La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 1 LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE IN ITALIA Franco BASSANINI Ministro per la Funzione Pubblica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 1 LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE IN ITALIA Franco BASSANINI Ministro per la Funzione Pubblica."— Transcript della presentazione:

1 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 1 LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE IN ITALIA Franco BASSANINI Ministro per la Funzione Pubblica III Conferenza degli Ambasciatori Roma 26 luglio 2000

2 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 2 Le aree della Riforma Semplificazione di norme e procedure Semplificazione di norme e procedure Federalismo amministrativo Federalismo amministrativo Riforma dei Ministeri Riforma dei Ministeri Riforma del lavoro pubblico Riforma del lavoro pubblico Unamministrazione orientata alla qualità e ai risultati Unamministrazione orientata alla qualità e ai risultati Riforma del bilancio pubblico Riforma del bilancio pubblico Unamministrazione che parla in italiano Unamministrazione che parla in italiano Amministrazione on-line (e-Government) Amministrazione on-line (e-Government)

3 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 3 Semplificazione 1 - i problemi Inflazione legislativa: Inflazione legislativa: oltre leggi Costi della regolazione: Costi della regolazione: rigidità e oneri non necessari su cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione Inquinamento legislativo: Inquinamento legislativo: la giungla delle leggi genera lincertezza del diritto

4 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 4 Semplificazione 2 - disboscare la giungla Un vasto programma di delegificazione, deregulation, semplificazione e codificazione leggi di semplificazione annuali redazione di testi unici con abrogazione espressa di tutte le leggi esistenti in materia autocertificazione al posto del 90% dei certificati soppressione di licenze, autorizzazioni e concessioni denuncia di inizio attività e silenzio assenso invece di atti amministrativi una conferenza di servizi al posto di molti provvedimenti oltre 180 procedimenti amministrativi delegificati, da sopprimere o semplificare

5 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 5 Semplificazione 3 - una regolazione di qualità Analisi dellimpatto della regolazione Analisi dellimpatto della regolazione per misurare i costi delle nuove regole su cittadini e imprese (e, magari, decidere che è meglio lasciar perdere…) LOsservatorio per la semplificazione LOsservatorio per la semplificazione per confrontarsi sulle regole con i firmatari del patto sociale Il Nucleo per la semplificazione Il Nucleo per la semplificazione una task-force di esperti per tutelare la qualità della regolazione Coordinamento con OCSE e UE Coordinamento con OCSE e UE per una better regulation comunitaria e internazionale

6 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 6 Semplificazione Certificati per anno Fonte: Dipartimento della Funzione Pubblica

7 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 7 Semplificazione autentiche di firma per anno Fonte: Dipartimento della Funzione Pubblica

8 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 8 Semplificazione risparmi annuali per certificati e autentiche di firma Source: Dipartimento funzione pubblica

9 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 9 Semplificazione 4 - lesempio dello sportello unico Un solo procedimento per lo start up degli impianti produttivi, invece delle 43 autorizzazioni richieste in precedenza Un solo procedimento per lo start up degli impianti produttivi, invece delle 43 autorizzazioni richieste in precedenza Prima: 2-5 anni per avere una risposta dallamministrazione. Ora: non più di 3 mesi nei casi più frequenti, al massimo 11 mesi Prima: 2-5 anni per avere una risposta dallamministrazione. Ora: non più di 3 mesi nei casi più frequenti, al massimo 11 mesi Un unico interlocutore per le imprese e un nuovo ruolo per il comune nello sviluppo del territorio Un unico interlocutore per le imprese e un nuovo ruolo per il comune nello sviluppo del territorio Una struttura informatizzata e accessibile per via telematica Una struttura informatizzata e accessibile per via telematica

10 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 10 Semplificazione Mantova6.031 su Bologna4.050 su Palermo2.259 su Bisignano (CS) 606 su 618 Modena 540 su 596 Cascina (PI) 523 su 553 Prato (FI) 498 su 765 Brescia 420 su 470 Viareggio (LU) 390 su 470 Novate Milanese (MI) 231 su 263 Cosenza 196 su 280 Siena 185 su 328 Busto Arsizio (VA)155 su 263 Sezze (LT)130 su 151 Cesena139 su 473 Castelfranco di Sotto (PI)138 su 160 Granarolo dellEmilia (BO)117 su 195 Senigallia (AN)150 su 170 Amantea (CS) 92 su 137 Pisa 85 su 101 Bassano del Grappa (VI) 49 su 93 Grosseto 46 su 110 procedimenti conclusi dagli sportelli unici ad aprile 2000

11 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 11 Federalismo amministrativo 1 - uno Stato leggero La sussidiarietà orizzontale: ripensare la missione dello Stato focalizzandola sul suo core-business dismettere funzioni non essenziali esternalizzare o privatizzare servizi che possono essere meglio svolti dal mercato o da organizzazioni non-profit liberalizzare le public utilities

12 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 12 Entrate da privatizzazioni nei Paesi OCSE ( ) Miliardi di dollari USA

13 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 13 Il programma di privatizzazioni e liberalizzazioni ha contribuito alla crescita del mercato azionario Capitalizzazione di borsa/PIL Fonte: Ministero del tesoro

14 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 14 Federalismo amministrativo 2 - la devolution in cammino 1997: la legge di delega identifica le funzioni che restano allo Stato e prevede il trasferimento di tutti gli altri compiti a Regioni e Enti locali 1997: la legge di delega identifica le funzioni che restano allo Stato e prevede il trasferimento di tutti gli altri compiti a Regioni e Enti locali : cinque decreti legislativi definiscono in dettaglio la nuova mappa delle funzioni da trasferire : cinque decreti legislativi definiscono in dettaglio la nuova mappa delle funzioni da trasferire : una serie di decreti identificano le risorse umane e finanziarie, insieme alle funzioni (60 decreti già concordati dalla Conferenza unificata) : una serie di decreti identificano le risorse umane e finanziarie, insieme alle funzioni (60 decreti già concordati dalla Conferenza unificata) 1° gennaio 2001: la devolution va a regime 1° gennaio 2001: la devolution va a regime

15 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 15 Riforma dei Ministeri 1 - gli obiettivi La prima riforma organica dai tempi di Cavour La prima riforma organica dai tempi di Cavour Eliminazione di duplicazioni, di frammentazioni, di sovrapposizioni di competenze e strutture Eliminazione di duplicazioni, di frammentazioni, di sovrapposizioni di competenze e strutture Labbandono del modello piramidale: libertà e responsabilità nelle scelte organizzative Labbandono del modello piramidale: libertà e responsabilità nelle scelte organizzative Unorganizzazione interna delegificata e più flessibile Unorganizzazione interna delegificata e più flessibile

16 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 16 Riforma dei Ministeri 2 - gli strumenti Per ogni missione un solo Ministero: 22 Ministeri nel 1990; 18 oggi; 12 nel 2001 Per ogni missione un solo Ministero: 22 Ministeri nel 1990; 18 oggi; 12 nel 2001 Le Agenzie: organismi agili per attività tecnico- operative Le Agenzie: organismi agili per attività tecnico- operative Gli Uffici territoriali del Governo e le Rappresentanze allestero del MAE che sono le portaerei dello Stato rispettivamente sul territorio nazionale e nel resto del mondo Gli Uffici territoriali del Governo e le Rappresentanze allestero del MAE che sono le portaerei dello Stato rispettivamente sul territorio nazionale e nel resto del mondo

17 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 17 Riforma dei Ministeri 3 - la nuova Presidenza del Consiglio Una struttura più leggera (e flessibile) ma più forte al servizio delle funzioni di indirizzo e coordinamento del Presidente Una struttura più leggera (e flessibile) ma più forte al servizio delle funzioni di indirizzo e coordinamento del Presidente Conseguentemente: trasferimento di tutte le funzioni operative alle amministrazioni di settore Conseguentemente: trasferimento di tutte le funzioni operative alle amministrazioni di settore

18 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 18 Riforma dei Ministeri 4 - la nuova architettura 1 - Esteri 2 - Interno 3 - Giustizia 4 - Difesa 5 - Economia e finanze - Tesoro e bilancio - Finanze 6 - Attività produttive - Industria e commercio - Commercio con lestero - Comunicazioni 7 - Politiche agricole

19 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 19 Riforma dei Ministeri 5 - la nuova architettura 8 - Ambiente e tutela del territorio - Ambiente - Lavori pubblici (parte) 9 - Infrastrutture e trasporti - Lavori pubblici (parte) - Trasporti 12 - Beni e attività culturali 10 - Lavoro, salute e politiche sociali - Lavoro - Sanità - Affari sociali 11 - Istruzione, università e ricerca - Pubblica istruzione - Università e ricerca - Beni culturali - Spettacolo - Sport

20 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 20 Riforma del lavoro pubblico 1 – distinzione fra Politica e Amministrazione I politici sono responsabili delle scelte politiche: I politici sono responsabili delle scelte politiche: eliminazione di ogni ingerenza politica nella gestione delle Pubbliche Amministrazioni Compiti dellautorità politica: Compiti dellautorità politica: definire politiche e strategie; valutare i risultati; nominare i direttori generali I dirigenti sono responsabili dellamministrazione: I dirigenti sono responsabili dellamministrazione: i dirigenti hanno poteri più ampi, maggiori responsabilità e retribuzioni legate alle responsabilità e ai risultati

21 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 21 Riforma del lavoro pubblico 2 - la privatizzazione del pubblico impiego Diritto privato per i dipendenti pubblici Diritto privato per i dipendenti pubblici ad eccezione delle carriere dei Diplomatici, Magistrati Prefetti e Militari Contrattualizzazione del rapporto di lavoro: Contrattualizzazione del rapporto di lavoro: estensione della disciplina contrattuale (anche ai dirigenti generali) e valorizzazione del contratto integrativo per promuovere professionalità e produttività Riforma della rappresentanza sindacale Riforma della rappresentanza sindacale Giudice unico per tutte le cause di lavoro: Giudice unico per tutte le cause di lavoro: la giurisdizione sul lavoro pubblico dal giudice amministrativo al giudice del lavoro; soluzioni extragiudiziarie delle controversie (conciliazione, arbitrato)

22 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 22 Una P.A. performance-oriented 1 – la nuova cultura Prima: un approccio giuridico-formale Prima: un approccio giuridico-formale contano solo regole e procedure, non cè attenzione a qualità e risultati Ora: al servizio del cittadino-utente Ora: al servizio del cittadino-utente - qualità del servizio e customer satisfaction come criteri direttivi dellattività delle Pubbliche Amministrazioni - un nuovo controllo sulle performance, accanto a controlli di legittimità più efficaci ma meno invasivi - promuovere la crescita professionale: un piano straordinario per la formazione

23 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 23 Una Pubblica Amministrazione performance-oriented 2 – il nuovo management Il ruolo unico dei dirigenti dello Stato (che comprende anche la distinta sezione dei dirigenti amministrativi del MAE) Il ruolo unico dei dirigenti dello Stato (che comprende anche la distinta sezione dei dirigenti amministrativi del MAE) Fine dellinamovibilità dei dirigenti: incarichi a termine (da 2 a 7 anni) Fine dellinamovibilità dei dirigenti: incarichi a termine (da 2 a 7 anni) Trattamento accessorio variabile in relazione alle performance Trattamento accessorio variabile in relazione alle performance Il 5% dei dirigenti può essere scelto dal privato con contratto a termine Il 5% dei dirigenti può essere scelto dal privato con contratto a termine

24 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 24 Una Pubblica Amministrazione performance-oriented 3 - i nuovi controlli interni Definizione annuale degli obiettivi Definizione annuale degli obiettivi Ununità di valutazione in ogni ministero o agenzia Ununità di valutazione in ogni ministero o agenzia Controllo strategico e controllo di gestione Controllo strategico e controllo di gestione Coordinamento della Presidenza del Consiglio su valutazione e controllo strategico Coordinamento della Presidenza del Consiglio su valutazione e controllo strategico Banca dati con le direttive dei ministri e gli indicatori di performance Banca dati con le direttive dei ministri e gli indicatori di performance Carte dei servizi Carte dei servizi Verso standard di qualità a livello europeo Verso standard di qualità a livello europeo

25 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 25 Riforma del bilancio pubblico 1- da un bilancio finanziario a un bilancio economico Prima: un bilancio frammentato in oltre capitoli Prima: un bilancio frammentato in oltre capitoli Ora: circa unità previsionali di base, una per ciascun obiettivo Ora: circa unità previsionali di base, una per ciascun obiettivo Ogni struttura amministrativa è responsabile del proprio budget Ogni struttura amministrativa è responsabile del proprio budget Ogni budget evidenzia il rapporto tra costi e obiettivi, verificato ogni anno (fine del bilancio incrementale) Ogni budget evidenzia il rapporto tra costi e obiettivi, verificato ogni anno (fine del bilancio incrementale)

26 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 26 Riforma del bilancio pubblico 2 - nuove procedure di spesa Rigorosa analisi dei costi della legge finanziaria e delle leggi di spesa Rigorosa analisi dei costi della legge finanziaria e delle leggi di spesa Controllo sui costi degli emendamenti in Parlamento Controllo sui costi degli emendamenti in Parlamento Mandato informatico Mandato informatico Federalismo fiscale Federalismo fiscale

27 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 27 Costo del personale pubblico (% del PIL) Fonte: OCSE e DPEF

28 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 28 Deficit pubblico (% del PIL) Fonte: Ministero del T esoro, ISTAT e DPEF

29 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 29 Stock del debito pubblico (% del PIL) Fonte: Ministero del Tesoro, ISTAT e DPEF

30 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 30 Spesa primaria pubblica in Italia e UE (% del PIL) Fonte: ISTAT e Commissione Europea

31 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 31 Amministrazione on-line La tecnologia informatica: lo strumento principale per un salto di qualità La tecnologia informatica: lo strumento principale per un salto di qualità Riconosciuta la validità giuridica di documenti e contratti formati elettronicamente già nel 1997 (primi nel mondo). Firma digitale utilizzabile da inizio 2000 Riconosciuta la validità giuridica di documenti e contratti formati elettronicamente già nel 1997 (primi nel mondo). Firma digitale utilizzabile da inizio 2000 Rete unitaria delle pubbliche amministrazioni operativa da inizio 2000 per le amministrazioni statali Rete unitaria delle pubbliche amministrazioni operativa da inizio 2000 per le amministrazioni statali Regolamento del 1998 per la gestione informatizzata di documenti, archivi e procedure. Eliminazione completa della gestione cartacea nel 2003 Regolamento del 1998 per la gestione informatizzata di documenti, archivi e procedure. Eliminazione completa della gestione cartacea nel 2003 Carta didentità elettronica multiservizi: da fine 2000 in comuni campione Carta didentità elettronica multiservizi: da fine 2000 in comuni campione Voto elettronico: sperimentazione dal 2001; a regime dal Voto elettronico: sperimentazione dal 2001; a regime dal

32 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 32 Fisco telematico Il 100% delle dichiarazioni dei redditi (30 milioni lanno) è inviato e gestito elettronicamente

33 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 33 Un action plan sulle-government per migliorare lerogazione dei servizi ai cittadini ed alle imprese per migliorare lerogazione dei servizi ai cittadini ed alle imprese per migliorare lefficienza operativa interna delle amministrazioni per migliorare lefficienza operativa interna delle amministrazioni per consentire laccesso telematico ai servizi della pubblica amministrazione: verso un portale unico delle pubbliche amministrazioni per consentire laccesso telematico ai servizi della pubblica amministrazione: verso un portale unico delle pubbliche amministrazioni

34 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 34 Gli effetti dellaction plan sul cittadino il cittadino potrà ottenere ogni servizio pubblico rivolgendosi a qualsiasi amministrazione di front-office abilitata al servizio il cittadino potrà ottenere ogni servizio pubblico rivolgendosi a qualsiasi amministrazione di front-office abilitata al servizio il cittadino dovrà comunicare una sola volta allamministrazione la variazione delle informazioni che lo riguardano il cittadino dovrà comunicare una sola volta allamministrazione la variazione delle informazioni che lo riguardano ogni sportello di front-office dovrà essere in grado di reperire le informazioni richieste, ovunque esse risiedano ogni sportello di front-office dovrà essere in grado di reperire le informazioni richieste, ovunque esse risiedano

35 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 35 Verso Lo spazio amministrativo europeo (i principi) lorganizzazione dei diversi sistemi amministrativi è prerogativa esclusiva degli Stati Membri dellUE (i trattati comunitari non toccano le PA) tuttavia, il governo italiano ritiene indispensabile arrivare a standard omogenei a livello europeo dei risultati dellazione amministrativa

36 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 36 Verso Lo spazio amministrativo europeo (le ragioni) La qualità della regolazione e dellazione amministrativa è infatti rilevante per: la competitività dellEuropa nel suo complesso leffettività del mercato interno (la concorrenza può essere alterata dai costi burocratici) dare sostanza ai diritti dei cittadini europei

37 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 37 Verso Lo spazio amministrativo europeo (i primi passi) Lettera dei ministri della funzione pubblica italiana e spagnola ai loro colleghi europei (dicembre del 1997) vengono indicati una prima serie di temi: qualità della regolazione e semplificazione delle procedure; formazione dei dirigenti; individuazione di parametri per misurare le performance delle amministrazioni pubbliche Conferenza di Manchester su Miglior governo con una regolazione più efficace (marzo 1998) Conferenza europea dei Ministri responsabili per le riforme amministrative e la funzione pubblica (novembre 1998) nella conferenza, chiesta dallItalia, viene deciso il ricorso al benchmarking ed allo scambio delle best practices; vengono avviate iniziative per confrontare i livelli di qualità delle amministrazioni e di formazione europea dei funzionari e manager pubblici

38 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 38 Verso Lo spazio amministrativo europeo (gli sviluppi recenti) Il Consiglio europeo straordinario di Lisbona per loccupazione (marzo 2000): viene riconosciuto che limportanza dellazione amministrativa e la qualità della regolazione sono fattori di crescita per loccupazione e per la creazione di ricchezza La conferenza di Lisbona (maggio 2000): vengono illustrate le iniziative per attivare meccanismi di benchmarking e scambio delle migliori pratiche nonché per la costituzione di un metodo comune di valutazione Il Consiglio europeo di Feira (giugno 2000) grazie anche ad una specifica azione italiana viene evidenziato nelle conclusioni il ruolo delle amministrazioni pubbliche e della regolazione di qualità per la competitività dellUnione e degli Stati membri. Viene anche approvato il piano di azione globale eEurope 2002

39 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 39 Verso Lo spazio amministrativo europeo (gli sviluppi futuri) Riunione dei Ministri della Funzione pubblica (novembre presidenza francese) in vista della quale dovrà prendere avvio il processo di convergenza della qualità della regolazione e degli standard dellazione delle amministrativa nazionale il governo italiano ritiene necessario avviare dei meccanismi di collaborazione tra i Governi europei e la Commissione europea per migliorare e semplificare la regolazione comunitaria, e per valutarne limpatto sui cittadini e sulle imprese

40 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 40 Le altre iniziative di cooperazione internazionale III Global Forum (Napoli marzo 2001) si tratta della terza edizione del Global forum on reinventing Government (in collaborazione con OCSE, ONU, Kennedy School…) dopo le edizioni di Washington e Brasilia. Avrà come tema principale quello delle-government come fattore di democrazia e sviluppo. la riforma della PA italiana è stata oggetto di valutazioni molto positive da parte del FMI (consultazioni ex art. IV, preliminary/final reports 2000 ): an efficient public sector can play a critical role in strengthening Italys growth prospects, and sweeping reforms are underway. Far-reaching legal changes have been enacted….Full use was to be made of the Bassanini laws. attualmente lItalia si sta sottoponendo alla Regulatory review dellOCSE per esaminare la qualità della regolazione del nostro paese

41 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 41 Progress in regulatory capacity indicators, Source: OECD, Public Management Directorate, 2000.

42 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 42 La riforma a metà del percorso La fase cruciale dellattuazione La fase cruciale dellattuazione la riforma è ormai tutta definita nelle leggi e nei decreti: ma le leggi da sole non cambiano la vita dei cittadini Le riforme camminano con le gambe delle donne e degli uomini Le riforme camminano con le gambe delle donne e degli uomini lattuazione della riforma dipende da milioni di amministratori e dipendenti pubblici. Cè anche chi rema contro… Restano resistenze culturali e burocratiche Restano resistenze culturali e burocratiche formalismo giuridico, centralismo burocratico, rifiuto dellinnovazione non si eliminano in pochi mesi a colpi di leggi e di decreti

43 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 43 Il futuro della Riforma Cambiare la cultura Acquisire e diffondere la mentalità: dellinnovazione tecnologica e organizzativa dellinnovazione tecnologica e organizzativa della semplificazione (non imporre carichi burocratici inutili) della semplificazione (non imporre carichi burocratici inutili) della qualità dei servizi e delle prestazioni della qualità dei servizi e delle prestazioni della soddisfazione dei cittadini-clienti della soddisfazione dei cittadini-clienti della valorizzazione della professionalità e del merito della valorizzazione della professionalità e del merito della capacità di promuovere, sostenere, liberare le energie dei cittadini e delle imprese della capacità di promuovere, sostenere, liberare le energie dei cittadini e delle imprese

44 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 44 Il futuro della Riforma Investire sulle pubbliche amministrazioni Investire sulle pubbliche amministrazioni – in tecnologie informatiche, per utilizzare le grandi opportunità della rivoluzione digitale – in formazione, per migliorare la conoscenza, la consapevolezza e la professionalità dei protagonisti della riforma – in incentivi economici, per promuovere la qualità dei servizi e la crescita professionale Un investimento strategico per la crescita e la competitività del paese

45 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 45

46 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 46

47 F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 47 Lesempio dellEURO: lItalia è un paese capace di trovare risorse umane impreviste e inespresse per vincere le sfide più difficili


Scaricare ppt "F. Bassanini - La riforma della P.A in Italia 1 LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE IN ITALIA Franco BASSANINI Ministro per la Funzione Pubblica."

Presentazioni simili


Annunci Google