La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1348 la peste Il Decameron di Giovanni Boccaccio La peste fu una strage senza precedenti. La società fu stravolta non solo nei suoi numeri (la popolazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1348 la peste Il Decameron di Giovanni Boccaccio La peste fu una strage senza precedenti. La società fu stravolta non solo nei suoi numeri (la popolazione."— Transcript della presentazione:

1 1348 la peste Il Decameron di Giovanni Boccaccio La peste fu una strage senza precedenti. La società fu stravolta non solo nei suoi numeri (la popolazione dimezzò) ma anche nei suoi valori morali. Il Decameron descrive gli effetti dellepidemia e immagina la fuga dalla città di dieci giovani che – attraverso la narrazione di cento novelle – tentano di ricostruire un ordine morale nuovo: basato sullingegno e su unetica laica (che prescinde cioè dai dogmi e dalle credenze stabiliti dalla chiesa)

2 Palazzo dellArte della Lana LArte e la Parte: i luoghi informali del Potere a Firenze Palagio di Parte Guelfa Dopo la peste la vita riprese seguendo le prerogative della città: -Economia basata su artigianato di qualità - Attività bancaria in tutta Europa - Potere politico gestito attraverso le Arti e la Parte Guelfa

3 Conoscenza tecnologica Abilità degli artigiani Iniziativa Capitali Intrapendenza Le botteghe artigiane

4 Proprietà del mercato vecchio Antonio Pucci XIV secolo Ogni mattina n'è piena la strada di some, e di carrate nel mercato è la gran pressa, e molti stanno a bada. E meretrici vi sono e ruffiani, battifancelli, zanaiuoli e gaioffi e i tignosi e scabbiosi cattani. (...) Di questo Antonio Pucci fu poeta. Cristo vi guardi sempre in vita cheta. Ogni mattina n'è piena la strada di some, e di carrate nel mercato è la gran pressa, e molti stanno a bada. E meretrici vi sono e ruffiani, battifancelli, zanaiuoli e gaioffi e i tignosi e scabbiosi cattani. (...) Di questo Antonio Pucci fu poeta. Cristo vi guardi sempre in vita cheta. Proprietà del mercato vecchio Antonio Pucci XIV secolo Ogni mattina n'è piena la strada di some, e di carrate nel mercato è la gran pressa, e molti stanno a bada. E meretrici vi sono e ruffiani, battifancelli, zanaiuoli e gaioffi e i tignosi e scabbiosi cattani. (...) Di questo Antonio Pucci fu poeta. Cristo vi guardi sempre in vita cheta. Ogni mattina n'è piena la strada di some, e di carrate nel mercato è la gran pressa, e molti stanno a bada. E meretrici vi sono e ruffiani, battifancelli, zanaiuoli e gaioffi e i tignosi e scabbiosi cattani. (...) Di questo Antonio Pucci fu poeta. Cristo vi guardi sempre in vita cheta.

5 La cacciata del Duca dAtene. Stefano Ussi (1861) 1343 Cacciata del Duca dAtene

6

7 Gli operai sottoposti dellArte della lana occupano i centri del potere e obbligano le Arti ad accettare tre nuove corporazioni: CIOMPI, FARSETTAI, TINTORI. Leader del movimento fu Michele di Lando

8 Conquiste della repubblica di Firenze Arezzo 1384 Montepulciano 1390 Pisa 1406 Cortona 1411 Livorno 1421

9

10

11 Il Marzocco Donatello 1420 Il Marzocco Donatello 1420

12 1427 Viene istituito il Catasto

13 Venuti a Cafàrnao, si avvicinarono a Pietro gli esattori della tassa per il tempio e gli dissero: "Il vostro maestro non paga la tassa per il tempio?". Rispose: "Sì". Mentre entrava in casa, Gesù lo prevenne dicendo: "Che cosa ti pare, Simone? I re di questa terra da chi riscuotono le tasse e i tributi? Dai propri figli o dagli altri?". Rispose: "Dagli estranei". E Gesù: "Quindi i figli sono esenti. Ma perché non si scandalizzino, va al mare, getta lamo e il primo pesce che viene prendilo, aprigli la bocca e vi troverai una moneta dargento. Prendila e consegnala a loro per me e per te". vangelo di Matteo (17, 24-27) Masaccio, Tributo, Cappella Brancacci, 1425

14 COSIMO IL VECCHIO Signore informale, dal 1434 al amava regger lo stato dal fondo della sua casa di Via Larga

15 Cosa fece Cosimo il vecchio? 1.Pace con Milano (vittoria di Anghiari e amicizia con gli Sforza) 2.Rilancia leconomia (boom edilizio, compagnia di Calimala, export dellartigianato) 3.Mantiene la Repubblica (controllo delle liste elettorali) 4.Crea un nuovo modello sociale (élite colta e raffinata, che si compiace del lusso sfrenato)

16 Ed in tanta rotta e in si lunga zuffa che durò dalle venti alle ventiquattro ore, non vi morì che un uomo, il quale non di ferite ne d'altro virtuoso colpo, ma caduto da cavallo e calpesto spirò Machiavelli. Rubens XVII Riproduzione del celebre affresco di Leonardo Da Vinci scomparso dal Salone dei Cinquecento 1440 – Battaglia di Anghiari. Firenze vince su Milano

17 La costruzione dellimponente Palazzo di via Larga fornì lambiente per lesternarsi di una vita raffinata e lussuosa, che divenne modello per i ceti elevati fiorentini e non solo. Cosimo ospitò sia limperatore Federico III sia limperatore bizantino Giovanni Paleologo, nonché molti altri principi laici ed ecclesiastici, sia nel Palazzo di via Larga sia nelle ville di Careggi di Cafaggiolo. Il Palazzo Medici, di Via Larga (eseguito da Michelozzo ) ……una visita alla famiglia dei Medici era unesperienza eccitante, come testimoniava il giovane Galeazzo Sforza, figlio del Duca di Milano, in una lettera al padre Francesco… G.A. Brucker, Firenze nel Rinascimento.

18 Palazzo Davanzati XIV secolo Edificio di passaggio dalle dimore in stile feudale allo stile rinascimentale

19 Palazzo Strozzi ( ) Palazzo Pitti (1 ª parte ) Il Palazzo dei Medici oltre a sostenere un boom edilizio in città fece anche scuola. Non è più tempo di angustie case-torri, bensì di ariosi e lussuosi palazzi, con giardini e cortili interni. Le altre famiglie ricche della città, invidiose del palazzo dei Medici, ne costruirono di simili. Pitti e Strozzi si rovinarono senza terminare i lavori.

20 Lorenzo il Magnifico

21 La congiura dei Pazzi, Stefano Ussi

22 Cosa fece Lorenzo de Medici? 1.Repressione città ribelli: Prato, Volterra 2.Indebitò enormemente la compagnia di Calimala e la città di Firenze 3.Promosse un sistema di equilibrio tra gli stati italiani che garantì alla penisola alcuni anni di pace. Era però un sistema basato su conoscenze e amicizie personali, quindi molto fragile. 4.Fu mecenate e propagandista dellarte e della cultura fiorentina. Riunì attorno al suo cenacolo Pico della Mirandola, Poliziano, Botticelli e altri.

23 Veduta della Catena attribuita a Francesco Rosselli 1472 ca. Firenze al tempo di Lorenzo

24 Caduta di Granada, ultima roccaforte araba in Spagna, fine della Reconquista e della unificazione della Spagna Ferdinando II d'Aragona ed Isabella di Castiglia firmano il decreto che espelle tutti gli ebrei dalla Spagna 3 agosto - Cristoforo Colombo, a capo di una spedizione di tre caravelle, salpa da Palos (Portogallo) alla volta dell'India. 12 ottobre - Cristoforo Colombo scopre le Americhe; con questo evento, convenzionalmente, si conclude il Medioevo e inizia l'Età moderna ll cartografo tedesco Martin Behaim realizza il primo globo terrestre di concezione moderna, elaborandolo sulla base dei dati cartografici Un meteorite di 120 Kg si schianta in Alsazia Anche la Sicilia espelle gli ebrei Muore Lorenzo il Magnifico 1492

25 CARLO VIII re di FranciaPiero de Medici

26 Salone dei Cinquecento 1494

27 il rogo di Savonarola, 1498

28 Affresco di Giorgio Vasari in Salone dei Cinquecento, con il riferimento allo scomparso affresco di Leonardo da Vinci riguardante la battaglia di Anghiari.

29 DAVID Michelangelo Buonarroti

30 Niccolò Machiavelli Cancelliere Uomo Vitruviano, di Leonardo da Vinci Luomo è la misura di tutte le cose

31 Impero di Carlo V SACCO DI ROMA 1527

32 Carlo V Clemente VII

33 Assedio di Firenze 14 ottobre 1529 – 12 agosto 1530 Giorgio Vasari, 1562 Le truppe imperiali (spagnoli e tedeschi) pongono sotto assedio la città per dieci mesi, decretandone la caduta il 12 agosto La strenua resistenza – anche Michelangelo rientrò per dare il suo contributo progettando nuove fortificazioni – evitò il saccheggio della città: è in questo contesto che si svolse la celebre partita del calcio storico narrata in apertura.

34 COINCIDENZE I Medici abolirono il sistema elettorale e instaurarono un ducato, avente come principale esponente Cosimo I. Alla dinastia medicea (in realtà un protettorato della Spagna) succederà nel 1737 il Granducato dei Lorena (Austria), quindi il regno dei Savoia (Italia monarchica) con l'appendice del regime fascista. I partigiani liberarono Firenze il giorno 11 agosto 1944, collocando il quartier generale del CLN proprio nel palazzo Medici-Riccardi. La Repubblica Italiana nacque il 2 giugno 1946 in seguito ad un referendum popolare a suffragio universale


Scaricare ppt "1348 la peste Il Decameron di Giovanni Boccaccio La peste fu una strage senza precedenti. La società fu stravolta non solo nei suoi numeri (la popolazione."

Presentazioni simili


Annunci Google