La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Le politiche pubbliche Politica e politiche Che cosa sono le politiche pubbliche Politiche pubbliche e problemi collettivi Politiche pubbliche e leggi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Le politiche pubbliche Politica e politiche Che cosa sono le politiche pubbliche Politiche pubbliche e problemi collettivi Politiche pubbliche e leggi."— Transcript della presentazione:

1 1 Le politiche pubbliche Politica e politiche Che cosa sono le politiche pubbliche Politiche pubbliche e problemi collettivi Politiche pubbliche e leggi Attori e configurazioni di attori Tipologie delle politiche pubbliche Le fasi delle politiche pubbliche Gli schemi decisionali Il contributo dello studio delle politiche pubbliche alla conoscenza della politica

2 2 Le politiche e la politica Inglese politics policy Italiano politica Noi usiamo la stessa parola politica per indicare entrambi i concetti, ma in realtà sono completamente diversi: politica (in senso di politics) designa la sfera della lotta per la conquista del potere e per la definizione degli orientamenti generali del governo politica (in senso di policy) designa le misure per rispondere a uno specifico problema pubblico

3 3 La Scienza Politica come studio del Sistema Politico INPUT Domande e Sostegni Autorità : coloro che sono autorizzati dalle procedure, dalle norme, dalle regole e dalle istituzioni del regime a produrre “assegnazioni imperative dei valori” Regime : Procedure, regole, norme, Istituzioni Comunità : Tutti coloro che sono esposti al Regime Decisioni OUTPUT FEEDBACK WITHINPUTS OUTCOMES { Politiche Pubbliche Costitutive Regolative Distributive Redistributive Simboliche CONVERSIONE

4 4 Definizioni di politiche pubbliche (Meny Thoenig 1989):”Insieme di prassi e direttive che promanano da uno o più attori pubblici” (Dente): “Un insieme di azioni, compiute da un insieme di attori, che agiscono in relazione ad un problema collettivo” (Dunn): “Una politica pubblica è la risposta a un problema percepito come pubblico” (Lindblom):“processo di approssimazioni successive a qualche obbiettivo desiderato, dove ciò che è desiderato è continuamente sottoposto a riconsiderazioni”

5 5 Gli elementi del programma di azione pubblica Un programma di azione pubblica… si compone di una pluralità di provvedimenti, promana da autorità pubbliche dotate di una peculiare legittimità; ha valore normativo; si riferisce ad un determinato ambito sociale … del quale fanno parte integrante i processi a monte della decisione e quelli, a valle, di attuazione

6 6 Politica pubblica e problemi di rilevanza collettiva Non sempre quando c’è una politica pubblica c’è un “problema” da affrontare: può esserci un interesse delle autorità a farsi pubblicità, ottenere fondi, favorire determinati gruppi. Non sempre quando c’è un problema c’ è una politica pubblica per risolverlo: a)E’ un problema marginale, riguarda pochi gruppi poco influenti b)E’ un problema intrattabile c)E’ un problema la cui esistenza le autorità politiche possono sfruttare per più fini

7 7 Politiche pubbliche e leggi Le politiche pubbliche non hanno sempre bisogno di leggi (in certi casi si possono fare politiche anche senza una nuova legge) In ogni modo, la legge costituisce solo un ingrediente, tra gli altri della politica pubblica: contano anche tutte le discussioni e i negoziati che avvengono prima della legge e contano soprattutto le azioni che vengono dopo la legge, ossia i processi attuativi. –La legge è un atto normativo in cui si stabiliscono regole e si stanziano fondi. –La politica pubblica è un processo che parte da un problema e arriva a un risultato (e può comprendere anche l’emanazione di una o più leggi).

8 8 Gli attori “possibili” delle politiche pubbliche  Il governo  Il parlamento  La pubblica amministrazione e i nuovi attori istituzionali  I governi locali e subnazionali  I partiti  Soggetti privati portatori di interessi specifici  Gli esperti ATTORI ISTITUZIONALI ATTORI NON ISTITUZIONALI

9 9 Le configurazioni di attori rilevanti nel produrre politiche pubbliche Party government Corporativismo Triangoli di ferro Reti tematiche (Issue networks) Policy communities Comitologia

10 10 NUMERO DINUMERO DI ATTORI ATTORINUMERO DINUMERO DI ATTORI ATTORI INTENSITA’ DEI LEGAMI Triangolo di ferro: parlamentari- burocrati-lobbisti Issue networks: reti di attori che mutano a seconda del tema Policy communities: reti di attori che condividono valori, interessi, norme Intensità dei legami e numero di attori

11 11 Modelli del processo di produzione delle politiche pubbliche Party government Neo- corporativismo Triangoli di ferro Issue networks Policy communities Comitologia Schieramenti politici Stabili stabiliInstabiliLabiliMutevoli Arene decisionali Segmentate FrammentateDiffuseSovrapponibili Numero dei partecipanti LimitatoEsclusivoLimitatoIllimitatoEstesoMolto esteso Autorità centrale Presente Nessuna AssenteIncerta PotereIn canali politici (rappr.) In assetti istituzionali DisgregatoMolto disgregato FluttuanteConsiderevole Termine decisionale GabinettoNei settoriPer settoriNoNelle areePer settori GruppiVolontari marginali obbligatiVolontari SpontaneiVariegati, rappresentativi Accesso decisionale Chiuso ApertoPermeabileFacile Soluzionesi rararinviatafrequente

12 12 Relativamente alla loro natura Una realtà vasta e variegata di politiche pubbliche Relativamente alla loro portata Relativamente alla materia Dall’ordine pubblico ai servizi sociali alle relazioni internazionali Possono toccare pochissimi associati o tutta la cittadinanza, con impatti sociali molto diversi Possono assegnare beni, distribuire o estrarre risorse o regolare rapporti già esistenti, con effetti temporali diversi

13 13 Lowi: le politiche e le arene Politiche Distributive riguardano individui singoli o singole imprese scambio e reciproca non interferenza Regolative riguardano gruppi coalizioni, negoziazioni Redistributive riguardano classi sociali incontri al vertice, centralizzati Costitutive creazione delle regole del gioco e di nuovi organismi Arene Commissioni Parlamento nel suo ruolo classico Presidente (USA), Concertazione al vertice governativo (Europa)

14 14 Tipologie delle politiche pubbliche: Lowi [1972] Applicabilità della coercizione All’azione individualeall’ambiente dell’azione Probabilità della coercizione prossima Remota Politiche distributive Politiche costituenti Politiche regolative Politiche redistributive

15 15 Tipologie delle politiche pubbliche: Wilson [1980] Benefici concentratidiffusi Costi diffusiconcentrati Interest groups Politics (Pol.redistributive) Enterpreneurial politics Client Politics (Pol.distributive) Majoritarian politics

16 16 Le fasi di una politica pubblica Identificazione di un problema Formulazione di una politica Decisione Messa in opera (Attuazione o implementazione) Valutazione dei risultati Continuazione o fine della politica

17 17 Modelli di attuazione Top Down: il processo di attuazione di una politica pubblica procede quasi linearmente dal vertice politico e burocratico che l’ha formulata e approvata alla base, ossia a coloro che sono incaricati di attuarla concretamente. Bottom up: importanti e spesso decisivi dettagli operativi dell’attuazione (e talvolta dell’iniziativa) di una politica pubblica vengono definiti, selezionati e tradotti in pratiche specifiche soprattutto dagli “operatori” (Street level bureaucrats) che agiscono a diretto contatto con i fruitori delle politiche pubbliche

18 18 La catena degli effetti: un esempio Erogazione di contributi alle imprese; autorizzazioni, standard Rinnovamento tecnologico (nuovi impianti) Minori concentrazioni di inquinanti nelle emissioni Minori concentrazioni di inquinanti nell’aria Riduzione delle patologie respiratorie Politica contro l’inquinamento atmosferico outputs risultati intermedi (outcomes) risultati finali (impatti)

19 19 Criteri per la valutazione Efficacia: Capacità di conseguire gli obiettivi voluti Efficienza: Conseguimento degli obiettivi al minor costo possibile Raramente le politiche pubbliche cessano in seguito ad una valutazione negativa: si oppongono alla loro cessazione i policy takers e i policy givers.

20 20 Gli schemi decisionali Uno schema decisionale decisionale è una descrizione sintetica degli elementi essenziali del processo decisionale: quali caratteristiche ha il decisore quali sono i suoi attributi cognitivi come avviene la ricerca e la valutazione delle soluzioni come viene effettuata le scelta Quattro schemi decisionali: 1.Razionalità sinottica 2.Razionalità limitata 3.Incrementalismo sconnesso 4.Bidone della spazzatura

21 21 (1) Razionalità sinottica Il decisore (persona singola, comitato, gruppo) raccoglie tutte le informazioni e dati necessari, si impadronisce di tutte le variabili che influenzano la messa in opera della politica pubblica, prende in esame tutte le conseguenze possibili e sceglie la politica che consegue l’esito migliore possibile (ottimizza)

22 22 (2) Razionalità limitata (Simon) Il decisore (persona singola, comitato, gruppo) non raccoglie tutte le informazioni e dati necessari, né si impadronisce di tutte le variabili che influenzano la messa in opera della politica pubblica e neppure prende in esame tutte le conseguenze possibili. Nella raccolta dei dati e delle informazioni il decisore si arresta, perché ritiene per svariate ragioni (tempi, costi, difficoltà incorse, aspettativa di saperne abbastanza) di essere in grado di prendere una decisione soddisfacente anche se non ottimale. La ricerca delle alternative è spesso sequenziale e nella presa delle decisioni ci si affida a euristiche e routines.

23 23 (3) Incrementalismo sconnesso (Lindblom) I processi decisionali e di produzione di politiche pubbliche procedono non secondo un metodo “sinottico”, ma per tentativi, attraverso accordi e scambi, “crescendo” su decisioni già prese, revisionandole e modificandole. Le scelte sono fatte al margine e l’esito dei processi decisionali non dipende da nessuna razionalità (sinottica o limitata) ma da rapporti di forza, da relazioni di scambio, da processi di apprendimento. Gli obiettivi vengono adattati a mezzi di cui si dispone.

24 24 (4) Bidone della spazzatura (March-Olsen) La maggior parte dei processi decisionali è caratterizzata da enorme complessità. Le preferenze degli attori non sono stabili coerenti ed esogene; la partecipazione degli attori è fluida e l’attenzione è incostante; soluzioni e problemi sono costrutti intercambiabili. Più problemi (e più soluzioni) premono su più occasioni di scelta. Il decisore estrarrà casualmente dal “bidone della spazzatura” (leggi dalle occasioni di scelta ) un problema unitamente a una o più soluzioni. Non sarà possibile effettuare una valutazione comparata delle soluzioni prescelte. Fra soluzioni e problemi c’è solo un allineamento temporale.

25 25 Il modello “bidone della spazzatura ” Le variabili Gli attori ( A ) I problemi ( P ) Le soluzioni ( S ) Le occasioni di scelta ( O ) Le O sono bidoni della spazzatura in cui A buttano alla rinfusa P e S. La decisione dipende dall’incontro casuale di P e S. Il fattore tempo: la simultaneità

26 26 Il modello bidone della spazzatura P P P P P P P P P P PP P P P P P S SSS S S S S P S S S S S S S O O O A A

27 27 ModelliDecisoreAttività di ricerca Modalità di scelta Criterio decisionale Razionalità sinottica UnitarioAnalisi completa delle alternative CalcoloOttimizzazione Razionalità limitata UnitarioAnalisi sequenziale Confronto rispetto livello aspettative Soddisfazione Metodo incrementale Decisori “partigiani” Comparazioni limitate successive Mutuo aggiustamento partigiano Accordo Bidone della spazzatura Decisori variabili (casuali) Nessuna in particolare Incontro fra problemi e soluzioni Caso Caratteristiche principali dei modelli decisionali

28 28 Contributo conoscitivo dell’analisi delle politiche pubbliche Una più esatta individuazione di quali siano le poste in gioco della vicenda politica Una visione meno formalistica e più aderente alla realtà dei processi decisionali Una migliore comprensione dei rapporti tra politica e società, tra pubblico e privato La tematizzazione delle retroazioni che gli outputs del sistema politico hanno su quest’ultimo

29 29 Privatizzazioni e deregulation: inversione del ciclo I due grandi cicli delle politiche pubbliche nel XX secolo Intervento pubblico nell’economia Welfare state


Scaricare ppt "1 Le politiche pubbliche Politica e politiche Che cosa sono le politiche pubbliche Politiche pubbliche e problemi collettivi Politiche pubbliche e leggi."

Presentazioni simili


Annunci Google