale di cui al decreto ministeriale del 12 dicembre 2001 e dei relativi flussi informativi afferenti al Nuovo Sistema Informativo Sanitario.

20 Attività del comitato LEA Il Comitato nella fase iniziale della sua attività ha condiviso un documento di individuazione delle funzioni di sua competenza, annualmente approva il Questionario per la raccolta della documentazione necessaria per la verifica degli adempimenti relativi allanno precedente a quello in corso, certifica ladempienza o meno delle Regioni quale presupposto per la verifica finale degli adempimenti da parte del Tavolo tecnico presso il Ministero delleconomia e delle finanze, di cui allarticolo 12 dellIntesa Stato Regioni 23 marzo 2005.

21 Il Patto per la salute conferma ed integra le funzioni del Comitato permanente per la verifica dei Livelli essenziali di assistenza e del Tavolo di verifica degli adempimenti e istituisce inoltre una Struttura tecnica di monitoraggio (STEM) paritetica con le Regioni.

22 Il Patto per la salute Quanto al monitoraggio e alla verifica dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), nello stesso documento si conviene di aggiornare il provvedimento relativo al sistema di indicatori di garanzia nonché di utilizzare, nella fase intermedia, il set di indicatori già approvato per lanno 2007 dal Comitato permanente per la verifica dei LEA, e di monitorare landamento degli stessi LEA in relazione alla definizione dei costi standard, in attuazione del federalismo fiscale.

23 Monitoraggio dei Livelli essenziali di assistenza (LEA) Lerogazione delle prestazioni e dei servizi contemplati nei LEA deve avvenire in condizione di appropriatezza, adeguato livello qualitativo ed efficienza. La garanzia delleffettiva erogazione sul territorio e delluniformità delle prestazioni rese ai cittadini è disciplinata dal DM 12 dicembre 2001, che, emanato ai sensi del D. Lgs. 56/2000, fornisce un set di indicatori rilevanti per la valutazione dellassistenza sanitaria finalizzata agli obiettivi di tutela della salute perseguiti dal Servizio Sanitario Nazionale.

24 Monitoraggio dei Livelli essenziali di assistenza (LEA) il monitoraggio dellassistenza sanitaria erogata dalle Regioni sul territorio nazionale avviene attraverso una serie di informazioni che, raccolte ed opportunamente elaborate e rappresentate sotto forma di indicatori, consentono di leggere importanti aspetti dellassistenza sanitaria, inclusi quelli di qualità, appropriatezza e costo. La misurabilità dei risultati di salute e dellimpatto degli interventi sanitari è divenuta nellopinione degli operatori e programmatori sanitari nazionali e regionali una condizione essenziale per lefficienza e lefficacia dellazione di coloro che erogano le prestazioni sanitarie. Tenere sotto controllo il livello quantitativo di raggiungimento degli obiettivi e dei benefici finali attesi rende possibile un intervento tempestivo sulle criticità e getta le basi per il miglioramento del sistema.

25 Relazione sullo stato sanitario del Paese Gli indicatori di monitoraggio dei livelli di assistenza tra le Regioni manifestano evidenti differenze fra le realtà territoriali italiane e sottolineano costantemente lesigenza di indagare e promuovere lequità del sistema a garanzia del necessario superamento delle disuguaglianze sanitarie, sociali e territoriali. È ancora presente su molti aspetti dellassistenza sanitaria un forte divario tra le Regioni meridionali e quelle centro settentrionali, e allinterno di queste ultime persistono aree disagiate sotto il profilo dei servizi sanitari disponibili La garanzia dei Livelli Essenziali di Assistenza non è altro che il dotarsi di strumenti valutativi che colgano le disomogeneità presenti nella domanda e nellofferta dei servizi, eliminando gli effetti delle differenze reali esistenti nella struttura demografica, sociale ed economica della popolazione

26 Gli adempimenti LEA Nellintesa Stato-Regioni del 23 marzo 2005 sono previsti una serie di adempimenti ai quali sono tenute le Regioni per accedere al maggior finanziamento del SSN. La verifica degli adempimenti, mediante un lavoro istruttorio preparato dagli uffici del Ministero con il supporto dellAge.Na.S. e dellAIFA, è a cura del Comitato permanente per la verifica dellerogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza in condizioni di appropriatezza ed efficacia nellutilizzo delle risorse

27 Gli adempimenti LEA Tra gli adempimenti rientra il mantenimento nellerogazione dei LEA che è esaminato nei suoi molteplici settori, dalle liste di attesa al processo di accreditamento, dalla valutazione di appropriatezza organizzativa e di economicità nellutilizzo delle risorse alla verifica che lerogazione di livelli aggiuntivi avvenga con ulteriori risorse, dalla verifica del recepimento di accordi e intese Stato-Regioni ai controlli sulle cartelle cliniche.

28 La certificazione degli adempimenti LEA La certificazione degli adempimenti avviene mediante la documentazione richiesta appositamente alle regioni attraverso un questionario ed unanalisi della stessa integrata con informazioni già presenti presso il Ministero. Alla certificazione partecipano attivamente i componenti del Comitato LEA che stabiliscono la metodologia da seguire ed i criteri di adempienza o inadempienza delle Regioni. Il lavoro istruttorio viene condotto dagli uffici del Ministero competenti nelle materie degli adempimenti, esaminato e convalidato dai componenti del Comitato LEA e la certificazione finale avviene con un confronto diretto con i rappresentanti regionali. La certificazione degli adempimenti relativi allarea mantenimento nellerogazione dei LEA ha anche una valutazione sintetica che tenta di dare una panoramica complessiva delleffettiva erogazione dei livelli di assistenza su tutto il territorio nazionale e che lerogazione avvenga con efficienza ed appropriatezza. A tal fine è stato definito un set di indicatori per i diversi settori dellassistenza.

29 Strumenti di monitoraggio Il primo strumento di monitoraggio descritto nellintroduzione (DM 12/12/2001), brevemente rinominato sistema di garanzia, è rappresentato da indicatori di monitoraggio che investono tutti i livelli di assistenzale si esplicano in termini di costo, di attività e di risorse. Per alcuni settori dellassistenza sanitaria consentono anche valutazioni di appropriatezza, qualità e outcome. La pubblicazione dei risultati del monitoraggio avviene attraverso un rapporto nazionale ad ampia diffusione, a cadenza periodica

30 Il Rapporto di monitoraggio costituisce il quarto Rapporto di monitoraggio dellassistenza sanitaria rappresenta un tentativo di illustrare in modo analitico e allo stesso tempo semplice, la reale situazione dellassistenza sanitaria sul territorio nazionale e leffettiva attuazione dei livelli essenziali individuati a livello centrale. Il Volume è organizzato con schede analitiche per ciascun indicatore che riportano definizione, dati e analisi dei risultati

31 COPERTURE VACCINALI NEI BAMBINI IN ETA' INFERIORE AI 24 MESI

32 COSTO PRO CAPITE DEL SERVIZIO DI IGIENE E SANITA' PUBBLICA

33

34 COSTO DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO SULLA POPOLAZIONE ATTIVA

35

36

37

38 PERCENTUALE DI DONNE SOTTOPOSTE A SCREENING PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEI TUMORI DELL'APPARATO GENITALE FEMMINILE - PAP-TEST E MAMMOGRAFIA % donne sottoposte a pap test

39 % donne sottoposte a mammografia

40 COSTO PRO-CAPITE DELL'ASSISTENZA TERRITORIALE, SEMIRESIDENZIALE E RESIDENZIALE AGLI ANZIANI

41 ATTRAZIONE E FUGA L'indice di attrazione è definito come il rapporto percentuale tra il numero di dimessi non residenti ed il numero totale dei dimessi nella regione; l'indice di fuga, al contrario, è il rapporto percentuale fra il numero dei residenti dimessi fuori regione ed il numero totale dei residenti dimessi ovunque. Il primo indicatore permette di quantificare la capacità di una regione di attirare pazienti residenti altrove, l'altro di stimare la propensione della popolazione ad allontanarsi dal luogo di residenza per poter usufruire delle prestazioni sanitarie richieste. I due indicatori sono evidentemente complementari e, pur non consentendo un'analisi dettagliata come quella offerta dalle matrici di mobilità, costituiscono un importante strumento per valutare in modo sintetico la richiesta di mobilità sul territorio nazionale.

42

43 Adempimento mantenimento dellerogazione dei LEA attraverso gli indicatori della griglia Lea Metodologia e Risultati dellanno 2009 La verifica sintetica delladempimento sul mantenimento dei LEA avviene attraverso la raccolta ed elaborazione di un set di indicatori selezionati appositamente dai rappresentanti del Comitato LEA con il fine di conoscere lerogazione dei livelli di assistenza sul territorio nazionale ed evidenziare le eventuali criticità. Per dare una valutazione complessiva delleffettiva erogazione dei livelli di assistenza su tutto il territorio nazionale e che lerogazione avvenga con efficienza ed appropriatezza è stato studiato un set di indicatori per i diversi settori dellassistenza. GRIGLIA INDICATORI CON PESI E SOGLIE :Le soglie sono suddivise in 5 classi e a ciascuna classe è assegnato un punteggio. La somma dei prodotti dei pesi per il punteggio fornisce un risultato finale che costituisce la valutazione globale della regione rispetto alladempimento sul mantenimento dei LEA. I punteggi finali vengono poi suddivisi in 3 classi: Adempiente Adempiente con impegno su alcuni indicatori Inadempiente o critica

44

45 Copertura vaccinale nei bambini a 24 mesi per ciclo base (3 dosi)

46 Vaccinazioni raccomandate - MPR

47 Vaccinazioni raccomandate - Influenza nellanziano

48 Proporzione di persone che ha effettuato test di screening di primo livello, in un programma organizzato, per cervice uterina, mammella, colon retto

49 Percentuale di anziani 65 anni trattati in ADI

50 Aprile 2008: i nuovi Lea In base allIntesa Stato-Regioni del 5 ottobre 2006 Patto sulla salute, e alla Legge 296 del 27 dicembre 2006, i Lea sono stati ridefiniti con il Decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 23 aprile 2008 che sostituisce integralmente il Decreto del 2001.Decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 23 aprile 2008 Il nuovo Decreto ha revisionato le prestazioni, arrivando a un totale di oltre 5700 tipologie di prestazioni e servizi per la prevenzione, la cura e la riabilitazione.

51 Livelli essenziali di assistenza, Calabria inadempiente la Calabria si attesta alle ultime posizioni della classifica sul mantenimento dei Lea. Sta quindi male, malissimo la sanità in Calabria. Così tanto da non riuscire a garantire le attività di screening per malattie tumorali, le percentuali di anziani assistiti in regime Adi e in strutture residenziali. Stessa sorte per i disabili e per i malati terminali. Poche, pochissime strutture capaci di assisterli. Sono invece elevati i tassi di ospedalizzazione. Più alti della media nazionale.

52 Piani di rientro Il giorno 31 marzo si è svolta la riunione congiunta del Tavolo Tecnico per la verifica degli adempimenti Regionali con il Comitato Permanente per la verifica dei Livelli Essenziali di Assistenza e la Regione Calabria, al fine di condurre la verifica trimestrale e annuale del Piano di rientro per lanno 2010 ed aggiornare la verifica adempimenti e la situazione debitoria; questultima per valutare il diritto sia per laccesso allanticipazione di liquidità sia per laccesso ai fondi FAS

53 Piani di rientro sussistono le condizioni per accedere allanticipazione di liquidità fino ad un massimo di 500 mln di euro. Essendo presente un disavanzo non coperto cumulativamente valutato per il periodo 01/01/ /12/2010 in 1.046,983 mln di euro si prefigurano le condizioni per lapplicazione degli automatismi fiscali previsti dalla legislazione vigente. Inoltre, si prefigurano le condizioni per lapplicazione del blocco automatico del turn over del personale del servizio sanitario regionale fino al 31 dicembre del secondo anno successivo a quello in corso. La verifica annuale del piano di rientro documenta un percorso di risanamento strutturale non ancora consolidato anche se nella proposta delle reti assistenziali limpostazione generale appare corretta.

54


Scaricare ppt "MASTER DI I° LIVELLO GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE CON LESIONI CUTANEE E CRONICHE LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Catanzaro 17 giugno 2011Dott.ssa Caterina."

Presentazioni simili


Annunci Google